In questo articolo ti spiego le reali cause dell’epicondilite al gomito.

La comprensione dell’origine è fondamentale per poterla curare.

Quindi, se soffri del gomito del tennista, questo articolo ti sarà molto utile.

Ok, iniziamo.

epicondilite

L’epicondilite è una tendinite conosciuta come “gomito del tennista”.

Tuttavia, la maggior parte delle persone che soffrono di questo disturbo non ha mai giocato a tennis.

Ora ti chiederai, cos’è una tendinite?

Bhe, su tanti siti internet troverai che è l’infiammazione di almeno un tendine.

Ma cosa c’è di vero in tutto ciò?

gomito-del-tennista

Si, in rarissimi casi può anche essere l’infiammazione del tendine.

Ma, se fosse vero, il tuo epicondilo sarebbe:

  • Rosso,
  • Gonfio,
  • Dolente,
  • Caldo.

In realtà, io non ho mai visto un’infiammazione acuta del tendine, quindi dobbiamo cercare di capire cos’è in realtà.

Generalmente, il paziente con epicondilite si lamenta di dolore sulla parte esterna del gomito.

Una zona che si trova sopra ad una prominenza ossea definita epicondilo laterale.

In pratica, se scorri lungo il braccio fino al gomito, sul lato esterno, la prima protuberanza ossea che incontri è l’epicondilo.

Da non confondere con il capitello radiale che è appena sotto al gomito.

Il gomito del tennista può essere causato da:

Più avanti nell’articolo capirai meglio cosa succede in realtà.

 

Perché è così importante l’epicondilo laterale?

epicondilo-laterale

Perché da qui originano i muscoli:

  • Estensori del polso (sollevano il dorso della mano),
  • Supinatori dell’avambraccio (ruotano il palmo della mano in avanti).

Generalmente l’esordio è lento, è raro che il dolore insorga improvvisamente senza traumi.

Spesso il paziente non riesce a collegare i sintomi a:

  • Uno sforzo,
  • Un trauma.

Con il passare del tempo, il tendine degenera e si possono formare delle calcificazioni.

In questo caso si parla di tendinite calcifica.

Raramente l’epicondilite è bilaterale.

 

E invece, cos’è l’epitrocleite?

Non bisogna confondere epicondilite ed epitrocleite.

Il dolore nella parte mediale o interna del gomito non è causato dall’epicondilite, ma dall’epitrocleite.

Si tratta dell’infiammazione dei tendini:

  • Pronatori dell’avambraccio,
  • Flessori del polso.

 

Chi soffre di “gomito del tennista”?

L’epicondilite colpisce dall’1 al 3% della popolazione e oltre il 50% dei giocatori di tennis durante la loro carriera.

Tuttavia, meno del 5% del totale delle diagnosi effettuate sono legate alla pratica del tennis.

Oltre ai giocatori di tennis, le persone che possono sviluppare la tendinite del gomito sono quelli che partecipano ad attività che prevedono movimenti ripetitivi di:

  • Braccio,
  • Gomito,
  • Polso,
  • Mano.

Tra le persone che soffrono per questa tendinite troviamo anche:

  • I golfisti,
  • Giocatori di baseball,
  • Casalinghe,
  • Addetti alle pulizie,
  • Carpentieri,
  • Meccanici,
  • Suonatori (violino, saxofono, ecc.).

Le persone che lavorano molte ore al computer con il mouse possono sviluppare l’epicondilite.

Questo succede soprattutto se non sono ben attrezzati.

Per esempio, chi utilizza:

  • I mouse classici (orizzontali)
  • Un tappetino piatto, cioè senza il supporto in gel per il polso.

 

Cause dell’epicondilite

cause-epicondilite

L’epicondilite è causata da un uso eccessivo del gomito (sovraccarico)?

Leggendo i siti internet e i libri di medicina è così.

Ma cosa c’è di vero in tutto ciò?

Se fosse realmente così, non si salverebbe nessun giocatore di tennis.

Invece, tante persone che giocano a tennis non hanno mai avuto problemi ai gomiti.

Quindi c’è dell’altro.

D’accordo, se non avessero giocato a tennis, forse non avrebbero mai avuto l’epicondilite.

Ma il sovraccarico è solo un fattore di rischio.

Quindi, perché si verifica il gomito del tennista?

Secondo la Professoressa e autrice S. Sahrmann, il problema starebbe nella mancata coordinazione muscolare.

In pratica, tu usi troppo:

  • Gli estensori radiali del carpo lungo e breve,
  • I muscoli pronatori.

Sono i muscoli dell’avambraccio che:

  • Estendono il polso,
  • Ruotano il palmo della mano verso dietro.

Inoltre, non usi abbastanza:

  • Il bicipite,
  • Il supinatore.

Qual è la conseguenza?

Si formano degli adattamenti dei tessuti:

  • Alle posture mantenute,
  • Ai movimenti ripetitivi.

A lungo andare, questo ti porta a irrigidire e sviluppare dell contratture negli estensori del polso.

Quando si analizza il gomito, bisogna sempre considerare:

  • La spalla,
  • La mano e il polso.

Questo perché un difetto posturale del gomito può originare da problemi di spalla o del polso e della mano.

Ci sono anche cause traumatiche?

Si, non bisogna mai dimenticare:

  • Gli interventi chirurgici dell’arto superiore e non solo,
  • Le fratture di tutto l’arto superiore,
  • L’immobilizzazione dovuta a un trauma.

Tutti questi eventi possono provocare:

  • Rigidità,
  • Dolore.

Sulla pelle abbiamo i recettori dei nervi.

Si tratta delle estremità dei nervi che servono per identificare:

  • La pressione,
  • Il calore,
  • Il freddo,
  • Le vibrazioni,
  • Altre sensazioni dall’esterno.

Se ci sono delle aderenze o rigidità nel tessuto connettivo, queste possono stirare o comprimere questi recettori.

Questo provoca l’invio di impulsi non corretti al cervello che ci può far sentire:

 

Fattori di rischio dell’epicondilite

L’epicondilite può essere favorita da qualsiasi attività che sovraccarica i tendini:

  • Estensori del polso,
  • Pronatori dell’avambraccio.

Tra queste attività ci sono:

  • Il giardinaggio,
  • Il tennis,
  • Alcuni lavori ripetitivi.

Le persone che praticano body building in palestra possono avere questo disturbo se effettuano male gli esercizi.

Tuttavia, generalmente non vedo sollevatori di pesi con l’epicondilite.

È molto più facile avere delle pazienti casalinghe tra i 45 e i 55 anni.

 

E la degenerazione del tendine?

Con il tempo, si formano delle alterazioni nelle fibre di collagene che compongono il tendine.

Questo fenomeno si chiama tendinosi.

Non c’è da preoccuparsi perché è normale e non causa dolore.

 

Sintomi dell’epicondilite

sintomi-epicondilite

I sintomi dell’epicondilite sono:

  • Dolore nella parte esterna del gomito,
  • Il dolore si può estendere fino al polso, ma non arriva alle dita.
  • Perdita di forza,
  • Rigidità dal gomito alla mano.

I sintomi peggiorano quando:

  • Si chiude il pugno,
  • Si stringono degli oggetti;
  • Sollevi degli oggetti,
  • Versi l’acqua dalla bottiglia,
  • Apri i barattoli,
  • Lavi i denti con lo spazzolino,
  • Usi gli utensili come il coltello e la forchetta,
  • Ruotare la maniglia della porta.

Se l’infiammazione è forte, si può sentire dolore anche:

  • Con movimenti blandi,
  • A riposo.

 

Test per l’epicondilite

Ci sono diversi test ortopedici che si possono fare, guarda i video:

Test di Mills

Test di Cozen

Test di Madusley

Personalmente, il mio test preferito consiste in:

  • Posizione iniziale: Paziente in piedi,
  • Con il braccio disteso lungo i fianchi, metto in mano del paziente un peso di 2 kg.
  • Gli dico di tenerlo e resistere.

Se questo gli causa dolore, il test è positivo.

 

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera