Intervento per la sindrome del tunnel carpale

INDICE



 

Cura, rimedi naturali e intervento chirurgico per la sindrome del tunnel carpale

Ci sono diversi tipi di terapie:

  • Prima di tutto il riposo di: mano, polso e avambraccio per 3 settimane.
    È importante cambiare lo stile di vita per evitare i movimenti ripetitivi che peggiorano i sintomi.
    L’applicazione del ghiaccio (crioterapia) può essere utile per ridurre il gonfiore.esercizio per il polso,manoIl medico può suggerire di immobilizzare il polso in un tutore per tenerlo in posizione neutra.
    Si deve evitare che il polso si pieghi perché questa postura aumenta la pressione sul nervo mediano e peggiora i sintomi.
    Quando si indossa la polsiera di notte, si evitano: dolore, formicolio e intorpidimento.
    È possibile trovare questo oggetto nelle farmacie oppure su internet.
  • Ci sono diversi tipi di farmaci per il trattamento della sindrome del tunnel carpale.
    La vitamina B6 può alleviare alcuni sintomi, ma non c’è evidenza scientifica.
    Gli antinfiammatori non steroidei (FANS), come il brufen o il voltaren possono ridurre il dolore e l’infiammazione, ma la loro efficacia è discutibile e gli effetti collaterali sono: mal di stomaco e ulcera allo stomaco.

    I farmaci a base di cortisone (come il bentelan) possono essere assunti in compresse o iniettati direttamente nel polso. Servono per ridurre il gonfiore e alleviare la pressione sul nervo mediano.
    Attenzione, tra gli effetti collaterali del cortisone c’è il possibile peggioramento del diabete perché rendono difficile la regolazione dei livelli di insulina.
    È necessaria la prescrizione del medico per prendere i cortisonici.
    L’ortopedico può effettuare delle infiltrazioni di cortisone al polso, nei casi più lievi il paziente potrebbe guarire.
  • Per alleviare i sintomi temporaneamente, è possibile muovere le dita, far dondolare la mano e dormire con il polso oltre il bordo del letto.
    Un fisioterapista può aiutare il paziente insegnando gli esercizi di rinforzo e lo stretching del polso.
    Bisogna correggere la postura, soprattutto quando si lavora con il computer.
    L’applicazione di tutti questi rimedi può migliorare i sintomi evitando farmaci e intervento chirurgico.

 

taping,kinesio,tunnel,carpale,polso,estensione,flessione,grinza
Taping per tunnel carpale in flessione dorsale e palmare

Kinesio Taping per il tunnel carpale

Azione: drenante. Forma: una striscia a ”I”. Lunghezza: 20-25cm. Ancorare la striscia al medio e anulare attraverso due fori circolari nel tape. Applicare il nastro senza tensione, mantenendo in estensione il polso.


 

Intervento chirurgico per il tunnel carpale

Nervo mediano,ulnare,avambraccio.muscoli,pronatoreQuando operare? Se la sindrome del tunnel carpale non risponde alle terapie conservative o ai farmaci e i sintomi durano più di sei mesi, bisogna considerare il trattamento chirurgico.
L’intervento consiste nella liberazione o decompressione del tunnel carpale.
Il chirurgo apre il tunnel carpale e taglia la banda di tessuto (legamento) intorno al polso per ridurre la pressione sul nervo mediano.

La decompressione del tunnel carpale è una delle procedure chirurgiche più frequenti.

L’incisione si effettua in anestesia locale, perché si tratta di un piccolo intervento chirurgico.
Il paziente torna a casa il giorno stesso (chirurgia ambulatoriale).

Ci sono due diversi procedimenti per allargare il tunnel carpale:

  • In caso di chirurgia a cielo aperto, il medico fa una singola incisione nel palmo della mano e libera il legamento traverso del carpo.
  • Nella procedura artroscopica, il chirurgo fa due incisioni: nel palmo e nel polso. Poi inserisce un piccolo endoscopio per vedere il tessuto interno su uno schermo e per tagliare il legamento.
    Questo tipo di procedura è mini invasiva e causa meno cicatrici e rigidità.


 

Quali sono le complicanze della sindrome del tunnel carpale?

  • Infezione;
  • Danni ai nervi;
  • Errori durante l’intervento chirurgico per tagliare completamente il legamento;
  • Rigidità;
  • Emorragie;
  • Dolore persistente al polso;
  • Recidiva della sindrome del tunnel carpale;
  • Cicatrice.


 

Cosa fare dopo l’intervento? Decorso post operatorio

Il medico deve mettere un bendaggio alla mano per alcuni giorni.
Si consiglia di mantenere la mano sollevata per 2 giorni per ridurre il gonfiore.
Per le prime 24/48 ore si può tenere un impacco di ghiaccio (non troppo freddo) sul polso per ridurre l’infiammazione.

Dopo l’intervento di tunnel carpale, è possibile eseguire la fisiokinesiterapia e riabilitazione per recuperare forza, ampiezza di movimento e per scollare la cicatrice chirurgica.

Nella maggior parte dei casi, l’intervento al tunnel carpale ha completamente successo oppure i sintomi migliorano notevolmente.

 

Intervento per la sindrome del tunnel carpale


 

Quanto dura? Quali sono i tempi di recupero post intervento?


Circa il 60% delle persone che subiscono un intervento chirurgico per la sindrome del tunnel carpale sono in grado di tornare alle attività della vita quotidiana senza sintomi, mentre solo il 20% soffrirà di dolore cronico.
I tempi per un recupero completo sono di circa 10/15 giorni per qualunque tipo di operazione chirurgica.

 

Leggi anche: Tunnel carpale