Dolore al piede, cause

Che cosa provoca dolore al piede?

Il dolore al piede può essere dovuto a un disturbo di: ossa, legamenti, tendini, muscoli, fascia, unghie, nervi, vasi sanguigni o pelle.

piede,dolore,tacchi,muscoli,tendini,legamenti,ossa,articolazioni

I tacchi alti
dlrz4114-Fotolia.com


Il dolore al piede può essere causato da molte patologie, difetti anatomici, lesioni, traumi acuti o microtraumi ripetuti,
I disturbi del piede si verificano frequentemente negli sport e negli ambienti lavorativi in cui si sta molto in piedi e si svolgono lavori pesanti.
Un trauma è la conseguenza di forze esterne che incidono direttamente sul piede.
Un cattivo allineamento delle ossa del piede può provocare dolore sotto la pianta del piede.

 

Fattori di rischio

Dolore al piede può essere dovuto a:

  • Rimanere in piedi per lunghi periodi di tempo.
  • Essere in sovrappeso.
  • Deformità del piede dalla nascita (congenite)
  • Lesioni di muscoli, nervi, tendini, ossa o legamenti.
  • Scarpe che non si adattano o non ammortizzano abbastanza.
  • Camminare o correre troppo.

 

Dolore nella parte anteriore del piede

La metatarsalgia è l’infiammazione nella punta del piede, precisamente a livello delle teste dei metatarsi (vicino alle dita).
Le attività che sforzano il piede, indossare scarpe troppo strette o tacchi alti possono causare una metatarsalgia nella parte anteriore del piede o un infiammazione in quella zona.

Se si allacciano le scarpe troppo strette, si può provocare dolore e lividi sulla parte superiore del piede.
Il trattamento per la metatarsalgia comprende:
farmaci antinfiammatori non steroidei o analgesici
Utilizzare scarpe più comode
Plantari ortopedici che permettono un miglior appoggio del peso.

Il diabete, il morbo di Hansen, l’artrite e la gotta sono malattie frequenti che colpiscono l’alluce.

In alcuni sport come il football, il tendine sotto l’articolazione alla base dell’alluce si può infiammare causando dolore alla base dell’alluce.

gotta,artrite,dolore,alluce,cristalli,acido,urico,deposito,accumulo

La gotta
Alila/bigstockphoto.com

Un trauma all’unghia può provocare un ematoma sotto l’unghia e la perdita temporanea o permanente di un unghia del piede, capita spesso ai calciatori.

Traumi ripetitivi per ossa, muscoli e legamenti possono causare la formazione di un anormale crescita ossea, nota come speroni o esostosi.
Le distorsioni o le lesioni dei legamenti del piede si verificano quando i legamenti sono stirati. Anche i legamenti della caviglia si slogano spesso e provocano dolore intorno al malleolo esterno o laterale.

Il neuroma di Morton, causato dall’ispessimento del tessuto intorno a un nervo tra le dita dei piedi può causare dolore e intorpidimento del piede e può essere aggravato da scarpe inadatte.

Una causa comune di dolore al piede è l’unghia incarnita. Le unghie incarnite si verificano quando i bordi delle unghie crescono attraverso la pelle, causando dolore e a volte causano un’infezione.

 

Dolore al tallone

Cause
Il dolore al tallone o tallonite è spesso la conseguenza del sovraccarico. Raramente è causato da un infortunio.
Il tallone può diventare doloroso o gonfio in caso di:

  • Corsa su superfici dure come il cemento o l’asfalto,
  • Troppo sport,
  • Rigidità del polpaccio o del tendine d’Achille,
  • Scarpe che non ammortizzano abbastanza gli urti,
  • Improvvisa torsione del tallone verso l’interno o verso l’esterno,
  • Atterraggio goffo sul calcagno.

Patologie del tallone

I tendini e le borse sierose del piede possono essere danneggiati da uno stiramento eccessivo, dal sovraccarico, da una contusione o da un taglio (come ad esempio camminare su un oggetto appuntito).
La tendinite d’achille è un disturbo frequente del tendine che si inserisce sulla parte posteriore del tallone.
Il dolore da tendinite o borsite si avverte dopo una camminata, salendo e scendendo le scale oppure mentre si corre.

La fascite plantare è la causa più frequente di dolore al tallone nella parte interna e nell’incavo del piede.
La fascia plantare è una banda di tessuto duro che collega il calcagno alle dita del piede, se diventa irritata o infiammata provoca una fascite.
Il dolore al tallone è più intenso al mattino quando ci si alza dal letto, questo è il sintomo più comune.
Si può avvertire un fastidio che si irradia dal calcagno alla volta plantare.
Il tallone fa male anche dopo una lunga corsa.

I trattamenti più indicati per la fascite plantare sono:

  • Riposo,
  • Stretching deli muscoli del polpaccio e del piede,
  • Scarpe con un buon plantare e una suola ammortizzata
  • Farmaci antidolorifici da banco

La fisioterapia strumentale aiuta a togliere l’infiammazione della fascia plantare con le onde d’urto, la laser terapia e gli ultrasuoni.

sperone,calcaneare,radiografia,dolore,tallone,pianta,piece

Radiografia di uno sperone calcaneare

Lo sperone (o spina) calcaneare è una crescita anomala dell’osso sulla parte inferiore e interna del calcagno.
Lo sperone calcaneare può essere causato da un’andatura anomala, postura scorretta, scarpe inadeguate o determinate attività come il running.
La spina provoca dolore sotto il tallone nella parte interna che peggiora mentre si cammina o rimanendo in piedi.
Anche se il 10% persone ha lo sperone calcaneare, solo la metà di questi avverte fastidio al piede.
La spina calcaneare può colpire i pazienti che hanno una fascite plantare, ma non provoca l’infiammazione della fascia plantare. Le persone con i piedi piatti o cavi hanno più probabilità di sviluppare uno sperone calcaneare.

I trattamenti per lo sperone calcaneare sono:

  • Tallonetta di silicone da mettere nelle scarpe
  • Un plantare ortopedico
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei
  • Riposo
  • Onde d’urto
  • Chirurgia (raro)

Una contusione ossea del piede è un trauma della pianta del piede.
Può verificarsi quando si cammina scalzi e si appoggia il piede su una roccia o su un altro oggetto duro e appuntito.

Il calcagno (tallone) è l’osso del piede che si frattura più frequentemente insieme al quinto metatarso.
La lesione è causata spesso dall’elevato impatto sul tallone, per esempio quando la persona cade dall’alto o durante un incidente d’auto.
La rottura dell’osso può essere causata da un esercizio vigoroso o da una caduta dall’alto.
I sintomi sono: dolore al tallone, ematoma, gonfiore, andatura zoppicante e difficoltà a stare in piedi piedi.

La terapia per la frattura del tallone comprende:

  • Riposo, si può camminare solo con le stampelle
  • Utilizzo di una tallonetta nella scarpa
  • Un tutore per proteggere il calcagno
  • Farmaci antidolorifici o antinfiammatori
  • Magneto terapia per ridurre i tempi di consolidamento osseo
  • Chirurgia.

La sindrome di haglund

La deformità di Haglund, è un disturbo provocato da una protuberanza ossea sul retro del tallone che conduce alla borsite retro-calcaneare.
Questo disturbo può diventare molto doloroso se la zona strofina contro qualsiasi tipo di calzature.
Si verifica spesso a causa di certi tipi di scarpe con i tacchi che stringono la parte del piede sopra al tallone. che molte donne indossano.
I sintomi di deformità di Haglund iniziano con l’allargamento della prominenza ossea sulla parte posteriore del tallone dove il tendine di Achille si inserisce sul calcagno. Si può avvertire dolore anche camminando, soprattutto quando si indossano scarpe strette. Con il tempo il tallone diventa gonfio e rosso per l’infiammazione della borsa.
Il trattamento prevede la sostituzione delle scarpe e la Laserterapia per ridurre l’infiammazione.

 

Dolore all’interno del piede

Il dolore del piede mediale è abbastanza raro, se il soggetto ha il piede piatto può soffrire di una tendinite del muscolo tibiale posteriore oppure è causato da una distorsione in eversione.

 

Dolore all’esterno del piede

Di solito i disturbi come: distorsioni della caviglia, tensioni muscolari, contusioni e fratture si verificano improvvisamente (lesioni acute).
Il dolore all’esterno del piede (vicino alla caviglia) è piuttosto frequente, in particolare dopo una distorsione “classica” si subisce un infiammazione dei tendini peronei.
Una distorsione si verifica quando i legamenti che uniscono le ossa si stirano o si strappano, ma può avvenire anche una frattura dell’osso per avulsione, cioè il legamento strappa via un pezzo di osso.
Lo stiramento dei legamenti della caviglia può portare instabilità e dolore al piede.

Un altra cause di dolore laterale al piede è la frattura del quinto metatarso, che generalmente è una frattura da stress, cioè colpisce gli atleti che sovraccaricano il piede.

La neuropatia dello sciatico popliteo esterno è un altra causa di dolore ai nervi del piede esterno, è causata dalla sofferenza di questo nervo che può essere compresso in un canale anatomico vicino al ginocchio.
In questo caso il dolore è notturno e può essere accompagnato dal “piede cadente”, cioè l’incapacità di ruotare il piede all’esterno e alzare la punta.

 

Dolore che può verificarsi in qualsiasi parte del piede

Le calzature possono contribuire all’insorgenza di dolore al piede. A breve termine, le scarpe troppo strette possono causare vesciche, ematomi e il piede d’atleta.

Gli effetti a lungo termine possono essere borsiti, calli, irritazione dei nervi e delle articolazioni e deformità delle dita .
Con il tempo, il sovraccarico sulle stesse strutture del piede può causare fratture da stress, tendiniti, fascite plantare e l’artrosi.
Generalmente, le fratture da stress si verificano nelle ossa metatarsali che sono le ossa lunghe del piede.
Quando si sta in piedi, la volta plantare assorbe e restituisce le forze dal corpo verso il mondo esterno e viceversa.

L’infiammazione della fascia plantare è una causa frequente di dolore al piede.
La fascia plantare è una guaina fibrosa dura che si estende dal tallone alle dita nella parte inferiore del piede e dà supporto alla volta.
Quando la fascia plantare è subisce tante microlesioni, la risposta infiammatoria può diventare una fonte di dolore sotto la pianta del piede.
I piedi piatti e cavi possono causare dolore a causa dello stiramento dei piedi.

I disturbi ai nervi dell’arto inferiore possono causare intorpidimento e sensazione di bruciore, si tratta di una neuropatia periferica.
Generalmente la parte più colpita è il collo del piede, in particolare l’astragalo (l’osso che si trova sopra al tallone).

fungo,alluce,piede,infezione,dolore,dita,scarpe

Fungo nel piede
melis/bigstockphoto.com

Le malattie, i virus, i funghi e i batteri possono essere fonti di dolore al piede.

Le verruche sono escrescenze della cute di colore marroncino, biancastro o rosso scuro, si formano sulla pianta del piede e sono causate da un virus.
Le verruche possono causare irritazione, soprattutto quando si cammina o si rimane in piedi fermi.

Il piede d’atleta è causato da un fungo e può provocare irritazione del piede. Generalmente è circoscritto alle dita dei piedi, ma può estendersi fino al tallone.
I sintomi del piede d’atleta sono rossore e desquamazione della pelle nel primo stadio, poi con il tempo la pelle diventa biancastra, umida ed emette cattivi odori. A volte si formano delle vescicole e delle croste.

L’artrite è una causa frequente di dolore al piede. I disturbi dei nervi dei piedi possono provocare dolore intenso, bruciore, intorpidimento o formicolio (neuropatia periferica).

Una rottura delle ossa e delle articolazioni del piede può essere causata da un singolo trauma o da una torsione eccessiva del piede, ma anche da traumi ripetuti che possono provocare una frattura da stress.

Un trauma contusivo con un oggetto non tagliente, come quando un altra persona pesta il piede, può causare un infiammazione e può danneggiare i muscoli e i legamenti
I traumi diretti possono provocare ematomi, lesioni della pelle o addirittura fratture delle ossa.

Le lesioni cutanee e delle strutture interne possono essere causate anche da più piccoli traumi ripetituti.
Le lesioni da microtraumi possono essere causate dalla corsa su superfici irregolari, troppo dure o troppo morbide, soprattutto se si indossano scarpe che non ammortizzano correttamente o non sono della misura giusta.
Le protuberanze nella parte esterna del piede sono note come borsiti, calli e cipolla dell’alluce valgo. Questi sono spesso causati da scarpe non adatte.

 

Il Piede gonfio

Un piede gonfio non significa sempre che ci sia una lesione, è possibile che il versamento di liquido sia dovuto a una lunga camminata o uno sforzo, soprattutto nelle donne che hanno almeno 50 anni.
Il gonfiore nei giovani è spesso conseguenza di contusioni, distorsioni, artrite (in particolare l’artrite psoriasica o reumatoide), fratture, borsite e raramente tendiniti.

 

Dolore post-operatorio

Dopo un intervento al piede come la correzione dell’alluce valgo, la liberazione del tunnel tarsale, l’asportazione di un neuroma ecc., il dolore e il gonfiore possono rimanere per alcuni mesi.
Si può verificare anche la febbre, però dovrebbe passare entro una settimana.
Non bisogna spavenatarsi perché sono i normali tempi di recupero, ma per accelerare la guarigione si può effettuare la fisioterapia manuale e strumentale, in particolare la Tecar terapia e la Laser terapia aiutano il piede a sgonfiarsi e a ridurre il dolore.
Per recuperare l’ampiezza di movimento prima possibile si può pedalare in bicicletta.

 

Leggi anche: I sintomi di dolore al piede  -  Il trattamento del dolore al piede  –  Il dolore dei nervi del piede

 

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista Tel 0522/260654 Defilippo.massimo@gmail.com
P. IVA 02360680355

http://www.facebook.com/fisioterapiarubierese?ref=hl

http://www.fisioterapiareggio.com

© Scott Maxwell – fotolia.com