Oggi ti parlo della lesione al menisco, del segreto che nessuno scrive e ti spiego i diversi tipi di rottura.

Quindi, se il menisco ti fa soffrire, questa guida ti piacerà.

Ok, Iniziamo!

La lesione al menisco (o rottura) è un infortunio del ginocchio piuttosto frequente che causa dolore nell’articolazione del ginocchio.

Ci sono due menischi all’interno del ginocchio che si trovano tra:

  • Il femore,
  • La tibia.

I menischi:

  • Sono composti da fibrocartilagine,
  • Hanno una forma semicircolare che si adatta alla superficie articolare della tibia.

Menischi-del-ginocchio

Un menisco è sulla parte interna del ginocchio, mentre l’altro è sul lato esterno.

Il menisco che si rompe più facilmente è quello mediale perché ha una scarsa mobilità.

Cisti-meniscale

Se il ginocchio si muove troppo rapidamente il menisco interno si può stirare eccessivamente  causando una lesione.

Se questa rottura si estende dall’apice del menisco al bordo esterno, si può sviluppare una cisti meniscale (una raccolta di liquido sinoviale lungo il bordo esterno del menisco).

La prevenzione della fissurazione meniscale è molto difficile.

Per ridurre il rischio, i consigli sono:

  • Il rinforzo dei muscoli deboli del ginocchio,
  • La riduzione della rigidità del tessuto connettivo,
  • Lo scioglimento delle contratture muscolari, in particolare dei muscoli posteriori della coscia.

 

Chi colpisce?

L’incidenza e la frequenza delle lesione del menisco sono in crescita, possono colpire chiunque, ma gli atleti che praticano sport di contatto hanno più probabilità.

lesione menisco chi colpisce

Gli sport che prevedono dei movimenti di rotazione con il piede fermo a terra sono più a rischio, in particolare:

  • Il calcio,
  • Il football,
  • Il basket,
  • La pallavolo.

 

Il rischio di sviluppare la rottura del menisco aumenta con l’età perché la cartilagine inizia a logorarsi gradualmente.

Questo è dovuto al calo dell’afflusso di sangue.

L’aumento del peso corporeo causa ancora più pressione sul menisco.

Si stima che 6 su 10 pazienti di età superiore ai 65 anni presentino una lesione degenerativa del menisco.

Molte di queste lesioni possono non causare mai problemi.

Cos’è la meniscosi?

Il menisco si può lesionare anche a causa dell’usura.

Può degenerare esattamente come l’artrosi nelle articolazioni, in tal caso si indica come meniscosi.

Questa patologia tipica degli anziani e degli adulti è caratterizzata da una lenta erosione della fibrocartilagine, anche in mancanza di traumi:

  • Diretti,
  • Indiretti.

Nel caso in cui il tutto il menisco sia degenerato, la funzione di ammortizzatore è gravemente compromessa.

La conseguenza è che la cartilagine all’estremità del femore e della tibia è ipersollecitata.

In questo caso si può sviluppare l’artrosi al ginocchio precoce.

 

Quale parte del menisco si rompe?


Ci sono diversi tipi di lesione meniscale.

Perché è così importante capire dove e come si è rotto?

La diagnosi del tipo di rottura del menisco è fondamentale perché solo alcune lesioni possono essere operate.

La rottura si verifica più frequentemente a livello del corno posteriore del menisco mediale.

Nel corno anteriore del menisco laterale è più rara.

 

Perché si possono rompere il menisco e i legamenti insieme?

rompere-il-menisco-e-i-legamenti

Alcune delle fibre meniscali sono interconnesse con quelle dei legamenti che circondano il ginocchio.

Le lesioni del menisco possono essere associate alle lesioni di:

  • Legamenti collaterali,
  • Legamenti crociati.

Il legamento colpito dipende da come è avvenuta la lesione.

 

Il segreto sulla lesione del menisco

Menisco esterno e muscolo popliteo

I menischi si muovono, non sono statici e bloccati:

  • Durante la flessione del ginocchio, i menischi si spostano indietro
  • In estensione si spostano avanti.

segreto-sulla-lesione-del-menisco

Il menisco interno è trascinato indietro:

  • Da un’estensione del tendine del semimembranoso,
  • Dalle fibre del legamento crociato anteriore.

 

Il menisco esterno è tirato indietro dall’estensione del tendine del muscolo popliteo.

In estensione i menischi sono trascinati avanti dalla tensione dei legamenti menisco-rotulei.

Il menisco esterno è trascinato avanti anche:

  • Dal legamento menisco femorale,
  • Dal legamento crociato posteriore.

Ora ti ho spiegato che i menischi non sono solo incollati alla tibia, ma sono collegati ad altre strutture che possono alterarne il movimento.

Ora immagina di avere delle forti contratture al muscolo semimembranoso, cosa accede ai menischi?

I menischi rimangono indietro invece di spostarsi avanti.

Inoltre, durante i movimenti il muscolo è allungato.

Quindi, il dolore al ginocchio simile a quello meniscale può essere causato da questi muscoli.

In questo caso, i test per il menisco sono positivi, ma la risonanza magnetica non mostra lesioni.

In pratica, se i muscoli che muovono il menisco sono contratti o hanno dei trigger point attivi possono:

  • Cambiare il movimento dei menischi,
  • Causare dolore.

Ora immagina un atleta che ha un problema a questo muscolo.

Durante un cambio di direzione c’è la rotazione del femore mentre la gamba rimane ferma perché il piede rimane appoggiato a terra.

A questo punto potrebbe avere una fitta di dolore che riduce la forza dato che il muscolo era accorciato e non ha consentito al menisco mediale di spostarsi avanti.

In pratica c’è uno stiramento di un muscolo che può causare l’infiammazione del tendine.

In questo caso, il dolore si sente dove si scarica la forza, quindi nell’inserzione del tendine nell’osso.

Se la retrazione muscolare di popliteo e semimembranoso è minima potrebbe verificarsi solo una lieve infiammazione.

Tuttavia, in caso di contrattura importante:

  • Si può avere il dolore meniscale classico,
  • I test sono positivi per la rottura del menisco.

contrattura-muscolare-può-mimare-un-menisco-rotto

In un atleta si potrebbe avere:

  • Un dolore nei cambi di direzione,
  • La perdita della forza del quadricipite.

Questo accade perché il muscolo è accorciato e non ha permesso al menisco interno di spostarsi in avanti.

Tutto ciò per una “semplice contrattura”.

Inoltre, potrebbe non esserci un infortunio acuto.

La cartilagine del ginocchio può essere danneggiata a causa:

  • Dell’usura,

  • Dell’artrite.

Questo può favorire una lesione degenerativa del menisco.

 

Tipi di lesione del menisco

Lesione radiale del menisco

Lesione-radiale-del-menisco

La lesione radiale inizia lungo il bordo interno del menisco e lo attraversa completamente o parzialmente.

Questo tipo di rottura si verifica spesso nel menisco laterale.

Una lesione obliqua è il tipo più frequente di rottura meniscale.

Quando una lesione radiale del menisco è piccola, è difficile da identificare.

Tuttavia, quando cresce e diventa una rottura completa si denomina lesione a becco di pappagallo che vediamo dopo.

La lesione radiale del menisco è spesso associata alla rottura del legamento crociato anteriore (LCA).

Sembra la perdita di un pezzo di menisco.


Lesione del menisco di tipo Flap o a becco di pappagallo

Lesione del menisco di tipo Flap o a becco di pappagallo

In caso di rottura radiale non operata, generalmente di tipo obliquo, il corpo umano può tentare di auto-guarirsi formando un becco arrotondato simile a quello di un pappagallo.

Questa parte di menisco può interferire con l’articolazione.

Con il tempo, la lesione flap cresce e può causare un blocco articolare durante il movimento.

La lesione a becco di pappagallo è causata da:

Si riscontra spesso insieme ad altre lesioni.

Questo danno è riparabile con una sutura (cucitura).

La parte interna non può guarire a causa dello scarso afflusso di sangue in questa zona, quindi il chirurgo rimuove una parte di menisco (meniscectomia).

La cosa importante è far guarire la parte esterna perché è più importante per il ginocchio.

Entra nel gruppo facebook più attivo che parla di dolore al ginocchio, clicca qui.

Lesione del menisco longitudinale o circonferenziale

Lesione-del-menisco-longitudinale

Una lesione longitudinale si estende longitudinalmente, seguendo la direzione delle fibre di collagene che decorrono parallele al bordo del menisco.

Questo tipo di rottura divide il menisco in due parte:

  • Sezione interna,
  • Sezione esterna.

Tuttavia, la rottura generalmente non tocca il bordo del menisco.

Generalmente si trova più mediale che laterale ed è provocata da alcuni movimenti ripetuti.

In genere inizia come una lacerazione parziale nel corno posteriore che potrebbe anche guarire da sola.

Lesione del menisco a manico di secchio

Lesione-del-menisco-a-manico-di-secchio

Se la rottura longitudinale non guarisce correttamente può portare ad una lesione con distacco, nota come lesione a manico di secchio.

Questa è una rottura completa che va dalla superficie superiore a quella inferiore, ma non tocca mai il bordo interno del menisco.

C’è il rischio che il manico si possa capovolgere e possa causare il blocco del ginocchio perché impedisce l’estensione.

Questo tipo di lesione rappresenta il 10% di tutte le rotture del menisco e provoca il blocco in flessione del ginocchio.

Si vede più spesso nei giovani atleti ed avviene nel 50% circa delle lesioni del crociato anteriore.

Questo tipo di lesione dev’essere tenuto in considerazione più degli altri perché spesso porta all’intervento chirurgico.

Infatti, il problema del menisco non è il dolore, ma i sintomi meccanici: blocco e click durante i movimenti.

 

Lesione del menisco orizzontale

Lesione-orizzontale-del-menisco

Una frattura orizzontale inizia come una rottura nella parte più profonda del menisco.

Questa lesione separa il menisco in una sezione superiore e una inferiore (come un panino a fette).

Spesso non è visibile e si sposta dal corno posteriore o da metà sezione verso l’interno del menisco.

Le rotture orizzontali sono rare e spesso iniziano:

  • Dopo un trauma minore in rotazione,
  • Per la degenerazione.

Spesso avviene nel menisco laterale, tuttavia si può verificare in entrambi i menischi.

Una frattura con distacco orizzontale (nota anche come clivaggio) si può sviluppare se la lacerazione non è curata.

Questo tipo di rottura è orizzontale sulla superficie del menisco e crea un lembo che scatta quando il ginocchio si muove.

Quindi il paziente può sentire un click quando prova a piegare la gamba.

Per comprendere meglio questa lesione, bisogna pensare al menisco come se fosse diviso in due fette.

La parte superiore:

  • Si separa,
  • Si capovolge.

Il risultato finale è simile ad un libro aperto.

Si verifica a causa di una forza importante che rompe il menisco dall’interno.

Può facilmente diventare una lesione complessa se non è curata.

 

Cosa fare? Come si cura la lesione del menisco?

La lesione del menisco può essere trattata in modo conservativo (senza operazione) oppure in modo chirurgico.

Gli studi mostrano che prima di andare sotto ai ferri è consigliata la fisioterapia perché il dolore può scomparire anche senza l’intervento.

Come si cura la lesione del menisco

Tuttavia, se la fisioterapia non fosse sufficiente, l’ortopedico può consigliare due tipi di operazione in base alla lesione:

  1. Riparazione,
  2. Meniscectomia parziale o totale (rimozione di una parte o tutto il menisco).

Il chirurgo rimuove il lembo durante l‘intervento chirurgico per evitare ulteriori lesioni.

Se la periferia del menisco non è compromessa ed è rimasta abbastanza fibrocartilagine, dopo l’intervento la funzione di ammortizzatore del menisco si mantiene.

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera