Dolore al ginocchio

Non sempre le cause di dolore al ginocchio sono chiare perché una lesione o la degenerazione possono non provocare dolore. Quindi, la risonanza magnetica o gli altri esami non sono sufficienti per fare una diagnosi corretta e trovare la terapia più adatta.

INDICE


In base al disturbo di cui si soffre, il dolore al ginocchio può presentarsi insieme a:

  • Gonfiore e rigidità,
  • Rossore e calore al tatto,
  • Debolezza o instabilità,
  • Scricchiolii durante il movimento,
  • Blocchi articolari, non si riesce a estendere il ginocchio o non si può piegare completamente.

 

Dolore,ginocchio,gonfiore,limitazione,rigidità,rumore,scrocchio,movimento,piegareDolore intorno alla rotula

Il dolore intorno alla patella (o rotula) si verifica nella parte anteriore del ginocchio.
Il fastidio dietro alla rotula può essere provocato dalla sindrome femoro-rotulea che causa fastidio stando seduti per almeno 10 minuti con le gambe piegate perché il ginocchio è flesso (per esempio al cinema), dopo uno sforzo e pedalando in bicicletta.

L’origine reale di questo disturbo sembra essere neuromuscolare, cioè una coordinazione non corretta tra i muscoli dell’anca e della coscia.
Quando il paziente cammina o sale le scale, la contrazione dei glutei e dei muscoli esterni della coscia non è sufficiente.
La conseguenza è una rotazione interna e adduzione (spostamento verso l’interno) dell’anca.

Le giovani atlete possono avere la Condramalacia che è una causa frequente di disturbi dietro alla la patella

Il dolore sotto alla rotula è solitamente una tendinite del ginocchio (del legamento rotuleo).
Può colpire entrambe le ginocchia, ma di solito è localizzato solo sul ginocchio destro o sinistro.
La tendinite del ginocchio provoca fastidio correndo (soprattutto in discesa) e facendo alcuni esercizi come squat e affondi.

Un altra causa è l’infiammazione del corpo adiposo di Hoffa che si trova dietro al tendine rotuleo e generalmente origina da un trauma.
La maggior parte delle altre cause di male anteriore al ginocchio sono danni da sovraccarico che iniziano gradualmente come:

  1. La tendinite del quadricipite che causa dolore sopra la rotula,
  2. L’infiammazione del legamento rotuleo.

 

Dolore all’esterno del ginocchio

Le cause più frequenti di dolore laterale al ginocchio sono.

  1. la sindrome della bandelletta Ileotibiale, detta anche ginocchio del corridore o sindrome da frizione, è un’infiammazione da sovraccarico che inizia durante la corsa.
  2. Il dolore all’esterno del ginocchio può essere causato da una lesione del menisco laterale o del legamento collaterale esterno, in questo caso si nota anche il ginocchio gonfio e una limitazione dei movimenti di flessione ed estensione.
  3. La lesione della cartilagine del ginocchio può provocare dolore nella parte laterale dell’articolazione e si verifica gradualmente.

 

Dolore all’interno del ginocchio

Le cause più frequenti di dolore sul lato interno del ginocchio o sul lato mediale del ginocchio sono:

  1. Una lesione del legamento collaterale mediale che provoca anche infiammazione e limitazione del movimento.
  2. Una distorsione del ginocchio verso l’interno può verificarsi anche insieme a una lesione della cartilagine dell’articolazione, del menisco mediale o del crociato anteriore.
  3. La lesione della cartilagine può iniziare gradualmente e può essere la causa di dolore al ginocchio interno.
  4. La rottura del menisco mediale è una causa frequente di male al ginocchio, provoca gonfiore e blocchi articolari.
  5. L’ispessimento della plica patellare può causare molto male all’interno dell’articolazione.

    Edema osseo visibile nella risonanza magnetica

    Edema osseo visibile nella risonanza magnetica

  6. L’edema osseo è l’infiammazione di una delle ossa del ginocchio (generalmente il femore), di solito è la conseguenza di un trauma. Nella risonanza magnetica appare una macchia più chiara in corrispondenza dell’edema. Il liquido infiammatorio che si accumula nell’osso provoca forte dolore e limitazione del movimento, i pazienti spesso non riescono a piegare il ginocchio oltre i 90°.

 

Dolore anteriore interno al ginocchio

Se il ginocchio fa male all’interno nella parte anteriore, la causa può essere:

  • Una lesione del menisco mediale,
  • Una contusione,
  • L’infiammazione del corpo di Hoffa.

Pochi centrimetri più in basso si può verificare l’infiammazione dei tendini della zampa d’oca.
Il fastidio si può sentire anche camminando.

Nelle donne e nelle ragazze, la causa del dolore anteriore al ginocchio può essere anche l’eccesso di elasticità.
Molti pensano che la flessibilità sia un pregio, in realtà può favorire dei disturbi muscolo-scheletrici perché riduce il controllo delle articolazioni.

 

Dolore anteriore esterno al ginocchio

Il dolore al ginocchio di lato alla rotula può essere provocato da una lesione del corno anteriore del menisco laterale o dalla sindrome femoro-rotulea in cui la patella scorre all’esterno del suo percorso naturale.

 

Dolore dietro al ginocchio o posteriore

C’è una borsa piena di liquido nella parte posteriore del ginocchio che si chiama cisti di Baker, se si gonfia in seguito ad un infortunio del ginocchio può causare dolore.
La tendinite dei muscoli flessori della gamba (bicipite femorale, semitendinoso e semimembranoso) può provocare dolore dietro al ginocchio dove si inseriscono i tendini, ma è molto raro,
Di solito, la tendinite è un infortunio legato al sovraccarico, i sintomi vengono gradualmente.

Lesione del legamento crociato posteriore,condromalacia,ginocchio
Si possono effettuare degli sport che non sollecitano eccessivamente l’articolazione, ma bisogna evitare il nuoto a rana che può aggravare il disturbo.

Ci sono disturbi nervosi o muscolari che possono dare dolore riflesso alla parte posteriore del ginocchio:

  • La sciatalgia che può originare da un ernia del disco lombare che irrita il nervo sciatico, in questo caso il dolore è molto intenso.
    I sintomi si sentono anche al polpaccio e al piede.
  • La sindrome del piriforme che si può avvertire dal gluteo fino al ginocchio, i sintomi peggiorano durante le rotazioni dell’anca e da seduti.

 

Dolore diffuso al ginocchio

Artrite del ginocchio

Artrite reumatoide
È la forma più debilitante di artrite, è una patologia autoimmune che può interessare quasi ogni articolazione del corpo, tra cui le ginocchia.
Anche se l’artrite reumatoide è una malattia cronica, la gravità e i sintomi possono essere intermittenti.

Gotta
Questo tipo di artrite si verifica quando i cristalli di acido urico si accumulano nell’articolazione.
La gotta generalmente colpisce l’alluce, ma può verificarsi anche al ginocchio.

Pseudogotta
Spesso scambiata per la gotta, la pseudogotta è causata dai cristalli di calcio che si accumulano nel liquido articolare.
Le ginocchia sono le articolazioni più colpito da pseudogotta.

Infezioni (o artrite infettiva)
La Gonorrea è una malattia che si trasmette sessualmente e può infettare il ginocchio.
Segni e sintomi
L’infezione del ginocchio provoca gonfiore e dolore al ginocchio.
Le persone con un ginocchio infetto possono avere febbre e brividi.
In caso di infezione lieve, è possibile che il paziente non abbia la febbre.
Trattamento
Il gonfiore e il dolore del ginocchio devono essere valutati attentamente.
Il trattamento prevede la terapia antibiotica ed eventualmente l’aspirazione del liquido articolare o il drenaggio chirurgico.

 

Ginocchio gonfio

Un ginocchio infiammato può essere la conseguenza di un trauma all’articolazione o di una distorsione che dannegga i legamenti o altre strutture interne, per esempio durante lo sci.
Il gonfiore (edema o versamento) non è sempre il segno di una lesione di ossa, cartilagine, legamenti o menischi, a volte è la conseguenza di uno sforzo eccessivo, un trauma o una distorsione che non causano danni.
Anche l’artrite può causare un edema del ginocchio nella parte anteriore o posteriore a livello della cisti di Baker.
Dopo un intervento chirurgico, ad esempio la ricostruzione del legamento crociato anteriore, il gonfiore rimane per alcuni mesi.

cisti,baker,accumulo,liquido,infiammatorio,dolore,ginocchio

Il gonfiore si accumula posteriormente nella cisti di Baker

La sinovite è l’infiammazione della membrana sinoviale dell’articolazione e si può verificare come conseguenza di un operazione al ginocchio, il versamento si accumula intorno alla rotula o nella cisti di Baker.

 

Dolore al ginocchio nei bambini

Il bambini possono avvertire fastidio in fase di crescita.
La sindrome di Osgood Schlatter è un disturbo che provoca dolore alla parte anteriore del ginocchio dove il tendine rotuelo (o legamento rotuleo) si inserisce nella parte superiore della tibia. Questo disturbo colpisce gli sportivi e migliora con il riposo.

 

Dolore quando si corre

Se si corre regolarmente sulla strada è probabile che si soffra di dolore al ginocchio con il tempo.
I disturbi al ginocchio del runner si verificano per l’uso eccessivo e sono la conseguenza di:

  1. Un cattivo allineamento del piede (pronato),
  2. Scarpe da corsa non adatte.

Il ginocchio del corridore è un termine usato per descrivere alcuni disturbi come:

  • La sindrome femoro-rotulea in cui la patella si trova si trova spostata verso un lato e gratta sul femore causando fastidio;
  • La tendinite del legamento rotuleo è una sindrome da sovraccarico del ginocchio che fa male sotto alla rotula;
  • La sindrome della bandelletta ileotibiale in cui il tendine striscia sull’osso sottostante e provoca dolore nella parte esterna dell’articolazione.

 

lesione della cartlagine del ginocchio,sindrome femoro rotulea

Dolore quando si piega il ginocchio

L’articolazione fa male quando si piega il ginocchio in caso di artrosifratture o se ci sono delle lesioni interne a: menisco, legamenti crociati o collaterali.
Se il movimento è limitato e si vede il gonfiore, quasi sicuramente c’è una lesione, ma anche una contusione può ridurre i movimenti di flessione ed estensione.
Se il ginocchio non si estende completamente è facile che ci sia una lesione del menisco.

 

Rottura del menisco,mediale,laterale,interno,esterno

Dolore al ginocchio a riposo

Il dolore al ginocchio a riposo, anche mentre si dorme durante la notte può essere causato da:

 

Dolore al ginocchio al mattino

Se il ginocchio fa male al mattino e poi passa dopo mez’ora circa, probabilmente la causa è l’artrosi, mentre se il fastidio persiste per almeno un ora è più facile che dipenda dall’artrite reumatoide o psoriasica.

 

dolore al ginocchio e gonfioreDolore al ginocchio operato

Dopo un operazione chirurgica è normale sentire fastidio per le prime settimane.
In base al tipo di intervento, il dolore al ginocchio dopo una meniscectomia si può sentire per circa 10/15 giorni, ma se il chirurgo ha effettuato altre procedure, per esempio: ricostruzione del crociato anteriore, lesione del legamento alare o una protesi di ginocchio, il dolore può restare anche per 3/4 mesi.
La rigidità è presente soprattutto “a freddo” e al risveglio, è normale sentire dolore quando la gamba è distesa nella prima fase della riabilitazione.

 

Dolore al ginocchio secondo la medicina naturale

In base alla naturopatia, le cause del dolore al ginocchio sono la cattiva alimentazione e la mancanza di esercizio fisico.
Molte persone sono migliorate o guarite con la dieta del gruppo sanguigno.
In base a questo tipo di alimentazione, la causa del dolore al ginocchio è una reazione immunitaria ad alcuni alimenti.
Inoltre, secondo questa teoria, l’artrosi o altre malattie non provocano sintomi nei pazienti che seguono un’alimentazione corretta.

Gli alimenti da evitare in caso di dolore e infiammazione al ginocchio sono:

  1. I dolci,
  2. Gli zuccheri,
  3. Latte e latticini,
  4. La frutta in eccesso, soprattutto per le persone di gruppo 0. Si può mangiare la frutta al mattino, senza esagerare.

Questi sono i principali alimenti responsabili, ma alcune persone possono avere reazioni immunitarie anche dopo aver mangiato altri cibi, per esempio le solanacee:

  1. Pomodori,
  2. Patate,
  3. Bacche di Goji,
  4. Melanzane,
  5. Peperoni.

 

Bisogna andare dal medico se:

  • Non si riesce a sopportare il peso sul ginocchio
  • L’articolazione è gonfia
  • Non si può estendere o flettere completamente il ginocchio
  • Si vede una deformità evidente nella gamba
  • In caso di febbre associata a rossore, dolore e gonfiore dell’articolazione.
  • Si sente il ginocchio instabile.

 

Diagnosi del dolore al ginocchio


Durante l’esame fisico, il medico deve verificare la presenza di gonfiore, dolore, rigidità, calore ed ematomi sul ginocchio
Successivamente deve valutare l’ampiezza del movimento, se si riesce a piegare e stendere completamente.
È importante controllare l’integrità dei legamenti e dei menischi con i test specifici per il ginocchio.

 

Esami di diagnostica strumentale

  1. Radiografia. Il medico può consigliare una radiografia per rilevare
    1. Le fratture ossee
    2. L’artrosi.
    3. Una massa tumorale
    4. Le condizioni di una protesi di ginocchio inserita in passato,
    5. Se il ginocchio è varo o valgo, cioè non è ben allineato.
  2. Tomografia computerizzata (TAC).La Tac può aiutare a diagnosticare i problemi ossei e vedere se ci sono corpi estranei.
  3. Ecografia. Questa tecnologia utilizza le onde sonore per creare immagini dei tessuti molli in tempo reale all’interno del ginocchio.
    Questo esame non è il più indicato perché non riesce a vedere l’interno dell’articolazione, quindi non serve per valutare i menischi, le ossa, i legamenti e il liquido articolare.
  4. La risonanza magnetica (RMN) utilizza onde radio e un potente magnete per visualizzare l’interno del ginocchio. Questo esame è particolarmente utile nel rivelare lesioni ai tessuti molli come legamenti, tendini, cartilagine e muscoli.
  5. Esami di laboratorio. Se il medico sospetta un’infezione, la gotta o la pseudogotta, è molto probabile che prescriva gli esami del sangue e l’artrocentesi (una procedura in cui si aspira una piccola quantità di fluido dall’articolazione con un ago e si invia ad un laboratorio per l’analisi).

 

 

21 comments on “Dolore al ginocchio
  1. Massimo Defilippo ha detto:

    Giuseppe, mi fa piacere per la tua testimonianza.
    Anch’io sono fermo sostenitore che la dieta deve far parte del programma di riabilitazione.
    Forse però non avete ancora trovato tutti gli alimenti benefici e nocivi.
    Non ci crederà, ma io dopo un giorno di mal di denti, ho mangiato alcune verdure e legumi, magicamente dopo mezz’ora il dolore era scomparso.
    Si tratta di un lavoro lungo, io consiglio di partire mangiando pochissimi alimenti in un giorno, poi si vede come va e si aggiunge un alimento o due al giorno per valutarne l’effetto.
    Per l’artrite idiopatica giovanile non ci sono molte altre terapie efficaci.
    Io consiglio di stare attenti anche alle combinazioni alimentari perché molti ignorano che il corpo digerisce un tipo di alimento alla volta. Non riesce a digerire proteine, carboidrati e grassi insieme. Figuriamoci la frutta alla fine del pasto.

    Sicuramente il movimento è fondamentale.

  2. giuseppe ha detto:

    Buongiorno dottore
    Mia Figlia ha 5 anni e l’anno scorso le è stata diagnosticata l’AIG oligoarticolare (ginocchia). Abbiamo fatto un anno di metotrexate e da giugno, concluso l’anno, abbiamo iniziato ad allungare l’intervallo tra le somministrazioni. Abbiamo avuto importanti risultati seguendo la dieta dei gruppi sanguigni (0 positivo), glutine, latte e derivati, mais, carne di maiale, ecc, passando da 2 somministrazioni di antidolorifico a settimana (tachipirina) a circa 1 al mese. Sono con la presente a chiederle gentilmente un consiglio su come intervenire su questi stati dolore al ginocchio al fine di evitare la tachipirina. Al momento uso dell’arnigel e del ghiaccio ma non sempre me la cavo e purtroppo adesso si appressa un gonfiore di liquido sotto alla rotula. Stasera provo a farla dormire con un impacco di argilla. Potrebbe darmi delle informazioni migliorative su questi trattamenti naturali o consigliarmi altro? grazie

  3. Vicky,
    La salute secondo me si conquista attraverso diversi step (passaggi).
    Innanzitutto bisogna controllare l’alimentazione, purtroppo l’alimentazione occidentale è squilibrata verso cibi pronti con sodio, prodotti cotti e trasformati (che inibiscono l’attività degli enzimi), cereali, latticini e bevande stimolanti.
    Cambiando l’alimentazione ed eliminando gli alimenti che ho scritto si può avere un miglioramento importante anche dei dolori muscolo scheletrici.

    Esercizi – l’attività fisica è fondamentale, senza movimento si blocca la circolazione, si perde la consapevolezza dei giusti schemi di movimento e questo causa la contrazione continua di alcuni muscoli.
    La conseguenza è il dolore.
    Può fare nuoto se non riesce a correre o ad andare in bicicletta.

    Manipolazioni – se tutto questo non fosse sufficiente, a volte ci sono dei blocchi articolari o trigger point muscolari che un osteopata o un terapista manuale possono eliminare.

  4. vicky ha detto:

    Buongiorno mi piadre che ha 79 anni e si trova alle canarie, in seguito ad una caduta in bicicletta, avverte da oltre un mese dolore nel retro del ginocchio e fatica parecchio a camminare, La radiografia non ha evidenziato nulla di particolrae ( artrosi) il dolore persiste nonostante creme locali, analgesici, ghiccio e riposo. Cos ‘altro si puo’ fare ? Grazie

  5. Matteo, potresti avere delle artriti causate da alcuni alimenti, farmaci, integratori o altri motivi.
    Ma potresti avere anche qualche blocco articolare da sbloccare con esercizi ed eventualmente manipolazioni.
    La cartilagine e il dolore sono due cose separate, collegate solo in parte.
    Per il dolore potresti fare le terapie indicate sopra, mentre per la cartilagine c’è poco da fare se non un attività fisica regolare per nutrire la cartilagine rimasta ed eventualmente delle iniezioni di acido ialuronico per favorire lo scorrimento e prevenire un peggioramento.

  6. Matteo ha detto:

    Buongiorno, da tempo soffro di dolore alle ginocchia dovuto alla cartilagine consumata. Sono uno sportivo che si allena 4 volte alla settimana (calcio).
    Inoltre di recente dopo attività sportiva, oltre il solito dolore alle ginocchia, avverto anche un dolore al tendine d’achille.
    E’ possibile che sia dovuto alla postura?
    Soprattutto come posso alleviare il dolore alle ginocchia e di conseguenza diminuire il consumo della cartilagine?

    Grazie

    Cordiali saluti

  7. Beniamino,
    la prima cosa a cui ho pensato è una lesione del menisco laterale, ma se hai fatto tante visite fisioterapiche penso che te l’avrebbero già visto con i test fisici.
    Se non hai avuto traumi, potresti avere un disturbo chiamato sindrome della bendelletta ileotibiale, si tratta di un infiammazione/retrazione del lungo tendine che origina dal tensore della fascia lata e termina a livello della tibia, nella parte esterna del ginocchio.
    Nella parte esterna del ginocchio (posteriormente) c’è il tendine del bicipite femorale che potrebbe avere una tendinite.

  8. beniamino ha detto:

    buongiorno,
    volevo ricevere una consulenza:
    da tempo soffro di un dolore nella parte esterna del ginocchio destro che si presenta solo quando mi alzo, mi piego a più di 90 gradi.
    ho fatto varie visite fisioterapiche senza nessun esito.
    resto in attesa di un suo gentile consiglio
    grazie

  9. Eleonora, la prima cosa che mi viene in mente senza vederti è il menisco, ma non posso essere sicuro.
    Ti consiglio di andare da un ortopedico che ti farà i test fisici ed eventualmente ti prescriverà una risonanza magnetica per confermare la diagnosi.

  10. eleonora ha detto:

    salve , sabato mentre ero a fare la spesa mi sono dovuta flettere sulle ginocchia per prendere un pacco di biscotti e ho avuto un fortissimo dolore sulla parte esterna del ginocchio dx, tanto da aver trovato difficoltà ad rialzarmi e a riuscire a camminare per i 5 minuti successivi.Nel tempo successivo il dolore si è attenuato ma non riesco più a flettere il ginocchio a più di 45° senza avere fastidio,e per alcuni aspetti anche un leggero dolore, ma ho anche lo stesso fastidio nello stenderlo ed non so come spiegarlo ma è come se fosse incastrato e non più fluido nei movimenti. Premetto che non pratico nessuna attività fisica, se non camminare per 30 minuti il fine settimana.
    Cosa potrebbe essere? Ho 32 anni .
    Ringrazio anticipatamente.
    Eleonora

  11. Grazie per l’aggiornamento!

  12. Roberto Palumbo ha detto:

    Grazie, ho seguito il consiglio e mi sono sottoposto a visita specialistica presso un ortopedico. La diagnosi è tendinite rotulea sinistra, che sarebbe insorta dopo che per alcuni mesi avevo cominciato (a 46 anni) a fare un po’ di corsa (5 km una volta a settimana). Mi è stato suggerito di fare sedute di Tecarterapia, Kinesi attiva + passiva ed elettrostimolazioni compex. Grazie ancora e cordiali saluti. Roberto

  13. Roberto, tra ecografia e risonanza magnetica preferisco la visita specialistica.
    Perdona la provocazione scherzosa, ma se il dolore si presenta solo dopo 20 minuti che stai seduto, la prima cosa a cui penso è una sindrome femoro-rotulea: http://www.fisioterapiarubiera.com/dolore-ginocchio/sindrome-rotulea-cartilagine/
    In tal caso la risonanza può essere utile, ma l’ortopedico può fare dei test fisici fondamentali.
    Non sempre le anomalie anatomiche corrispondono ai sintomi.

    L’ecografia al ginocchio non la ritengo utile, tranne se il sospetto è una:
    1) Tendinite,
    2) Infiammazione dei legamenti collaterali,
    3) Borsite (in tal caso di solito si vede a occhio nudo).

  14. Roberto Palumbo ha detto:

    Buongiorno e complimenti per il sito. Provo a chiedere un aiuto: da maggio ho un dolore al ginocchio sinistro, davanti, che si presenta quando sono in posizione seduta. Dopo una ventina di minuti avverto una fitta che si fa sempre più intensa e che poi scende verso il basso. Il medico di base mi ha suggerito di fare un’ecografia: meglio ecografia, risonanza o radiografia? Grazie. Cordiali saluti

  15. Monica, non si può escludere la sindrome femoro-rotulea (iperpressione esterna della rotula), in tal caso sarebbe utile una risonanza.
    Se avessi questo disturbo il dolore si presenta dopo molto tempo che stai seduta, per esempio al cinema.

  16. Monica Di Lalla ha detto:

    Esattamente se accavallo la gamba è proprio nella parte più esterna…grazie ancora

  17. Monica Di Lalla ha detto:

    Il dolore è nella parte centrale…grazie mille

  18. Monica,
    un trauma fa male subito o il giorno dopo, escludiamo che sia causato dal trauma di 3 mesi fa.
    Senza sapere dove ti fa male esattamente faccio fatica a ipotizzare, ma una casalinga di 42 anni che ha male alla pressione o inginocchiandosi mi fa pensare subito a una borsite prerotulea.
    Tuttavia, dovrebbe essere gonfio, come una pallina davanti alla rotula.
    Se non è gonfio, penserei ad una tendinite del tendine rotuleo.
    L’ecografia è un esame veloce e non invasivo che aiuterebbe molto.
    Prova a parlarne con il medico.

  19. Monica Di Lalla ha detto:

    Buongiorno,ho 42 anni e da quattro giorni sento tipo una puntura di ago al ginocchio destro. Prefetto che non faccio sport e conduco una vita da classica casalinga! Tre mesi fa sono caduta ma mi sono fatta male al piede sinistro… Può dipendere da quello o altro secondo voi? Mi fa male solo se lo tocco o mi ci inginocchio su…grazie mille di una vostra pronta risposta!

  20. Se utilizzi un macchinario portatile, ci dovrebbe essere il programma edema osseo, altrimenti puoi utilizzare il programma frattura.

  21. Matteo ha detto:

    Buongiorno, complimenti per gli articoli molto interessanti del vostro sito. Mi è stato diagnosticato un edema osseo subcondrale ad un ginocchio. Sto effettuando, esercizi di fisioterapia, terapia farmacologica e magnetoterapia. Sapreste aiutarmi indicandomi i valori ottimali di HZ e Gauss da utilizzare nell’apparecchio da magnetoterapia che utilizzo a casa?
    Grazie mille. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Medica  –  What Do You See?