Un programma di esercizi  di ginnastica posturale mirati per la schiena, il collo e le altre articolazioni è un metodo molto efficace per curare:

Inoltre serve per migliorare la postura e la coordinazione.

Gli esercizi derivano dai più moderni metodi fisioterapici come:

  • Il Mckenzie,
  • Il feldenkrais,
  • L’Alexander,
  • Il metodo Klapp.

Il corso ideale è composto al massimo 4 partecipanti per:

  • Poter seguire in modo accurato ogni paziente,
  • Personalizzare gli esercizi in base al tipo di disturbo e alle abilità di ognuno.

Ginnastica-posturale-con-la-fitball

La ginnastica posturale si può eseguire in palestra con la fitball che è una palla gonfiata ad aria con un diametro di 65 cm, sulla quale ci si può sedere.

L’utilizzo del pallone dà il vantaggio di:

  • Migliorare l’equilibrio,
  • Avere una maggior concentrazione mentre si eseguono gli esercizi,
  • Rendere l’attività più piacevole.

Attenzione: lo stretching non fa parte della ginnastica posturale, non aiuta a ridurre il dolore, anzi:

  • Può causare dolore a persone sane,
  • Può peggiorare il dolore in chi già ce l’ha.

 

Che cos’è la postura?

La postura è la forma del corpo e dipende dal tessuto connettivo che collega le ossa mantenendo la tensione necessaria per raddrizzare lo scheletro.

È influenzata dalla forza di gravità che obbliga alcuni muscoli a contrarsi per mantenere lo scheletro in equilibrio.

Che-cosè-la-postura

La posizione corretta è quella che:

  • Con il minor impegno muscolare possibile permette di stabilizzare il corpo stando fermi,
  • In fase dinamica permette il movimento coordinato dei segmenti corporei (cammino, corsa, attività lavorative).

La postura non è influenzata dalla forza muscolare, infatti i giovani atleti con masse muscolari importanti spesso si siedono in maniera scorretta (“stravaccati”) sulla sedia.

Tra i fattori che influiscono sulla posizione che si assume ci sono:

  • Le cicatrici post-intervento,
  • I traumi precedenti,
  • Lo stress.

L’abitudine al mantenimento di posture adeguate e gli esercizi per correggerla danno ottimi risultati nella cura del dolore alla schiena bassa, al dorso e al collo.

 

A chi è rivolto il corso di ginnastica posturale?

corso-di-ginnastica-posturale

Molti pensano che i corsi di ginnastica posturale siano indicati solo per gli anziani.

Invece sono adatti soprattutto ai giovani e agli adulti che:

  • Spesso conducono uno stile di vita sedentario,
  • Mantengono posture scorrette.

L’attività è piuttosto impegnativa a livello muscolare, non è una ginnastica dolce.

Si può sviluppare l’equilibrio grazie all’utilizzo della Fitball.

Oltre all’effetto posturale la ginnastica favorisce e stimola la circolazione, in particolare degli arti inferiori, quindi ha un effetto terapeutico perché una ridotta circolazione provoca dolore.

Per-chi-è-indicata-la-ginnastica-posturale

Gli esercizi sono utili anche per i bambini che hanno dei disturbi posturali come:

  • La scoliosi,
  • L’iperlordosi,
  • L’ipercifosi (dorso curvo).

Tuttavia, devono essere personalizzati in base al disturbo.

 

Come si effettua la ginnastica posturale?

Il pilastro fondamentale di questa disciplina è:

  • Prendere coscienza delle posizioni scorrette che assumiamo quotidianamente,
  • Imparare le posture da adottare per curare e prevenire disturbi muscolo scheletrici come la lombalgia, la lombosciatalgia ecc.

Quando il paziente capisce qual’è l’obiettivo dell’attività sarà più facile raggiungerlo e mantenerlo.

Come-si-effettua-la-ginnastica-posturale

Durante il corso si esegue:

  • Un’attività di tonificazione muscolare degli stabilizzatori, erettori e flessori della colonna vertebrale;
  • Esercizi per la correzione della postura statica e dinamica.

Per raggiungere i risultati prefissati è necessario eseguire correttamente i movimenti.

Altrimenti si rischia di creare fastidiose contratture e di creare una situazione di squilibrio muscolo-tendineo.

Posso fare ginnastica posturale se ho un'ernia del disco

Gli esercizi sono utili anche in caso di ernia del disco con infiammazione del nervo sciatico, in particolare quelli del metodo mckenzie.

Questo tipo di attività prevede di rimanere in alcune posture di allungamento di alcuni muscoli contemporaneamente per 10/20 minuti.

 

Sento dolore alla zona lombare della schiena, perché devo fare ginnastica anche per il collo?

La spina dorsale è diversa da tutte le altre parti del corpo, infatti la schiena non è soggetta a:

  • Tendiniti,
  • Strappi muscolari,
  • Borsiti.

mal-di-schiena-perché-fare-esercizi-per-le-gambe

Quasi tutte le persone hanno almeno un tratto di colonna vertebrale bloccato e di compenso, le parti superiore e inferiore diventano ipermobili.

Il nostro obiettivo è:

  • Rendere più flessibile la colonna “bloccata”,
  • Stabilizzare le articolazioni tra le vertebre più mobili e instabili.

La ginnastica posturale non è mai limitata al tratto di colonna vertebrale dolente anche perché il corpo è una catena di ossa unite tramite:

  • Articolazioni,
  • Tessuto connettivo,
  • Muscoli.

Il dolore non si sente mai nel punto in cui origina.

Per questo, bisogna fare degli esercizi per tutta la colonna vertebrale.

Alcuni muscoli originano dalle vertebre lombari e terminano sulle cervicali o sulla spalla, altri decorrono dalla zona lombare fino al bacino, l’anca e il femore.

Il pilates somiglia in parte alla ginnastica posturale.

Cosa devo fare se alcuni esercizi causano dolore?

Cosa-devo-fare-se-alcuni-esercizi-causano-dolore

È importante eseguire solo gli esercizi che non provocano dolore, si può avvertire un fastidio leggero.

Attenzione soprattutto se il dolore si verifica dopo l’esercizio e rimane più di 5 minuti.

Alcuni movimenti faranno diminuire i sintomi, ma altri li aggraveranno, quindi è necessario fare attenzione a non peggiorare un disturbo già presente.

Se si salta un esercizio doloroso la terapia di ginnastica posturale avrà comunque effetto.

Si può sostituire un esercizio con un altro.

 

Quante sedute sono necessarie per ridurre il dolore?

Quante-sedute-sono-necessarie-per-ridurre-il-dolore


Bisogna effettuare almeno 2 mesi di terapie regolari per stare meglio, ma l’attività di prevenzione sarebbe utile per almeno 10 mesi all’anno.

 

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera