Riabilitazione per la lussazione della spalla

INDICE

Riabilitazione per la lussazione della spalla

Auto-trattamento

Se non è disponibile una benda, bisogna crearne una legando un telo o un asciugamano a forma di cerchio.

Riabilitazione per la lussazione della spalla
Riabilitazione per la lussazione della spalla

Un cuscino posizionato tra il braccio e l’addome può aiutare a sostenere la spalla lussata.
È meglio presentarsi dal medico a stomaco vuoto, bisogna evitare di mangiare prima di andare in pronto soccorso.


 

Farmaci per la lussazione della spalla

Il trattamento è diverso in base alle altre patologie o lesioni presenti:

Bisogna effettuare la riduzione, cioè il medico deve provare alcune manovre dolci per rimettere la spalla nella corretta posizione.
A seconda dell’intensità del dolore e del gonfiore, potrebbe essere necessario un miorilassante o un sedativo, raramente si inietta un anestetico generale prima di sistemare il braccio.
Quando le ossa della spalla sono al loro posto, il dolore dovrebbe migliorare quasi immediatamente.


 

Chirurgia per la lussazione della spalla, se i muscoli sono deboli o i legamenti sono lassi, può rimanere un instabilità di spalla e possono avvenire delle lussazioni ricorrenti nonostante un adeguato programma di riabilitazione e rinforzo.
In questo caso potrebbe essere necessario l’intervento chirurgico.
È raro doversi sottoporre ad un intervento chirurgico perché i nervi o i vasi sanguigni sono stati danneggiati durante la lussazione.


 
Immobilizzazione, Il medico può immobilizzare la spalla con un tutore speciale o un bendaggio alla “desault” per un periodo di tempo che va da pochi giorni a tre settimane. Quanto tempo si indossa il tutore o il bendaggio dipende dalla gravità della lussazione e se il tutore viene applicato subito dopo il trauma.


Il medico può prescrivere un antidolorifico o un miorilassante per calmare il dolore mentre la spalla guarisce.
Dopo aver rimosso il tutore di spalla o il bendaggio, si inizia un programma di riabilitazione graduale per ripristinare l’ampiezza di movimento, la stabilità dell’articolazione della spalla e la forza dei muscoli della cuffia dei rotatori.
Se si subisce una lussazione di spalla semplice senza danni nervosi o ai tessuti adiacenti, l’articolazione della spalla può ritornare come prima. Bisogna evitare di riprendere l’attività fisica troppo in fretta dopo il trauma perchè si rischia di dislocarla ancora.


 

Follow-up (controllo clinico) post lussazione della spalla

Il paziente dovrebbe fare una visita dall’ortopedico per un controllo entro pochi giorni dal trauma.
Il medico può cambiare i farmaci per alleviare il dolore, inoltre deve controllare se la posizione dell’articolazione è stata mantenuta.
Lo specialista deve riesaminare le lesioni alle altre strutture danneggiate dal trauma.
Dopo un periodo di immobilizzazione (di solito un paio di settimane), lentamente e gadualmente, il fisioterapista esegue un ciclo di sedute di mobilizzazione passiva peraumentare l’ampiezza di movimento (ROM) della spalla.
Questo aiuta a preservare il movimento naturale e diminuire il rischio di lussazione ricorrente.
Quando si ottengono buoni progressi nel range di movimento, bisogna iniziare unprogramma di esercizi di rinforzo per aiutare il paziente a tornare alla normale vita quotidiana.

 


 

Cambiare lo stile di vita

Se si provano questi rimedi, si favorisce la guarigione e si alleviano i sintomi:

  • Tenere la spalla a riposo. Non ripetere l’azione che ha causato la lussazione di spalla e cercare di evitare i movimenti dolorosi. Si deve limitare il sollevamento di pesi e le attività che necessitano di lavorare sopra la testa, finchè la spalla non sta meglio.
  • Bisogna applicare il ghiaccio. Tenere il ghiaccio sulla spalla aiuta a ridurre l’infiammazione e il dolore. Applicare un impacco freddo per 15-20 minuti alla volta, mattino, pomeriggio e sera per i primi 2 giorni.Dopo circa due o tre giorni, quando il dolore e l’infiammazione sono migliorati, gli impacchi caldi aiutano a rilassare i muscoli contratti e dolenti.
  • I medicinali anti-dolorifici da banco come l’aspirina, l’ibuprofene (brufen), il naproxene (Aleve) o l’acetaminofene (Tachipirina e altri) possono aiutare ad alleviare il dolore. Seguire le indicazioni e smettere di prendere i farmaci quando il dolore diminuisce.
  • Bisogna recuperare il range di movimento della spalla. Dopo uno o due giorni, bisogna eseguire alcuni dolci esercizi come indicato dal medico o fisioterapista per aiutare a mantenere l’ampiezza di movimento della spalla. La totale inattività causa forte rigidità articolare e atrofia muscolare (debolezza).

 

riinforzo,spalla,depressori,omero,dorsale,rotondo,elastico
Esercizio di rinforzo muscoli della spalla con l’elastico

Una volta che la lussazione guarisce e si recupera il movimento della spalla, continuare il programma di esercizi. È fondamentale continuare con il rinforzo quotidiano dei muscoli della spalla che serve per prevenire una recidiva di lussazione.
I muscoli che stabilizzano l’omero nella glena omerale sono quelli della cuffia dei rotatori: sovraspinoso, sottospinoso, piccolo rotondo e sottoscapolare.
Il rinforzo dev’essere incentrato su questi muscoli, ma non deve trascuare gli stabilizzatori verticali, cioè bicipite, tricipite e deltoide.
Si consigliano esercizi di rotazione interna ed esterna della spalla con gli elastici, oltre a flessioni ed estensioni del braccio disteso con dei pesi o una cavigliera.
Il medico o il fisioterapista possono aiutare a pianificare un adeguato programma di esercizi da eseguire regolarmente.


 

Risultati dopo la terapia per la lussazione della spalla

Seguire i consigli del medico è fondamentale nella prevenzione delle recidive e per ottenere una guarigione completa dei tessuti danneggiati. Anche con la migliore cura, tuttavia, si può verificare una nuova lussazione. Circa il 90% delle persone con meno di 20 anni che subiscono una lussazione di spalla vanno incontro ad una seconda lussazione.
Dopo i 40 anni, solo nel 15% circa la spalla esce ancora.
Se la lussazione si verifica una seconda volta nella stessa spalla, soprattutto con traumi lievi, il paziente dovrebbe essere valutato per la possibilità di danni ai legamenti.
Se questo è il caso, il paziente può aver bisogno di un intervento chirurgico per rendere più stabile l’articolazione.


 

Prevenzione della lussazione della spalla

Per aiutare a prevenire una lussazione alla spalla si consiglia di:

  • Prendere precauzioni per evitare cadute.
  • Indossare indumenti protettivi quando si fanno sport di contatto.
  • Svolgere un programma di esercizi regolare per mantenere la forza dei muscoli della spalla.
  • Una volta che si subisce una lussazione di spalla, si diventa predisposti alla recidiva. Per evitare il ripetersi dello stesso infortunio, eseguire specifici esercizi di rinforzo e stabilità che indica il fisioterapista.

 

Leggi anche: Lussazione di spalla