Conflitto Femoro-Acetabolare: la Guida Definitiva (2019)

Questa è la guida definitiva sul conflitto (o impingement) femoro-acetabolare.

E voglio essere chiaro riguardo a questo:

In questa pagina ti spiego come riconoscere questo disturbo e perché si sviluppa, così potrai fare le scelte giuste senza farti influenzare dal dolore.

Ok, andiamo nel dettaglio.

Il conflitto femoro acetabolare si verifica quando le ossa che formano l’anca (testa del femore e acetabolo) non combaciano perfettamente.

Nei movimenti (soprattutto quelli estremi) il contatto anomalo tra femore e acetabolo può causare dei danni ad alcuni elementi dell’articolazione, come il cercine (anello di cartilagine fibrosa sul bordo articolare) e la cartilagine.

Perché fa male?

Il cercine è molto vascolarizzato (è servito da tanti vasi sanguigni) ed innervato (arrivano tanti nervi).

Una lesione traumatica a questo livello può causare un forte dolore, perché i nervi trasportano i segnali del dolore.

Inoltre con il tempo si può verificare la formazione di becchi ossei sul bordo dell’articolazione.

Chi colpisce?

Il conflitto femoro-acetabolare è più frequente nei giovani pazienti sportivi o negli adulti intorno ai 50 anni.

Classificazione del conflitto femoro acetabolare

Esistono tre tipi di impingment:

  • Cam,
  • Pincer,
  • Misto.

1) Tipo Cam

“Cam” sigifica che la testa del femore perde la sua normale forma sferica e diventa più ovale.

conflitto-femoro-acetabolare
© shutterstock.com

In pratica c’è una crescita ossea (di alcuni millimetri) tra la testa e il collo del femore.

Quindi la forma della testa femorale cambia.

Questo tessuto osseo eccessivo urta contro il margine superiore dell’acetabolo e provoca una limitazione del movimento.

2) Tipo Pincer

In questo caso la deformazione è data dall’acetabolo che è più profondo.

C’è un conflitto di tipo a tenaglia perché l’acetabolo copre in modo eccessivo la testa del femore.

La conseguenza è la riduzione del movimento.

3) Tipo Misto

In questo caso c’è una testa femorale deformata e anche un acetabolo più profondo del normale (pincer).

Se queste patologie non sono riconosciute, dopo 20-30 anni si sviluppa l’artrosi.

Se la persona affronta il problema precocemente, si può effettuare un intervento in artroscopia per eliminare l’osso in eccesso e riattaccare il cercine.

L’operazione non dà un beneficio assoluto, ma permette di evitare la degenerazione precoce dell’articolazione.

Quali sono le cause del conflitto femoro-acetabolare?

Secondo molti autori, il conflitto è causato dalla crescita eccessiva di tessuto osseo che schiaccia le strutture intorno all’articolazione, in particolare:

  1. La capsula articolare,
  2. Il labbro acetabolare.

Tuttavia,

Secondo l’autorevole professoressa S. Sahrmann, il conflitto femoro-acetabolare può essere causato dalla debolezza e dallo stiramento del muscolo ileo-psoas.

psoas iliaco, muscolo
© fotolia.com

Infatti, questo muscolo si inserisce sulla capsula anteriore dell’anca.

Quindi,

La contrazione del muscolo ileo-psoas tira la testa femorale verso l’alto e l’interno.

In questo modo, permette alla testa del femore di muoversi senza “pizzicare” la capsula.

In conclusione, la debolezza del muscolo ileo-psoas può favorire il conflitto della capsula articolare.

Se la vera causa del dolore ti ha sorpreso, condividila con i tuoi amici:

Quali sono i sintomi del conflitto femoro acetabolare?

Su questo capitolo ci sono versioni contrastanti.

Secondo alcuni autori, il femore gratta contro il bordo dell’acetabolo provocando dolore.

Inoltre dividono questo disturbo in 3 fasi:

  • Fase precoce: dolore inguinale che arriva fino al gluteo, il dolore si presenta solo dopo uno sforzo fisico intenso.
  • Fase intermedia: dolore sia durante uno sforzo fisico che facendo un movimento di flessione e rotazione interna.
  • Fase avanzata: dolore camminando e anche a riposo. Il passo diventa più corto e la punta del piede si sposta verso l’esterno per ridurre la flessione e la rotazione interna (i movimenti più dolorosi). Quindi il paziente zoppica.

Tuttavia, gli studi scientifici mostrano che tante persone con il conflitto femoro-acetabolare non hanno dolore.

Per esempio:

  1. Secondo uno studio di Jung et al. (2011), su 419 persone che non avevano sintomi, il 13.95% aveva un conflitto di tipo CAM patologico, mentre il 14.88% era borderline (al limite).
  2. C’è anche uno studio di Hack et al. (2010) su 200 persone che non hanno mai avuto un intervento all’anca o problemi all’anca nell’infanzia. In base a questa ricerca il 14% delle persone senza sintomi ha la deformità di tipo CAM in almeno un anca.

Quali esami e test devo fare per il conflitto femoro-acetabolare?

I test ortopedici per questo tipo di patologia permettono di capire il tipo di conflitto in base all’area del dolore:

  • Dolore al gluteo: l’alterazione ossea è a livello dell’acetabolo,
  • Dolore inguinale o trocanterico: conflitto a livello della testa del femore.

La diagnosi, inizialmente, è soprattutto clinica.

  • Segno della “C”. Il dolore si irradia dall’inguine al gluteo secondo un percorso a forma di C .
  • Log-Roll test: è un test di rotazione dell’arto in posizione supina. Confrontando la gamba interessata con la gamba sana, si osservano i movimenti di intra- ed extra- rotazione.
  • Impingement test: con il ginocchio ed anca flessa a 90°, si valutano intra- ed extra- rotazione e si valuta una limitazione nell’escursione del movimento.
    Si fanno movimenti di adduzione, abduzione, rotazione esterna e interna.
    Il test di conflitto o di impingement si effettua spingendo la testa del femore contro il cercine anteriore poi ruotandolo si porta nella parte più posteriore.

Radiografia

È necessaria una radiografia standard per valutare la deformità delle ossa dell’anca.

1) In questa immagine, si vede che la testa non è perfettamente sferica ma ovale, si tratta quindi di un impingement di tipo CAM.

Segno tipico di questo tipo di conflitto è la deformità asferica della testa femorale.

conflitto femoro acetabolare, cam, radiografia
© Massimo Defilippo

2) Nella seguente immagine la testa del femore è sferica ma l’acetabolo la copre eccessivamente, quindi l’impingment è di tipo PINCER.

Segno tipico e importante da controllare del pincer FAI è il l’acetabolo retroverso (che guarda posteriormente) o profondo.

conflitto femoro-acetabolare, Pincer
© Massimo Defilippo

Si può vedere il ciglio (margine esterno) dell’acetabolo anteriore e posteriore.

Un segno molto importante da ricercare è la presenza della spina ischiatica.

Se la radiografia con proiezione antero-posteriore (di fronte) mostra la spina ischiatica, vuol dire che l’acetabolo è retroverso.

Se l’acetabolo è retroverso, si sviluppano delle alterazioni sul cercine e sulla cartilagine.

Tac e Risonanza magnetica

Si effettuano per approfondimenti prima di un intervento chirurgico, per valutare soprattutto i tessuti molli che nella radiografia non si vedono.

Cosa fare? Terapia per il conflitto femoro-acetabolare

La ricerca scientifica ha dimostrato che cambiando le abitudini quotidiane, il dolore all’anca da conflitto diminuisce significativamente.

Per esempio:

Seduto: evitare di incrociare le gambe appoggiando un ginocchio sull’altro.
Si possono accavallare le gambe, ma solo appoggiando la caviglia sul ginocchio opposto (in rotazione esterna dell’anca).

postura corretta, dolore anca
© Massimo Defilippo

Se questo esercizio ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:
Sdraiato sul fianco: dormire con un cuscino tra le caviglie e le ginocchia. Evitare un’eccessiva flessione dell’anca durante il sonno.

postura a letto, cuscino tra le ginocchia
© shutterstock.com

Se la corretta postura a letto ti è piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Evitare il ciclismo perché è caratterizzato da un’eccessiva flessione dell’anca.

Dopo aver eliminato i sintomi, bisogna stare attenti quando si ritorna alle normali attività.

Programma di esercizi per il conflitto femoro-acetabolare

Sumo squat

Effettuare il sumo squat (con le gambe molto divaricate e i piedi che guardano in fuori) invece dello squat normale.

sumo-squat
© Massimo Defilippo

Se il sumo squat ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Esercizio da supino (pancia in su)

In posizione supina, la persona deve portare passivamente il ginocchio al petto con l’anca ruotata verso l’esterno e abdotta (in pratica il ginocchio deve guardare in fuori).

Interrompere l’esercizio quando si sente il click.

flessione-anca-supino
© Massimo Defilippo

Se questo esercizio ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Esercizio sul fianco

In posizione sdraiata sul fianco, bisogna effettuare l’abduzione e rotazione esterna con il ginocchio leggermente flesso.

abduzione-rotazione-esterna-sul-fianco
© Massimo Defilippo

Se questo esercizio ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Esercizio da prono (pancia in giù)

In posizione prona:

1. Primo esercizio
Piegare il ginocchio.

Quando il ginocchio è flesso a 90 gradi, ruotare l’anca verso l’esterno (la caviglia va sopra al ginocchio).

rotazione esterna anca, prono
© Massimo Defilippo

2. Secondo esercizio
Appoggiare un cuscino sotto l’addome,

Piegare completamente il ginocchio, estendere e ruotare leggermente l’anca verso l’esterno contraendo il muscolo grande gluteo.

Limitare il movimento di estensione alla posizione neutra dell’anca (il femore è sulla stessa linea della schiena, non sopra).

estensione rotazione esterna anca, prono
© Massimo Defilippo

Se questo esercizio ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Esercizio su una gamba sola

In piedi su una sola gamba, piegare il corpo in avanti e l’altro arto inferiore posteriormente.

esercizio glutei, equilibrio
© Massimo Defilippo

Se questo esercizio ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Correzione delle abitudini posturali

Secondo l’autorevole professoressa S. Sahrmann, il conflitto femoro-acetabolare si cura con alcune correzioni posturali ed esercizi che elenco di seguito.

1. Il paziente deve imparare ad alzarsi dalla sedia senza ruotare l’anca verso l’interno. In pratica deve tenere le ginocchia divaricate.

alzarsi-exrarotazione
© Massimo Defilippo

Se il movimento di alzarsi dalla sedia ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici:
2. È importante correggere la postura in piedi.
Per questo si chiede alla persona di stare con la schiena contro il muro.
Questo che può servire come riferimento per avere una postura corretta in piedi.
Il paziente può anche stare in piedi guardando uno specchio di fianco a sé.
Il fisioterapista insegna il corretto allineamento.

Poiché la nuova postura è percepita come innaturale, il paziente deve guardare lo specchio per sapere come stare.

3. Durante il cammino, il paziente deve contrarre il gluteo ogni volta che il tallone appoggia per terra.
La contrazione favorisce l’attivazione dei muscoli glutei e riduce l’utilizzo dei muscoli posteriori della coscia.

Esercizi per gli Atleti

Tutti pensano che gli atleti debbano fare degli esercizi con pesi per guarire perché hanno dei muscoli forti, invece possono guarire facendo gli esercizi e le terapie come gli altri.

Intervento chirurgico

Osteoplastica di resezione

Si effettua soprattutto nei pazienti molto giovani, quindi:

  1. Negli impingment iniziali,
  2. Se non ci sono segni di artrosi.

L’osteoplastica di resezione consiste nell’effettuare una resezione microscopica con la quale si entra nell’articolazione dell’anca.

Se l’articolazione è ancora rivestita da cartilagine, si può asportare la parte di osso in eccesso.

Protesi

Il chirurgo propone l’intervento di protesi d’anca quando il conflitto ha già causato la degenerazione della cartilagine, ci sono segni di artrosi e l’unico intervento possibile è la sostituzione protesica.

protesi anca, radiografia
© Massimo Defilippo

Leggi anche:

Bibliografia

  1. O’Leary JA, Berend K, Vail TP. The relationship between diagnosis and outcome in arthroscopy of the hip. Arthroscopy . 2001;17 :181– 188.
  2. Fitzgerald RH Jr. Acetabular labrum tears: diagnosis and treatment. Clin Orthop . 1995;311 :60– 68.
  3. Mason JB. Acetabular labral tears in the athlete. Clin Sports Med . 2001;20 :779– 790.
  4. McCarthy J, Noble P, Aluisio FV, et al. . Anatomy, pathologic features, and treatment of acetabular labral tears. Clin Orthop . 2003;406 :38– 47.
  5. Binningsley D. Tear of the acetabular labrum in an elite athlete. Br J Sports Med . 2003;37 :84– 88.
  6. Byrd JW. Labral lesions: an elusive source of hip pain case reports and literature review. Arthroscopy . 1996;12 :603– 612.
  7. Saw T, Villar R. Footballer’s hip a report of six cases. J Bone Joint Surg Br . 2004;86 :655– 658.
  8. Jung KA, Restrepo C, Hellman M, AbdelSalam H, Morrison W, Parvizi J. The prevalence of cam-type femoroacetabular deformity in asymptomatic adults. J Bone Joint Surg Br. 2011 Oct;93(10):1303-7. doi: 10.1302/0301-620X.93B10.26433.
  9. Hack K, Di Primio G, Rakhra K, Beaulé PE. Prevalence of cam-type femoroacetabular impingement morphology in asymptomatic volunteers. J Bone Joint Surg Am. 2010 Oct 20;92(14):2436-44. doi: 10.2106/JBJS.J.01280.
  10. Sahrmann, Shirley. Diagnosis and Treatment of Movement Impairment Syndromes (Page 148). Elsevier Health Sciences. Kindle Edition.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Complimenti x la completezza degli argomenti trattati.

    Volevo chiederle che soluzione consiglia x neuroma di morton e se appositi plantari personalizzati possono essere alternativi ai trattamenti e regredire la patologia.
    Ad ogni modo pero mi chiedo e in casa con le pantofole come si fa ?

    Grazie

    1. Si, ci sono dei plantari che possono aiutare.
      Spesso la diagnosi di Neuroma di Morton è dubbia, nel senso che anche la risonanza può dare dei falsi positivi.
      In ogni caso, prima di pensare a un intervento bisogna essere certi che la causa del dolore sia quella.
      Io analizzerei bene il piede, per esempio per capire se è piatto o pronato.
      Si può impostare anche un programma di esercizi di correzione, in particolare per il piede pronato che può causare dolore al piede.
      Qui ne parlo nel dettaglio:
      https://www.fisioterapiarubiera.com/dolore-alla-caviglia/
      Grazie a lei.

Lascia un commento

ginocchio anatomia

Anatomia del ginocchio

L’anatomia dell’articolazione del ginocchio è la più complessa dell’organismo sia dal punto di vista anatomico che funzionale perché dev’essere stabile

Muscoli adduttori della coscia

I muscoli adduttori della coscia si trovano nella parte interna della coscia e la loro funzione è l’adduzione dell’anca, cioè spostano

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di testa Dolore al petto Dolore al polso Dolore all'anca Dolore alla coscia Dolore alla caviglia Dolore cervicale Dolore alla spalla Dolore dorsale Dolore al gomito Dolore alla mano Mal di schiena Dolore al gluteo Dolore al ginocchio Dolore al polpaccio Dolore al tallone Dolore al piede
© bestdesign36 - bigstockphoto.com
Per maggiori informazioni o un appuntamento chiamare il 333-2699752 o mandare una mail a: defilippo.massimo@gmail.com
Chiudi Menu