La tendinite al quadricipite femorale può essere descritta come l’infiammazione del tendine quadricipitale.

Ci può essere una lesione minore (uno strappo) di alcune fibre del tendine del quadricipite a livello del bordo superiore della rotula.

Tendine-del-quadricipite-rotula-rotuleo

© alamy.com

Anatomia del tendine del quadricipite

La rotula è un piccolo osso nella parte anteriore del ginocchio.

Scivola su e giù lungo un canale dell’osso della coscia (il femore) quando il ginocchio:

  • Si piega,
  • Si raddrizza.

I tendini collegano i muscoli alle ossa.

muscolo quadricipite nella parte anteriore della

Il forte muscolo quadricipite nella parte anteriore della coscia si attacca al polo superiore della rotula grazie al suo tendine (il tendine quadricipitale)

Questo tendine copre la rotula e continua in basso, formando il tendine rotuleo che è simile a una corda.

Chi colpisce?

La tendinite del quadricipite è frequente nelle persone coinvolte in attività che prevedono:

  • CIclismo con il sellino troppo basso,
  • Palestra in modo non corretto,
  • Salti,
  • Corsa (raro).

 

Fattori di rischio della tendinite al quadricipite

Fattori-di-rischio-della-tendinite-al-quadricipite

La tendinite del tendine quadricipitale è favorita da attività ripetitive o prolungate che mettono in tensione il tendine.

Questo si verifica in genere a causa di lunghi allenamenti:

  • In bicicletta,
  • In palestra,
  • In pista (corsa e salti).

Inoltre, può capitare negli sport che richiedono frequenti accelerazioni, decelerazioni o salti (come il basket o il tennis).

Entra nel gruppo facebook più attivo che parla di dolore al ginocchio, clicca qui.

Cause della tendinite al quadricipite

Tutti pensano che il problema della tendinite del quadricipite sia lo sport.

Quindi, quando hanno dolore smettono di fare le loro attività che provocano dolore.

Cause-della-tendinite-al-quadricipite

Se il riposo può essere utile nella fase acuta (primi 2/3 giorni), non è sicuramente la cura per la tendinite.

Anzi, è proprio l’assenza di una cura.

La cura dovrebbe essere semplicemente l’eliminazione e la prevenzione della causa.

E qual è la causa?

Ok, cerchiamo di usare la logica.

Il tendine è una corda.

Nella maggioranza della gente, lo sport non provoca tendiniti.

Quindi, la tendinite è data da una caratteristica personale di alcuni sportivi colpiti.

Certo, una persona che non fa sport non avrà la tendinite, ma tanti atleti riescono a fare le loro attività sportive senza dolore.

Quindi?

Qual-è-la-causa-reale-della-tendinite

Il tendine soffre quando non arriva abbastanza sangue.

Quando il flusso di sangue è ridotto, il corpo manda dei segnali di dolore perché è una situazione che alla lunga può diventare pericolosa.

Infatti, se non arrivano l’ossigeno e i nutrienti necessari, le cellule possono morire.

Inoltre, anche la riduzione del flusso di sangue venoso può essere una causa di dolore.

Perché?

Perché le vene servono per rimuovere le scorie, le tossine e i prodotti di scarto dalle cellule.

Quindi, se c’è una compressione sulle vene, queste non riescono a rimuovere tutte queste sostanze che quindi si accumulano nelle cellule.

Anche questa è una situazione pericolosa dell’organismo.

In pratica, un po’ come se in una città non ci fosse il camion dei rifiuti che viene a prendere la spazzatura.

La spazzatura si accumula e la città non sarebbe più vivibile.

Quindi, l’organismo ti provoca dolore durante il movimento, così consumi meno energia e produci meno scarti.

Se prendi un farmaco cosa succede?

Percepisci meno dolore, quindi continui a fare i movimenti e le attività che provocano la produzione di prodotti di scarto.

Quindi, peggiori la situazione perché rischi di danneggiare i tendini.

A questo punto ti chiederai:

Perché la circolazione sanguigna nel tendine si riduce?

La circolazione sanguigna del tendine passa attraverso il quadricipite.

I casi di ostruzione interna delle arterie e delle vene sono rarissimi a questo livello, sono più frequenti:

  • Nel polpaccio,
  • Nelle arterie iliache a livello del bacino.

In tal caso, i sintomi sono diversi e si identificano facilmente.

Perché-la-circolazione-sanguigna-nel-tendine-si-riduce

La tendinite del quadricipite è provocata generalmente da una compressione esterna sui vasi sanguigni molto piccoli.

Questa compressione non colpisce le vene e le arterie grandi, ma piccoli capillari e venule del muscolo quadricipite.

Chi le comprime?

Bene, finalmente siamo arrivati all’origine del problema.

Il sistema connettivo è un tessuto del corpo che:

  • Unisce tutte le strutture interne,
  • Ci dà la forma.

Questo tessuto è fortemente connesso a:

  • Sistema nervoso,
  • Sistema circolatorio.

Cosa significa?

Che i nervi e i vasi sanguigni passano all’interno di questo tessuto.

Origine-del-dolore-nel-tendine

Si può facilmente capire che i nervi e i vasi sanguigni possono essere compressi dal tessuto connettivo in caso di:

  • Aderenze tra le fibre di tessuto connettivo,
  • Rigidità e accorciamento di queste fibre.

Le aderenze schiacciano fisicamente i minuscoli nervi e vasi sanguigni.

Le rigidità del tessuto connettivo provocano pressione sulle terminazioni nervose e sui capillari durante il movimento, quando arriviamo al limite.

Inoltre ci possono essere cause posturali.

Mi spiego in modo semplice.

Possiamo avere una tensione nella parte posteriore della coscia a causa di:

  • Contratture muscolari,
  • Rigidità del tessuto connettivo.

Questa rigidità dev’essere vinta durante i movimenti per poter estendere il ginocchio.

Prova a pensare di estendere la gamba, se c’è qualcosa dietro che tira e non ti lascia estendere, devi sforzare molto il quadricipite.

Questo può causare:

  • Sovraccarico del muscolo quadricipite,
  • Infiammazione del tendine del quadricipite.

 

Segni e sintomi della tendinite del quadricipite

Sintomi della tendinite del quadricipite

I pazienti con tendinite del quadricipite sentono il dolore nella parte anteriore del ginocchio appena sopra alla rotula.

Si può verificare il ginocchio gonfio ed ipersensibilità sul tendine, ma sono casi rari.

In alcuni casi questo dolore può essere lieve.

In altri casi può essere talmente forte da impedire agli atleti di continuare l’attività sportiva.

Di solito i sintomi si sviluppano gradualmente.

Nei casi meno gravi, i pazienti possono avvertire solo un fastidio o una sensazione di rigidità dopo aver svolto forti e ripetitive contrazioni del muscolo quadricipite.

Sintomi della tendinite del quadricipite

Nelle fasi iniziali della tendinite, il dolore può migliorare quando il ginocchio è caldo.

Quindi per esempio una persona ha dolore quando inizia a correre, ma dopo 5 minuti il dolore passa.

Con la progressione dell’infiammazione, i pazienti possono soffrire di sintomi che aumentano durante l’attività e influiscono sulle prestazioni.

Alcuni pazienti hanno una sensazione di debolezza al ginocchio, specialmente quando si compie:

  • Un’accelerazione,
  • Uno squat.

In alcuni casi si può avere la zoppia quando si cammina (specialmente su salite o su superfici irregolari).

In generale il tendine fa male:

  • Alla pressione diretta sul tendine,
  • Quando si allunga il tendine (portando il tallone verso il gluteo),
  • Quando si effettua una forte contrazione con il muscolo collegato a quel tendine.

Continuando ad allenarsi o a giocare con una tendinite, l’infiammazione si aggrava e diventa cronica.

Quindi gli atleti hanno due possibilità:

  • Interrompere l’attività sportiva finché sentono dolore,
  • Effettuare una terapia adatta, cioè una cura che agisce sulla causa della tendinite.

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera