Protesi al ginocchio – riabilitazione, durata e tempi di recupero

Tempi di recupero e prognosi della protesi di ginocchio

I risultati di un intervento di protesi totale del ginocchio sono spesso eccellenti. Dopo l’operazione chirurgica, nove pazienti su dieci provano meno dolore e una maggiore mobilità.
Bisogna effettuare regolari check-up (controlli) del ginocchio e la riabilitazione con esercizi di fisioterapia.
La maggior parte delle persone non hanno bisogno di aiuto a camminare dopo un recupero completo.

Quanto dura la protesi?

La protesi di ginocchio dura circa 10-15 anni. Alcune possono durare fino a 20-25 anni prima di non essere più idonee e devono essere sostituite nuovamente.

Riabilitazione dopo protesi di ginocchio

Riabilitazione post-intervento di protesi di ginocchio
Esercizio terapeutico e mobilità funzionale:
• Esercizi (seduti e sdraiati) passivi, attivi con l’aiuto del fisioterapista, attivi.
Mobilizzazione passiva del ginocchio.
Massoterapia dei tessuti molli.
• Contrazione Isometrica (assenza di movimento) dei muscoli.
• Alzare la gamba distesa (elevazione)
• Aumento dell’arco di movimento (ROM) e rinforzo muscolare.
• Esercizi a catena cinetica chiusa (con il piede appoggiato) solo se l’articolazione è poco dolorosa e possiede una  buona forza muscolare.
• Rieducazione al cammino su superfici piane e sulle scale.
• Addestramento ai cambiamenti posturali.
Riprendere le normali attività
Dopo le dimissioni si deve continuare l’attività fisica.
Bisogna aspettare dei “giorni buoni” e dei “giorni cattivi”, si dovrebbe notare un miglioramento graduale e un aumento progressivo della resistenza muscolare nei successivi 6-12 mesi.
Esercizi di fisioterapia – Si continuano a fare gli esercizi prescritti per almeno due mesi dopo la chirurgia. Fare cyclette può aiutare a mantenere alto il tono muscolare e favorisce la flessibilità del ginocchio.
Si deve cercare di raggiungere il massimo grado di flessione (piegamento) ed estensione possibile.

Guidare l’ automobile – Se il ginocchio operato è il sinistro e si possiede una vettura col cambio automatico, si può iniziare a guidare in una settimana o poco più.
È necessario terminare la terapia farmacologica contro il dolore.
Se il ginocchio operato è il destro, si deve evitare di guidare per sei-otto settimane. Si ricorda che i riflessi non potrebbero essere buoni come prima dell’operazione.
Metal Detector negli aeroporti – Il suono al passaggio sotto il macchinario dipende dalla sensibilità del metal detector ed è improbabile che la protesi causi un allarme.
Si dovrebbe portare un certificato medico che certifica la presenza di un ginocchio metallico.
Attività sessuale – L’attività sessuale può essere ripresa dopo quattro – sei settimane dall’intervento chirurgico.
Posizioni in cui dormire – Si può dormire sulla schiena, su entrambi i lati o sulla pancia.
Ritorno al lavoro – Il ritorno all’attività lavorativa dipende dal tipo di mansione che si svolge. È possibile che passino fino a sei-otto settimane prima tornare al lavoro.
Altre attività – camminare a piacere, ma si ricorda che il cammino non sostituisce gli esercizi indicati dal medico e dal fisioterapista. Si raccomanda di nuotare.
Si può iniziare appena sono stati rimossi i punti di sutura e la ferita è cicatrizzata all’incirca dopo 6-8 settimane dopo l’intervento chirurgico.
Le attività accettabili sono ballare, giocare a golf e andare in bicicletta su superfici piane.
Bisogna evitare: tennis, arrampicata, sport da contatto (come il calcio, baseball, football americano e rugby), squash, sci o correre.
Non si dovrebbe eseguire alcun lavoro pesante (con spostamento di oltre 18 kg) o sollevamento pesi.

Protocollo riabilitativo

Fase I: fase post chirurgica (giorni 0-3):
Gli obiettivi dell’intervento di fisioterapia durante la fase post-operatoria precoce sono i seguenti:
– Diminuire il gonfiore,
– Aumentare l’ampiezza di movimento,
– Migliorare la forza muscolare,
– Massimizzare l’autonomia del paziente.
Fase II – fase di movimento (giorno 3 – settimana 6)

Esercizi terapeutici:

• Stretching in flessione ed estensione.
• Cyclette: si inizia con movimenti circolari parziali (un quarto di cerchio) per poi giungere ad ampiezze maggiori fino al giro completo.
• Mobilizzazione della rotula e del ginocchio.
• Continuare con gli esercizi isometrici del quadricipite, bicipite femorale e glutei.
•  Movimenti con la gamba distesa sui 4 piani (flessione, abduzione, adduzione, estensione)
Settimane 4-6
• Continuare con gli esercizi precedenti e con l’attività isometrica (contrazioni in assenza di movimento).
• Iniziare gli esercizi isotonici (il movimento isotonico prevede una contrazione del muscolo mentre la gamba si muove).
• Step sul piano frontale e laterale .
• Affondi frontali a 1/4.
• Uso della posizione seduta per aumentare la flessione di ginocchio durante i momenti di pausa.
• Continuare la cyclette per aumentare l’ arco di movimento.
• Iniziare un programma in piscina riabilitativa se le lesioni cutanee dove il ginocchio è stato inciso sono guarita.
Fase III – fase intermedia (settimana 7-12)

Esercizi terapeutici:

• Continuare con gli esercizi elencati nella Fase II aumentando la resistenza e le ripetizioni. Si raccomanda di valutare la stabilità delle articolazioni di anca e ginocchio e di spiegare bene ai pazienti come si eseguono gli esercizi.
• Continuare la mobilizzazione delle articolazioni della rotula e del ginocchio.
• Iniziare un programma di allenamento alla fatica, camminando o andando in piscina.
• Iniziare gli esercizi per recuperare l’equilibrio compatibili con l’età del paziente.
Fase IV – rafforzamento avanzato (settimana 12-16)

Esercizi terapeutici:

• Continuare gli esercizi precedenti con progressione della resistenza e delle ripetizioni.
• Aumentare la durata delle attività di resistenza.
• Iniziare il ritorno ad attività specifiche\ricreative: corsa, tennis, golf, ecc.

Leggi anche:

tecar

Tecarterapia

La Tecarterapia è una terapia che sfrutta il principio elettrico del condensatore per curare molti disturbi muscolo scheletrici. Il nome

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di Testa Dolore al petto Dolore all'Anca Dolore al Piede Dolore al Collo Dolore alla Spalla Dolore al Gomito Mal di Schiena Dolore al Ginocchio Dolore al Piede
© bestdesign36 - bigstockphoto.com
Chiudi Menu