Vertigini o giramenti di testa

INDICE

Le vertigini (o giramenti di testa) sono un termine usato per descrivere molte sensazioni:

  • Stordimento,
  • Sbandamento,
  • Debolezza,
  • Instabilità.

La sensazione è la stessa che si prova ad un altezza notevole da terra quando si guarda in basso.
Le vertigini colpiscono più le donne degli uomini.


 

Classificazione delle vertigini

  • Nelle vertigini soggettive l’individuo sente il suo corpo che gira in tondo.
  • Nelle vertigini oggettive, la persona sente il corpo fermo ma è la stanza che ruota intorno.
  • Le vertigini periferiche sono causate da un disturbo del labirinto, la durata è breve, ma si verificano all’improvviso.
  • Le vertigini si definiscono centrali se la causa è una malattia o lesione del sistema nervoso centrale. Il disturbo è graduale, ma dura per molto tempo.

Tipo di vertigini in base alla patologia
1. Parossistiche, sono causate da una fistola labirintica o perilinfatica, da ipotensione (pressione bassa) oppure dalla vertigine benigna parossistica posizionale.
2. Acute, la causa può essere un’infezione, un trauma, la sindrome di meniere o la nevrite vestibolare.
3. Subacute, comprendono le vertigini centrali e gli esiti di un trauma cranico.
4. Croniche o ricorrenti, possono essere di tipo psicogeno oppure l’origine è l’ototossicosi (causato da tossine).


 

Cenni di anatomia dell’orecchio e meccanismo dell’equilibrio

Gli organi vestibolari dell’orecchio sono:

  • Utricolo,
  • Sacculo,
  • Tre canalisemicircolari.

I canali semicircolari registrano il movimento rotatorio della testa.
Questi si trovano perpendicolari tra loro e contengono un liquido chiamato endolinfa.

canali semicircolari,equilibrio,orecchio interno

Ogni canale ha una funzione specifica e registra il movimento della testa: verso l’alto, il basso, da un lato o dall’altro e le rotazioni.
Questi canali contengono delle cellule ciliate sensoriali che si attivano con il movimento del fluido endolinfatico.
Muovendo la testa (per esempio quando si inclina la testa da un lato) le cellule ciliate sensoriali inviano un impulso nervoso al cervello tramite il nervo acustico.
Il liquido endolinfatico (nel canale semicircolare) sposta gli otoliti.
Questi cristalli scivolano sulle cilia sensoriali alla base dell’utricolo e del sacculo.
Gli impulsi arrivano al tronco cerebrale e alla zona del cervelletto.
Se gli otoliti si staccano dalle cellule ciliate sensoriali, navigano all’interno del labirinto vestibolare e possono causare dei problemi di vertigini ed equilibrio gravi (vertigine benigna parossistica posizionale).


 

Possibili cause di vertigini

Molte cause non sono gravi, si può guarire dai sintomi con semplici cambiamenti nella vita di tutti i giorni.
Molti sintomi scompaiono senza bisogno di cure.
Questo sintomo si verifica sia nell’uomo sia nella donna, ma le femmine ne soffrono più spesso.
Le cause più frequenti delle vertigini sono spiegate seguente elenco:

Bassa pressione sanguigna
Nell’ipotensione ortostatica la pressione sanguigna del corpo scende quando ci si alza velocemente o quando si passa rapidamente della posizione seduta a quella sdraiata.
Il corpo si dovrebbe adeguare rapidamente a questi cambiamenti di posizione.
Alcune persone necessitano di diversi minuti per recuperare la pressione normale.
Finché la pressione sanguigna non si stabilizza l’individuo può avere le vertigini.

Disidratazione
Un’altra causa delle vertigini improvvise è la disidratazione. Quando il corpo non ha abbastanza liquidi sente stordimento, instabilità e vista annebbiata o sfocata.
Durante l’esercizio fisico, la mancanza d’acqua può provocare uno squilibrio nel corpo.
Bere alcolici causa disidratazione.
Quando si ha attacco di vomito, di diarrea o febbre si possono avere vertigini.

Emicrania
I sintomi dell’emicrania sono i seguenti:

Anche la luce o il rumore causano vertigini.
Gli esperti pensano che i cambiamenti che avvengono all’interno dei vasi sanguigni del cervello siano i responsabili dell’emicrania. Spesso quando si cura l’emicrania spariscono anche le vertigini.
Per curare le vertigini causate da un’emicrania vestibolare, il medico può dare consigli utili sulla dieta, lo stress, come dormire la notte e gli esercizi da fare.
Alcuni farmaci possono prevenire l’emicrania vestibolare dando sollievo dalla nausea e dal vomito.

Ipoglicemia
La glicemia bassa nelle persone che prendono l’insulina per curare il diabete può causare vertigini e altri sintomi come la confusione e il sudore freddo.

Farmaci
L’uso di farmaci per abbassare la pressione sanguigna possono essere troppo efficaci ed abbassare la pressione sotto i livelli desiderati, ciò causa le vertigini.
Anche i sedativi possono causare vertigini.

Gravidanza
Le donne potrebbero sentire capogiri e vertigini durante la gravidanza.
Essi sono causati dai cambiamenti che si verificano nel corpo della donna. La gravidanza provoca la pressione sanguigna bassa. Le dimensioni dell’utero possono provocare una pressione sui vasi sanguigni che possono causare vertigini durante il secondo trimestre. Le donne incinta che hanno l’anemia sono più predisposte ad avere delle vertigini continue.
Le donne con questo disturbo spesso soffrono anche di stanchezza.
In gravidanza ci sono molti sintomi (per esempio il mal di schiena), questo rende più difficile la diagnosi.

Aritmia e altri problemi di cuore
Il cuore è l’organo che pompa il sangue nel corpo.
La mancanza di afflusso di sangue al cuore causa dolore al muscolo cardiaco.
Anche l’aritmia (battito cardiaco irregolare) può provocare vertigini.

Depressione e ansia
Spesso la depressione e l’ansia causano le vertigini.

Gli esperti associano i disturbi di panico, ansia, depressione, ecc. con le vertigini.
Le persone depresse o ansiose spesso hanno le vertigini.
Altri sintomi della depressione sono:

  • Attacchi d’ansia
  • Attacchi di panico
  • Pseudo-vertigini

L’ansia colpisce l’apparato respiratorio di una persona e provoca iperventilazione.
Si ricorda che le vertigini sono causate anche dall’assunzione di alcune pillole per curare la depressione.

Vertigini di origine cervicale
Tra le cause delle vertigini da cervicale ci sono:

Vertigini o giramenti di testaProblemi all’orecchio
Molte cause della vertigini sono provocate da disturbi delle orecchie.
Alcuni problemi dell’orecchio interno causano mancanza di equilibrio e vertigini.
Il neuroma acustico è una massa benigna sul nervo acustico.
Questo nervo collega il cervello con la parte interna dell’orecchio. Questa patologia causa le vertigini.
Anche la sindrome di Ménière provoca gli stessi sintomi.
Quando si accumula del liquido nella regione dell’orecchio interno si può verificare questa patologia.
La neurite vestibolare acuta è un’infiammazione dell’orecchio interno e può causare vertigini per molti giorni.
I sintomi di questa patologia sono i seguenti:

La labirintite è un disturbo dell’orecchio in cui si infiamma il labirinto. La labirintite causa forti attacchi di vertigini e altri sintomi tra cui: sordità, vomito, acufeni (ronzii o fischi alle orecchie).

Mandibola,malocclusione,lussazioneDisfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare
L’osso della mandibola è collegato all’osso temporale (quello che contiene gli organi dell’orecchio).
Se un osso è malposizionato o non è ben allineato con l’altro può causare diversi sintomi, tra cui:

 

Altre cause

  • Fumare una sigaretta, dopo aver fumato i giramenti di testa lievi durano alcuni secondi
  • La droga
  • Allergia
  • Raffreddore
  • Influenza
  • Tumore o metastasi al cervello
  • Emorragia interna o mestruazioni abbondanti
  • Sindrome pre-mestruale (prima del ciclo mestruale o durante l’ovulazione a causa delle variazioni degli ormoni)
  • Dopo mangiato o quando la persona è sotto sforzo il corpo porta più sangue ai muscoli e allo stomaco, quindi il cervello riceve una quantità minore e può causare delle vertigini lievi.

Le cause possono variare dall’infezione all’orecchio a un problema di cuore.
Ci sono anche casi in cui la causa è sconosciuta.
Si consiglia di tenere annotati la frequenza dei sintomi.
È sempre una buona abitudine informare il medico di base quando compaiono i primi sintomi.

 

Esame neurologico,occhi,vertigini

I primi sintomi che si verificano sono i seguenti:


 

Vertigini durante la gravidanza

Una delle cause delle vertigini nelle donne è essere incinta.
Gli ormoni aumentano il flusso del sangue nel bimbo, ma quando il sangue ritorna nelle vene della madre rallenta.
Ciò causa una diminuzione di pressione sanguigna.

Una buona abitudine è quella di indossare abiti larghi, per evitare di comprimere il corpo e rallentare il flusso del sangue.
Le seguenti attività aiutano a prevenire problematiche respiratorie:

  • Respirare profondamente,
  • Mangiare cibo ricco di ferro,
  • Evitare di alzarsi velocemente da seduti,
  • Evitare di sedersi velocemente appena svegli.

Un’altra causa di vertigini durante la gravidanza si verifica quando l’utero si ingrossa a tal punto da provocare una forte pressione sui vasi sanguigni, quindi nell’ultimo trimestre.
Quando la madre sta sdraiata supina (a pancia in su), il peso del bambino è appoggiato sulla vena cava. Questa vena è il vaso sanguigno più importante per il ritorno del sangue al cuore.


 

Le vertigini nei bambini

I bambini si possono sentire instabili, deboli o aver dei capogiri.
I sintomi che sente un bambino variano in basa alla causa che li provoca.
Spesso con le vertigini ci sono altri sintomi:

La vertigine è causata dalla riduzione del flusso di sangue al cervello.

Le cause più frequenti di vertigini nei bambini sono le seguenti:

  • Ferite traumatiche,
  • Infezioni dell’orecchio interno,
  • Sindrome di Meniere.

L’orecchio interno influenza l’equilibrio del corpo: le infezioni in questa area possono provocare perdita dell’equilibrio e capogiri.

I centri dell’equilibrio nel cervello possono essere colpiti da ictus, tumori o cisti.
A volte i bambini hanno le vertigini dopo essersi alzati.
Ciò è dovuto all’ipotensione ortostatica (calo della pressione sanguigna quando la persona si alza in piedi improvvisamente).
Quando il bimbo si alza da sdraiato si consiglia di stare in posizione seduta per qualche secondo.
Se il sangue non raggiunge rapidamente il cervello, la pressione arteriosa può rimanere bassa.
L’ipotensione ortostatica è questa incapacità del corpo di adattarsi alla nuova posizione.

L’ipoglicemia è un’altra causa di vertigini. I bambini che spesso saltano i pasti sono più predisposti di soffrire per il calo di zuccheri nel sangue.
L’ipoglicemia cause le seguenti conseguenze:

In questo caso la terapia è semplice, un po’ di acqua e zucchero permettono di migliorare la sintomatologia.

Anche un colpo di calore o la disidratazione possono causare le vertigini. I bambini che hanno l’anemia, l’aritmia cardiaca e il diabete sono più predisposti ad avere le vertigini.


 

Vertigini e Nausea

La vertigine benigna parossistica posizionale (VPPB) è un disturbo vestibolare che causa mancanza di equilibrio, nausea e vertigini.
La VPPB è causata dagli otoliti nell’orecchio interno che si staccano dalla membrana otolitica nell’utricolo e si accumulano in uno dei canali semicircolari.

I sintomi peggiorano:

  • Quando il paziente si sdraia,
  • Quando ruota la testa,
  • Quando si gira nel letto,
  • Quando si alza dal letto.
  • Raramente le vertigini compaiono mentre il paziente cammina.

Il trattamento della VPPB è semplice. Il medico o il fisioterapista posizionano la testa in determinate posture. La terapia è efficace dopo una o due sedute.

Altre cause:

  • In gravidanza, durante il primo trimestre, l’iperemesi gravidica causa vertigini e nausea mattutine.
  • Attacchi di panico,
  • Farmaci antidepressivi,
  • Malattie respiratorie (patologie polmonari ostruttive, attacchi d’asma ed edema polmonare),
  • Patologie neurologiche (lesioni al cervello e al midollo spinale),
  • Dismenorrea,
  • Problemi gastrointestinali (diarrea, intossicazione alimentare e gastroenterite),
  • Problemi olfattivi,
  • Emicrania,
  • Anemia,
  • Abuso di alcool o droga,
  • Depressione,
  • Sincope (svenimento),
  • Bassa o alta pressione sanguigna,
  • Iperventilazione,
  • Arteriosclerosi (indurimento delle arterie),
  • Menopausa.
  • Disidratazione.

Di solito il medico prescrive dei farmaci per ridurre le vertigini.
Bisogna curare la causa per avere un risultato a lungo termine, ma il dottore può consigliare dei medicinali per risolvere temporaneamente, per esempio la betaistina (Microser).

Problemi cardiovascolari
I principali disturbi cardiovascolari che causano vertigini sono riportati di seguito:


 

Giramenti di testa e vista offuscata

Cause:

  • Tumore al cervello
  • Diabete
  • Disidratazione
  • Infezione dell’orecchio
  • Alta / bassa pressione sanguigna
  • Sindrome di Ménière
  • Emicrania
  • Attacco di panico.

 

Tumore cerebrale,vertigini


 

Vertigini improvvise

Le più importanti cause di vertigini improvvise sono le seguenti:

  • Disidratazione,
  • Pseudovertigine,
  • Bassa pressione sanguigna,
  • Glicemia alta (alti livelli di zucchero nel sangue),
  • Ictus.
  • Assunzione di farmaci.

 

Cause di vomito e vertigini

Ci sono molto malattie che provocano due sintomi, tra cui:


 

Arterie cervicali, carotidi,cerebraliQuali sono le cause delle vertigini al mattino?

  • Infezioni dell’orecchio interno,
  • Problemi vestibolari,
  • Disturbi sensitivi,
  • Emicrania,
  • Iperventilazione,
  • Sclerosi multipla,
  • Bassa pressione sanguigna,
  • Alcuni farmaci,
  • Vertigini psicogene o funzionali causate dall’ansia (tra i sintomi ci sono anche tachicardia, sudorazione eccessiva e tremori),
  • Movimenti Rapidi,
  • Ictus.

Il trattamento della sindrome di Meniere ha molti effetti collaterali. Il più importante effetto indesiderato è l’aumento della ritenzione idrica (l’organismo trattiene più fluidi).
Il medico può prescrivere un diuretico e una modifica dell’alimentazione o della dieta.
Spesso si toglie il sale per un breve periodo.
In caso di diabete consiglia una dieta con pochi zuccheri.

Le vertigini quando la persona si alza sono provocate dalle seguenti cause:

  • Problemi neuromuscolari,
  • Problemi di circolazione,
  • Effetti collaterali dei farmaci,
  • Trauma cranico,
  • Emorragia interna,
  • Variazioni ormonali
  • Ansia,
  • Attacchi di panico,
  • Depressione,
  • Emicrania,
  • Anemia,
  • Disidratazione.

 

Trauma cranico,vertigini,emorragia cerebrale


 

Diagnosi delle vertigini o giramenti di testa

Un medico a cui rivolgersi è l’otorino o il neurologo che può fare la diagnosi in base alla storia clinica, l’esame fisico ed eventualmente i test vestibolari, uditivi, la risonanza magnetica dell’encefalo (cervello) e l’ecodoppler delle arterie carotidi (nel collo).
Bisogna escludere le malattie cardiovascolari (che sono prevalenti nel paziente diabetico).

 

Arterie carotidi,vena giugulare,tiroide,colonna vertebrale


 

Test fisici per valutare la funzionalità del vestibolo

Test di Romberg
In piedi con i piedi uniti, le braccia lungo i fianchi e gli occhi chiusi.
Se  il paziente perde l’equilibrio bisogna prendere il paziente, il lato verso cui cade è quello malato.
Se il paziente è stabile bisogna provare il test di Unterberger.

 

 

Test di Dix-Hallpike
In questo test, una persona si sposta dalla posizione seduta a quella supina, con la testa girata di 45 gradi da un lato (per esempio a sinistra) ed estesa circa 20 gradi all’indietro.
In questa posizione si osservano gli occhi del paziente, Il test è positivo se il paziente ha il nistagmo (vibrazione degli occhi) verso il basso.
In caso contrario si ripete il test a destra.

Test di Unterberger,vertigini
Test di Unterberger

Test di Unterberger
Piedi uniti e le braccia distese in avanti con gli occhi chiusi.
Il test consiste nella marcia sul posto portando le ginocchia verso l’alto.
Le persone sane rimangono nella stessa posizione, mentre chi ha un disturbo avanzano di oltre 1 metro o ruotano almeno 30° verso il lato malato.


 

Cosa fare? Cura per la vertigine parossistica posizionale benigna (VPPB)

Manovre liberatorie di Epley e di Semont
Ci sono due trattamenti per la VPPB (o Cupololitiasi o Canalolitiasi) molto efficaci, con una percentuale di guarigione di circa l’80%.
Questo disturbo è causato da una posizione anomala degli otoliti (sassolini) nei canali semicircolari.
Le manovre servono per spostare gli otoliti dalla parte sensibile dell’orecchio (canale posteriore) in una posizione che non causa disturbi.
Ogni manovra dura circa 15 minuti.

La manovra di Epley prevede dei movimenti in sequenza della testa in quattro posizioni, rimanendo circa 30 secondi in ogni posizione:
1) Posizione di partenza, paziente seduto sul lettino.
2) Il paziente si sdraia con la testa oltre il bordo del lettino e ruota la testa di 45° verso il lato dell’orecchio colpito. Il medico estende leggermente la testa del paziente (20° circa) e mantiene questa posizione 30 secondi.
3) Il medico ruota velocemente la testa del paziente verso il lato opposto, ma la posizione del paziente rimane la stessa.
4) Il medico ruota ulteriormente la testa del paziente finché guarda il pavimento.
5) Il paziente ritorna seduto sul lettino.
Quando si esegue la manovra di Epley, si consiglia cautela perché potrebbero verificarsi dei sintomi neurologici (ad esempio, debolezza, intorpidimento, cambiamenti visivi diversi da vertigine).
A volte questi sintomi sono causati da compressione delle arterie vertebrali.

La manovra liberatoria di Semont per la diagnosi e la terapia
La manovra liberatoria di Semont è una tecnica in cui il medico sposta rapidamente il paziente da un lato all’altro del lettino.
È una manovra che può risolvere il problema 4 sedute di trattamento nel 90% dei casi circa.

Posizione di partenza.
Il paziente è seduto con le gambe fuori dal lettino.
La testa deve rimanere sempre ruotata di 45° verso il lato destro.

Svolgimento della manovra
Il medico sdraia rapidamente il paziente di lato verso sinistra, se compare nistagmo o vertigini significa che l’orecchio malato è il sinistro.
In questo caso la terapia (manovra di semont) si effettua sdraiando il paziente sul fianco opposto, si mantiene questa posizione finché le vertigini passano (2-3 minuti).