Questa è una guida completa sulle mani gonfie

Nell’articolo di oggi ti spiego:

  1. Perché le mani si gonfiano,
  2. Cosa fare per sgonfiarle,
  3. Le false credenze sull’argomento.

In pratica, se ti interessa togliere il gonfiore, questa guida ti piacerà molto.

Mani-gonfie

La mano gonfia è il segno di:

  1. Un accumulo di liquido
  2. Un’infiammazione dei tessuti o delle articolazioni della mano.

Il gonfiore alla mano è chiamato anche edema e può essere presente del liquido in eccesso anche senza infiammazione.
Il gonfiore:

  1. Si può presentare all’improvviso
  2. Può aumentare lentamente.

 

Cause delle mani gonfie di tipo muscolo-scheletrico

1. Traumi e lesioni alle mani e alle dita

Le lesioni della mano sono un’altra causa frequente di infiammazione.

Le lesioni possono portare ad un accumulo di liquidi nella zona lesa, per esempio:

  1. Una distorsione,
  2. uno strappo,
  3. una frattura,
  4. una lussazione
  5. o lo schiacciamento della mano.
Dita della mano,tendini,estensori

© alamy.com

Questi traumi provocano una contusione o un ematoma.

La mano diventa dolorosa e cambia colore, dal rosso al:

  1. viola,
  2. blu
  3. Nero,
  4. Giallo
  5. Verdastro.

2. Frattura della mano o del polso

Frattura della mano o del polso
Un osso della mano rotto o fratturato è un infortunio che può causare:

  1. dolore,
  2. gonfiore
  3. Ematoma,
  4. Limitazione del movimento.

3. Osteomielite
L’osteomielite è l’infezione di un osso e provoca:

  1. Dolore,
  2. Gonfiore (Roderick et al. – 2016)
  3. Arrossamento.

4. Tendinite
Una tendinite è l’infiammazione di un tendine, se si verifica nelle estremità degli arti si può notare una mano o un piede gonfio (Hasham et al. – 2007),.

Invece è rarissima una spalla, un ginocchio o un gomito gonfi per una tendinite.
L’infiammazione di un tendine può essere acuta per un trauma o per uno sforzo eseguito con la massima forza possibile (per esempio avvitare una vite).

5. L’artrite è una patologia che può gonfiare le mani
I sintomi dell’artrite sono:

  • Gonfiore,
  • Dolori alle mani e alle articolazioni.

Un medico può richiedere la radiografia e gli esami del sangue per determinare:

  1. Il tipo di artrite che causa i sintomi
  2. Le opzioni di trattamento più indicate.

L’artrite idiopatica giovanile colpisce anche i bambini e gli adolescenti.

L’artrite reumatoide

L'artrite reumatoide
L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune che di solito colpisce le mani che diventano:

  1. Rigide,
  2. Dolorose,
  3. Gonfie
  4. Deformate (dopo tanti anni).

6. Sindrome dello stretto toracico

Si tratta di un disturbo che si verifica quando i vasi sanguigni o i nervi del braccio sono compressi tra:

  1. La clavicola,
  2. La prima costola.

Tra i sintomi ci sono dolore, gonfiore e formicolio alla mano.

7. L’inattività può causare le mani gonfie
Rimanere seduto nella stessa posizione per un lungo periodo di tempo può provocare un lieve edema.

 

Gonfiore in determinate condizioni

Mani gonfie in gravidanza

Le donne possono avere mani gonfie durante la gravidanza o come sintomo premestruale.

Mani gonfie in gravidanza

Le donne incinte o con la sindrome premestruale trattengono l’acqua in tutto il corpo.
Il gonfiore può essere particolarmente importante durante la gravidanza perché il corpo aumenta il volume di sangue di circa il 50%.
Anche i piedi possono gonfiarsi durante la gravidanza, soprattutto nell’ottavo o nono mese.
La settimana prima del ciclo mestruale è normale l’accumulo di liquido nel corpo e nelle mani.

Gonfiore con prurito e puntini rossi
Tra le cause delle mani gonfie, secche, prurito e un eruzione cutanea con dei puntini rossi ci può essere la dermatite da contatto, cioè una reazione infiammatoria provocata da un allergene.

 

Fisioterapia per le mani gonfie

1. Eseguire esercizi con le mani e le dita in modo ripetitivo è utile a favorire la circolazione del sangue nelle parti colpite

Questo è fondamentale per ridurre il gonfiore.

Per esempio si consiglia di aprire la mano più possibile e poi chiuderla.

Altrimenti si può schiacciare una pallina morbida.

In estate, quando le mani sono più gonfie e non si riesce a togliere l’anello da un dito, si consiglia di:

  1. Tenere le mani in alto
  2. Aprire e chiudere le dita.

Per esempio: appoggiare il gomito sul tavolo e tenere l’avambraccio verticale (quindi la mano è a livello della testa).
Un altro modo semplice per ridurre il gonfiore delle mani e delle dita è muovere le mani mentre si cammina.

E se le mani sono gonfie al mattino?
Non bisogna spaventarsi se le mani e le dita sono gonfie al mattino appena alzati.
Questo può essere causato dalla posizione anomala durante il sonno.
Bisogna mantenere la calma e tenere le mani in una posizione elevata per un po’ per ridurre il gonfiore.

Se questo non bastasse, bisogna andare dal medico.

2. Fisioterapia
La fisioterapia è utile per ridurre l’infiammazione e il gonfiore.

In particolare ci sono due macchinari:

  1. La Tecar che favorisce l’assorbimento dei liquidi stimolando il metabolismo cellulare,
  2. La pressoterapia che ha un’azione meccanica, in pratica spinge i liquidi dalla mano verso il cuore.

3- Applicare ghiaccio a mani e piedi.
Il ghiaccio aiuta a ridurre l’infiammazione in entrambi, ma solo dopo un trauma.
Mettere il ghiaccio sulla parte gonfia per 10 minuti.
Ripetere per tre volte al giorno.
Attenzione, applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle causa un ustione, mettere sempre un panno tra la mano e il ghiaccio.

4- Inserire l’esercizio fisico quotidiano nello stile di vita. L’esercizio fisico regolare ha dimostrato di ridurre il gonfiore alle mani e ai piedi.
Gli esercizi di di resistenza che muovono i muscoli della mano e del polso possono contribuire a pompare i liquidi in eccesso verso il cuore.

5- Mettere la mano in una bacinella con acqua e sale permette al liquido di uscire dai pori della pelle.
L’acqua dev’essere tiepida e deve contenere una discreta quantità di sale per sfruttare il principio dell’osmosi.
Tenere l’acqua a bagno per almeno 20 minuti.

6. Taping

Un bendaggio elastico può evitare che la mano diventi eccessivamente gonfia.

Può essere utile l’applicazione del kinesio taping che favorisce la circolazione del liquido linfatico.

kinesio-taping-mano

È meglio il ghiaccio o il caldo per aiutare a sgonfiare la mano?

Per le prime 48 ore dopo un infortunio si consiglia di applicare il ghiaccio ed evitare le cose che potrebbero aumentare il gonfiore, come:

  1. Docce con acqua calda,
  2. Vasche idromassaggio,
  3. Impacchi caldi.

Dopo 48-72 ore, se il gonfiore è sparito, applicare calore e iniziare la ginnastica dolce con l’aiuto di una fonte di caldo umido per aiutare a ripristinare e mantenere la flessibilità.

Alcuni esperti consigliano la terapia vascolare con immergendo la mano prima in una bacinella con acqua calda per 30 secondi e subito dopo in una con acqua fresca per altri 30 secondi.

 

Consigli

Rimuovere tutti gli anelli, bracciali o qualsiasi altro gioiello che si mette al dito o al polso.

Sarà più difficile rimuovere i gioielli quando il gonfiore aumenta.

Leggi anche:

Bibliografia:

  • Akinyemi Idowu, MBBS, BSc, MRCS, Kingyin Lee, PhD, BEng, MBBS, Sameer Gujral, MBChB, BSc, MRCS, and Jacob Manushakian, MD Unilateral Swollen Hand: A Rare Case of Primary Lymphedema Tarda Eplasty. 2015; 15: ic53.
  • M. R. Roderick,1,2 R. Shah,2 V. Rogers,2 A. Finn,1,3 and A. V. Ramanan2 Chronic recurrent multifocal osteomyelitis (CRMO) – advancing the diagnosis Pediatr Rheumatol Online J. 2016; 14(1): 47.
  • Saiidy Hasham and Frank D Burke Diagnosis and treatment of swellings in the hand Postgrad Med J. 2007 May; 83(979): 296–300.
  • Davidovic LB1, Kostic DM, Jakovljevic NS, Kuzmanovic IL, Simic TM. Vascular thoracic outlet syndrome. World J Surg. 2003 May;27(5):545-50.
  • Fabio F. A. Ravaglia, 1 ,* M. Goretti Leite, 1 Tiago F. Bracellos, 1 and Alberto Cliquet, Jr. 2 Postambulatory Hand Swelling (Big Hand Syndrome): Prevalence, Demographics, and Association with Dog Walking ISRN Rheumatol. 2011; 2011: 659695.
  • Saiidy Hasham and Frank D Burke Diagnosis and treatment of swellings in the hand Postgrad Med J. 2007 May; 83(979): 296–300.
  • Kreydiyyeh SI1, Usta J. Diuretic effect and mechanism of action of parsley. J Ethnopharmacol. 2002 Mar;79(3):353-7.
  • Schütz K1, Carle R, Schieber A. Taraxacum–a review on its phytochemical and pharmacological profile. J Ethnopharmacol. 2006 Oct 11;107(3):313-23.
  • Clare BA1, Conroy RS, Spelman K. The diuretic effect in human subjects of an extract of Taraxacum officinale folium over a single day. J Altern Complement Med. 2009 Aug;15(8):929-34. doi: 10.1089/acm.2008.0152.

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera