La postura corretta per il mal di schiena non è con la colonna vertebrale dritta, ma deve mantenere le curve fisiologiche (lordosi lombare e cervicale oltre alla cifosi dorsale).

La postura corretta aiuta a mantenere queste curve naturali, mentre la cattiva postura fa il contrario e può sollecitare eccessivamente i muscoli che causano il dolore lombare o cervicale.

Postura corretta per il mal di schiena

Postura corretta per il mal di schiena
© Massimo Defilippo

La cattiva postura non dipende dalla forza muscolare, quindi la ginnastica posturale e gli esercizi per il rafforzamento della schiena e il nuoto non servono a correggerla.

 

Postura in piedi

Per una corretta postura in piedi, seguire questi suggerimenti:

  • Appoggiare il peso del corpo principalmente sulla parte anteriore dei piedi invece che sui talloni permette di mantenere la lordosi lombare.
  • Tenere le spalle indietro e rilassate.
  • Bilanciare il peso uniformemente su entrambi i piedi.
  • Ruotare leggermente le punte dei piedi verso l’esterno perché se sono paralleli non è una posizione naturale.
  • Non inclinare la testa in avanti o lateralmente e non ruotarla.
  • Assicurarsi che le ginocchia siano distese (se possibile).
  • Non spostare il mento in avanti.
  • Se si deve stare in piedi a lungo, si può appoggiare un piede alla volta su un piccolo supporto o spostare il peso da un piede all’altro.

I giovani e gli adulti non hanno bisogno di una fascia o di un busto per correggere la postura.
Gli anziani solo in rari casi.

Raramente la corsa fa male ai runner (podisti) che soffrono di mal di schiena a causa di contratture muscolari.

Postura alla guida

Sedersi con la schiena saldamente appoggiata al sedile che la supporta correttamente.
Il sedile deve essere ad una giusta distanza dai pedali e dal volante per evitare di doversi sporgere in avanti per raggiungerli.
Se si stende il braccio completamente, il polso dev’essere all’altezza del volante.
Le mani devono stare a contatto con la parte superiore del volante come se segnassero le 10:10 di un orologio.

La nuca dovrebbe appoggiare al poggiatesta e dovrebbe rimanere in posizione verticale.

I sedili dell’automobile dovrebbero avere un adeguato sostegno lombare per rilassare la schiena.

 

Postura corretta da seduti

rotolo,lombare,mckenzie,dorso,schiena,postura,seduto

Nuovo rotolo dorso-lombare per correggere la postura quando si sta seduti
© Massimo Defilippo

Quando si è seduti, seguire questi suggerimenti:

  • Scegliere una sedia che permette di appoggiare entrambi i piedi sul pavimento, mantenendo le ginocchia a livello delle anche e dei fianchi.
    È possibile tenere i piedi sopra ad un poggiapiedi o un altro supporto.
  • I gomiti dovrebbero essere piegati tra i 75° e i 90°.
  • Sedersi con la schiena ben appoggiata contro la sedia.
  • Si consiglia di porre un piccolo cuscino o un asciugamano arrotolato dietro la curva lombare, I rotoli lombari Mckenzie sono i più adatti perché hanno una cintura che li tiene incollati allo schienale e li mantenere alla giusta altezza.
    Il cuscino non deve appoggiare alla sedia, ma stare ad un livello più alto delle anche.
  • Mantenere il collo dritto senza contrarre i muscoli.
  • Tenere le spalle rilassate e appoggiate ai braccioli o al bordo del tavolo.
    Se si tengono le spalle sollevate o il dorso curvo, i muscoli del petto e il diaframma si accorciano e perdono la loro elasticità.
  • Se si sta per lungo tempo seduti, come su una sedia da ufficio, utilizzare una sedia ergonomica, progettata per sostenere adeguatamente la schiena e che sia adatta alle proprie dimensioni.
  • Prendere una pausa e alzarsi dalla sedia in ufficio una volta ogni ora, è sufficiente andare in bagno.

Anche se una buona postura dovrebbe essere naturale, se non si è abituati a stare a sedere o in piedi correttamente, si può avvertire dolore muscolare o fastidio.
Si può migliorare la postura a qualsiasi età.

 

Prevenzione di ernia del disco e contratture muscolari

L’ernia del disco si può verificare anche quando una persona rimane seduta dritta.

Si tratta di un problema posturale.

Infatti, i muscoli possono “tirare” sulla colonna vertebrale causando una compressione sui dischi.

Molti camionisti hanno mal di schiena perché rimangono seduti 12 ore al giorno, quindi:

  1. Perdono la muscolatura del tronco,
  2. Riducono la circolazione alla schiena lombare.

La conseguenza è che la colonna vertebrale non ha il sostegno dei muscoli.

Quando una persona è seduta dritta (senza rotolo lombare) tutto il peso si scarica sulla colonna vertebrale, mentre in una posizione più inclinata indietro il peso è sostenuto anche dallo schienale.

Spesso i genitori sgridano i bambini perché rimangono in una posizione intermedia tra seduti e sdraiati.

La cosa più importante è alzarsi e camminare un po’ ogni mezz’ora.
Se tieni una postura scorretta per meno di 30 minuti e poi ti alzi, non dovrebbe venirti il mal di schiena.

 

Esempi di cattiva postura


I seguenti esempi di comportamento errato e pessima ergonomia necessitano una correzione per raggiungere una buona postura:

  • Evitare assolutamente di portare la testa in avanti (protrusione).
  • Tenere la cornetta del telefono tra il collo e la spalla.
  • Tenere il tronco in avanti senza appoggiarsi alla sedia.
  • Scivolare in avanti con il sedere tenendo una posizione simile ad una persona stravaccata sul divano.

 

Bici da corsa e mountain bike

Molti pensano che la postura in bicicletta:

  • Provochi le contratture ai muscoli lombari,
  • Possa peggiorare l’ernia del disco.

Il ciclista appoggia la maggior parte del peso sulle braccia.

Tuttavia, mentre pedala i muscoli della schiena sono allungati perché rimane in posizione piegata.

In realtà, la maggioranza dei miei pazienti con mal di schiena sta meglio quando pedala in bicicletta.

In salita si possono formare delle contratture ai muscoli lombari, soprattutto se l’atleta si alza e pedala in piedi.

Quindi la bici da corsa non è sconsigliata alle persone con mal di schiena, ma a volte la mountain bike fa meno male.

 

Postura a letto

Dormendo su un fianco

posture-dormire-letto-lato-destro-sinistro.schiena-collo-lombare-dolore

Postura corretta per dormire di lato
© Massimo Defilippo

La posizione che si tiene solitamente a letto può favorire il mal di schiena.
Una cattiva postura durante il sonno può influire anche su un mal di schiena già presente.
Se il letto non dà un supporto adeguato può dare fastidio e impedire di dormire e riposarsi per tutta la notte.
La postura più adatta è sul fianco che si preferisce con le anche e le ginocchia piegate circa ad angolo retto (90°), ma non oltre.
Dato che questa posizione non dà un supporto adeguato alla gamba che si trova sopra:

  • il ginocchio tende a scivolare in avanti sul materasso,
  • La colonna vertebrale lombare rimane ruotata.

Questa torsione può contribuire a causare:

Per risolvere questo problema bisogna mettere un cuscino tra le ginocchia o le cosce.

Dormire in posizione supina (pancia in su)

posture-supiono-letto-corretta-buona-dolore-schiena-male-insonnia-sonno-rem-leggero-pesante

Postura corretta da supine
© Massimo Defilippo

Quando si dorme sulla schiena, posizionare un cuscino sotto le ginocchia per mantenere la normale lordosi lombare.
Si potrebbe provare con un piccolo asciugamano arrotolato sotto la parte lombare della schiena per ulteriore supporto.
Bisogna sostenere anche il collo con un cuscino stretto (o un asciugamano arrotolato) che tenga la cervicale più in alto:

  • Della nuca,
  • Del cranio.

Ci sono dei rotoli tipo Mckenzie da inserire nella fodera del cuscino per mantenere la lordosi naturale del collo.

Dormire in posizione prona (pancia in giù) 

posture-letto-prono-notte-dolore-male-schiena-infiammazione-materasso-dormire

postura prona a letto
© Massimo Defilippo

Dormire sull’addome può essere dannoso per la schiena, ma soprattutto per il collo.

Se non riesce a dormire in qualsiasi altro modo, ridurre la tensione sulla schiena posizionando un cuscino sotto:

  • Il bacino,
  • La parte inferiore dell’addome.

Utilizzare un cuscino sotto la testa se non provoca tensione alla schiena.

In alternativa si può dormire senza cuscino sotto la testa.

Se il materasso è troppo morbido, si può soffrire di mal di schiena.

Lo stesso vale per un materasso troppo rigido.

Bisogna provare per capire che tipo di durezza è adatta al proprio corpo.

Un pezzo di compensato tra le molle e il materasso aumenta la rigidità di un letto morbido.

Un’imbottitura morbida alta pochi centimetri posizionata sopra al materasso può ammorbidire un letto troppo duro.

Postura ed ergonomia durante il sollevamento e il trasporto dei pesi

postura,corretta,sollevamento,trasporto,oggetto,ginocchia,piegate,schiena,male,dolore

Postura corretta per il sollevamento di un oggetto, con le ginocchia piegate
© Massimo Defilippo

 

Postura,corretta,schiena,peso,oggetto,in piedi,male,dolore,piegamento,gambe,ginocchia,muscoli

Postura corretta mentre si tiene un peso in piedi
© Massimo Defilippo

Postura,corretta,schiena,male,dolore,piegamento,gambe,ginocchia,muscoli

Postura corretta mentre si sta sollevando un peso
© Massimo Defilippo

Consigli generali:

  • Non sollevare oggetti che sono troppo pesanti rispetto al corpo.
  • Bisogna sempre piegare le ginocchia, non la schiena.
  • Se necessario, si può indossare una cintura di sostegno per aiutare a mantenere una buona postura durante il sollevamento.
  • Quando si trasporta un oggetto grande o pesante, bisogna tenerlo vicino al petto e non stare curvi o ingobbiti.
  • Se si porta un oggetto su un solo braccio, passarlo frequentemente all’altro braccio.
  • Quando si trasporta una borsa o un borsello, riempirlo meno possibile e bilanciare il carico su entrambi i lati del corpo.
  • Quando si porta uno zaino, evitare di rimanere piegati in avanti o di incurvare la schiena.
    Se l’oggetto da trasportare è troppo pesante, considerare l’utilizzo di un carrello con le ruote.
  • Le donne in gravidanza devono tenere il peso delle spalle indietro per compensare la pancia, quindi mentre sollevano un peso devono stare molto attente alla postura.

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera