Prurito al glande – rossore e bruciore

Last updated on agosto 13th, 2018 at 07:42 am

Il prurito al glande o sugli organi genitali esterni si verifica spesso per gli stessi motivi che provocano prurito sul resto del corpo.

INDICE

In alcuni casi, il prurito al pene è solo un problema di cattiva igiene.

Questo si verifica soprattutto negli uomini che non sono stati circoncisi.
È importante lavare accuratamente il pene ricordando di spingere indietro il prepuzio per lavare accuratamente all’interno.

Apparato genitale maschile

 

Cause di prurito intimo sulla zona pubica

Quando un uomo sente prurito nella zona genitale, il motivo può essere un’eruzione cutanea causata da:

  1. Una malattia infiammatoria della pelle,
  2. Funghi,
  3. Pidocchi,
  4. Un’infezione virale.

Mentre l’infezione virale e l’infestazione dei pidocchi si trasmettono sessualmente, le altre malattie della pelle non sono causate dai rapporti sessuali.
Tuttavia, qualunque sia la causa del prurito sul pene, si consiglia sempre di consultare un medico invece di trattare il problema con creme da banco per la pelle.

Pidocchi del pube o piattole
I pidocchi sono piccoli parassiti che si attaccano ai peli pubici degli esseri umani.
Le piattole si diffondono spesso attraverso il contatto sessuale con una persona infetta.
I principali sintomi sono prurito nella zona pubica, come macchie di sangue e puntini neri sulle mutande che sono le feci dei pidocchi.

La follicolite colpisce la zona pubica, ma solitamente causa più dolore che prurito.

Il mollusco contagioso è un’infezione virale che si presenta come piccoli puntini rossi o macchie rosse sul glande (papule).
Questa infezione a trasmissione sessuale (STI) a volte può apparire sull’asta del pene.

Cause di prurito che può interessare l’asta del pene

Herpes genitale: un’infezione a trasmissione sessuale causata dall’herpes simplex virus di tipo 1 (HSV-1) o di tipo 2 (HSV-2).
Si può sviluppare questa infezione con un rapporto vaginale oppure orale.
L’herpes genitale può causare la formazione di vesciche.

Il lichen nitidus provoca delle piccole papule sull’asta del pene che possono causare prurito e un leggero dolore. Non è una malattia sessualmente trasmissibile.

 

Cause del prurito sul glande e prepuzio

Spesso l’Herpes genitale colpisce il glande e il prepuzio e causa delle vesciche che scoppiano e provocano delle ulcere molto dolorose.

La candidosi del pene è un’infezione fungina che può essere il primo sintomo del diabete mellito negli uomini.
Spesso si verifica dopo aver preso l’antibiotico per un lungo periodo.
La candida provoca:

  1. Prurito intimo,
  2. Bruciore sul glande,
  3. Dolore durante i rapporti sessuali,
  4. Dolore dopo aver urinato,
  5. Cattivo odore intimo,
  6. Eruzione cutanea (rossore).

Le verruche genitali (o condilomi) sono una malattia sessualmente trasmissibile causata da un’infezione virale da papilloma virus.
Le verruche spesso appaiono sul glande e sul prepuzio e provocano prurito.
Le verruche possono apparire anche:

  1. Sull’asta del pene,
  2. Nella zona pubica.

Nella fase iniziale il paziente nota dei puntini bianchi sul glande.
Le altre malattie che possono causare il prurito e non si trasmettono sessualmente sono:

  1. Lichen planus,
  2. Psoriasi,
  3. Dermatite seborroica.

Le malattie della cute come la psoriasi causano spesso il prurito penieno.
La psoriasi del pene può causare dolore, prurito intimo maschile e macchie rosse sul glande.

La scarsa igiene intima può causare l’accumulo di materiale biancastro intorno alla corona del glande.
La sporcizia può provocare un lieve prurito.

Altre malattie della pelle
Questi disturbi possono influenzare diverse parti dei genitali maschili.

Scabbia: Questa è un’infestazione della pelle dell’acaro Sarcoptes scabiei.
La causa è il contatto pelle a pelle e si può verificare:

  1. Durante i rapporti sessuali,
  2. In locali affollati come l’ospedale, scuola e casa di cura.

La scabbia è caratterizzata da forte prurito nelle zone della pelle infette.
Il resto del corpo può essere colpito nello stesso modo, in particolare:

  1. Le dita,
  2. L’ombelico,
  3. Sotto le ascelle.

Il lichen sclerosus maschile è una malattia infiammatoria cronica della pelle responsabile del dolore nei rapporti sessuali.
La causa del disturbo non è certa.
Il lichen sclerosus provoca la balanopostite acuta e cronica e la formazione di cicatrici che possono causare disfunzioni sessuali e urinarie importanti oltre ad aumentare il rischio di carcinoma a cellule squamose del pene. (Fonte: Bunker CB. London: Saunders; 2004. Male genital skin disease).
Si può presentare in tanti modi diversi.

Potrebbe non causare sintomi, oppure può provocare:

  1. Prurito,
  2. Bruciore,
  3. Sanguinamento,
  4. Lesioni,
  5. Separazione tra frenulo e prepuzio,
  6. Vescicole piene di sangue,
  7. Problemi urinari come difficoltà a urinare e riduzione del flusso urinario,
  8. Alterazioni anatomiche dei genitali,
  9. Restringimento del prepuzio (fimosi),
  10. Il prepuzio rimane retratto (parafimosi),
  11. Uretrite,
  12. Stenosi uretrale,
  13. Ritenzione urinaria,
  14. Insufficienza renale.

Fonte: Male Genital Lichen Sclerosus – Christopher Barry Bunker and Tang Ngee Shim

Dermatite da contatto: questo disturbo è provocato dal contatto diretto con una sostanza irritante o un allergene.
Tra le cause di dermatite ci sono:

  1. Saponi medicati,
  2. Bagno schiuma,
  3. Prodotti in gomma.

L’eczema è un’altra malattia della pelle che può colpire il pene.
La dermatite atopica può causare dolore, prurito e si può vedere trasudare del liquido dalle lesioni cutanee aperte.
Alcuni uomini notano che l’utilizzo di un preservativo diminuisce la frequenza e la gravità delle eruzioni cutanee.

 


Prurito al glande causato da un’allergia

L’allergia ai profumi o ai coloranti che si trovano nei saponi, lozioni o detersivi é una causa frequente di:

  1. Prurito al pene,
  2. Rossore (arrossamento),
  3. Gonfiore,
  4. Bolle o vesciche.

È difficile capire il prodotto che provoca i sintomi, ma quando si individua e si elimina questa sostanza, il prurito passa da solo.
Evitare l’utilizzo del profilattico in lattice può aiutare.

In realtà, la reazione allergica sul glande può causare più fastidio che prurito, soprattutto se colpisce la pelle scrotale.
La dermatite da contatto (a causa dell’utilizzo del preservativo) può produrre un’eruzione cutanea pruriginosa sul glande.
L’eruzione si può diffondere:

  1. All’asta del pene,
  2. Alla pelle dello scroto,
  3. All’inguine.

Si può verificare anche la dermatite da contatto della regione vulvare nel partner femminile.
Allo stesso modo, l’uso di spermicida dal partner femminile può dar luogo a dermatite di contatto nel partner maschile.
Bisogna controllare il sapone e il bagno schiuma per la doccia.

La balanite è la malattia infiammatoria più frequente del pene.
L’accumulo di lieviti e altri microrganismi sotto il prepuzio favorisce la comparda dell’infiammazione del tessuto circostante.
I sintomi possono essere:

L’infiammazione del pene è responsabile di diverse malattie, tra cui:

  1. Fimosi,
  2. Balanopostite,
  3. Lichen sclerosus.

Fonte: Brian J. Morris e John N. Krieger (Penile Inflammatory Skin Disorders and the Preventive Role of Circumcision)

La balanite può essere la conseguenza dell’allergia al profumo, sapone e detergente.
Mai usare il disinfettante per lavare il glande perché questo può essere molto irritante.

Cosa fare per la balanite
Evitare il sapone profumato. Un trattamento alternativo consiste in una ‘crema acquosa’ da acquistare in farmacia e utilizzare per lavare il corpo (cioè applicare una piccola quantità e risciacquare).
Mettere due manciate di bicarbonato di sodio nella vasca da bagno, ma senza altri additivi (nessun bagnoschiuma, olio da bagno o disinfettante).

Chiedere al partner di recarsi dal medico o in reparto di medicina urogenitale per sapere se ha l’infezione da candida o mughetto (soprattutto se la balanite si verifica dopo il rapporto sessuale).
In base agli studi scientifici, la circoncisione dei maschi ha ridotto notevolmente il rischio di malattie infiammatorie del pene, soprattutto se effettuata nei primi anni di vita.

 

Come curare il prurito sul glande e sul prepuzio?

I maschi dovrebbero procedere come segue per evitare il prurito genitale:

  • Lavare bene il pene, compresa la zona sotto il prepuzio negli uomini non circoncisi.
  • Mantenere la zona asciutta, poiché l’umidità nella zona genitale può causare un’infezione.
  • La polveri di amido di mais durante l’estate può essere utile per assorbire l’umidità.

Sia i maschi sia le femmine dovrebbero procedere come segue per evitare il prurito genitale:

  • Indossare un abbigliamento e la biancheria intima non aderenti e composti da fibra naturale.
  • Cambiare la biancheria intima almeno ogni 24 ore.
  • Mantenere la zona genitale asciutta e pulita.
  • Utilizzare il sapone neutro e risciacquare bene.
  • Utilizzare dei detersivi delicati e senza profumo per lavare la biancheria intima.
  • Asciugare il corpo accuratamente dopo aver fatto bagno e aver nuotato.
  • Evitare di indossare l’abbigliamento umido per lunghi periodi di tempo.
  • Evitare i rapporti sessuali non protetti, soprattutto quando si sospetta che il partner possa avere un’infezione.

 

Rimedi naturali per il prurito al glande

Alcune modifiche dello stile di vita possono prevenire o alleviare il prurito del pene.
L’aggiunta di un po’ di bicarbonato di sodio o farina d’avena all’acqua del bagno può essere utile per ridurre il prurito.

Secondo l’igienismo, per le infezioni batteriche e fungine la terapia naturale migliore consiste nella modifica dell’alimentazione.
Funghi e batteri proliferano se trovano il nutrimento necessario, altrimenti non si sviluppa l’infezione.
Questi microrganismi si nutrono solo di tessuti morti o in decomposizione, quindi secondo gli igienisti possono crescere in una persona solo se ci sono molte tossine nel sangue.

Le tossine sono prodotte dalla digestione di:

  • Alimenti trasformati, per esempio i dolci,
  • Caffè e tè,
  • Latticini,
  • Carne e pesce (durante la digestione si formano delle ammine nocive),
  • Cereali o farinacei.

Se nessuno dei metodi scritti sopra riesce ad alleviare i sintomi, si consiglia una visita dal medico per escludere delle malattie più gravi come:

  1. Il diabete,
  2. Le malattie sessualmente trasmissibili.

Il medico prescrive spesso le creme con idrocortisone per alleviare il prurito del pene.

Prurito al glande – rossore e bruciore ultima modifica: 2014-05-14T22:31:58+00:00 da Dr. Massimo Defilippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Medica  –  What Do You See?
     
 

Top