In questo articolo ti spiego le cause del dito gonfio.

Quindi, se hai il dito gonfio, questa guida ti piacerà.

Ok, iniziamo!

 

Cause di gonfiore alle dita

Ci sono molte possibili cause di gonfiore alle mani e alle dita.

cause-dito-gonfio

Se un solo dito è gonfio, tra le possibili cause ci sono:

Un dito gonfio può essere il segno di un’infezione o infiammazione se si verifica gonfiore con:

Vediamo le cause del dito gonfio nel dettaglio.

 

Dito gonfio da Trauma

Il trauma è la causa di dito gonfio più frequente nel bambino e nell’adulto.

trauma-dito-gonfio

Un trauma può provocare:

Gli sportivi che giocano con la palla (per esempio basket e pallavolo) spesso hanno una distorsione/lussazione del medio o dell’anulare che causa gonfiore.

Se non si è rotto un osso, la terapia più indicata consiste in:

  • “tirare il dito”,
  • Fare un bendaggio,
  • Applicare il ghiaccio.

Contusione

La contusione o trauma può causare la lesione dei capillari, cioè dei vasi sanguigni più piccoli.

Questo provoca un ematoma.

In generale non è grave e si riassorbe.

Tuttavia, in alcuni casi può aumentare la pressione nel dito e premere su:

  • Nervi,
  • Vasi sanguigni.

Per questo il dolore può rimanere per un po’.

Formazione di Aderenze

Spesso il gonfiore non passa perché il trauma ha provocato la formazione di aderenze nel tessuto connettivo.

Si tratta di ponti di collagene tra le fibre di tessuto connettivo, muscoli, pelle, ecc.

Questi comprimono le piccole terminazioni dei nervi (sulla pelle) e i piccoli vasi sanguigni del dito.

La conseguenza è una riduzione del flusso:

  • Di sangue venoso,
  • Del liquido linfatico.

Per questo, il gonfiore può rimanere per molto tempo.

Dopo un’operazione chirurgica, ad esempio per il dito a scatto, può essere necessario molto tempo per sgonfiare il dito operato.

È normale che il tempo di recupero sia di un mese.

 

Altre cause infiammatorie e autoimmuni del dito gonfio

dito-gonfio-artrite-reumatoide

Le dita si possono gonfiare senza un trauma o un motivo apparente, per esempio nei seguenti casi:

  • Cisti (crescita o gonfiore sopra all’articolazione o a un tendine)
  • Artrite reumatoide (malattia autoimmune cronica caratterizzata da infiammazione delle articolazioni).

In caso di artrite, i sintomi dipendono dalla causa che spesso è alimentare o comunque una sostanza.

 

Fisioterapia per il dito gonfio

Esercizi per le dita gonfie

Muovere le dita per pompare il fluido in eccesso verso il cuore.

Il movimento favorisce il flusso di sangue alla zona e dà la pressione necessaria per pompare via il liquido in eccesso.

Qualsiasi movimento delle dita riduce il gonfiore.

Per esempio quando non si riesce a sfilare un anello si possono alzare le mani verso il cielo, poi si apre e chiude il pugno.

Le persone che soffrono di obesità sono più soggette ad edema perché il sistema linfatico funziona più lentamente.

Il gonfiore può diminuire se il sistema linfatico funziona correttamente.

Per favorire il funzionamento del sistema linfatico:

  • Effettuare un programma di esercizi regolare,
  • Seguire una dieta sana ricca di frutta, verdura e proteine,
  • Bere più acqua.

Tenere in alto le mani e le dita

Il gonfiore può essere causato da una cattiva circolazione o dal sangue che ristagna nelle mani.

Tenendo le mani in alto si aiuta il ritorno del flusso di sangue verso il cuore.

Mettere le dita gonfie più in alto del cuore per 30 minuti almeno 3 o 4 volte al giorno per il trattamento dell’edema grave.

 

Fisioterapia e Terapia Manuale per il gonfiore al dito

Se il medico diagnostica un problema muscolo scheletrico e prescrive la fisioterapia, bisogna sempre analizzare tutto il braccio per capire se c’è qualcosa che impedisce la guarigione.

Nel capitolo delle cause, abbiamo visto che si possono formare delle aderenze che premono su nervi e vasi sanguigni.

Se il braccio ha poche aderenze, può guarire spontaneamente.

Se invece fosse molto contratto e rigido, può bloccare il flusso:

  • Di sangue venoso,
  • Della linfa.

dito-gonfio-osteopatia

Quindi bisogna sciogliere queste aderenze e rigidità per permettere al corpo di auto-guarirsi.

Le cure più indicate per le aderenze tra i tessuti connettivali sono:

  • L’osteopatia,
  • La terapia manuale,
  • La fisioterapia strumentale.

 

Leggi anche:

Dr. Giovanni Defilippo – Medico

Giovanni Defilippo Mi chiamo Giovanni Defilippo, sono un ex Medico di Base di Rubiera con 40 anni di esperienza.
Mi sono laureato presso l’università degli studi di Bologna nel 1972 … Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera