Sindrome di De Quervain

Che cos’è la sindrome di De Quervain?
La sindrome di De Quervain è una tenovaginite della guaina dell’estensore breve e dell’abduttore lungo del pollice.

tendinite polso, estensori, supinatori, pronatori, abduttore lungo,  , infiammazione, dolore, tendinopatia, tendinosi, cameriere, terapia, lavori, pesanti, male, stilettata, fatica, gonfiore, edema, sportivo, atleta, basket, tennis, lancio, casalinga, mouse, computer.

Tenosinovite di De quervain

I movimenti di estensione e abduzione del pollice (allontanamento dall’indice) sono permessi principalmente da due muscoli che originano dall’avambraccio e si inseriscono nel primo dito: abduttore lungo ed estensore breve del pollice.
I tendini di questi due muscoli scorrono in una guaina fibrosa che serve per ridurre l’attrito durante i movimenti.
I tendini e le guaine si trovano in un canale delimitato dalle ossa del carpo (mano) e il retinacolo degli estensori, cioè un legamento trasversale, perpendicolare ai tendini estensori della mano che li contiene.
L’infiammazione della guaina ne provoca un aumento di volume e una stenosi (restringimento) del diametro interno dove scorrono i tendini che per questo vengono compressi.
La stenosi che si crea nel canale legamentoso trasversale del carpo denominato primo compartimento dorsale può diventare una montagnola visibile e ostacola ulteriormente il movimento dei tendini.
Con la sindrome di De Quevrain, il movimento del pollice verrà eseguito con molto attrito interno dei tendini sulla parete interna della guaina autoalimentando l’infiammazione.

 

Quali sono le cause della sindrome di De Quervain?

L’infiammazione della guaina dell’estensore breve e dell’abduttore lungo del pollice colpisce principalmente le femmine che hanno tra i 45 e i 65 anni.
La predisposizione alle tendinopatie è un fattore di rischio molto rilevante nelle tendiniti della mano, infatti lo stesso paziente si può presentare in ambulatorio a distanza di poco tempo anche per il dito a scatto e la sindrome del tunnel carpale.
Nell’uomo si presenta soprattutto nei soggetti che svolgono sport o lavori manuali con movimenti ripetitivi che causano un sovraccarico tendineo a livello del pollice e del polso.

Le attività che più spesso provocano la sindrome di De Quervain sono suonare, cucire all’uncinetto e la dattilografia.
Le neomamme dopo il parto hanno uno squilibrio ormonale dovuto alla gravidanza a cui si aggiunge lo sforzo per sollevare e mantenere il bambino in braccio, per questo possono infiammare i tendini del pollice.
L’origine post-traumatica è una causa più rara, ma dopo una caduta è possibile sviluppare questa patologia.

 

Quali sono i sintomi della sindrome di De Quervain?

I sintomi della sindrome di De Quervain sono il dolore, la mano gonfia a livello della piega del polso,a livello della guaina degli estensori del pollice.
Il gonfiore visibile non è una crescita ossea come pensano molti pazienti, bensì liquido infiammatorio.
Come tutte le tendinite il fastidio si avverte con la digitopressione e l’allungamento del tendine.
I sintomi si avvertono al polso, ma le fitte possono arrivare nella parte dorsale del pollice o risalire lungo l’avambraccio.
È possibile avvertire il dolore anche di notte se si dorme sopra la mano o avvertire un esacerbazione del fastidio al mattino, certi pazienti lamentano un formicolio al pollice.
I movimenti o le attività più dolorose sono: girare la chiave, aprire una bottiglia o un barattolo, sostenere un tegame, scolare la pasta, ecc.

 

Come si fa la diagnosi della sindrome di De Quervain?

La diagnosi è principalmente clinica, il medico dovrà controllare l’anamensi del paziente che spesso presenta i fattori di rischio e l’età di insorgenza caratteristica.
Successivamente procederà con la digito-pressione sui tendini estensori del pollice per capire se questo aggrava i sintomi.
Il test motorio caratteristico della sindrome di De Quervain si chiama segno di Finkelstein, consiste nello stringere la mano a pugno con il pollice dentro alle altre dita e nel contempo piegare il polso lateralmente verso il mignolo.
Se questo “allungamento” delle guaine dei tendini estensore breve e abduttore lungo del pollice provoca un forte dolore a livello del polso nella regione più vicina al pollice, il test è positivo.

La diagnosi differenziale si fa con altri disturbi muscolo-scheletrici nella stessa area: la frattura dello scafoide, la frattura del radio, l‘artrosi tra le ossa del carpo  o la rizoartrosi.
Generalmente per confermare la diagnosi di sindrome di De Quervain è sufficiente una visita specialistica fisiatrica oppure ortopedica, il professionista può chiedere di eseguire un ecografia per valutare lo stato dei tendini.
La radiografia può essere utile solo per escludere fratture o infiammazione da artrosi.

 

Qual’è la terapia della sindrome di De Quervain?

Se il dolore è comparso da poco tempo ed è sopportabile si può iniziare una terapia farmacologica con antinfiammatori, un tutore che immobilizzi il pollice e il polso per evitare sforzi.

Kinesio Taping

Taping,dequervain,applicazione,inserimento,incollare

Taping per rizoartrosi, morbo di De Quervain, distorsione metacarpo-falangea del pollice

Taping per la sindrome di De Quervain

Azione: drenante. Forma: 1 striscia a ”I”. Lunghezza: 15-20cm. Ancorare la striscia all’unghia del pollice attraverso un foro circolare nel tape.
Applicare il kinesio taping senza tensione, tenendo in flessione il pollice e seguendo il decorso della tabacchiera anatomica(estensore breve del pollice e adduttore lungo del pollice).

 

taping,de quervain,grinza,applicazione,estensione,flessione

Sindrome di de quervain
Taping vista in estensione e in flessione con grinza

Se queste misure non bastassero le altre terapie indicate sono le infiltrazioni di cortisone e la fisioterapia manuale che serve per rimuovere la causa del disturbo.
Se tutte le terapie conservative non fossero sufficienti si procederà con l’intervento chirurgico.
L’operazione per la sindrome di De Quevrain consiste nell’aprire la guaina dei tendini e nella pulizia dei tessuti.
L’intervento si esegue in regime di day hospital con anestesia locale e dura solo 15 minuti.
La riabilitazione non è necessaria se l’operazione è andata bene e le condizioni pre-intervento del paziente erano buone.

 

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista Tel 0522/260654 Defilippo.massimo@gmail.com
P. IVA 02360680355

http://www.facebook.com/fisioterapiarubierese?ref=hl

http://www.fisioterapiareggio.com

© Scott Maxwell – fotolia.com