Terapia e rimedi per la fascite plantare

Trattamento iniziale

L’obiettivo del trattamento è quello di ridurre l’infiammazione.

Ma non mi fraintendere, non ti sto per consigliare il classico antinfiammatorio che nella migliore delle ipotesi dà un sollievo temporaneo.

RIdurre l’infiammazione significa togliere la causa.

Altrimenti, qualsiasi terapia avrà solo un beneficio temporaneo.

 

Cosa fare?

Per curare la fascite plantare è necessario il riposo per evitare un peggioramento temporaneo:

  • Del dolore,
  • Dell’infiammazione.

Bisogna smettere di praticare le attività che favoriscono la comparsa dei sintomi come:

  • Correre,
  • Saltare,
  • Stare in piedi per lunghi periodi.

Continuando a svolgere le attività abituali si rischia di peggiorare i sintomi.

Tuttavia, non bisogna preoccuparsi troppo, basta fermarsi quando fa male.

 

Plantari e scarpe adatte

Per rimuovere il dolore della fascite plantare, il medico può prescrivere i plantari (o solette) per distribuire meglio il peso su una superficie più grande.

plantari

Ci sono due possibilità:

  • Un plantare preformato,
  • Un plantare su misura che costruisce il podologo.

Attenzione perché se il plantare su misura non è corretto, può causare altri disturbi.

Inoltre, spesso chiedo al paziente di togliere il plantare per capire se l’origine della fascite è proprio un plantare usato per curare un altro disturbo.

Serve per:

  • Correggere la pronazione e la supinazione del piede,
  • Dare un miglior sostegno, diffondendo il peso del corpo su una superficie maggiore.

Le talloniere morbide riescono ad elevare un po’ il calcagno fornendo maggiore supporto.


Quali scarpe utilizzare?

Le calzature con un buon plantare ammortizzante e con almeno 1 cm di tacco riducono lo stress sulla fascia plantare.

Si possono utilizzare anche dei tutori notturni per tenere allungato l’arco plantare e quindi prevenire i sintomi della mattina.

Si può ottenere lo stesso risultato con un bendaggio.

 

Kinesio taping

Il kinesio taping non si effettua spesso per la fascite plantare.

Tuttavia, si può applicare in questo modo per ridurre la tensione della fascia.

Certo, è difficile essere sicuri che possa aiutare molto quando sei in piedi.

taping

Kinesio-Taping per fascite plantare:

  • Azione: drenante-decontratturante.
  • Forma: Una striscia a ventaglio con 3 code.
  • Lunghezza: dal tallone fino alle dita dei piedi.

Applicare partendo dal tallone verso le dita dei piedi, senza tensione e avvolgendo tutta la fascia plantare.

 

Farmaci

Ci sono vari tipi di farmaci per curare la fascite plantare.

Ovviamente si tratta di una terapia temporanea e non risolutiva.

farmaci fascite plantare

Il medico può prescrivere farmaci:

Tra gli effetti collaterali dei fans ci sono:

  • Sintomi addominali,
  • Ulcera allo stomaco.

Se i sintomi della tendinite persistono nonostante il trattamento, può essere iniettato del cortisone direttamente sul tendine interessato.

Attenzione però, queste infiltrazioni possono causare la rottura della fascia plantare perché tendono ad indebolire i tessuti tendinei.

 

Fisioterapia

La laser terapia e gli ultrasuoni possono essere utili per ridurre:

  • Il gonfiore,
  • Il dolore.

Questo perché stimolano una reazione del corpo che può favorire la guarigione.

Tuttavia non sono le terapie più efficaci.

onde-urto fascite

Tra le cure più efficaci per curare la fascite plantare c’è la terapia ad onde d’urto extracorporee (ESWT).

Le onde sonore ad alta energie sono dirette alla zona dolorosa per indurre un processo di riparazione dei tessuti.

Gli effetti indesiderati della ESWT possono essere:

  • Lividi,
  • Gonfiore,
  • Dolore durante il trattamento.

 

Terapia manuale

Ci sono tante terapie possibili, vediamole brevemente.

A livello manuale alcuni fisioterapisti effettuano la fibrolisi diacutanea che serve per:

  • Rompere le aderenze,
  • Stimolare i processi di guarigione del corpo.

Una terapia simile è il massaggio trasverso profondo o cyriax che si effettua con le mani o con i gomiti.

Il fisioterapista massaggia nella direzione perpendicolare alle fibre della fascia.

Queste sono terapie che agiscono sulla zona dolente (potremmo chiamarle sintomatiche).

Spesso fanno male e generalmente non agiscono sull’origine del disturbo.

Generalmente uso le tecniche dolorose solo sugli atleti che hanno una soglia del dolore molto alta.

Inoltre, se non si toglie la causa spesso il dolore si ripresenta.

Poi ci sono tecniche di stretching.

Io sconsiglio queste metodiche che non hanno nessun fondamento scientifico.

Infatti, lo stretching non è supportato dalla scienza e posso assicurare di aver visto tanti danni da stretching statico, anche gravi.

Osteopatia

L’osteopatia è utile perché può eliminare il blocco di un articolazione o può liberare un nervo compresso che provocano il dolore alla pianta del piede.

L’osteopatia è una terapia manuale completa che permette di agire su:

  • Articolazioni,
  • Muscoli,
  • Fascia di tessuto connettivo (tessuto che unisce tutte le parti del corpo),
  • Nervi (indirettamente).

In questo modo è più facile trovare una via d’uscita.

 

Rimedi naturali

I rimedi naturali non sono cure definitive, ma cure naturali che danno sollievo temporaneo finché trovi una terapia definitiva.

È possibile applicare impacchi di ghiaccio per 20 minuti, 3 volte al giorno, tutti i giorni.

Guarirò applicando il ghiaccio?

Certo che no, però puoi avere un po’ di sollievo temporaneo perché ti anestetizza.

Per ridurre l’infiammazione della fascia plantare si possono fare dei pediluvi con acqua tiepida e sale.

In una bacinella d’acqua bisogna versare 8/10 cucchiai di sale.

Anche questo è un rimedio di dubbia efficacia, ma alcuni medici lo consigliano.

Un impacco di argilla può essere utile solo se la zona è gonfia perché questa sostanza assorbe il versamento (liquido infiammatorio).

L’agopuntura può essere utile per migliorare la funzionalità del corpo e favorire la guarigione.

 

Esercizi di potenziamento per la fascite plantare

Perché fare gli esercizi?

Molti pensano che il piede faccia male perché i muscoli sono deboli.

In realtà non è proprio così.

Si tratta di squilibri muscolari per cui alcuni muscoli lavorano troppo e quindi sono sovraccarichi.

Questo può portare dolore.

Ma se noi li rinforziamo, rischiamo di peggiorare ancora di più la situazione.

Invece, bisogna rinforzare i muscoli che non stanno lavorando e si stanno indebolendo.

Grazie a questi esercizi per la fascite plantare si può facilmente migliorare:

  • La flessibilità,
  • Il movimento,
  • L’equilibrio.

Esercizi

Sollevamento del tallone

sollevamento-talloni

  • Stando a piedi nudi sul pavimento, alzare lentamente i talloni rimanendo sulle punte dei piedi.
  • Mantenere questa posizione per alcuni secondi e poi scendere lentamente.
  • Si possono provare versioni più difficili di questo esercizio, eseguendolo per esempio sul bordo di un gradino, oppure su un piede solo.

– Piegamento di Dita e caviglia

  • Posizione iniziale: seduto o sdraiato.
  • Piegare le dita dei piedi verso il basso mentre si effettua la flessione dorsale della caviglia.
  • Ritornare alla posizione iniziale.

– A piedi su un asciugamano

  • Piegare un asciugamano lungo a forma di tubo e posizionarlo sul pavimento.
  • Camminare avanti e indietro a piedi nudi in equilibrio sul telo.

In equilibrio su una gamba

equilibrio

  • Stare a piedi nudi su una gamba sola cercando di mantenere l’equilibrio.
  • Iniziare tenendo gli occhi aperti, poi chiudere gli occhi per aumentare la difficoltà.

Camminare sulla spiaggia

Fare una passeggiata a piedi nudi su qualsiasi superficie sabbiosa disponibile (si sfruttano le irregolarità del terreno).

– Il gioco delle biglie

esercizio-fascite-plantare

  • Mettere alcune biglie sul pavimento e usando le dita dei piedi prenderne una e metterla in un bicchiere.
  • È possibile utilizzare piccole pietre, cubi, matite o qualsiasi cosa si possa raccogliere con i piedi.

Camminata in punta di piedi

camminata-punte-piedi

Camminare a piedi nudi sulle punte piedi, spingendosi il più in alto possibile.

Sollevamento dell’arco plantare

  • Sedersi su una sedia con i piedi sul pavimento in posizione rilassata.
  • Sollevare leggermente l’arco plantare lasciando le dita attaccate al terreno.
  • Per svolgere questo esercizio in modo più difficile, si può eseguire:
    • Stando in piedi, su un piede solo,
    • Su una superficie morbida e irregolare.

Palla sotto al piede

  • Posizionare una pallina da tennis o da golf sotto al piede.
  • Rollare con il piede sopra alla pallina in modo da allungare tutta la fascia plantare.
  • Eseguire l’esercizio almeno 2 minuti al giorno.

 

Sport consentiti e vietati

Il nuoto e il kajak sono consentiti.

In caso di fascite plantare lieve, la bicicletta può essere consentita se non causa dolore.

È meglio se l’appoggio del piede è più posteriore.

La corsa e gli sport che prevedono dei salti sono da evitare temporaneamente.

 

Operazione chirurgica per la fascite plantare

L’intervento chirurgico non è un trattamento frequente per la fascite plantare.

Quando operare?

In alcuni casi può essere consigliato dal medico nel caso in cui il trattamento conservativo non funzioni.

In cosa consiste?

La procedura chirurgica utilizzata è chiamata “release della fascia plantare”, nella quale il chirurgo incide parzialmente l’arco plantare per diminuire la tensione sul tessuto.

Tra le complicanze ci sono:

  • Infezioni,
  • Piede piatto (se il chirurgo taglia più del 50% la fascia plantare),
  • Aumento dei sintomi,
  • Danni a piccoli nervi circostanti,
  • Rottura della fascia plantare.

 

Quanto dura? La prognosi

La durata della fascite plantare può essere lunga se non si toglie la causa.

I tempi di recupero (guarigione) possono superare l’anno.

Se il disturbo è affrontato in fase acuta con le terapie adatte, si può guarire in un mese circa.

Leggi anche:

 

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera