Frattura della rotula

La frattura della rotula è la rottura dell’osso più anteriore del ginocchio: la patella, si forma una lesione che può essere lieve oppure grave.

Frattura, rotula, ginocchio, fisioterapia e riabilitazione, algodistrofia, distale, prossimale, Lesione, osso, scivolamento, mancato consolidamento, osteoporosi, giovani, dolore, male, sintomi, cause, limitazione funzionale, infiammazione, anziani, flessione, sforzo, caduta, trauma, casa, bicicletta, gonfiore, edema,

esercizio per la rotula

Se la frattura è composta o in caso di incrinatura, il recupero più veloce e si verificano meno conseguenze a lungo termine.
In caso di frattura scomposta, esposta e comminuta (poliframmentaria), la prognosi è molto peggiore ed è possibile che rimangano degli esiti (conseguenze) a medio e lungo termine, per esempio il movimento è limitato.
Di solito è unilaterale, cioè si verifica a destra oppure a sinistra.
La frattura della rotula provoca una grave limitazione del movimento del ginocchio perché il dolore si sente anche quando si cammina.
La rottura della patella rappresenta circa l’1% di tutte le fratture e oltre la metà di quelle del ginocchio.
I fattori che predispongono a questo tipo di frattura sono:

  • Osteoporosi;
  • Camminare su terreni scivolosi e sconnessi;
  • Disturbi dell’equilibrio.

L’urto può provocare anche la borsite sottopatellare, la lesione del menisco e raramente una rottura del crociato o del tendine rotuleo.

 

Che cos’è la rotula?

La Rotula o Patella è un osso sesamoide (a esagono) che si trova nella parte anteriore del ginocchio, davanti al femore.
Visto di fronte, sembra un rettangolo, mentre la visione dall’alto mostra un osso quasi triangolare, con la base verso l’esterno e il vertice opposto che si trova tra i condili femorali.
La rotula scorre nel canale che si trova tra i due condili del femore.
La rotula è circondata dal  tendine del muscolo quadricipite. Sopra alla patella il tendine si chiama quadricipitale, mentre sotto è detto tendine rotuleo.

 

Frattura, rotula, ginocchio, femore, tibia, algodistrofia, distale, prossimale, Lesione, osso, scivolamento, mancato consolidamento, osteoporosi, giovani, dolore, male, sintomi, cause, limitazione funzionale, infiammazione, anziani, flessione, sforzo, caduta, trauma, casa, bicicletta, gonfiore, edema

Radiografia che mostra una frattura della rotula composta nella parte inferiore dell’osso. (cerchiata in rosso)

Quali sono i tipi di frattura della rotula?

In caso di lesione trasversale, il frammento superiore è spinto verso l’alto dal tendine quadricipitale, mentre il frammento inferiore è tirato in basso dal tendine rotuleo, quindi si verifica una separazione dei frammenti, ovvero una frattura scomposta con allontanamento dei monconi.
Se la frattura è longitudinale la prognosi è migliore perché le forze che tirano i frammenti ossei verso l’anca e verso il piede sono uguali e quindi non si allontanano.
La rottura può essere comminuta, cioè la patella si scompone in tanti pezzi.
La lesione parcellare significa che un frammento si separa completamente dal resto dell’osso.

 

Come si verifica la frattura della rotula?

Quasi sempre la lesione avviene per un trauma diretto nella parte anteriore del ginocchio che può accadere:

  • A causa di una caduta sulle ginocchia, capita soprattutto agli anziani e raramente ai bambini;
  • Durante un incidente stradale violento che provoca un urto contro il cruscotto della macchina;
  • Cadendo dalla bicicletta o dalla moto.

Se il colpo subito è molto forte, può capitare anche la frattura dei condili del femore o del piatto tibiale.

 

Quali sono i sintomi della frattura della rotula?

I sintomi principali sono il dolore nell’area anteriore del ginocchio, il gonfiore o tumefazione, l’ematoma e la limitazione di alcuni movimenti (l’estensione del ginocchio e il cammino), soprattutto se la lesione è scomposta.
Nei primi giorni dopo l’infortunio, il paziente non riesce a stare in piedi fermo.
Il versamento di sangue è importante e diffuso all’interno e all’esterno del ginocchio.
Generalmente la lesione della rotula non si verifica da sola, ma insieme a una ferita esterna.

 

Diagnosi della frattura della rotula

Il medico controlla la storia clinica del paziente per capire com’è avvenuto il trauma, successivamente esegue un esame fisico per sapere tutti i segni e sintomi del paziente.
In pronto soccorso, i dottori effettuano una radiografia che mostra se c’è una frattura, successivamente il paziente deve andare in reparto di ortopedia dove ci sono i medici specializzati per questo tipo di infortunio.
Gli altri esami strumentali non sono consigliati perché una lastra RX è più che sufficiente.

 

Qual’é la terapia per la frattura della rotula?

In caso di frattura composta, l’ortopedico prescrive l’immobilizzazione per 30 giorni con il gesso o con un tutore per proteggere l’osso e permettere il consolidamento.
Se la lesione è scomposta o completa si può effettuare un trattamento chirurgico che consiste nell’osteosintesi, cioè si uniscono i frammenti ossei e si fissano con:

  • Le viti,
  • I “fili di kirschner”
  • Un “cerchiaggio”.

In pratica, si circonda la rotula con delle bacchette metalliche molto resistenti che saldano le ossa nella giusta posizione.
Se la frattura è comminuta, si lascia il frammento più grande e si asportano i frammenti minori, poi si ricollegano i tendini all’osso rimasto.
Se la frattura è molto grave o da scoppio, si può optare per la patellectomia, ovvero l’asportazione totale della rotula e l’unione dei tendini quadricipitale e rotuleo insieme.

Una frattura di rotula composta non curata necessita di un tempo molto più lungo per guarire, mentre se è scomposta le conseguenze potrebbero essere gravi: zoppia, grave limitazione dei movimenti e dolore persistente al ginocchio.

 

Dopo l’intervento chirurgico per la frattura della rotula

Il paziente deve effettuare gli esercizi di riabilitazione per recuperare l’ampiezza di movimento, la forza e l’equilibrio.
Il fisioterapista deve fare un massaggio di scollamento sulla cicatrice.
Dopo il primo mese in cui il ginocchio è stato bloccato con il gesso o con una ginocchiera, bisogna effettuare gli esercizi di rinforzo.
I tempi di recupero (prognosi) per una frattura di rotula scomposta sono di circa 3 mesi, mentre se la frattura è composta e incompleta il paziente può tornare al lavoro dopo un mese e mezzo circa.

Se il chirurgo ha inserito un cerchiaggio, dopo 6 mesi o un anno può consigliare la rimozione se la frattura è consolidata e stabile.

 

 

Dr. Massimo Defilippo Fisioterapista Tel 0522/260654 Defilippo.massimo@gmail.com
P. IVA 02360680355

http://www.facebook.com/fisioterapiarubierese?ref=hl

http://www.fisioterapiareggio.com

© Scott Maxwell – fotolia.com