Condividi sui social

Tra i test ortopedici per la valutazione della cuffia dei rotatori ci sono:

1) Drop-arm Test

Una rottura della cuffia dei rotatori può essere valutata con questa prova.

  1. Posizione del paziente: in piedi o seduto.
  2. L’esaminatore deve sollevare lateralmente il braccio del paziente con il gomito disteso, la mano arriva all’altezza della spalla.
  3. Se il braccio cade significa che il paziente ha una lesione della cuffia dei rotatori, in particolare del sovraspinoso.


Il paziente può essere in grado di abbassare il braccio lentamente da 180° (braccio nella posizione più alta possibile) fino a 90 gradi perché questo movimento è eseguito per la maggior parte del muscolo deltoide, ma non sarà in grado di resistere più in basso.

Secondo Miller et al., come test per la lesione a tutto spessore del sovraspinoso e del sottospinoso, il Drop-arm Test ha:

  • Sensibilità del 73%
  • Specificità del 77%.

Tuttavia, per la diagnosi della lesione del sovraspinoso, il test di Jobe è più affidabile.

 

2) Test di Jobe

Questo è il test più utilizzato per capire se il paziente ha una lesione o la tendinite del tendine del sovraspinoso.

Tecnica:

  • Posizione del paziente: In piedi con il braccio a 90° di abduzione (sollevamento laterale) e spostato di 30° in avanti.
    Ruotare la spalla all’interno, cioè il pollice è rivolto verso il basso.
  • Posizione dell’esaminatore: in piedi di fianco al paziente, afferra il polso del paziente.
  • Esecuzione del test l’esaminatore spinge verso il basso mentre il paziente resiste alla pressione.


Il test è positivo se il paziente sente dolore o non riesce a resistere.

Secondo Cotter et al. (2018), questo indica debolezza del muscolo sovraspinoso o la sindrome da impingement.

Questo test è affidabile?

Secondo Michener et al. (2009), questo test ha:

  1. Sensibilità del 50%

  2. Specificità dell’87%

Dati simili sono riportati da Park et al. (2005):

  1. Sensibilità del 52.6%
  2. Specificità dell’82.4%

 

3) Variante: Test di jobe laterale


Il test Jobe laterale si fa con:

  1. La spalla del paziente abdotta (con il braccio sollevato lateralemente) di 90° e ruotata internamente,
  2. I gomiti piegati a 90°,
  3. Le dita che puntano verso il basso,
  4. Il pollice che punta verso il corpo.

Da questa posizione:

  1. L’esaminatore spinge il gomito verso il basso,
  2. Il paziente resiste alla pressione.

Se il paziente non riesce a resistere, il test è positivo.

Alcuni pazienti non riescono a mettersi in questa posizione, anche in questo caso il test è positivo.

Il test di Jobe laterale è affidabile?

Secondo Gillooly et al. (2010), questo test ha:

  1. Sensibilità dell’81% (rispetto al 58 del test di Jobe)
  2. Specificità dell’89% (rispetto all’88% del test di Jobe).

 

4) Test Lift off

Il test Lift-off è una manovra usata per identificare una lesione del sottoscapolare.

Come si fa?

  1. Il paziente è in piedi.
  2. L’esaminatore deve stare dietro al paziente.
  3. Il paziente deve mettere la mano (del braccio da testare) dietro la schiena.
  4. Il dorso della mano è a contatto con la schiena lombare.
  5. Spostare indietro la mano.


Il test è positivo se il paziente non è in grado di separare la mano dalla colonna vertebrale.

Il test Lift-off modificato può essere fatto nella stessa posizione, ma l’esaminatore dà una resistenza al movimento.

Bisogna fare il confronto con l’altro arto per capire quanta forza utilizzare contro il movimento del paziente.

La quantità di resistenza rotazionale interna viene confrontata con il lato non interessato.

Secondo Bartsch et al. il test Lift-off ha:

  1. Sensibilità del 40%,
  2. Specificità del 79%.

L’affidabilità è bassa perché il paziente può essere in grado di fare il movimento usando altri muscoli:

  1. Gran dorsale,
  2. Grande rotondo,
  3. Fasci posteriori del deltoide,
  4. Romboidi.

Quindi, anche se il sottoscapolare è debole, il test lift off può essere negativo.

 

5) Test Belly press

Posizione del paziente: in piedi con il palmo della mano (del braccio da testare) sulla pancia.

Il gomito dev’essere più avanti rispetto al centro della mandibola, in pratica, dovrebbe stare a livello dell’ombelico (non dietro la schiena).

Per capire meglio, il polso non dovrebbe essere piegato.

Esecuzione del test:

Il paziente deve premere contro la pancia senza muovere il gomito.

Il test è positivo se il paziente non riesce a tenere il gomito più avanti rispetto all’ascella (linea medio-ascellare) mentre preme contro la pancia.

In pratica, il gomito va dietro la schiena e il polso si piega.

Questo significa che il paziente può avere una lesione del tendine del sottoscapolare.

Secondo Bartsch et al. il test Belly press ha:

  1. Sensibilità dell’86%,
  2. Specificità del 91%.

 

Sensibilità e specificità dei principali test per la lesione della cuffia dei rotatori della spalla

Test Sensibilità % Specificità %
Drop-arm 73 77
Jobe 50 87
Jobe laterale 81 89
Lift off 40 79
Belly press 86 91

 

Leggi anche:

Bibliografia:

  • Miller CA1, Forrester GA, Lewis JS. The validity of the lag signs in diagnosing full-thickness tears of the rotator cuff: a preliminary investigation. Arch Phys Med Rehabil. 2008 Jun;89(6):1162-8. doi: 10.1016/j.apmr.2007.10.046.
  • Nitin B. Jain, MD, MSPH,1,2,3 Reginald Wilcox, PT,4 Jeffrey N. Katz, MD, MS,2,5 andLaurence D. Higgins, MD2,3. Clinical Examination of the Rotator Cuff. PM R. Author manuscript; available in PMC 2014 Jan 1.
  • M. Calis, K. Akgun, M. Birtane, I. Karacan, H. Calis, and F. Tuzun. Diagnostic values of clinical diagnostic tests in subacromial impingement syndrome. Ann Rheum Dis. 2000 Jan; 59(1): 44–47.
  • Eric J. Cotter, BS,* Charles P. Hannon, MD, David Christian, BS, Rachel M. Frank, MD,and Bernard R. Bach, Jr, MD. Comprehensive Examination of the Athlete’s Shoulder. Sports Health. 2018 Jul-Aug; 10(4): 366–375.
  • Michener LA, Walsworth MK, Doukas WC, Murphy KP. Reliability and diagnostic accuracy of 5 physical examination tests and combination of tests for subacromial impingement. Arch Phys Med Rehabil. 2009 Nov; 90(11):1898-903.
  • Park HB, Yokota A, Gill HS, El Rassi G, McFarland EG. Diagnostic accuracy of clinical tests for the different degrees of subacromial impingement syndrome. J Bone Joint Surg Am. 2005 Jul; 87(7):1446-55.
  • Hegedus EJ, Goode AP, Cook CE, et al. Which physical examination tests provide clinicians with the most value when examining the shoulder? Update of a systematic review with meta-analysis of individual tests. Br J Sports Med 2012;46:964-978.
  • Gillooly JJ1, Chidambaram R, Mok D. The lateral Jobe test: A more reliable method of diagnosing rotator cuff tears. Int J Shoulder Surg. 2010 Apr;4(2):41-3. Doi: 10.4103/0973-6042.70822.
  • Gerber C1, Krushell RJ. Isolated rupture of the tendon of the subscapularis muscle. Clinical features in 16 cases. J Bone Joint Surg Br. 1991 May;73(3):389-94.
  • Samuel G. Moulton, Joshua A. Greenspoon, Peter J. Millett, and Maximilian Petri. Risk Factors, Pathobiomechanics and Physical Examination of Rotator Cuff Tears. Open Orthop J. 2016; 10: 277–285.
  • Bartsch M, Greiner S, Haas NP, Scheibel M. Diagnostic values of clinical tests for subscapularis lesions. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2010 Dec; 18(12):1712-7.
  • Samuel G. Moulton,1 Joshua A. Greenspoon,1 Peter J. Millett,1,2,* and Maximilian Petri1, Risk Factors, Pathobiomechanics and Physical Examination of Rotator Cuff Tears. Open Orthop J. 2016; 10: 277–285.
  • Nitin B. Jain, MD, MSPH,1,2,3 Reginald Wilcox, PT,4 Jeffrey N. Katz, MD, MS,2,5 andLaurence D. Higgins, MD2,3 Clinical Examination of the Rotator Cuff. PM R. Author manuscript; available in PMC 2014 Jan 1.
  • Bartsch M, Greiner S, Haas NP, Scheibel M. Diagnostic values of clinical tests for subscapularis lesions.. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2010 Dec; 18(12):1712-7.

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


Fisioterapia Rubiera