La tendinite al ginocchio è caratterizzata dall’infiammazione del tendine che si trova sotto la rotula (rotuleo).

Questa tendinite colpisce spesso gli atletiche fanno salti ripetitivi, per questo motivo la tendinite rotulea è chiamata anche: “ginocchio del saltatore”.

La tendinite rotulea è tipica di sport come:

  • Basket,
  • Pallavolo,
  • Calcio,
  • Atletica.

I ciclisti possono avere la tendinite del ginocchio?

Nei ciclisti si può verificare una tendinite al ginocchio, ma generalmente si verifica al tendine quadricipitale, cioè sopra la rotula.

Di solito, questo disturbo è provocato da un sellino troppo basso.

Cos’è la tendinosi del tendine rotuleo?

Cos'è la tendinosi del tendine rotuleo

La tendinosi rotulea è una patologia cronica.

Al contrario dell’infiammazione acuta, la tendinosi:

  • Ha un’insorgenza più graduale,
  • È caratterizzata da micro-lesioni e un ispessimento del tendine.

La tendinosi non provoca sintomi.

Si tratta semplicemente di un invecchiamento del tendine, in pratica è come una ruga sulla pelle.

Non ci sono legami tra la tendinite e la rottura del tendine rotuleo, anche se alcuni autori la considerano un fattore di rischio.

Tuttavia, tantissime persone hanno una tendinite, ma la lesione del tendine è rarissima.

 

 Anatomia del tendine rotuleo

Anatomia del tendine rotuleo

Il tendine rotuleo collega la rotula alla tibia.

In realtà si tratta della continuazione del tendine del quadricipite.

Con la rotula e il quadricipite forma il sistema di estensione del ginocchio.

Per farmi capire meglio, dà la forza necessaria per un calcio alla palla.

Il tendine rotuleo è vascolarizzato solo all’esterno, mentre nella parte interna non ci sono i vasi sanguigni.

 

Quali sono le cause della tendinite del tendine rotuleo?

Ora ti lascerò probabilmente perplesso perché la causa della tendinite non è quella che immagini.

Cause della tendinite del tendine rotuleo

Infatti, su internet si può trovare che le cause più frequenti siano:

  • Tipo di calzature,
  • Errata esecuzione del gesto sportivo,
  • Difetti anatomici (ginocchio varo, valgo o dismetria degli arti inferiori),
  • Allenamento troppo pesante,
  • Superficie di gioco troppo dura (ad esempio l’asfalto),
  • Squilibri muscolari.

In realtà, nessuno è simmetrico e nessuno ha ginocchia e bacino perfettamente allineati.

Quindi, se le cause che dicono di solito fossero reali, tutti avremmo una tendinite del tendine rotuleo e tanti altri disturbi.

Fortunatamente non è così.

Il tendine è fatto per resistere a forti sollecitazioni.

Un allenamento esagerato può causare problemi ai muscoli prima che ai tendini.

Reali cause della tendinite del tendine rotuleo

La tendinite si verifica soprattutto se non arriva abbastanza sangue al tendine.

Questo è possibile in caso di aderenze o rigidità del tessuto connettivo che premono sui vasi sanguigni.

In questo caso, il flusso di sangue al tendine si riduce.

L’organismo reagisce causando un’infiammazione.

 

E le scarpe?

È importante cercare la scarpa giusta, ci sono tantissimi tipi per ogni pianta e ognuna è specifica per un determinato sport, ad esempio un corridore amatoriale deve utilizzare una scarpa più pesante rispetto ad un professionista.

La cosa importante è utilizzare i plantari giusti perché quelli su misura, se non sono corretti possono causare nuovi dolori a:

  • Piedi,
  • Schiena,
  • Ginocchia.

 

Stadi della tendinite

Stadi della tendinite

  • Al primo stadio il paziente sente fastidio dopo l’attività, ma riesce a finire l’allenamento, qui non ci sono alterazioni anatomiche, il tendine è normale, compare solo un’alterazione del liquido sinoviale che è una situazione reversibile.
  • Al secondo stadio, il dolore compare all’inizio dell’allenamento, il tendine si è gonfiato e siamo in presenza di un’infiammazione.
    Questa condizione è reversibile eliminando la componente infiammatoria.
    Dal punto di vista clinico la situazione più sfavorevole è la prima perché non si dà peso al dolore pensando che è dovuto solo alla stanchezza.
  • Il terzo stadio è cronico, ormai nel tendine si è instaurato un processo infiammatorio consolidato e l’atleta non riesce ad allenarsi.
    È probabile la cronicizzazione del problema se non si effettua la terapia adatta.

Esiste un terzo stadio avanzato in cui il dolore impone l’abbandono dell’attività sportiva, caratterizzato da tendine rigido e dal rischio di lesione.

I ciclisti soffrono spesso di tendinite del tendine quadricipitale, ovvero quello superiore alla rotula, in questo caso di solito è sufficiente alzare il sellino perché spesso la causa è questa.

Segni e sintomi della tendinite al ginocchio

sintomi-della-tendinite-al-ginocchio

Il dolore è il primo sintomo della tendinite rotulea.

Il dolore al ginocchio di solito si localizza a livello del tendine rotuleo, tra la rotula e la tibia.

Inizialmente il dolore al ginocchio si presenta:

  • All’inizio dell’attività fisica,
  • Subito dopo un allenamento intenso.

In seguito può progredire fino a non permettere l’allenamento.

Eventualmente, in uno stadio avanzato dell’infiammazione, il dolore può creare fastidio nelle attività quotidiane come:

  • Salire le scale,
  • Alzarsi da una sedia.

È raro vedere il tendine gonfio oppure una limitazione nei movimenti del ginocchio.

 

Diagnosi della tendinite al ginocchio

Complicazioni dell'intervento

Generalmente il medico riesce a diagnosticare l’infiammazione del tendine con una visita accurata, ma potrebbe consigliare un’ecografia per confermare i sospetti.

La radiografia si può effettuare per escludere una frattura.

Inoltre può essere utile per i bambini che soffrono di dolore al ginocchio nella parte anteriore a causa della malattia di Osgood Schlatter (osteocondrosi).

Si può formare un deposito di calcio specialmente in pazienti cronici con una tendinosi rotulea.

Una risonanza magnetica può essere utile per sapere se c’è un’infiammazione o una lesione pariziale all’interno del tendine, ma si effettua raramente.

Nella diagnosi differenziale, il medico deve escludere la:

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera