Diagnosi della tendinite della spalla

Per sapere se hai una tendinite del sovraspinoso della spalla serve una visita medica.

Il medico esegue alcuni test fisici per escludere altri disturbi della spalla.

 

Il dottore può prescrivere anche un esame strumentale per confermare il sospetto.

Test ortopedici

Il test ortopedico per la tendinite del sovraspinoso è positivo se si sente dolore durante il movimento di abduzione (sollevamento laterale del braccio) contro la resistenza dell’esaminatore.

I seguenti due test si effettuano per capire se il paziente può avere la sindrome da conflitto subacromiale o la tendinite del sovraspinoso.

 

Test di Neer: l’esaminatore eleva con forza il braccio esteso e ruotato verso l’interno, causando uno schiacciamento del tendine del sovraspinoso contro la porzione antero-inferiore dell’acromion.

Test-di-Neer

Il test è positivo se provoca dolore alla spalla.

Test di Hawkins-Kennedy: con la spalla e il gomito flessi a 90° l’esaminatore ruota internamente il braccio, causando uno schiacciamento del tendine del sovraspinoso contro l’arco legamentoso coracoacromiale.

Test di Hawkins-Kennedy

Il test è positivo se provoca dolore.


L’esaminatore poi può inserire 10 mL di soluzione di lidocaina 1% nello spazio sottoacromiale e poi ripetere il test per l’impingement.

L’eliminazione o la riduzione significativa del dolore costituisce un segno positivo per l’impingement.

Test di Jobe: viene chiesto al paziente di ruotare internamente il braccio portando il pollice verso il pavimento.

Da questa posizione deve fare un’elevazione dell’arto con resistenza a:

  • 30° di adduzione orizzontale,
  • 90° di abduzione (sollevamento laterale del braccio).

Il risultato è positivo quando è presente debolezza in confronto al lato sano, suggerendo una rottura del tendine sovraspinoso.


Diagnosi differenziale

Per fare la diagnosi differenziale il medico deve escludere:

 

Ci sono degli esami strumentali che si possono fare?

  • L’esame più indicato per confermare una tendinite alla spalla è l’ecografia.
    Questo esame mostra bene i tessuti molli (tendini e muscoli) ed eventuali calcificazioni.
  • Una radiografia può mostrare una calcificazione alla spalla (cristalli di calcio) in caso di tendinite cronica calcifica.

Radiografia per la tendinite alla spalla

Può inoltre essere utile per determinare eventuali variazioni anatomiche dell’acromion impossibili da vedere durante l’esame dei tessuti molli (come i muscoli).
Spesso si pensa che la causa del dolore alla spalla siano gli eventuali depositi di cristalli di calcio, piuttosto che l’infiammazione del tendine.
In realtà possono anche essere presenti delle calcificazioni, ma il paziente non sente alcun dolore.
Infatti, le calcificazioni si formano in tanto tempo, di solito anni. Mentre spesso il paziente ha un dolore che si presenta all’improvviso.

Risonanza magnetica per la spalla

  • Infine, se il medico pensa che il paziente possa avere anche altri disturbi, può prescrivere una risonanza magnetica (RMN) che mostra tutti i tessuti della spalla:
    • Muscoli,
    • Tendini,
    • Ossa,
    • Labbro glenoideo (un anello di fibrocartilagine che si trova tra la scapola e l’omero),
    • Legamenti.

 

Qual è la cura per la tendinite del sovraspinoso della spalla?

Il riposo è importante durante la fase acuta (iniziale) della tendinite per consentire all’infiammazione di guarire.

Farmaci

Farmaci-per-la-tendinite-del-sovraspinoso-della-spalla

Possono essere utili gli analgesici e gli antinfiammatori non steroidei, ma solo temporaneamente.

Da evitare le iniezioni di cortisone direttamente nelnel tendine del sovraspinoso perché indeboliscono il tendine.

 

Rimedi naturali per la tendinite del sovraspinoso della spalla

Kinesio taping

  • Azione: decontratturante.
  • Forma: Una striscia a ”Y”.
  • Lunghezza: 20cm.

Kinesio taping per la tendinite alla spalla

Applicare il nastro senza tensione, posizionando il braccio in rotazione interna, partendo dalla spalla e seguendo il decorso del muscolo.

Questo trattamento si può effettuare anche per le donne in gravidanza perché il kinesio taping non contiene dei medicinali.

Il ghiaccio non serve per curare una tendinite, ma può alleviare il dolore temporaneamente.

 

Osteopatia e terapia manuale

Nella pagina delle cause abbiamo visto come la contrattura del muscolo sovraspinoso e le aderenze del tessuto connettivo possono causare questa tendinite.

Osteopatia e terapia manuale per la spalla

In terapia manuale si possono sciogliere le aderenze per migliorare la circolazione del sangue.

Questo riduce l’infiammazione perché:

  • Permette l’arrivo di più ossigeno e nutrienti con il sangue arterioso,
  • Migliora il flusso di sangue venoso che porta via i prodotti di scarto.

Questo permette al tendine di lavorare bene e il corpo capisce che non ci sono più pericoli o danni da riparare.

Quindi riduce l’infiammazione.

Per questo è importante una manipolazione fasciale (del tessuto connettivo) per sciogliere le aderenze.

Ci sono terapie manuali che agiscono sui nervi che tengono i muscoli contratti.

Queste terapie (per esempio il Counterstrain o le tecniche di Mitchell) possono dare risultati rapidi.

Tuttavia, consiglio sempre di cercare di capire la causa e rimuoverla.

 

Esercizi di riabilitazione per la tendinite del sovraspinoso

Questo programma di esercizi per la spalla è molto efficace se effettuato regolarmente per 4/6 settimane.

L’allungamento scioglie le aderenze delle fibre del tessuto cicatriziale che ostacola il movimento.

Mentre gli esercizi, con il peso calibrato progressivamente, aumentano la forza dei muscoli deboli.

Inizialmente è meglio effettuare esercizi con gli elastici.

Come abbiamo visto nella pagina sulle cause della tendinite del sovraspinoso, un movimento anomalo e una posizione non corretta di scapola e braccio possono causare:

  • Dolore,
  • Limitazione del movimento.

Queste posture scorrette sono dovute a uno squilibrio dei muscoli scapolari e della schiena.

Esercizi per la tendinite alla spalla

Gli esercizi servono per migliorare la forza dei muscoli che sono spesso deboli come:

  • Sovraspinoso e sottospinoso (rotatori esterni dell’omero),
  • Trapezio medio e superiore,
  • Dentato anteriore.

Muscoli-Romboidi

Bisogna evitare di rinforzare i muscoli che spesso sono forti e rigidi come:

  • Romboidi,
  • Elevatore della scapola,
  • Piccolo pettorale.

Infatti questi muscoli possono ridurre la rotazione della scapola e spostare la spalla in avanti (piccolo pettorale).

 

Esercizio di rotazione esterna con elastico

Esercizio-di-rotazione-esterna-con-elastico

  • Legare l’elastico a una spalliera o un termosifone, a livello dell’ombelico.
  • Usare la mano più lontana dall’elastico e tenere il gomito attaccato al fianco.
  • Ruotare il braccio verso l’esterno.
  • Mantenere l’avambraccio parallelo al pavimento,
  • Ripetere 10 volte.

 

Esercizio per il dentato anteriore

  • Prendere una palla morbida.
  • Mettere la palla contro il muro all’altezza della spalla del paziente,
  • Con il gomito disteso, schiacciare la palla spostando avanti e indietro solo la spalla,
  • RIpetere 20 volte.

 

Esercizio per il trapezio medio

Esercizio-per-il-trapezio-medio

  • Sdraiarsi a pancia in giù,
  • Mettere il braccio fuori dal letto,
  • Ruotare il braccio in modo che il pollice guardi verso l’alto.
  • Sollevare il braccio lateralmente (deve rimanere perpendicolare al torace),
  • Ripetere 10 volte.

Gli sport che prevedono il lancio di una palla e il nuoto devono essere evitati finché si sente dolore, si consiglia il canottaggio.

 

 

Fisioterapia

Per la tendinite della spalla si possono effettuare delle terapie sintomatiche come:

La tecar terapia © non è adatta perché non agisce sul tendine.

In caso di tendinite calcifica (formazione di cristalli di calcio sul tendine) si possono effettuare le onde d’urto.

Questa è l’unica terapia che anche se non rimuove la causa del disturbo, può dare degli effetti a lungo termine.

Questo perché questa terapia favorisce la formazione di nuovi vasi sanguigni.

Dato che spesso il dolore è provocato da un calo di afflusso sanguigno, la nascita di nuovi vasi potrebbe risolvere il disturbo bypassando (saltando) la causa.

 

Intervento chirurgico

Se le onde d’urto non sono sufficienti per la calcificazione della spalla, è necessaria l’aspirazione delle calcificazioni con l’iniezione locale e il lavaggio del tendine.

Molti pensano che la calcificazione sia una cosa dura.

In realtà è un accumulo di sali di calcio assolutamente morbido.

In pratica, se guardi l’intervento, è come quando si schiaccia un brufolo.

Si preme sul brufolo ed esce il bianco.

La stessa cosa succede nella spalla.

Infatti, si tratta di un intervento poco invasivo.

 

Quanto dura la tendinite del sovraspinoso della spalla? La prognosi

Circa il 70% dei pazienti con tendinite del sovraspinoso migliora in circa 2/4 mesi con il riposo, ma la fisioterapia è necessaria per evitare le recidive.

Infatti, il riposo non toglie le cause del dolore alla spalla.

Ci sono persone che si portano dietro il dolore per alcuni anni.

Con le terapie adatte, il paziente può guarire in meno di un mese dall’inizio delle cure.

Se la tendinite non è curata può diventare cronica e si possono verificare delle calcificazioni con il passare del tempo.

Leggi anche:

 

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera