Come Curare il Dolore alla Schiena Bassa o Lombalgia

Ho analizzato centinaia di studi scientifici per capire la terapia più efficace per il mal di schiena.
In particolare, ho cercato le terapie più naturali e con meno effetti collaterali.
E ho scoperto dei dati interessanti, ma non era sufficiente.

Quindi ho selezionato le ricerche che in base alla mia esperienza erano realmente utili e ho provato l’effetto sui pazienti reali.
Ora ti riassumo quello che ho scoperto.

Il mal di schiena lombare può avere tante cause, ma nella maggior parte dei casi il dolore è “aspecifico”, cioè non è provocato da una malattia o una lesione.
In questo articolo ti parlo del dolore muscolo-scheletrico.

Esercizio per lombalgia, dorsalgia, rotazione, lombare, dorsale, dorso, schiena, bacino, stretching, dolore, lombalgia, cervicalgia, rachialgia, rachide, fisioterapia e riabilitazione
Esercizio per lombalgia e dorsalgia
© Massimo Defilippo

Il mal di schiena colpisce le persone di tutte le età, ma è più frequente tra i 30 e i 60 anni rispetto agli anziani.
Inoltre, in questa fascia di età, il dolore è più intenso.
Strano eh?
Questo è un fattore molto importante da considerare per comprendere bene la causa e quindi scegliere la terapia più adatta.

Perché?
Se il dolore fosse causato dalla degenerazione della colonna vertebrale (artrosi, stenosi lombare, osteoporosi, ecc.) le persone anziane soffrirebbero più degli adulti.
In realtà, generalmente succede il contrario.
Per arrivare alla diagnosi, è importante capire l’origine reale del dolore.

Colonna vertebrale lombare,disco,vertebre
© alamy.com

Attenzione: un’accurata visita medica dovrà escludere tutti i possibili dolori di origine viscerale, cioè causati da malattie di organi interni.

 

Quali sono i tipi di mal di schiena?

Il mal di schiena lombare può essere acuto o cronico, probabilmente l’hai letto anche nella prescrizione del medico.

  1. Nel primo caso, il dolore è iniziato da meno di 2-3 giorni,
  2. In caso di dolore cronico, il dolore persiste da almeno 6 settimane.

Prima di 6 settimane, si parla di mal di schiena sub-acuto.
Questa classificazione può essere utile perché alcune terapie sono consigliate solo in fase acuta o solo in fase cronica.

Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta caratterizzato da:

  1. Un dolore molto intenso,
  2. Incapacità di raddrizzarsi.

Di solito si verifica quando la persona si piega in avanti per raccogliere qualcosa da terra, senza piegare le ginocchia.
Il soggetto colpito rimane piegato in avanti immobile perché ogni movimento che prova a fare è estremamente doloroso.
Da quel momento si siede o si sdraia lateralmente aspettando un miglioramento che non arriverà prima di 24 ore.
È fortemente sconsigliato cercare di raddrizzarsi con quel dolore per evitare un peggioramento:

  1. Del dolore,
  2. Della contrattura muscolare.

 

Quali sono le cause reali del mal di schiena?

Per capire qual è la terapia adatta, devo spiegarti brevemente quali sono le vere cause del mal di schiena non specifico (cioè non causato da malattie degli organi).

Tutti pensano che il mal di schiena sia causato da alterazioni anatomiche, per esempio:

Ernia discale,osteofiti
© alamy.com

In realtà, è molto, molto raro che queste degnerazioni provochino dolore.
Infatti, si tratta di alterazioni anatomiche molto frequenti, anche nelle persone che non hanno dolore.
Questo porta a delle scelte sbagliate, per esempio:

  1. Stare a riposo a letto,
  2. Evitare delle attività fisiche per paura di peggiorare il dolore,
  3. Fare delle cure che non hanno effetto.

Invece, bisognerebbe concentrarsi di più sul funzionamento della schiena durante i movimenti e meno su quello che si vede negli esami diagnostici.
Durante un esame, bisogna essere immobili, inoltre, la risonanza magnetica si fa in posizione sdraiata.
Quindi non aiuta a capire cosa succede durante le attività che causano dolore.

 

Tra i fattori predisponenti ci sono:

  • Squilibri muscolari e scarsa coordinazione, in pratica alcuni muscoli non partecipano ai movimenti, quindi altri muscoli sono sovraccaricati,
  • Fumo,
  • Posture scorrette,
  • Vita troppo sedentaria. Per stare bene, il corpo ha bisogno di movimento regolarmente.

fattori rischio mal di schiena

A volte gli specialisti ritengono che la depressione o un lavoro insoddisfacente e ripetitivo possano causare il mal di schiena perché hanno notato che statisticamente è così.

Spesso si soffre di lombalgia in gravidanza perché il corpo subisce delle modificazioni interne a causa dell’aumento del peso: la rotazione anteriore del bacino e l’aumento della lordosi lombare.
I legamenti e gli altri tessuti molli diventano più elastici.
A queste alterazioni dell’assetto del corpo si aggiunge la sub-lussazione dell’osso sacro rispetto alle ossa iliache del bacino che dà il classico dolore lombo-sacrale delle gestanti.

La lombalgia nei bambini può essere causata dalla scoliosi, questa condizione può causare i sintomi anche agli adulti.

Un paziente che prende freddo o un colpo d’aria non sviluppa una lombalgia come spesso si pensa, anche se può irrigidire la muscolatura e complicare un problema che già esisteva.

Cosa fare? Qual è la cura più adatta per la lombalgia?

Le linee guida generali indicano il controllo della postura come la cosa più importante da fare per prevenire la lombalgia, inoltre consigliano lo svolgimento con regolarità di un programma di esercizi (vanTulder et al. 1997) mirati in palestra.

Inoltre, bisogna rimanere attivi e continuare a fare le attività della vita quotidiana.

Il riposo a letto o una vita più sedentaria e statica allungano i tempi di recupero (Deyo et al. – 1992).

È necessario evitare le recidive di lombalgia che sono frequenti se non si elimina la causa ma solo i sintomi.
Il paziente dovrà:

  1. Evitare di chinarsi con la schiena mantenendo gli arti inferiori distesi,
  2. Passare l’aspirapolvere con la schiena dritta,
  3. Fare il letto piegando le ginocchia.

Qual è la postura corretta in posizione seduta?
Quando ci si siede è consigliabile tenere un rotolo lombare che mantenga la fisiologica lordosi.
In questa posizione, c’è la massima comodità.
Ma può essere anche controproducente.
Mi spiego meglio.
Se sei comodo sulla sedia, rimani fermo anche 2-3 ore senza alzarti.
Questo non va bene, anzi, può essere una causa del dolore.
È importante alzarsi ogni ora, anche solo per fare pochi passi intorno al tavolo.

La conseguenza della postura mantenuta è la deformazione dei tessuti molli (muscoli, tendini, ecc.).
Uno studio di Light dimostra che uno stretching lieve ma duraturo, di un ora al giorno è più efficace di uno stretching intenso per una durata breve.

 

Il massaggio è consigliato?

Ci sono dei muscoli nei glutei che possono causare , per esempio il piriforme e il medio gluteo, quindi è importante togliere le contratture a questo livello.
Spesso, si trovano dei trigger point attivi, cioè dei punti all’interno del muscolo che possono dare dolore anche a distanza.

In particolare alcuni di questi possono causare mal di schiena:

  1. Nei muscoli paravertebrali (che uniscono le vertebre),
  2. Nel quadrato lombare,
  3. Nel grande gluteo.

quadrato lombare, muscolo, schiena

 

Inoltre, la massoterapia è fondamentale se il dolore è comparso dopo un’intervento o una frattura scomposta.
In questi casi, le cicatrici che si formano nei muscoli sono meno elastiche del tessuto muscolare.
Questo causa la formazione di micro aderenze tra le fibre muscolari e dolore.

 

Meglio il caldo o il freddo?

Come rimedio più casalingo, la borsa dell’acqua calda può dare un po’ di sollievo, mentre il ghiaccio è sempre sconsigliato perché non favorisce la guarigione ma può peggiorare il dolore che origina dai muscoli..

Secondo uno studio di Garra et al. (2010), gli impacchi caldi o freddi applicati per 30 minuti non sono utili per il dolore.

E se mi sono bloccato, cosa posso fare?

Esercizio per lombalgia, estensione lombare, dorso, schiena, bacino, stretching, postura, dolore, lombalgia, cervicalgia, rachialgia, rachide, fisioterapia e riabilitazione, mc kenzie
Esercizio mckenzie di primo livello per lombalgia
© Massimo Defilippo

In caso di colpo della strega la terapia è diversa,
Il metodo mckenzie è il più indicato in questo caso per recuperare rapidamente.
Si tratta di una terapia basata su posizioni mantenute per rilassare la muscolatura.
In base alle linee guida di questo metodo, è possibile recuperare la posizione eretta in 45 minuti circa.

 

Quali terapie funzionano? Quali terapie non sono dimostrate?

Linee guida Europee sul trattamento del mal di schiena cronico non specifico (cioè senza una causa apparente)
Ti riassumo quali sono le terapie raccomandate dagli organismi internazionali in base agli studi scientifici e quelle che non sono consigliate secondo le linee guida europee.

Terapie Raccomandate Terapie non consigliate
Fisioterapia e chiropratica

  1. Esercizi sotto la supervisione del medico o fisioterapista.
    (anche di gruppo).
  2. Esercizi “back school”
    (benefici per 6 settimane)
  3. Manipolazioni/mobilizzazione della colonna vertebrale

Spiegare al paziente che è meglio:

  1. Non smettere le attività quotidiane per paura,
  2. Rimanere attivi.

Riabilitazione in team con diversi specialisti

Farmaci:

  1. Antidepressivi noradrenergici o noradrenergici
    -serotoninergici
  2. Benzodiazepine
    (sollievo a breve termine)
  3. Antinfiammatori non steroidei
    (per brevi durate)
  4. Antidolorifici oppioidi (es. il Tramadolo)

Terapie invasive

  1. Percutaneous electrical nerve stimulation (PENS)
  2. Neuroreflexotherapy
    (per dolore maggiore di 3/10)
Fisioterapia e busto

  1. Laserterapia
  2. Diatermia-Tecarterapia
  3. Ultrasuoni terapia
  4. Termoterapia (calore)
  5. T.E.N.S.
  6. Trazioni lombari
  7. Massoterapia
  8. Busto

Farmaci:

Gabapentin

Terapie invasive

  • Agopuntura,
  • Iniezioni epidurali di cortisone,
  • Iniezioni nelle faccette intrarticolari delle vertebre
  • Iniezioni tra i dischi intervertebrali
  • Iniezioni di tossina botulinica
  • Iniezioni nell’articolazione sacroiliaca
  • Iniezioni nei trigger point muscolari
  • Denervazione delle faccette articolari
    (con Radiofrequenza)
  • Denervazione della radice dorsale
  • (del ganglio nervoso)
  • Intervento chirurgico di fusione vertebrale

Fonte: EUROPEAN GUIDELINES FOR THE MANAGEMENT OF CHRONIC NON-SPECIFIC LOW BACK PAIN – Novembre 2004

Nonostante le linee guida consiglino i farmaci antinfiammatori non steroidei, uno studio più recente di Machado et al. (2017) afferma che i risultati sono simili al placebo.

Altri farmaci su cui ci sono pareri contrastanti sono gli antidepressivi.
Infatti, secondo uno studio di vanTulder et al., gli antidepressivi non darebbero risultati migliori del placebo.

Inoltre, una classe di farmaci non è scritta nelle terapie raccomandate nelle linee guida e sono i miorilassanti.
Questi sono efficaci nel dolore in fase acuta e cronica secondo uno studio di van Tulder et al. (2003).

 

Terapie utili secondo gli studi scientifici

Dimagrimento
Secondo uno studio di Hussain et al. (2017), c’è un legame tra la quantità e distribuzione di grasso corporeo e il mal di schiena.
In particolare questo studio sottolinea l’importanza dei fattori metabolici.
Quindi si consiglia di dimagrire con:

  1. Una dieta sana e naturale,
  2. Esercizio fisico regolare (Belavý et al. 2017).

dimagrimento,grasso,obesità

Massaggio terapeutico
Il massaggio ha un duplice effetto:

  1. Scioglie le contratture e disattiva i trigger point,
  2. Rilassa la mente.

Per questo motivo è utile per il mal di schiena.
Inoltre, può essere utile anche in caso di dolore causato dai nervi.
Perché?
Spesso, una persona con dolore di origine neurologico ha anche dei trigger point attivi, quindi il massaggio può ridurre l’intensità del dolore.

Uno studio di Furlan et al., conferma l’utilità del massaggio nel mal di schiena cronico, soprattutto se la terapia si effettua insieme ad un programma di esercizi e di spiegazioni al paziente.

 

Terapie non utili e falsi miti sul mal di schiena

Plantari
Ci sono studi contrastanti sull’utilità dei plantari per il mal di schiena.
Secondo uno studio di Cambron et al., dopo 6 mesi di utilizzo dei plantari, il mal di schiena migliora significativamente, mentre per Chuter et al., non ci sono studi scientifici importanti che provano l’efficacia del plantare.

Panca ad inversione
Le trazioni sono state abbandonate da tanto tempo per il trattamento del mal di schiena.
Infatti, le trazioni come la panca ad inversione non sono efficaci per il trattamento di mal di schiena e sciatalgia:

  1. Acuta,
  2. Subacuta
  3. Cronica.

 

Correzione della postura e degli squilibri muscolari

Questa è probabilmente la terapia più importante.
Guarda la pagina con gli esercizi consigliati per il mal di schiena.
Ora ti spiego cosa fare e perché.

Secondo l’autorevole professoressa e autrice S. Sahrmann, la postura corretta e l’equilibrio del corpo si raggiungono attraverso:

  1. Ripristino della corretta lunghezza e forza muscolare,
  2. Miglioramento della coordinazione dei muscoli durante i movimenti.

Quindi il trattamento ideale è composto da:

  1. Esercizi,
  2. Istruzioni sulle posture corrette,
  3. Modifica del movimento durante le attività quotidiane.

I movimenti quotidiani scorretti ripetuti causano dolore.
Gli esercizi migliorano il controllo neuromuscolare (coordinazione) dei muscoli, ma non sono sufficienti.
Infatti, non assicurano che nelle attività della vita reale la persona utilizzi correttamente i muscoli.
Mi spiego meglio:
Generalmente, diversi muscoli partecipano durante un movimento, nelle persone con mal di schiena alcuni muscoli non partecipano e gli altri devono sostituirli.
Questo provoca:

  1. Sovraccarico,
  2. Infiammazione,
  3. Dolore.

Per questo serve il lavoro a casa e le valutazioni settimanali.

Quali muscoli bisogna allenare?
Spesso, i muscoli deboli sono:

  1. Addominali obliqui esterni,
  2. Grande gluteo
  3. Gluteo medio.

Secondo S. Sahrmann, il problema è che la schiena si muove prima dell’anca durante il piegamento o l’estensione (inarcamento all’indietro).
Invertendo l’ordine del movimento, cioè se bacino e anca si muovono prima della schiena lombare, generalmente il dolore passa.

Gli esercizi consigliati dipendono dal dolore.
Alcune persone sentono male quando si piegano in avanti e dovranno fare degli esercizi specifici.
Altri, hanno dolore in altri movimenti e quindi il programma sarà diverso.
I muscoli addominali sono fondamentali perché stabilizzano la schiena ed evitano i movimenti in estensione che possono sovraccaricare la colonna vertebrale.
Ci sono 4 muscoli addominali:

  1. Retto dell’addome,
  2. Obliquo interno,
  3. Obliquo esterno,
  4. Trasverso.

muscolo obliquo addome, addominali

L’errore più frequente è il rinforzo del retto addominale, in pratica il muscolo che forma la tartaruga, ma non degli altri muscoli.
Infatti tanta gente effettua il crunch (o sit up), ma non altri esercizi.
Questo provoca uno squilibrio e può anche causare mal di schiena.
Il muscolo più importante è il trasverso dell’addome che:

  1. Stabilizza tutti i visceri addominali,
  2. Permette di lavorare correttamente agli altri muscoli addominali.

Nella pagina degli esercizi mostro come rinforzare questo muscolo e gli obliqui che sono molto importanti per prevenire la rotazione del bacino.

La correzione della postura è fondamentale, leggi la pagina sulla postura corretta.

 

Cosa fare e cosa non fare

Se la lombalgia è ribelle o recidivante bisogna affrontare il disturbo in modo strutturale per eliminare la causa.
Certe attività sportive come la corsa non sono dannose a differenza di quello che si pensi.
Se una persona riesce a correre e questo non peggiora il mal di schiena, quest’attività può aiutare.

Il nuoto è uno sport permesso in caso di mal di schiena, ma solo se nuotare non provoca dolore, meglio lo stile libero e il dorso perché non sforzano i muscoli lombari, vale lo stesso discorso per la bicicletta e la cyclette.
La bici in salita può provocare una lombalgia di tipo muscolare.

CYCLETTE, mal di schiena

Tra gli esercizi che bisogna evitare in palestra ci sono:

  1. Crunch, questo esercizio rinforza soprattutto il muscolo retto addominale. Con il tempo si può formare uno squilibrio con gli altri muscoli addominali.
  2. Stretching, l’allungamento dei muscoli lombari può essere dannoso e peggiorare il mal di schiena, leggi la verità sullo stretching.
  3. Leg curl, i muscoli posteriori della coscia sono generalmente forti e non serve un ulteriore rafforzamento.
  4. Leg-press, può causare indolenzimento muscolare il giorno successivo.

leg-curl, mal di schiena

Le fasce elastiche o pancere possono dare sollievo temporaneo, mentre il busto ortopedico è sconsigliato perché non riduce il dolore e può aumentare la rigidità.

Alimentazione e malnutrizione
Una dieta sana e naturale è fondamentale per il mal di schiena.
Infatti, la carenza di alcuni vitamine può provocare questo disturbo, in particolare la vitamina D (Schwalfenberg – 2009).
Quindi si consiglia un alimentazione ricca di verdure e l’attività fisica all’aria aperta perché l’esposizione al sole permette l’attivazione della vitamina D.

Smettere di fumare
Il fumo può causare il mal di schiena (Behrend et al. – 2012), quindi si consiglia di rivolgersi al medico che può aiutare a trovare una soluzione per smettere di fumare.

Ghiaccio o calore?
Il calore e il ghiaccio sono le prime terapie che si provano perché sono semplici e disponibili in ogni casa.
Secondo le ricerche scientifiche, è meglio il calore, inoltre il ghiaccio in alcuni casi può aumentare la contrattura muscolare.
Il calore può aiutare anche ad alleviare il dolore da trigger point attivi.

 

Quanto dura il mal di schiena? La prognosi

Il tempo di recupero dipende dalla causa e dalla terapia :

  1. In caso di semplice contrattura muscolare è minore di una settimana,
  2. Per una frattura vertebrale servono circa 3 mesi con la terapia adatta.
  3. Negli altri casi non è semplice stabilire la durata, è fondamentale capire l’origine del problema.

Conclusione

Ho imparato molto da questa ricerca sulla terapia migliore per il mal di schiena, spero anche tu.
Ora mi piacerebbe sapere da te.
Quale sarà la prima terapia che farai?
O forse hai qualche domanda?
In ogni caso, lascia un commento qui sotto.

Leggi anche:

Bibliografia:

  1. vanTulder MW, Koes BW, Bouter LM. Conservative treatment of acute and chronic non-specific low back pain: a systematic review of randomized controlled trials of the most common interventions. Spine 1997;22(18):2128–56.
  2. Deyo RA, Rainville J, Kent DL. What can the history and physical examination tell us about low back pain? JAMA 1992;268(6):760–5.
  3. Garra G1, Singer AJ, Leno R, Taira BR, Gupta N, Mathaikutty B, Thode HJ. Heat or cold packs for neck and back strain: a randomized controlled trial of efficacy. Acad Emerg Med. 2010 May;17(5):484-9. doi: 10.1111/j.1553-2712.2010.00735.x.
  4. Machado GC, Maher CG, Ferreira PH, Day RO, Pinheiro MB, Ferreira ML. Non-steroidal anti-inflammatory drugs for spinal pain: a systematic review and meta-analysis. Ann Rheum Dis. 2017 Jul;76(7):1269-1278. doi: 10.1136/annrheumdis-2016-210597.
  5. vanTulder,Hienkens, Roland, et al. Antidepressants for non-specific low-backpain. Cochrane Database Syst Rev 2006;3.
  6. vanTulder MV, Touray T, Furlan AD, et al. Muscle relaxants for non-specific low back pain. Cochrane Database Syst Rev 2003;2.
  7. Hussain SM, Urquhart DM, Wang Y, Shaw JE, Magliano DJ, Wluka AE, Cicuttini FM. Fat mass and fat distribution are associated with low back pain intensity and disability: results from a cohort study. Arthritis Res Ther. 2017 Feb 10;19(1):26. doi: 10.1186/s13075-017-1242-z.
  8. Belavý DL, Quittner MJ, Ridgers N, et al. Running exercise strengthens the intervertebral disc. Scientific Reports. 2017 Apr;7:45975.
  9. Furlan AD, Imamura M, Dryden T, Irvin E. Massage for low-back pain. Cochrane Database Syst Rev. 2008 Oct 8;(4):CD001929. doi: 10.1002/14651858.CD001929.pub2.
  10. Vivienne Chuter, Martin Spink, Angela Searle, and Alan Ho. The effectiveness of shoe insoles for the prevention and treatment of low back pain: a systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials. BMC Musculoskelet Disord. 2014; 15: 140.
  11. Jerrilyn A. Cambron, Jennifer M. Dexheimer, Manuel Duarte, Sally Freels. Shoe Orthotics for the Treatment of Chronic Low Back Pain: A Randomized Controlled Trial. Arch Phys Med Rehabil. 2017 Sep;98(9):1752-1762. doi: 10.1016/j.apmr.2017.03.028.
  12. Clarke JA, van Tulder MW, Blomberg SE, de Vet HC, van der Heijden GJ, Bronfort G, Bouter LM. Traction for low-back pain with or without sciatica. Cochrane Database Syst Rev. 2007 Apr 18;(2):CD003010.
  13. Sahrmann, Shirley. Diagnosis and Treatment of Movement Impairment Syndromes (Page 56-69). Elsevier Health Sciences. Kindle Edition.
  14. Schwalfenberg G. Improvement of chronic back pain or failed back surgery with vitamin D repletion: a case series. J Am Board Fam Med. 2009 Jan-Feb;22(1):69-74. doi: 10.3122/jabfm.2009.01.080026.
  15. Behrend C, Prasarn M, Coyne E, Horodyski M, Wright J, Rechtine GR. Smoking Cessation Related to Improved Patient-Reported Pain Scores Following Spinal Care. J Bone Joint Surg Am. 2012 Dec 5;94(23):2161-6.

Lascia un commento

Dolore all’esterno del ginocchio

Clicca e vai al contenuto7 Cause del dolore all’esterno del ginocchio1) Rottura del menisco del ginocchio2) Stiramento o trauma dello sciatico

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di testa Dolore al petto Dolore al polso Dolore all'anca Dolore alla coscia Dolore alla caviglia Dolore cervicale Dolore alla spalla Dolore dorsale Dolore al gomito Dolore alla mano Mal di schiena Dolore al gluteo Dolore al ginocchio Dolore al polpaccio Dolore al tallone Dolore al piede
© bestdesign36 - bigstockphoto.com
Per maggiori informazioni o un appuntamento chiamare il 333-2699752 o mandare una mail a: defilippo.massimo@gmail.com
Chiudi Menu