Vene varicose alle gambe | sintomi e cause | gravidanza

Le vene varicose o varici si verificano quando le vene si dilatano e contengono troppo sangue.

Le vene trasportano al cuore il sangue deossigenato che proviene da altre parti del corpo.
Il termine varicosità si riferisce all’alterazione strutturale delle vene, che diventano:

  1. Gonfie
  2. In rilievo
  3. Di colore bluastro-viola o rosso
  4. Tortuose

Le vene varicose si riscontrano più frequentemente nelle vene superficiali delle gambe, ma si possono formare anche sulle braccia.
Vene varicose
Le vene varicose colpiscono circa il 50% delle donne, ma raramente si verificano:

  • Nell’uomo,
  • Nei bambini,
  • Negli adolescenti.

 

Sviluppo delle vene varicose (patofisiologia)

Il sistema venoso è una rete molto esteso, quindi anche se il sangue non scorre nelle vene varicose, il ritorno venoso è quasi sempre garantito.
Per il drenaggio venoso efficace è necessario un flusso unidirezionale del sangue dalle estremità del corpo verso il cuore.
Questo è possibile per la presenza di valvole lungo le vene che bloccano la discesa del sangue.
Queste valvole permettono di spezzare la colonna di sangue.
La posizione eretta aumenta la pressione nelle vene della parte inferiore del corpo.
Con gli anni o rimanendo molto tempo in piedi:

  1. Le valvole venose si possono sfiancare,
  2. Le vene si possono gonfiare, diventando vene varicose.

La circolazione venosa è un sistema a bassa pressione e ha un limite fisiologico: ha bisogno di una pompa per spingere il sangue verso il cuore.
Normalmente, la forza di spinta viene da:

  • La forza residua della gittata cardiaca (non sufficiente),
  • L’attività di pompa dei muscoli: durante la contrazione la vena è schiacciata, le valvole si aprono a monte e si chiudono a valle. La conseguenza è una spinta verso il cuore.
    Durante la decontrazione, le valvole si aprono nella parte inferiore della vena. Dato che il vaso si dilata, risucchia il sangue che si trova sotto la valvola. Questo meccanismo svolge la maggior parte del lavoro. La conclusione è che il sistema venoso funziona in maniera ottimale quando si cammina, ma diventa poco efficiente quando si rimane in piedi fermi.

Senza queste forze, le vene si dilatano e il sangue ristagna.

Perché si formano le vene varicose?

I meccanismi di formazione delle vene varicose possono essere:

  • Le valvole venose difettose che non bloccano la discesa del flusso sanguigno.
  • Una debolezza della parete venosa che tende facilmente a sfiancarsi.
  • L’età che provoca l’atrofia (riduzione di massa) della parete della vena,
  • L’obesità, in cui la parete venosa è circondata da tessuto grasso e molle che non sostiene la vena. Al contrario, il muscolo effettua una specie di massaggio alla vena e favorisce la progressione della colonna ematica.
  • L’aumento della pressione sanguigna nella vena si può verificare quando il flusso è ridotto. In questi casi c’è un ristagno di sangue negli arti inferiori. La causa può essere la gravidanza o un trombo nella vena. In questo caso c’è un’ostruzione, quindi il vaso sanguigno al di sotto del trombo si dilata.
  • Un’altra cosa importante è la comunicazione tra le vene superficiali e quelle profonde. Una rete di vene comunicanti connette la circolazione venosa superficiale e quella profonda. Se queste vene non funzionano bene e permettono un flusso sanguigno di ritorno, nelle vene superficiali la pressione aumenta perché il sangue non va nel circolo venoso profondo.
    La conseguenza è la dilatazione delle vene superficiali e quindi la formazione di varici.

 

Cause delle vene varicose alle gambe

Le vene varicose possono essere causate da diverse situazioni o disfunzioni:

  • L’ipertensione venosa,
  • Malfunzionamento delle valvole venose,
  • Alterazioni strutturali delle vene,
  • L’infiammazione,
  • Ostruzione della circolazione venosa
  • Insufficiente funzionamento della pompa muscolare a livello del polpaccio.

Fattori di rischio

  • In molti casi rappresentano un problema ereditario. Spesso si trasmette dai genitori ai figli.
  • Anche l’invecchiamento può aumentare la comparsa delle vene varicose. Infatti sono molto più frequenti dopo i 50 anni d’età.
  • Rimanere in piedi o camminare in posizione eretta mette pressione sulle vene nella parte inferiore del corpo, questo causa le vene varicose alle gambe.
    Un lavoro che obbliga a stare in piedi per un periodo prolungato di tempo aumenta la comparsa delle vene varicose.
  • Nelle donne la gravidanza può causare le vene varicose.
  • L’obesità è un’altra causa frequente di questa malattia.

Sintomi delle vene varicose

Generalmente, i sintomi dipendono dallo stadio della malattia, nelle fasi iniziali è asintomatica.
Nelle fasi avanzate, l’individuo può sentire diversi sintomi e si possono sviluppare delle ulcere.
Tuttavia, in base ai recenti studi clinici non c’è una stretta correlazione tra dolore e gravità della malattia venosa. (Eklof B, Rutherford RB, Bergan JJ, et al., American Forum venoso International Ad Hoc Comitato per la revisione della classificazione CEAP: Revisione della classificazione CEAP per i disturbi venosi cronici: 1252).
I sintomi più frequenti sono:

La maggior parte di questi sintomi si può aggravare stando in piedi o seduti per lunghi periodi di tempo.
Non bisogna confondere le vene varicose con le telangectasie, cioè dei piccoli capillari che si vedono sulla pelle.
Questo è solo un problema estetico.
Generalmente chi soffre di vene varicose negli arti inferiori non ha le emorroidi dilatate e infiammate e viceversa. Questo si verifica perché se il sangue ristagna nelle emorroidi, le gambe sono più libere e viceversa.

Diagnosi delle vene varicose

Per il medico, diagnosticare le vene varicose è semplice con un esame fisico.
Durante la visita medica, il paziente non riesce a riferire esattamente la zona del dolore, è abbastanza diffuso.
Alla palpazione, si possono sentire dei canali in profondità nelle gambe di una persona che soffre di vene varicose.
Questa è la conseguenza dell’infiammazione cronica che di solito si manifesta nel terzo inferiore delle gambe, nella parte interna.
Un ulcera venosa è caratterizzata da:

  • Gambe gonfie,
  • Colore scuro,
  • Alla palpazione si sente una maggiore consistenza e canali scavati sotto la cute, intorno al malleolo mediale.

Se il medico sospetta una trombosi venosa profonda può prescrivere un ecodoppler.

Quando preoccuparsi per le vene varicose?

Tra i sintomi più pericolosi ci sono:

  1. Il cambiamento nel colore della pelle, l’infiammazione,e le ulcere nella pelle possono indicare un problema delle vene profonde.
  2. Un dolore o gonfiore inspiegabile in una gamba può essere provocato da un coagulo di sangue.

È necessario rivolgersi al medico se:

  • Le vene varicose diventano molto profonde;
  • La pelle cambia colore;
  • Compaiono delle ulcere o un dolore continuo.

Vene varicose durante la gravidanza

La gravidanza è un periodo caratterizzato da:

  • Numerose fluttuazioni ormonali,
  • Cambiamenti fisici in preparazione al parto.

Durante questa fase, la donna aumenta di peso considerevolmente a causa della crescita del feto.
L’utero dilatato aumenta la pressione sulla vena grande del torace e dell’addome che si chiama vena cava inferiore.
Questo aumenta la pressione nei vasi sanguigni delle gambe o delle estremità corporee e contribuisce al cedimento della parete venosa.
Le vene varicose in gravidanza si verificano anche se la donna ha 20 anni o 30 anni.
Si possono formare delle vene varicose anche:

  • Vulvari (sulle grandi labbra),
  • Nella zona inguinale.

Inoltre, l’innalzamento del livello degli ormoni estrogeni e del progesterone può causare:

  • Il rilassamento delle vene,
  • Il malfunzionamento delle valvole.

Inoltre il volume del sangue nel corpo aumenta durante la gravidanza.
Le vene della gamba devono lavorare di più per pompare il sangue al cuore.
I fattori che possono aumentare il rischio di questa malattia durante la gravidanza sono:

  • Gravidanze multiple;
  • Obesità;
  • Stare in piedi o seduti per un periodo prolungato di tempo.

Generalmente, dopo il parto le vene varicose regrediscono.

Vene varicose nel testicolo

L’uomo può soffrire di vene varicose, ma questa malattia colpisce soprattutto gli organi genitali.
Il varicocele è un disturbo causato dalla dilatazione eccessiva della rete di vene del testicolo (processo pampiniforme).
Gli uomini che soffrono di varicocele hanno le vene varicose nei testicoli, generalmente a sinistra.

Leggi anche:

Tipi di sclerosi multipla e cause

Tipi di sclerosi multipla SM recidivante-remittente (SM-RR) È il più tipo più frequente, è caratterizzata da attacchi o fasi di

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di Testa Dolore al petto Dolore all'Anca Dolore al Piede Dolore al Collo Dolore alla Spalla Dolore al Gomito Mal di Schiena Dolore al Ginocchio Dolore al Piede
Chiudi Menu