Condividi sui social

I problemi di circolazione alle gambe e alle braccia possono essere lievi o gravi.

Il sangue deve circolare in tutto l’organismo per:

  1. Portare ossigeno e sostanze nutrienti alle cellule,
  2. Rimuovere le sostanze di scarto e l’anidride carbonica nei tessuti.

Una rete molto estesa di arterie porta il sangue alle cellule, poi il sangue ritorna al cuore attraverso le vene.
Il cuore pompa il sangue nelle arterie con una pressione elevata. Tuttavia, quando questo arriva nelle vene, la pressione è bassa perché lungo il percorso l’attrito ha ridotto la velocità di scorrimento. Nelle vene c’è un sistema di valvole che permette lo scorrimento del sangue verso il cuore e impedisce la discesa verso i piedi.
Il funzionamento del sistema circolatorio dipende dalla 
pompa muscolare a livello del polpaccio (Ogiwara – 2001):

  1. Quando il muscolo si contrae spreme le vene e spinge il sangue verso il cuore (toya et al. – 2016),
  2. Durante il rilassamento, le valvole nella parte inferiore delle vene si aprono e il sangue è risucchiato verso l’alto.

Durante il cammino, il polpaccio si contrae e si rilassa ad ogni passo.
Questo 
permette la circolazione venosa.

Apparato-circolatorio-cuore-polmone

© fotolia.com

Cause dei problemi di circolazione

Sindrome di Raynaud
È una malattia che provoca il restringimento delle piccole arterie del corpo, soprattutto alle dita delle mani e dei piedi.
Malattie cardiache
Il cuore deve pompare il sangue a tutto il corpo.
L’aritmia è una cardiopatia che provoca un battito cardiaco irregolare che può essere:

  • Troppo veloce,
  • Troppo lento.

Se le contrazioni dei ventricoli cardiaci sono troppo rapide e non regolari, la quantità di sangue pompata è ridotta. Questo si verifica perché il ventricolo batte prima di riempirsi.
Un cuore che batte troppo lentamente non è in grado di pompare abbastanza sangue per portare ossigeno e nutrienti agli organi.
In queste situazioni si può verificare una cattiva circolazione.
Un infarto cardiaco è la morte di una parte del tessuto muscolare del cuore causato dalla mancanza di flusso di sangue in quell’area.
In questo caso il cuore può pompare una quantità insufficiente di sangue al resto del corpo.
La conseguenza è una cattiva circolazione.
Insufficienza cardiaca
Si tratta di una situazione in cui il cuore non pompa abbastanza sangue per soddisfare le esigenze dell’organismo.
La conseguenza è una scarsa circolazione del sangue e il gonfiore alle caviglie e alle gambe.
Morbo di Buerger
È una malattia rara ma grave in cui si verificano infiammazione e gonfiore nei vasi sanguigni.
Questa infiammazione provoca la formazione di trombi (coaguli) e blocco della circolazione nelle estremità del corpo (mani e piedi).
Disturbi dei nervi
La neuropatia diabetica è un disturbo nervoso legato al diabete mellito.
Quando i livelli di zucchero nel sangue sono elevati, i nervi possono subire dei danni..
Il diabete non trattato può causare:

  • Danni ai nervi,
  • Formicolio,
  • Intorpidimento alle mani e ai piedi.


Farmaci
La cattiva circolazione può essere un effetto collaterale causato da alcuni farmaci, per esempio i beta-bloccanti per le malattie del cuore e la pressione alta.
Acrocianosi
Questa malattia colpisce le mani, piedi e viso.
Nell’acrocianosi, la pelle delle zone interessate diventa di colore bluastro, inoltre può diventare fredda e sudata.
Ipotiroidismo
Questa malattia provoca un calo nella produzione di ormoni della tiroide.
L’ipotiroidismo non curato può causare bradicardia, cioè la riduzione della frequenza cardiaca.
La conseguenza è una riduzione della circolazione sanguigna, soprattutto a mani e piedi.
Alimentazione pessima
Una dieta corretta è fondamentale per il corpo.
L’eccessiva assunzione di cibo può causare l’obesità che è un fattore di rischio dell’ipertensione, malattie cardiache, diabete, ecc.
Ansia, stress e depressione
La reazione del corpo all’ansia consiste nel pompare più sangue agli organi principali e ridurre la circolazione verso le estremità.
Per questo motivo lo stress causa mani e piedi freddi.
Geloni
Le persone con circolazione scarsa possono notare che i vasi sanguigni della pelle si restringono durante l’inverno.
I sintomi sono: gonfiore, bolle, pallore o cianosi e ulcere nelle dita dei piedi.
Tra i fattori di rischio ci sono:

  • Fumo
  • Alcol
  • Caffeina
  • Vita sedentaria
  • Gravidanza
  • Malattie renali o polmonari
  • Vestiti stretti

Scarsa circolazione nei piedi

Una delle cause più frequenti di scarsa circolazione nei piedi è l’arteriopatia periferica.
Questa malattia è caratterizzata da ostruzione o restringimento delle grandi arterie che sono lontano dal cuore e dal cervello.
Questo si verifica più frequentemente nelle estremità, specialmente nei piedi e nelle gambe.

Arterie,gambe,caviglia,circolazione

© alamy.com

Le cause delle malattie vascolari periferiche sono:

  1. Aterosclerosi (formazione di placche che stringono il diametro interno dell’arteria)
  2. Problemi cardiaci
  3. Ipotiroidismo
  4. Disturbi renali o epatici
  5. Varici
  6. Obesità e sedentarietà
  7. Diabete
  8. Pressione alta
  9. Colesterolo alto

 

Malattie che provocano problemi di circolazione del sangue nelle gambe

Malattia di Buerger
La malattia di Buerger o tromboangioite obliterante è una vasculite che provoca l’infiammazione delle arterie e vene nelle braccia o nelle gambe.

Trombosi venosa profonda
La trombosi venosa profonda (TVP) è caratterizzata dalla formazione di un coagulo di sangue in una vena che si trova in profondità all’interno dei muscoli.
Solitamente il trombo si sviluppa

  • Nel polpaccio,
  • Nella coscia.

Questa condizione può causare dolore e gonfiore nella gamba interessata, tra le conseguenze possibili c’è l’embolia polmonare.

circolazione venosa,valvole,sangue

© fotolia.com

 

Tromboflebite
Il termine flebite indica l’infiammazione di una vena.
La tromboflebite si verifica quando l’infiammazione è causata da un coagulo di sangue.
Vene Varicose
Il termine ‘vene varicose’ significa che le vene sono dilatate e si possono vedere sotto la pelle.
Queste si trovano principalmente negli arti inferiori.
Le vene varicose possono essere asintomatiche oppure causano dolore e gonfiore alla gamba destra, sinistra o entrambe.

Circolazione,sangue

© fotolia.com

 

Sintomi della cattiva circolazione

I sintomi di cattiva circolazione del sangue non si presentano all’improvviso, ma si sviluppano durante un lungo periodo di tempo.
Piedi e mani fredde
I problemi nella circolazione sanguigna possono causare mani e piedi freddi perché il sangue che scorre tra le arterie e le vene alza la temperatura.
Gonfiore dei piedi
La cattiva circolazione del sangue nei reni interferisce con la funzionalità renale e provoca gonfiore alle estremità.
La formazione di placche aterosclerotiche nelle vene renali può causare caviglie e piedi gonfi.
Quando si rimane in piedi o seduti per molte ore, si accumula il liquido nelle gambe.

neurisma-aorta-flusso-sangue

© fotolia.com

Prima del ciclo mestruale e in menopausa gli ormoni possono provocare ritenzione idrica alle gambe.
Stanchezza
La costante sensazione di fatica può essere causata dal minor apporto di ossigeno e sostanze nutritive.
Nei casi più gravi si può avere mancanza di respiro durante una semplice attività fisica.
Cianosi
La cianosi significa che il colore della pelle diventa bluastro a causa della carenza di ossigeno nel flusso sanguigno.
Tra le diverse cause, la cianosi può indicare una malattia congenita del cuore nei bambini.
Le donne con disturbi delle circolazione notano facilmente la formazione di lividi.
Guarigione lenta dalle infezioni
Una circolazione di sangue scarsa nel corpo può rallentare la guarigione delle lesioni cutaneeì e delle infezioni.

Costipazione
Quando c’è una cattiva circolazione del sangue, tutti i sistemi del corpo rallentano, compreso il sistema digerente.
Un apparato digerente lento non è in grado di digerire il cibo in maniera adeguata, causando il rallentamento dei movimenti intestinali.
La conseguenza è la stitichezza.
Mancanza di appetito
La cattiva circolazione del sangue nel fegato può causare una perdita di appetito e di peso.
Alta pressione sanguigna
Quando le arterie sono ristrette a causa di depositi di grasso, lo spazio per il flusso di sangue è ridotto.
La conseguenza è che serve una maggior pressione sanguigna per pompare la stessa quantità di sangue.
Dolore alle estremità
Il dolore alle mani e ai piedi si sente rimanendo nella stessa posizione per molto tempo (seduti o in piedi).
Queste parti del corpo si possono addormentare, quindi si può sentire un formicolio agli arti.
Vene varicose
La cattiva circolazione può causare le vene varicose e le varici.
Il dolore e il prurito alle gambe sono alcuni sintomi provocati dalle vene varicose.
Anche se le vene varicose si possono verificare in qualsiasi parte del corpo, solitamente si vedono nelle gambe.

Mal di testa, vertigini e perdita di memoria
La cattiva circolazione cerebrale provoca mal di testa e giramenti di testa. La carenza di un flusso sufficiente di ossigeno può provocare la mancanza di concentrazione e la perdita di memoria.
In certi casi l’aterosclerosi può causare gli acufeni (ronzii) alle orecchie.
Unghie fragili, perdita di capelli e pelle secca
Il sangue serve per il trasporto di ossigeno e altre sostanze nutritive a tutto il corpo.
La cattiva circolazione provoca un minor apporto di ossigeno a pelle, capelli e unghie.
Per questo motivo:

  • Le unghie diventano fragili,
  • I capelli cadono,
  • La pelle si secca.

Problemi di circolazione

© fotolia.com

 

Cosa fare? Rimedi naturali per i problemi di circolazione

In caso di cattiva circolazione bisogna rivolgersi all’angiologo che è un medico specializzato sui vasi sanguigni.
Smettere di fumare
Il fumo è molto dannoso per il corpo, quindi si consiglia di smettere.
Effettuare un massaggio regolarmente
Chi non sa massaggiare può semplicemente strofinare un po’ di olio essenziale di rosmarino, limone o menta sulle gambe.
Acqua e sale
La sera si possono mettere i piedi in una bacinella con acqua e sale che aiuta a ridurre il gonfiore.

 

Esercizi per la circolazione del sangue nelle gambe

L’esercizio fisico è la cosa più importante per mantenere le arterie libere e per migliorare le gambe gonfie.

Esercizio a terra con l’elastico

  1. Posizione iniziale: seduto per terra con le gambe distese,
  2. Prendere le estremità dell’elastico e mettere il centro davanti alla punta del piede,
  3. Spingere in avanti con la punta del piede contro l’elastico,
  4. Tornare alla posizione iniziale,
  5. Ripetere 10 volte per ogni gamba.

Esercizi per la circolazione del sangue nelle gambe

Squat (Eom et al. – 2014)

  1. Posizione iniziale: In piedi con le braccia distese davanti al corpo,
  2. Piegare anche e ginocchia come per sedersi nel water, le ginocchia non devono oltrepassare il livello delle punte dei piedi,
  3. Tornare in piedi,
  4. Ripetere 10 volte.

Esercizi-per-la-circolazione-del-sangue-nelle-gambe

Salire sulle punte dei piedi

  1. Posizione iniziale: in piedi,
  2. Sollevare i talloni per 1 secondo,
  3. Tornare nella posizione iniziale,
  4. Sollevare le punte per 1 secondo,
  5. Ripetere 20 volte.

calf,esercizio polpacci

Esercizi da fare in palestra

Stepper

  1. Posizione iniziale: in piedi sullo stepper,
  2. Appoggiare il peso su un piede e poi l’altro, ma sempre sulla punta
  3. Fare questo esercizio per 5 minuti.

Esercizi-da-fare-in-palestra

Cyclette orizzontale

Si consiglia di pedalare per 10-15 minuti su una cyclette orizzontale.

In questo attrezzo, i piedi sono ad un livello più alto rispetto alla cyclette classica, questo favorisce il ritorno del sangue venoso verso il cuore.

Cyclette orizzontale

Leg press

Si consiglia di effettuare questo ottimo esercizio per 10/15 minuti con il minor peso possibile.

In questo attrezzo, i piedi sono ad un livello abbastanza alto, circa al livello del cuore.

In questo modo il sangue venoso ha bisogno di meno spinta per tornare al livello del cuore.

leg-press

 

Cos’altro posso fare?

Ci sono due possibilità: una passeggiata o gli esercizi in palestra.

Camminare
Generalmente il medico consiglia di camminare 4 volte alla settimana per almeno 30 minuti.
Tuttavia, per la maggior parte delle persone sedentarie non è sufficiente.
Per avere dei buoni risultati, si consiglia di camminare o fare attività fisica con le gambe (pedalare in bicicletta o correre) almeno 2 volte al giorno per 30 minuti.

Palestra
Gli esercizi migliori sono quelli che tengono i piedi più in alto rispetto al cuore, ma se le caviglie lavorano a livello delle anche va bene lo stesso.
Per esempio nel mio ambulatorio abbiamo ottenuto degli ottimi risultati con la cyclette orizzontale e la Leg press per un mese di trattamento.
Le donne che hanno partecipato allo studio:

  • Erano in menopausa,
  • Avevano un età di circa 50 anni, senza problemi di cuore.

Il programma prevede 30 minuti al giorno suddivisi in:

  • 15′ di Cyclette,
  • 15′ di Leg press con pochi chili (10 o 20).

Leggi anche:

  • Vene varicose alle gambe | sintomi e cause | gravidanza
  • Dolori alle gambe
  • Prurito alle gambe

Bibliografia:

  • Kaori Toya,1 Ken Sasano,1 Tomomi Takasoh,1 Teppei Nishimoto,1 Yuta Fujimoto,1Yasuaki Kusumoto,1 Tatsuki Yoshimatsu,1 Satomi Kusaka,1 and Tetsuya Takahashi1,* Ankle positions and exercise intervals effect on the blood flow velocity in the common femoral vein during ankle pumping exercises J Phys Ther Sci. 2016 Feb; 28(2): 685–688.
  • Ohta S, Yamada N, Tsuji A, et al. : A comparative effect of various mechanical prophylactic methods for the prevention of venous thromboembolism. Jpn J Phlebol, 2004, 15: 89–94. 
  • Ogiwara S: Calf muscle pumping and rest positions during and/or after whirlpool therapy. J Phys Ther Sci, 2001, 13: 99–105.
  • Eom JH1, Chung SH2, Shim JH1. The effects of squat exercises in postures for toilet use on blood flow velocity of the leg vein. J Phys Ther Sci. 2014 Sep;26(9):1485-7.

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


Fisioterapia Rubiera