Riabilitazione dopo intervento di protesi d’anca (protocollo)

Il seguente protocollo di riabilitazione dopo intervento di protesi d’anca è generale e dovrebbe essere adattato al paziente in base alle istruzioni del chirurgo.

Qui spiego cosa fare in caso di approccio posteriore, cioè con la cicatrice laterale, ma va bene anche in caso di approccio anteriore.

In quet’ultimo caso, non serve tenere il cuscino tra le ginocchia per evitare il movimento di adduzione o rotazione interna dell’anca.

La riabilitazione serve per:

  • Evitare la lussazione dell’anca,
  • Migliorare l’ampiezza del movimento e della forza di anca e ginocchio,
  • Imparare come camminare e i trasferimenti dal letto alla sedia e viceversa,
  • Prevenire i rischi della permanenza prolungata a letto (Polmonite, ulcera da decubito, embolia polmonare, tromboflebite).

Appoggio del peso/utilizzo dei bastoni canadesi

In caso di protesi cementata:

  • Si può appoggiare il peso del corpo sulla gamba operata (se tollerato), bisogna camminare con un deambulatore per le prime 6 settimane,
  • Dopo si utilizza un bastone canadese con il braccio opposto all’anca operata per 4-6 mesi.

Protesi non cementata:

  • Carico sfiorante per 6/8 settimane,
  • Poi, utilizzo del bastone canadese con il braccio opposto all’anca operata per 4-6 mesi.

Esercizi di riabilitazione

Dalla 1° settimana: Esercizi a letto

I seguenti esercizi si effettuano a pancia in su:

Esercizi isometrici (senza movimento):

  • Rinforzo del quadricipite – Contrarre i muscoli del quadricipite spingendo il ginocchio verso il basso e schiacciando una palla morbida. Tener premuto per 5 secondi.
  • Rinforzo dei glutei: Contrarre insieme i glutei e contare fino a 5. Questa contrazione dovrebbe provocare un lieve sollevamento delle anche dal lettino.

 

Esercizi isotonici (contrazione muscolare con movimento):

Ogni esercizio dev’essere ripetuto 10 volte.

  • Sollevamento della gamba distesa – Stendere il ginocchio e sollevare la gamba distesa. Piegare il ginocchio opposto.
  • Piegamento della caviglia: Piegare ed estendere la caviglia su e giù.

Piegamento-della-caviglia

  • Estensione del ginocchio: Piegare il ginocchio e mettere sotto un asciugamano arrotolato. Appoggiare il ginocchio sull’asciugamano. Stendere il ginocchio sollevando la caviglia.
  • Adduzione e abduzione dell’anca – (Evitare per il primo mese se il chirurgo ha effettuato anche l’osteotomia trocanterica). Spostare la coscia all’esterno e tornare indietro. Le dita dei piedi devono puntare verso l’alto durante tutta la durata dell’esercizio. Non piegare il ginocchio.

Adduzione e abduzione dell'anca

  • Rotazione esterna dell’anca: piegare le ginocchia di 30/40°. Da questa posizione, spostare solo il ginocchio operato verso l’esterno e ritornare nella posizione iniziale. Il piede rimane fermo.

Esercizio di stretching dinamico dei flessori dell’anca

Dal secondo giorno dopo l’intervento, si può fare questo esercizio.

  • Posizione iniziale: sdraiato a pancia in su,
  • Portare il ginocchio della gamba non operata al petto.
  • Piegare leggermente il ginocchio dell’arto operato.
  • Poi stendere il ginocchio e abbassare la coscia fino al letto.
  • Ripetere 10 volte.

Stretching dinamico flessori anca

Esercizi dalla 2° settimana dopo l’intervento

  • Cyclette con sella alta (tenere un cuscino sopra al seggiolino).

Cyclette-con-sella-alta

  • Esercizio di estensione dell’anca da prono (pancia in giù). Questo serve per rafforzare il grande gluteo e per allungare i flessori dell’anca. Può essere eseguito con il ginocchio flesso per ridurre al minimo l’utilizzo dei muscoli posteriori della coscia.
    Sollevare una coscia dal lettino e poi tornare in posizione prona.
    Dopo, fare la stessa cosa con l’altra coscia.
    Ripetere 5 volte.

Estensione-dellanca-da-prono

Esercizi da seduto:

Ogni esercizio dev’essere ripetuto 10 volte.

  • Movimento della caviglia da seduto: Appoggiare i piedi per terra, poi sollevare prima il tallone e poi la punta.
  • Rinforzo del quadricipite: distendere il ginocchio sollevando il piede.
  • Schiacciamento della palla da seduto
    • Per fare questo esercizio bisogna sedersi su una sedia o sgabello alti, vicino al bordo.
    • Mettere una palla morbida (per esempio di gomma) per terra
    • Schiacciare la palla e risalire un po’
    • Ripetere 20 volte.

 

Esercizi dalla 5°/6° settimana

Esercizi in piedi (appoggiare le mani su un supporto)

  • Abduzione – Spostare la coscia verso l’esterno e ritornare alla posizione iniziale. Attenzione a non portare il ginocchio vicino a quello opposto.
  • Estensione: Spostare la coscia posteriormente e ritornare alla posizione iniziale.
  • Esercizio per i polpacci: Sollevare il tallone e poi tornare giù.

Esercizio-per-i-polpacci

  • Calcio avanti e indietro: Spostare la coscia indietro e poi in avanti.
  • Estensione del ginocchio: Spostare indietro il piede della gamba operata di circa 30cm. Appoggiare solo la punta del piede.
    Da qui, distendere il ginocchio lasciando fermo il piede.

Estensione del ginocchio

  • Esercizio di abduzione dell’anca in piedi con l’elastico. Consiglio sempre di tenere qualcosa tra le caviglie per evitare l’abduzione dell’anca. Gli esercizi in piedi devono essere fatti con entrambe le gambe perché anche l’abduzione della gamba non operata permette di rinforzare il medio gluteo.
  • Eseguire una camminata laterale nella direzione dell’anca operata.

Infine, dopo 3 mesi, si consiglia di iniziare gli esercizi:

  • Di rafforzamento generale,
  • Per la resistenza,
  • Cardiovascolari.

 

Tempi di recupero dopo protesi d’anca

Dopo quanto tempo posso riprendere le mie attività quotidiane?

Attività Tempo da attendere
Rapporti sessuali (uomini) 20 giorni
Lavoro sedentario 30 giorni
Guidare 40 giorni
Rapporti sessuali (donne)  60 giorni
Lavori pesanti 90 giorni

 

Potrò fare sport?

Lo sport è consentito dopo almeno 6 mesi dall’intervento.

Attenzione agli sport di contatto che possono causare cadute pericolose per la protesi.

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera