In questo articolo ti spiego cos’è il torcicollo e come fare a guarire velocemente.

Quindi, se soffri di questo disturbo, questa guida ti piacerà.

Ok, Iniziamo!

Che cos’è il torcicollo?

cos'è il torcicollo

Il torcicollo è un disturbo caratterizzato dal blocco dei movimenti del collo verso un lato (destro o sinistro) e all’indietro.

Ruotare e inclinare il collo verso il lato sano:

Il soggetto deve ruotare tutto il corpo per girarsi dal lato colpito.

Questo disturbo può essere estremamente doloroso e limitante.

Il torcicollo è un disturbo frequente.

Si stima che il 90% delle persone avrà almeno un episodio di torcicollo nella vita.

Alcuni casi di forte rigidità al collo sono il segno di una grave patologia, ma la maggior parte degli episodi acuti di dolore o rigidità del collo guariscono rapidamente.

Torcicollo muscolare

Questo si verifica quando la causa è una contrattura muscolare, in particolare dei muscoli:

  • Trapezio,
  • Sternocleidomastoideo (Bredenkamp et al. – 1990).

Il trapezio collega il rachide cervicale alla spalla, si trova nella parte posteriore del collo.

Lo sternocleidomastoideo unisce la parte inferiore del cranio alla clavicola e allo sterno.

Le fibre muscolari di questo muscolo hanno una direzione obliqua verso l’alto e verso l’esterno.

L’azione dello sternocleidomastoideo è:

  • La rotazione verso il lato opposto,
  • L’inclinazione verso lo stesso lato.

Altri muscoli coinvolti nel torcicollo sono:

  • Lo splenio,
  • Gli scaleni,
  • Il platysma.

Generalmente ci si sveglia al mattino con il collo rigido o bloccato.

La sera precedente non si avvertivano sintomi.

 

Classificazione del torcicollo

Classificazione del torcicollo

Ci sono diversi tipi di torciollo:

  • Torcicollo congenito: durante la gestazione o la nascita, può verificarsi un trauma che provoca edema (gonfiore). La possibile conseguenza è la fibrosi del muscolo sternocleidomastoideo. In pratica c’è un accorciamento delle fibre di questo muscolo.
  • Dolore dermatogenico: quando si verifica una lesione e accorciamento della pelle del collo, si può avere una limitazione dei movimenti. Si verifica generalmente in caso di ustioni o per delle cicatrici.
  • Torcicollo oculare (Tomczak et al. – 2013): si riferisce alla paralisi dei muscoli obliqui superiori dell’occhio che sono coinvolti con l’inclinazione e la rotazione della testa.
  • Torcicollo reumatologico: questa variante è secondaria a varie malattie reumatologiche.
  • Torcicollo vestibolare: l’orecchio interno è responsabile dell’equilibrio, In questo torcicollo è coinvolto il labirinto dell’orecchio interno.
  • Torcicollo neurogeno: deriva da qualsiasi disturbo o incidente neurologico, come ictus o traumi, per esempio: un’emorragia intracranica o dalla siringomielia

Oltre a questi tipi di torcicollo più gravi, gli adulti e soprattutto i bambini soffrono spesso per questo disturbo a causa di contratture muscolari.

Il termine medico è Torcicollo spasmodico (distonia).

 

Le cause più frequenti di un torcicollo di tipo muscolare sono:

Cause di torcicollo di tipo muscolare

  • La contrattura muscolare è la causa più comune di torcicollo.
  • Dormire in una posizione che stira i muscoli della cervicale.
  • Infortuni sportivi che causano uno strappo al collo.
  • La cattiva postura, come ad esempio stare stravaccati mentre si guarda il monitor del computer.
  • Lo stress eccessivo può portare tensioni muscolare nel collo.
  • Mantenere il collo in una posizione anomala per un lungo periodo, come ad esempio appoggiare un telefono tra il collo e la spalla.
  • Il freddo: Dormire con l’aria condizionata o il ventilatore.
  • Il cuscino troppo alto.

 

Sintomi del torcicollo

Sintomi del torcicollo

Tra i sintomi del torcicollo ci sono:

Dolore è fortissimo e improvviso durante i movimenti in una direzione, per esempio:

  • Ruotando a sinistra (e non a destra),
  • Inclinando il collo di lato a sinistra (e non a destra).

Il dolore non si sente quando si sta fermi in una posizione che non stira i muscoli contratti.

Il soggetto ha una rigidità importante, nel senso che non riesce a ruotare/inclinare il collo verso un lato.

La postura è alterata perché la persona tiene il collo leggermente piegato e ruotato verso il lato non dolente.

Di solito il torcicollo non provoca:

Diagnosi del torcicollo

Diagnosi del torcicollo

Come regola generale, si consiglia di consultare un medico se i sintomi del torcicollo non passano dopo una settimana.

Bisogna recarsi immediatamente al pronto soccorso se:

  • La rigidità del collo è causata da un trauma,
  • Ci sono altri sintomi fastidiosi come una febbre alta.

Un torcicollo insieme a febbre alta, mal di testa, nausea, vomito, confusione mentale e linfonodi ingrossati, può essere indicativo di meningite.

Si tratta di un’infezione batterica che causa l’infiammazione delle membrane protettive che circondano:

Molti disturbi della cervicale possono dare rigidità al collo.

La rigidità può essere una reazione ad un problema della colonna vertebrale.

Dato che le le strutture nervose della colonna vertebrale cervicale sono tutte interconnesse, un problema in qualsiasi area può causare:

  • Spasmi muscolari,
  • Rigidità muscolare.

 

Valutazione ed esami per il torcicollo

Il medico deve fare una valutazione molto attenta per capire l’origine del problema.

In caso di torcicollo da contrattura, il dolore:

La corretta osservazione della colonna cervicale e delle spalle dovrebbe essere effettuata valutando :

  • La mobilità attiva della colonna vertebrale,
  • Il dolore nelle contrazioni muscolari.

La mobilità passiva deve essere valutata sedendosi e con cautela perché il paziente può avere una sublussazione (spostamento di una vertebra sull’altra) tra la prima e la seconda vertebra cervicale.

Per identificare le anomalie anatomiche (fratture, sublussazione, ecc.) possono essere indicate:

Valutazione ed esami per il torcicollo

Nel torcicollo persistente, è essenziale controllare:

  • Lo strabismo,
  • Il nistagmo,
  • I segni di ipertensione endocranica,
  • Altri segni neurologici locali.

Il torcicollo persistente in presenza di vomito ricorrente è un segnale di rischio.

Quindi, è essenziale un esame neurologico approfondito.

In questi casi, gli esami strumentali sono indispensabili per escludere lesioni intracraniche.

La visita oculistica dovrebbe essere considerata in caso di movimenti anormali degli occhi (Nucci et al. 2005).

La presenza di febbre dovrebbe far considerare una causa:

  • Infettiva,
  • Infiammatoria.

 

Esami

Gli esami diagnostici che può prescrivere il medico comprendono:

La TAC dovrebbe essere eseguita in caso di sospetto di un ascesso retrofaringeo.

 

Quando bisogna recarsi dal medico

In alcuni casi, la rigidità del collo è il sintomo di un’altra malattia e potrebbe indicare la presenza di un grave infortunio.

Se il dolore peggiora, si diffonde o è accompagnato da altri sintomi, potrebbe essere un segno di una patologia grave, quindi bisogna consultare un medico immediatamente.

Dolore al collo e al braccio possono essere provocati da un attacco di cuore, soprattutto quando sono accompagnati da:

In queste situazioni bisogna recarsi subito al pronto soccorso.

Se il dolore al collo non migliora entro una settimana bisogna andare dal medico per capire se c’è qualcosa di più serio che causa il dolore.

Quando si subisce un incidente d’auto o un altro trauma, potrebbe verificarsi il classico colpo di frusta che causa danni alle vertebre del collo.

Potrebbe essere necessaria una radiografia o altri esami diagnostici per escludere un infortunio grave.

A meno che non ci sia una frattura grave, un collare cervicale non è consigliato per curare questo disturbo.

Se non si vede un miglioramento rapido non bisogna allarmarsi, ma se il dolore e la rigidità non passano, probabilmente serve:

  • Un esame accurato del medico,
  • Una terapia.

 

Terapia e rimedi naturali per il torcicollo

Quasi tutti abbiamo avuto almeno un episodio di torcicollo nella vita, in genere non c’è niente di cui preoccuparsi.

La rigidità è causata spesso da contratture ai muscoli cervicali.

Terapia e rimedi naturali per il torcicollo

Nella maggioranza dei casi il torcicollo è un disturbo di tipo acuto e guarisce senza terapie entro pochi giorni.

Il trattamento serve per velocizzare la guarigione, in particolare per:

  • Rilassare i muscoli,
  • Ridare la flessibilità alla cervicale.

 

Tuttavia, come abbiamo visto le cause possono essere diverse, quindi è fondamentale:

  • Una diagnosi corretta,
  • Un trattamento specifico per il tipo di problema.

 

Riposo e sostegno del collo

Un modo per alleviare il torcicollo è rilassare i muscoli.

Certo, non risolve il problema, ma si può trarre beneficio indossando un collare cervicale morbido.

È disponibile in tutte le sanitarie, oppure si può fare un sostegno simile a casa.

Posizionare un asciugamano arrotolato nel colletto della camicia o lungo il collo e unire le estremità in modo da tenerlo aderente al collo.

Per una migliore postura a letto, è meglio dormire su un fianco con:

  • Un cuscino per la testa,
  • Uno piccolo tra le ginocchia.

Riposo e sostegno del collo

Evitare di dormire:

  • Senza cuscino,
  • Con due cuscini.

 

Tuttavia, bisogna:

  • Trovare una posizione comoda,
  • Non stirare i muscoli durante la notte.

È necessario far riposare il collo finché il dolore non passa.

Questo significa che bisogna evitare qualsiasi attività che potrebbe irrigidire ulteriormente i muscoli.

Evitare di:

  • Correre,
  • Nuotare in piscina,
  • Altri sport che causano forti sollecitazioni al collo.

Gli sport come il golf possono causare rapide torsioni e sforzi eccessivi.

È meglio prendere una pausa fino alla completa guarigione.

 

Meglio il freddo o il caldo?

Il ghiaccio non si applica al collo.

In caso di torcicollo da contrattura muscolare, bisogna scaldare il collo per velocizzare i processi di guarigione del corpo.

Tra i rimedi veloci per aiutare il rilassamento dei muscoli c’è:

  • Una doccia bollente,
  • L’applicazione della borsa dell’acqua calda sulla cervicale.

 

Massaggio e stretching

Un massaggio può aiutare a ridurre la tensione, ma dev’essere fatto molto delicatamente.

Il massaggio deve essere molto leggero, quasi sfiorante.

Si deve concentrare sul rilassamento e non dev’essere finalizzato a rimuovere la tensione muscolare con manovre di impastamento.

Non aspettarti miracoli, ma un sollievo temporaneo.

Il massaggio è una terapia sicura anche:

  • In gravidanza,
  • Durante l’allattamento.

Molti pensano che non bisogna massaggiare il collo quando è infiammato.

Ma se il medico ha escluso l’infezione e l’infiammazione, il problema è muscolare.

Quindi non ci sono controindicazioni al massaggio.

Tuttavia, se senti dolore evita.

Massaggio e stretching per il torcicollo

E lo stretching?

Io sono contrario in linea di principio, clicca sul link per capire i motivi per cui sconsiglio lo stretching.

Tutte le tecniche di fisioterapia che utilizzo e sono più efficaci prevedono l’accorciamento dei muscoli.

In questo modo, il nostro organismo non si sente in pericolo e rilassa la muscolatura.

Mi sono espresso in modo molto semplice per farmi capire, altrimenti avrei dovuto spiegarti il meccanismo neurofisiologico.

Ma non mi sembra il caso in quest’articolo.

 

Trattamenti da erboristeria

Gli antinfiammatori naturali possono essere di grande aiuto per rilassare i muscoli rigidi.

Si può provare a spalmare erbe aromatiche o olii come:

  • Menta,
  • Timo,
  • Calendula,
  • Millefoglie.

Oppure è utile applicare una pomata all’arnica o all’artiglio del diavolo.

Per preparare l’olio da massaggio terapeutico, scaldare alcune gocce di olio da aromaterapia in un cucchiaio insieme ad un olio come quello di:

  • Oliva,
  • Avocado,
  • Semi di uva.

Una volta che l’olio è pronto, si può spalmare sui muscoli rigidi.

 

Farmaci per il dolore

Il dolore da torcicollo spesso non va via subito dopo l’applicazione dei rimedi citati, quindi gli antidolorifici da banco come l’aspirina o il Moment possono essere utili.

Torcicollo muscolare

Gli antinfiammatori non steroidei come il diclofenac (Voltaren) e il ketoprofene (Oki) e gli analgesici come il paracetamolo (Tachipirina) dovrebbero ridurre il dolore dei muscoli.

Certo, si tratta di rimedi temporanei che non vanno alla causa.

Quindi, anche in questo caso non bisogna aspettarsi troppo.

Anche perché per la contrattura muscolare, antinfiammatori e analgesici contano poco.

In teoria i miorilassanti sono molto più utili, anche se non ho visto dei risultati importanti con queste terapie.

 

Fisioterapia e metodo Mckenzie

Il metodo mckenzie è ottimo per curare il torcicollo.

Il fisioterapista prova a muovere il collo nella direzione bloccata, prima appoggiando la testa del paziente su un cuscino, poi togliendolo.

In pratica si cerca una posizione di rilassamento muscolare, da lì si cerca di aumentare il movimento.

In questo modo, alla fine della prima seduta si vede già un netto miglioramento.

In due sedute il paziente dovrebbe guarire completamente.

Alcuni fisioterapisti applicano il kinesio taping per favorire il rilassamento dei muscoli.

 

Osteopatia per il torcicollo

Premesso che non faccio manipolazioni vertebrali del collo perché ci sono dei rischi.

L’osteopatia è composta anche da terapie dolci, ma efficaci.

Osteopatia per il torcicollo

In particolare, utilizzo le tecniche di osteopatia americana:

  • Tecniche di Mitchell,
  • Counterstrain di Jones.

Queste tecniche si possono fare anche in fase acuta, cioè nei primi due giorni.

Servono per rilassare i muscoli e i tessuti connettivi agendo direttamente sui nervi.

 

Quanto dura? Quando passa? La prognosi

In caso di contrattura muscolare che provoca il torcicollo al risveglio di mattina, la durata media è di circa 2 giorni o 48 ore.

Se il disturbo è causato da una patologia grave, i tempi di recupero dipendono:

  • Dal disturbo,
  • Dalla terapia.

Leggi anche:

Bibliografia:

  • Tomczak KK1, Rosman NP. Torticollis. J Child Neurol. 2013 Mar;28(3):365-78. doi: 10.1177/0883073812469294. Epub 2012 Dec 26.
  • Bredenkamp JK1, Maceri DR. Inflammatory torticollis in children. Arch Otolaryngol Head Neck Surg. 1990 Mar;116(3):310-3.
  • Nucci P1, Kushner BJ, Serafino M, Orzalesi N. A multi-disciplinary study of the ocular, orthopedic, and neurologic causes of abnormal head postures in children. Am J Ophthalmol. 2005 Jul;140(1):65-8.

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera