In questo articolo ti spiego il reale motivo per cui viene il dolore cervicale.

Si, ho scritto reale perché ci sono tante false credenze e molti pensano che il dolore origini nella zona in cui si sente male.

Quindi, se soffri di dolore al collo, questa guida ti piacerà.

Ok, Iniziamo!

Il dolore cervicale (o cervicalgia) è uno dei disturbi più fastidiosi che interessa la maggioranza della popolazione.

Circa due persone su tre soffrono di male al collo durante la loro vita.

Fortunatamente, nella maggior parte dei casi non è causato da una malattia grave.

 

Quali sono le cause del dolore al collo?

Quali sono le cause del dolore al collo

Tutti pensano che il dolore sia causato dall’artrosi, ernia, calcificazioni, osteoporosi, ecc.

Ma cosa c’è di vero in tutto ciò?

Ora ti spiego i tipi di dolore più frequenti e la loro reale origine.

 

Dolore cervicale di tipo muscolare

Il dolore al collo di tipo muscolare è il più frequente.

Dolore cervicale di tipo muscolare

Si tratta di un dolore che scompare a riposo, ma si sente quando contrai o allunghi un muscolo.

Quindi, probabilmente stai soffrendo questo tipo di dolore.

Mentre se tu avessi un dolore costante (molto più raro) potresti avere anche altri tipi di disturbo.

Si può avere dolore e fastidio.

Il dolore nasce da muscoli contratti anche a riposo:

  • Nella parte anteriore del collo,
  • Nella parte posteriore del collo o alla nuca,
  • Nella parte alta del torace.

Ma soprattutto nasce da rigidità del tessuto connettivo.

Si tratta di un tessuto che circonda tutte le strutture del corpo, anche:

  • Nervi,
  • Vasi sanguigni.

Se provocano una riduzione del flusso sanguigno o una compressione dei nervi, possono provocare dolore cervicale.

Quello che voglio precisare è che il dolore non origina quasi mai nel punto in cui si sente.

Per questo, un massaggio sul punto dolente non aiuta, anzi a volte peggiora il dolore.

Stessa cosa per:

 

Fastidio ai muscoli del collo

Fastidio ai muscoli del collo

I muscoli del collo possono essere contratti per la cattiva postura, in particolare quando si lavora:

  • Al computer,
  • Si legge sulla scrivania.

Per esempio, il fastidio al collo è più frequente nelle persone che trascorrono gran parte della giornata lavorativa alla scrivania con la testa spostata in avanti.

La cattiva postura è sicuramente un fattore che influisce sulla muscolatura e può causare dolore e rigidità della cervicale anche a:

  • Bambini,
  • Adolescenti.

Non dimentichiamo che molti ragazzi studiano sul letto per lunghi periodi in posture assolutamente scorrette.

Il problema non è tenere una postura scorretta per un po’.

Ma se rimani oltre 30 minuti in quella posizione, puoi avere delle conseguenze.

Un’altra causa di dolori cervicali da cattiva postura è il cuscino che si utilizza a letto.

Tuttavia, spesso questo elemento è sopravvalutato.

Infatti, il dolore:

  • Dovrebbe comparire solo al mattino appena svegli,
  • Migliora durante il giorno.

Tuttavia, il dolore che compare solo al risveglio può avere tante cause, non solo il cuscino.

E il materasso?

Bhe, per il mal di schiena può influire, ma sul collo è più difficile.

Tuttavia, non dimentichiamo che un blocco lombare può influire sul collo, anche se questo è un discorso più complicato.

I sintomi possono essere:

  • Male al collo,
  • Dolore nella parte posteriore delle spalle,
  • Limitazione dei movimenti,
  • In certi casi mal di testa e capogiri.

 

Fibromialgia

Fibromialgia

Il dolore muscolare al collo può essere causato da un disturbo molto fastidioso: la fibromialgia.

Si tratta di una patologia che colpisce i muscoli del corpo, provoca:

Il trattamento comprende:

 

Stress e dolore al collo

La principale causa di dolore al collo è la tensione muscolare.

Durante i periodi di forte stress, i muscoli possono diventare più contratti.

Molte persone tengono le spalle sollevate quando sono più stressate.

In pratica contraggono il muscolo Trapezio.

Le contratture muscolari da ansia possono causare:

Le persone ansiose:

  • Avvertono subito la contrattura,
  • Si concentrano molto sul fastidio.

Questo perché hanno una soglia del dolore molto bassa.

Chi è stressato ha una tendenza naturale a fissarsi su sensazioni negative, quindi il dolore al collo sembra più grave rispetto a chi non soffre di ansia.

Questo succede anche se oggettivamente il dolore sarebbe uguale.

Non sempre lo stress provoca dolore cervicale, ma può capitare.

 

Dolore cervicale dopo un intervento chirurgico

Dolore cervicale dopo un intervento chirurgico

Molti non lo sanno, ma un’intervento chirurgico può causare dolore al collo a lungo termine.

E non sto parlando solo degli interventi alla colonna cervicale.

Il dolore può essere provocato da qualsiasi intervento:

  • Al collo (davanti o dietro),
  • Al dorso,
  • Al cranio,
  • Alle spalle.

Non bisogna mai considerare una parte del corpo come separata dal resto dell’organismo.

Per questo, una buona terapia considera:

  • Le aree circostanti la zona dolorosa,
  • Tutta la catena muscolare che si estende dalla testa ai piedi.

 

Bruxismo e dolore alla mandibola

Il collo è collegato ai muscoli:

  • Della lingua,
  • Della mandibola.

Bruxismo e dolore alla mandibola

Le persone che stringono i denti la notte (bruxismo) possono avere una tensione ai muscoli della colonna cervicale.

Bisogna cercare le cause di questo disturbo che possono essere:

  • Alimentari,
  • Tensioni e rigidità muscolari che riducono il flusso sanguigno,
  • Altre cause.

Un cattivo allineamento della mandibola è un altro motivo di male al collo.

In questi casi bisogna rivolgersi a un dentista o gnatologo ed eventualmente ad un osteopata per:

  • Eliminare le contratture,
  • Correggere i difetti di masticazione.

 

Distorsione cervicale o colpo di frusta

Un trauma chiamato “colpo di frusta” è causato generalmente da un incidente d’auto.

Se l’auto è tamponata da un altro veicolo, la colonna vertebrale dell’autista e dei passeggeri subisce:

  • Un trauma contro il seggiolino,
  • Subito dopo una spinta in avanti molto rapida.

Raramente provoca lo strappo o lesione dei muscoli oppure lo stiramento dei legamenti.

Tuttavia, può fare molto male.

Dolore cervicale dopo un colpo di frusta

Questo perché i movimenti rapidi del collo possono creare nel cervello una percezione errata della zona cervicale.

In pratica, il nostro cervello immagina che il collo sia inarcato indietro, anche se in realtà è dritto.

Per questo ci blocca in avanti e può dare diversi sintomi, tra cui:

  • Dolore cervicale,
  • Vertigini,
  • Confusione mentale,
  • Limitazione dei movimenti,
  • Formicolio alle braccia.

Nei casi più gravi (rari) si può verificare una frattura delle vertebre cervicali.

 

Torcicollo

Torcicollo

Un torcicollo si verifica quando la testa rimane ruotata e inclinata da un lato ed è praticamente impossibile portare il collo verso il lato doloroso.

Il torcicollo acuto ha un esordio improvviso.

Spesso ci alziamo al mattino con il dolore.

I muscoli sono molto contratti e si oppongono alla rotazione e all’inclinazione verso un solo lato.

Però i movimenti opposti sono:

  • Liberi,
  • Non dolorosi.

Il paziente ha dolore a sinistra oppure a destra, ma non ad entrambi i lati.

Generalmente, in caso di torcicollo:

  • L’estensione cervicale, cioè il movimento che serve per guardare verso l’alto, è limitato e provoca fastidio,
  • Il piegamento in avanti non fa male.

La causa del torcicollo è generalmente la postura a letto.

Alcuni casi possono essere provocati:

  • Dall’esposizione al freddo prolungata, per esempio di notte,
  • Dal mantenimento di una posizione scorretta per molto tempo.

Di solito, quando le persone vanno a letto stanno bene, ma quando si svegliano la mattina avvertono un blocco cervicale acuto.

Il dolore di solito si allevia o se ne va in pochi giorni senza alcun trattamento.

 

Artrosi cervicale

Artrosi cervicale

L‘artrosi cervicale o spondilosi è la degenerazione da usura:

  • Delle articolazioni vertebrali,
  • Dei dischi che si trovano tra le vertebre.

Molti pensano che sia una causa frequente e persistente di dolore al collo.

L’artrosi colpisce soprattutto le persone oltre i 50 anni, ma si vede sempre più spesso anche nelle persone di 30 anni.

Tuttavia, la maggior parte delle persone sopra i 50 anni di età con artrosi alla colonna cervicale (spondilosi) non avverte dolore al collo.

Tutti gli anziani hanno l’artrosi, ma pochi hanno dolore al collo.

E se anche l’avessero, spesso è intermittente (non costante), mentre l’artrosi è sempre lì.

Spesso l’artrosi è scambiata con l’artrite.

L’artrite è un’infiammazione dell’articolazione.

Questa può essere dolorosa e può causare:

  • Dolore, durante i movimenti e quando cambia il tempo,
  • Rigidità.

Mentre l’artrosi può causare:

  • Limitazione dei movimenti (se grave),
  • Scricchiolii mentre si ruota il collo (sensazione di sabbia al collo).

In rarissimi casi, la spondilosi può causare una stenosi (restringimento) dei forami vertebrali.

Cioè le aperture attraverso cui passano i nervi spinali.

In questo caso i sintomi che si avvertono si irradiano dal collo fino al braccio e anche nella mano.

 

Dolore cervicale da infiammazione dei nervi del collo

Dolore cervicale da infiammazione dei nervi del collo

Di solito, l’infiammazione dei nervi cervicali è una reazione:

  • A una sostanza,
  • Alla compressione del nervo.

I sintomi che fanno pensare all’infiammazione dei nervi del collo sono:

  • Dolore al collo che si estende alla spalla, braccio e mano,
  • Debolezza delle braccia,
  • Perdita di sensibilità,
  • Formicolio,
  • Difficoltà di coordinamento degli arti superiori o inferiori (nei casi più gravi).

Le cause sono:

  • Contrattura e accorciamento di alcuni muscoli (per es. gli scaleni) che esercitano una pressione sui nervi.
  • La stenosi del canale cervicale è un restringimento dello spazio in cui passano le radici nervose e il midollo spinale.
  • Un tumore spinale o un’infezione (per esempio la meningite)
  • Raramente anche un’ernia o una protrusione del disco. Ma generalmente l’ernia è una conseguenza di un problema posturale e non la causa.

Oltre al dolore cervicale pulsante può provocare una cervicobrachialgia i cui sintomi sono:

Si possono fare delle passeggiate, ma alcuni sport possono peggiorare la situazione, per esempio il nuoto.

In questo caso bisogna rivolgersi al neurochirurgo che si occupa dei disturbi nervosi.

Tuttavia, ci sono alcuni sintomi che sono possibili indizi di una grave patologia e i pazienti dovrebbero consultare immediatamente un medico.

 

Dolore al collo e al braccio

Quando si parla di dolore al collo, bisogna considerare i suoi legami con:

  • Il torace,
  • Il cranio,
  • Le spalle.

I nervi che originano dal collo (plesso brachiale) scendono lungo il braccio.

Ci sono dei muscoli che collegano il collo alla scapola:

  • Trapezio,
  • Elevatore della scapola.

Inoltre, alcuni muscoli profondi collegano il collo al torace.

Questo per dirvi che non si può capire l’origine del dolore al collo e al braccio senza controllare anche altre parti del corpo.

 

Sintomi che accompagnano il dolore cervicale

Sintomi che accompagnano il dolore cervicale

Il dolore cervicale acuto si può estendere:

  • Dietro al collo, spesso si avverte anche rigidità e dolore muscolare;
  • Collo e testa. Le contratture della cervicale alta o i blocchi delle prime due vertebre (C1 e C2) possono provocare vertigini o capogiri, difficoltà nella deglutizione e mal di testa. Questo si può irradiare alla nuca e alla fronte fin dietro agli occhi.

  • Collo e braccio. Nella parte inferiore del collo, per la compressione dei nervi, da qui può essere irradiato lungo la spalla e il braccio, fino alle dita della mano.
    Il dolore cervicale che si irradia all’arto superiore si può verificare insieme a perdita di forza e sensibilità al braccio, formicolio alla mano e limitazione dei movimenti del collo.
    Il dolore che si irradia all’arto superiore non è sempre causato dai nervi.
    Può essere provocato da contratture muscolari o aderenze  del tessuto connettivo oppure dalla sindrome dello stretto toracico.

 

Quanto dura il dolore cervicale? Quando passa?

Di solito questi disturbi passano completamente con il tempo, senza lasciare conseguenze.

Leggi anche:

 

Dr. Giovanni Defilippo – Medico

Giovanni Defilippo Mi chiamo Giovanni Defilippo, sono un ex Medico di Base di Rubiera con 40 anni di esperienza.
Mi sono laureato presso l’università degli studi di Bologna nel 1972 … Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera