Acufene all’orecchio – cause e tipi

Last updated on giugno 15th, 2018 at 10:52 pm

Gli acufeni alle orecchie sono dei ronzii che si sentono anche in assenza di rumore.

INDICE

 

C’è un tipo specifico di acufene, caratterizzato da un suono a scatti, come uno schiocco che rimbomba nelle orecchie.
Spesso questo suono è ritmico e si può sentire di continuo o a intervalli regolari.
Generalmente è il suono del flusso sanguigno che è amplificato a causa di alcuni motivi.

Le orecchie diventano molto sensibili e possono sentire il sangue che scorre. In altre parole, sentono le pulsazioni.
Da qui il nome acufene ‘pulsante‘.

Gli acufeni colpiscono soprattutto gli adulti e gli anziani, è molto raro nei bambini.
Lo specialista a cui rivolgersi è l’otorino.

 

Tipi di acufene

Si può sentire il ronzio in una o in entrambe le orecchie.
L’acufene può essere:

  • Soggettivo
  • Oggettivo.

In caso di acufeni oggettivi, un paziente sente chiaramente il ronzio.
Le persone che sono nelle vicinanze di una persona colpita possono sentire il suono emesso dalle orecchie.
Il tinnito oggettivo può avere un origine:

  • Vascolare (a livello dei vasi sanguigni),
  • Meccanica (problema muscolo scheletrico).

Il tinnito oggettivo di origine vascolare può essere causato da una stenosi (restringimento) delle arterie:

Il tinnito oggettivo di origine meccanica è provocato dalla contrazione muscolare anomala del nasofaringe o dell’orecchio medio, come in caso di mioclono palatale (una contrazione ritmica di almeno un lato del palato molle).

Se gli acufeni sono soggettivi, solo la persona interessata può sentire questi suoni.
In questo caso sono legati ai movimenti delle pareti della coclea e dei liquidi all’interno di questa struttura.

L’acufene pulsante si può manifestare come una maggior consapevolezza del flusso sanguigno nell’orecchio.
Infatti, la causa della sindrome da acufene pulsante può essere:

  • L’attivazione delle vie uditive somatosensoriali sincronizzate con il cuore a livello del cervello,
  • L’incapacità del sistema nervoso centrale somatosensoriale-uditivo di interagire per ignorare i suoni cardiaci.

L’acufene pulsante sovrapposto ad un tinnito acuto può essere causato dalla pulsazione del flusso del capillare nel canale spirale della membrana basilare.

 


Cause più frequenti dell’acufene

Pressione sanguigna alta
L’ipertensione o pressione sanguigna alta è una causa frequente degli acufeni pulsanti.
Quando una persona ha una pressione sanguigna alta, la forza con cui il sangue scorre attraverso i vasi sanguigni è alta.
Quindi il suono che il sangue fa mentre scorre attraverso il corpo (combinato con altre situazioni) può causare il ronzio nell’orecchio di una persona.
A causa dell’aumento del flusso sanguigno, le donne in gravidanza sono predisposte agli acufeni alle orecchie.

Arterie compresse
A volte, le arterie all’interno del corpo possono essere schiacciate.
Se questo si verifica nelle arterie che si trovano nella zona vicina alle orecchie, collo e testa, il sangue che scorre attraverso queste arterie comincia a fluire  in modo vorticoso.
Questo problema provoca un rumore intermittente (fluttuante) o continuo nell’orecchio.

L’artrosi cervicale può causare la formazione di osteofiti (spine ossee) che possono comprimere le arterie vertebrali, riducendo il flusso di sangue che arriva al cervello.
Tra le conseguenze ci sono:

 

 

Artrosi cervicale,vertigini

Infiammazione nell’orecchio medio
Nell’orecchio, la porzione centrale dovrebbe rimanere piena di aria.
Se per qualche motivo (come un’infiammazione, infezione o disfunzione della tromba di Eustachio) si accumula del liquido all’interno dell’orecchio medio (idrope), potrebbe causare un acufene.
Assieme al suono ritmico, si può anche soffrire di:

  • Dolore,
  • Capacità uditiva ridotta.

Spasmi muscolari
Gli spasmi muscolari all’interno dell’orecchio possono anche causare un ticchettio regolare nell’orecchio.
Ci sono dei muscoli molto piccoli nell’orecchio che possono causare questo rumore.
Se questi muscoli hanno degli spasmi, il tinnito è intermittente e non è accompagnato da una perdita dell’udito.

Soffio venoso
La vena giugulare è la vena più grande del collo.
Questa vena passa accanto all’orecchio medio.
Nelle persone che soffrono di problemi alla tiroide, anemia o anche in alcune donne incinte, può aumentare il flusso di sangue attraverso la vena giugulare.
Quando c’è un forte flusso di sangue attraverso la vena giugulare, potrebbe causare un acufene pulsante.

 

Carotidi,giugulare,colonna cervicale

 

Sinusite e infiammazione dei seni nasali
I disturbi dei seni nasali e paranasali sono un’altra causa dell’acufene pulsante.
La sinusite è un’infiammazione dei seni paranasali.
Tra le conseguenze c’è il blocco (ostruzione) della Tuba di Eustachio che connette la faringe all’orecchio medio.
Questo canale serve per mantenere la pressione dell’aria nell’orecchio medio uguale a quella dell’ambiente esterno.
In caso di ostruzione della Tuba, la pressione nell’orecchio medio è più bassa e il timpano è spinto verso l’interno.
La conseguenza possono essere gli acufeni.


Accumulo di cerume
Se non si rimuove correttamente il cerume, esso può ridurre le vibrazioni sonore che arrivano al nervo acustico.
I nervi che ricevono gli stimoli uditivi diventano facilmente eccitabili per compensare il calo dell’udito.
La conseguenza è un acufene continuo.

Il tinnito può essere anche un effetto indesiderato della terapia per rimuovere il tappo di cerume.
Quando si rimuove il tappo, i ronzii possono essere la conseguenza dell’aumento di vibrazioni sonore che colpiscono il timpano.
In questo caso si tratta di un sintomo temporaneo.

Inquinamento acustico
L’esposizione alla musica ad volume alto e rumori può aumentare il rischio di acufene.

Rumori forti
Le persone che sono esposte a suoni o rumori molto forti possono soffrire di acufeni, anche se l’esposizione è breve, per esempio:

  • In discoteca,
  • Ad un concerto.

Questo è dovuto a danni che si verificano:

  • Nell’orecchio medio, lacerazione della membrana del timpano;
  • Nell’orecchio interno, danni alle cellule cigliate che trasmettono il suono all’interno della coclea, soprattutto a livello dei mitocondri cellulari.
  • In base a uno studio scientifico di: Charles Liberman e Sharon G. Kujawa, le terminazioni nervose delle fibre acustiche possono essere danneggiate per sempre anche dopo brevi esposizioni a rumori con volume molto alto.

Farmaci
L’uso di alcuni antibiotici, diuretici, antidepressivi e farmaci antitumorali potrebbe essere un fattore di rischio del fischio alle orecchie.

Lesioni a testa/collo
Un trauma alla testa o al collo potrebbe influenzare la parte del cervello o dei nervi associata all’udito, rendendo una persona predisposta ai problemi alle orecchie.

Malattie che possono causare gli acufeni:

  • Sindrome di Meniere
  • Otosclerosi (nella maggioranza dei casi) – è un disturbo causato dalla crescita di tessuto osseo a livello della finestra ovale (tra l’orecchio medio e l’orecchio interno). Questo tessuto in eccesso blocca la staffa, riduce la trasmissione del suono e può causare un ronzio.
  • Disturbi all’articolazione temporo-mandibolare
  • Neurinoma acustico
  • Pressione sanguigna anormale
  • Fibromialgia
  • Malattie del cuore o dei vasi sanguigni
  • Problemi di tiroide
  • Interazioni anormali tra le reti neurali ecc.

Altre cause

  • Il ronzio nell’orecchio può essere dovuto anche a infezioni dell’orecchio, in cui la coclea dell’orecchio si può danneggiare.
  • L’acufene può essere dovuto a traumi sulla testa, disturbi neurologici, sclerosi multipla e qualsiasi lesione o infezione dei seni.
  • In caso di labirintite, ci sono degli attacchi di vertigini e acufeni improvvisi
  • Alcuni studi hanno dimostrato che i disturbi metabolici come i problemi alla tiroide o il deficit della vitamina B12 possono causare l’acufene.
  • Gli acufeni possono essere dovuti ai problemi psicologici come depressione, ansia e stress.
  • Può anche essere una conseguenza dell’invecchiamento. La capacità uditiva è alterata naturalmente a causa dell’invecchiamento.

 

Acufeni e vertigini

Molte volte si soffre di una sensazione di vertigini assieme al ronzio nell’orecchio.
I problemi nel funzionamento del labirinto vestibolare (un organo dell’orecchio interno) sono i responsabili delle vertigini.

Il labirinto vestibolare è composto da canali piccoli che contengono sensori e fluidi.
Con questi sensori si monitora la rotazione della testa.
L’utricolo e il sacculo sono organi dell’orecchio interno che contengono gli otoconi, cioè dei “sassolini” di carbonato di calcio.
Questi sono collegati ai sensori che aiutano a monitorare il movimento della testa.
Una malattia di questi organi provoca le vertigini e in alcuni casi il fischio nelle orecchie.

Tra le cause ci sono:

  • Sindrome di Menière – La sindrome di Menière è una malattia che colpisce l’orecchio interno e può causare alterazioni della pressione dei fluidi interni dell’orecchio.
  • Labirintite – La labirintite è un’infiammazione nell’orecchio interno a livello dei canali semicircolari del labirinto. Queste sono le strutture dell’equilibrio, quindi la labirintite può causare vertigini e difficoltà di equilibrio importanti.
  • Anemia,
  • Sclerosi multipla,
  • Tumore cerebrale.


otoscopio,esame,orecchio,diagnosi

Diagnosi del fischio alle orecchie

In base alle linee guida del: Interdisciplinary Tinnitus Center, University of Regensburg, Regensburg, Germany, Il medico valuta il paziente in base a:

  • Storia clinica,
  • Valutazione della gravità dell’acufene,
  • Identificazione dei fattori di rischio,
  • Sintomi associati (per esempio le vertigini),
  • Altre malattie.

Tra i test e gli esami che l’otorino effettua ci sono:

  • Esame audiometrico,
  • Esame vascolare per la ricerca di un soffio a livello del collo: il medico comprime l’arteria giugulare o carotidea per valutare se questa manovra accentua gli acufeni.
  • Controllo del nasofaringe (parte superiore della faringe, dietro la bocca) per cercare delle masse che possono provocare disfunzioni della tromba di Eustachio e quindi l’acufene.
  • Per l’anemia e le malattie della tiroide il medico consiglia gli esami del sangue,
  • Se il medico sospetta un tumore può prescrivere una risonanza magnetica.

Bibliografia

[1] Dobie RA. Overview: suffering from tinnitus. In: Snow JB, editor. Tinnitus: theory and management. Ontario: BC Decker Inc; 2004. pp. 1–7.
[2] Troost BT, Waller MA. Hearing loss and tinnitus without dizziness or vertigo. In: Bradley WG, Daroff RB, Fenichel GM, Marsden CD, editors. Neurology in clinical practice. 2nd ed. Newton: Butterworth-Heinemann; 1996. pp. 239–241.
[3] Levine RA, Nam EC, Melcher JTrends Amplif. 2008 Sep; 12(3):242-53.
[4] Nuttal AL, Meikle MB, Trune DR. Peripheral process involved in tinnitus. In: Snow JB, editor. Tinnitus: theory and management.Ontario: BC Decker; 2004. pp. 52–68.

Acufene all’orecchio – cause e tipi ultima modifica: 2014-09-18T18:19:24+00:00 da Dr. Massimo Defilippo
2 comments on “Acufene all’orecchio – cause e tipi
  1. Paola,
    per l’acufene, la fisioterapia e l’osteopatia raramente hanno buoni risultati.
    Quello che ti consiglio è invece una modifica della dieta perché se soffri di bruxismo e mal di testa, probabilmente c’è qualche alimento che mangi a cena (o una combinazione di alimenti) che il tuo corpo non tollera.
    Però devi dubitare di qualunque alimento, anche quelli che sembrano più innocui.
    Ti consiglio di leggere anche qui:
    http://www.fisioterapiarubiera.com/dolore-all-orecchio/acufeni-cura-rimedi-naturali/

  2. Paola ha detto:

    Salve ho letto l articolo relativo agli acufeni.
    Ho 49 anni ho fatto sempre sport pAklavvolo e corsa. Ho tfovato l articolo molto interessante ed “illuminante”.
    Facendo un movimento di stretching (braccia in alto a stirare la schiena) riportando le braccia in basso è iniziato un fruscio -sibilo prevalente all orecchio DX..(a rimo cardiaco).devo però premettere che da molto tempo avevo qualche vertigine e serramento notturno denti con risvegli dolorosi testa-cervicale.ho scoperto anche da poco una maleocclusione dentale…(tutti altri esami fatti RMN celebrale e dell ATM negativi)sto facendo sedute osteopata (non ho piu vertigini!)…ma le chiedo se per quanto riguarda l acufene (di cui purtroppo non conosco l l origine attualmente)..occorrerebbe magari un diverso approccio con fisioterapie diverse…mirate .
    Grazie per la cortese risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Medica  –  What Do You See?