Sintomi del colpo di frusta

INDICE

Il colpo di frusta è un trauma che di solito si verifica durante un tamponamento e consiste in un violento piegamento in avanti o laterale del collo seguito da un movimento molto rapido nella direzione opposta.

Oggi, il colpo di frusta è definito anche distorsione cervicale.
Il tamponamento causa il classico colpo di frusta, la testa è spinta in avanti e il collo si piega oltre il suo limite fisiologico. Subito dopo rimbalza indietro con forza e colpisce il poggia testa.

Valutazione cervicale, estensione, dolore, movimento, rotazione, piegamento laterale, cervicobrachialgia, braccio, formicolio, riflessi, iporeflessia, infiammazione, contrattura, fisioterapia, riabilitazione, dolore, male, stilettata, bruciore al collo, spalle e braccia
Test di movimento in estensione del rachide cervicale

È fondamentale conoscere le dinamica dell’incidente per impostare il giusto programma terapeutico.

Molti pensano che il problema del colpo di frusta sia solo l’infiammazione della cervicale. In realtà il trauma può causare: discopatia, ernia, lesione dei legamenti, contratture musculari e blocco delle articolazioni.
Il dolore cervicale e gli altri sintomi si possono verificare anche in caso di impatto a bassa velocità.

 

 


 
Perché il paziente dopo aver eseguito solo le cure strumentali (TENS, ultrasuoni ecc.) avverte ancora un dolore che diventa cronico?

Spesso il disturbo del paziente è di tipo meccanico, cioè una vertebra è ruotata o spostata rispetto alle altre di una distanza piccolissima, ma non abbastanza da essere notata in una radiografia, circa un millimetro.
La gente pensa che il colpo di frusta è solo l’infiammazione della colonna cervicale, ma tanti soggetti hanno dolore dorsale, lombare e alla mandibola, inoltre ci sono alcuni casi in cui il fastidio si sente anche al polso o al gomito.

 

Colpo di frusta,trauma cranico,emorragia

 

Per indicare le vertebre del collo si scrive “C” seguita dal numero che indica la posizione della vertebra partendo dall’alto: (ad esempio C3 è la terza vertebra partendo dal cranio verso il dorso).
Il tamponamento causa uno stiramento violento a livello del collo, quindi si parla di distorsione cervicale.
Un colpo di frusta può causare un ernia del disco anche in soggetti giovani, si vedono in ambulatorio dei pazienti di 20 anni con delle protrusioni discali o ernie, principalmente a livello C6-C7, C5-C6 e C4-C5.
Nella parte superiore del collo non si formano le ernie perché tra l’occipite, C1, C2 non c’è il disco intervertebrale.


 

Qual’è la causa del colpo di frusta?

La causa più frequente è il tamponamento in auto, ma il trauma può essere la conseguenza di uno scontro sportivo o una violenta frenata in auto.
Se il soggetto tamponato ha le cinture allacciate rischia solo questo infortunio, ma se non funzionano può essere spinto in avanti colpendo il parabrezza con la testa.
Se il poggiatesta è ben posizionato, cioè a max 5 cm dalla testa e la schiena è ben appoggiata allo schienale, il trauma e le conseguenze sono minori.


 

Quali sono i sintomi del colpo di frusta?

vertebre cervicali,colonna,ossaLa cosa più importante da sapere è che il colpo di frusta non dà dolore immediato, spesso si inizia ad avvertire fastidio dal giorno dopo. I sintomi variano in base all’età, le condizioni di salute del soggetto e la violenza del trauma. La sintomatologia comprende: dolore e limitazione del movimento cervicale, fitte lungo il braccio, mal di testa, vertigini, nausea, vomito, sensazione di stordimento o confusione, visione offuscata, raramente si verifica difficoltà nella deglutizione, formicolio nell’area compresa tra il collo e la mano e dolore alla mandibola. Se la persona che ha subito l’incidente aveva il collo in rotazione o inclinazione laterale durante l’impatto, il dolore è più grave e la prognosi è più lunga. In rari casi la reazione del corpo comprende anche la febbre per i primi 2 giorni. Di solito, la maggior parte di questi sintomi sparisce in pochi giorni spontaneamente.

Nella maggioranza dei casi i pazienti arrivano in ambulatorio con il collo bloccato in ogni direzione a causa del forte dolore.
Solo nei traumi più gravi si possono verificare delle conseguenze a lungo termine come una lesione all’encefalo e ai nervi cranici.
Nella fase post-acuta è possibile un alterazione del comportamento, per esempio si può verificare insonnia, depressione e irritabilità.

Il soggetto può avere il collo rettilinizzato a causa del trauma, ma è possibile che lo avesse anche prima, non bisogna preoccuparsi per questa condizione perché non dovrebbe creare problemi.
Se il paziente non ha fratture vertebrali, i sintomi possono essere causati da un ernia del disco o un cattivo allineamento delle vertebre del collo.
I bambini possono avere gli stessi disturbi degli adulti, anche se è molto più raro perché la colonna vertebrale è più idratata e l’ernia del disco è rarissima prima dei 20 anni.

Il colpo di frusta non interessa solo il collo, ma anche la parte inferiore della schiena, infatti il primo trauma avviene a livello della colonna vertebrale lombare e del bacino.
Spesso si presentano in ambulatorio dei pazienti con mal di schiena (lombalgia) e limitazione dei movimenti dovuta all’incidente.

In caso di colpo di frusta non curato, i sintomi possono diventare cronici o si possono presentare di nuovo in futuro (recidiva).


 

Quali sono gli esami strumentali più adatti per il colpo di frusta?

Non è sempre necessario un esame strumentale dopo aver subito un colpo di frusta, ma bisogna sempre considerare che i dolori possono comparire il giorno dopo il trauma, quindi è meglio fare gli accertamenti necessari.


Il medico a cui rivolgersi è l’ortopedico o il fisiatra che prima effettua un esame fisico e poi prescrive eventuali esami.

Risonanza magnetica del collo,cervicale,rettilinea,colpo di frusta
Risonanza magnetica del collo,cervicale

L’esame più utile è la radiografia che mostra eventuali fratture o alterazioni ossee come la spondilolistesi e una lussazione (rara).
Nella proiezione laterale si apprezzano le vertebre da C3 a C7, ma per vedere la seconda vertebra cervicale con il dente dell’epistrofeo è necessaria una lastra con la bocca aperta perché le prime due vertebre sono all’altezza delle arcate dentarie.

La Risonanza magnetica può essere utile in caso di dolore che si irradia al braccio, formicolio alle mani, vertigini o confusione mentale perché mostra anche i tessuti molli.

Un’ernia del disco o una protrusione possono causare una cervicobrachialgia con dolore irradiato fino alla mano, intorpidimento, perdita di forza e sensibilità.
In questo caso il medico può prescrivere anche un EMG (elettromiografia) per valutare la conduzione nervosa.

Fonti

Leggi anche: Colpo di frusta, terapia e tempi di recupero

 

Lascia un commento