Otite media – cura, rimedi e durata

Cura per l’otite media 

La cura per l’otite media dipende dalla gravità dei sintomi e dalla presenza di lesioni.

INDICE

L’American Academy of Pediatrics e l’Accademia Americana dei Medici di Famiglia raccomanda un approccio  di osservazione per 72 ore (3 giorni) dalla comparsa dei primi sintomi.
In questo periodo il medico non prescrive gli antibiotici per vedere l’evoluzione dell’otite, ma può consigliare degli antinfiammatori o dei rimedi naturali.
Se i sintomi migliorano in pochi giorni, si tratta di otite virale e non è necessaria la cura con gli antibiotici.

Questo protocollo è indicato in particolare in caso di:

  • Bambini dai 6 ai 23 mesi di età con un mal d’orecchio lieve che dura da meno di 48 ore e non ci sono altri sintomi.
  • Bambini oltre i 24 mesi di età con lieve dolore alle orecchie e in assenza di sintomi gravi.

Il metodo dell’osservazione non è adatto per i bambini:

  • Che hanno un impianto acustico cocleare,
  • Che soffrono di otiti ricorrenti,
  • Con malformazioni (per esempio la palatoschisi).

 

Antibiotici per l’otite media acuta

otite-mediaSecondo le linee guida della American Academy of Family Physicians il medico può consigliare una terapia antibiotica per un’infezione all’orecchio nelle seguenti situazioni:

  • Bambini oltre i 6 mesi di età con secrezioni, un dolore da moderato a severo in una o in entrambe le orecchie per almeno 48 ore o una febbre di almeno 39°
  • Bambini da 6 a 23 mesi di età con otite bilaterale, anche se i sintomi sono lievi,
  • Bambini da 6 a 23 mesi di età con otite monolaterale, con sintomi importanti,
  • Bambini oltre i 24 mesi di età con un forte dolore in entrambe le orecchie per meno di 48 ore .

Anche dopo che i sintomi sono migliorati, bisogna prendere l’antibiotico come prescritto dal medico (di solito per 5 o 10 giorni), altrimenti si possono verificare:

  • Le infezioni ricorrenti dell’orecchio,
  • La comparsa di batteri resistenti ai farmaci antibiotici.

 

Otite media acuta e cronicaOperazione chirurgica per l’otite media

Il medico può consigliare un intervento per drenare il liquido dall’orecchio medio se il bambino ha:

  • Otiti medie ricorrenti, tre episodi in sei mesi o quattro episodi in un anno, con almeno un episodio che si verifica negli ultimi sei mesi
  • Un’otite media sierosa cronica con una secrezione che si accumula nell’orecchio medio.

Il drenaggio si effettua con un intervento chirurgico ambulatoriale chiamata miringotomia.

Il chirurgo:

  • Effettua un’incisione microscopica sulla membrana del timpano
  • Inserisce un piccolo tubo per drenare l’orecchio medio e per prevenire l’accumulo di fluidi.
  • L’operazione dura circa 10 minuti e il paziente è dimesso il giorno stesso (day-hospital).
  • Alcuni di questi tubicini sono destinati a rimanere in sede per 3-4 mesi, fino a un anno, per poi fuoriuscire dal timpano spontaneamente.

L’intervento si effettua in anestesia generale.

Intervento chirurgico per l’otite cronica
In caso di timpano perforato con calo dell’udito importante, il chirurgo può consigliare:

Timpanoplastica semplice
Questa operazione si effettua per riparare una lesione del timpano se non c’è:

  • Un’infezione dell’orecchio medio,
  • La degenerazione della catena di ossicini dell’orecchio.

Questo intervento chiude l’orecchio medio in modo naturale e può migliorare l’udito.
La chirurgia si effettua in anestesia locale o generale.
Il chirurgo utilizza un innesto di tessuto prelevato dalla fascia del muscolo temporale per riparare la lesione.

Il paziente:

  1. Può essere ricoverato in ospedale per una notte,
  2. Può tornare al lavoro entro una settimana.

Generalmente, i tempi di guarigione sono di circa otto settimane.

Timpanoplastica con ossiculoplastica
L’operazione si effettua per:

  • Eliminare l’infezione,
  • Riparare il timpano,
  • Ricostruire la catena di ossicini (martello, incudine e staffa) utilizzando un innesto di cartilagine.

Questa operazione può migliorare l’udito.
L’intervento si può effettuare:

  1. In day hospital,
  2. Con una notte di ricovero in ospedale.

L’anestesia può essere locale o generale.
Il chirurgo fa un’incisione dietro l’orecchio o interviene direttamente nel canale auricolare.

Mastoidectomia
Il processo mastoideo è una protuberanza ossea collegata direttamente con l’orecchio medio.
Ci sono delle strutture importanti all’interno della mastoide o adiacenti, per esempio:

  1. Il cervello,
  2. L’orecchio interno,
  3. Il nervo facciale.

Quindi, le infezioni di quest’osso (mastoiditi) sono pericolose e anche l’intervento chirurgico.
Un’infezione dell’orecchio medio e il colesteatoma possono estendersi fino al processo mastoideo.
La mastoidectomia è un intervento che serve per “pulire” l’osso mastoideo, cioè il chirurgo:

  • Rimuove il pus,
  • Asporta il tessuto osseo infetto.

Generalmente si effettua insieme alla timpanoplastica.
Per accedere all’osso, il chirurgo fa un’incisione dietro all’orecchio.

Recupero:

  • Il paziente può essere dimesso il giorno dell’intervento o il giorno dopo.
  • I tempi di recupero completi sono di 3 settimane.

Mastoidectomia radicale
Lo scopo di questa operazione è quello di eliminare l’infezione senza considerare il miglioramento dell’udito.

È indicato per i pazienti che hanno delle infezioni molto resistenti.
In certi casi, per favorire la guarigione può essere necessario un innesto di:

  • Tessuto grasso,
  • Muscolo,
  • Osso.

La mastoidectomia radicale si effettua in anestesia generale e il paziente può essere ricoverato una notte in ospedale.
I tempi di recupero sono una o due settimane circa.
Per la guarigione completa possono essere necessari fino a quattro mesi.

Terapia dell’otite media cronica suppurativa
Spesso questa infezione cronica si verifica insieme al timpano perforato, di conseguenza è molto difficile da trattare. Si tratta spesso con:

  • Pulizia dell’orecchio: bisogna aspirare e drenare correttamente i liquidi presenti nel condotto uditivo.
  • Antibiotico in gocce, applicare dopo ogni lavaggio e la sera prima di andare a letto.

Cura per l’otite in gravidanza

Nel caso di una grave otite batterica, i medici possono prescrivere alcuni antibiotici per alleviare i sintomi di un’infezione dell’orecchio medio o un’infezione dell’orecchio interno durante la gravidanza.
Il medico che prescrive  questi medicinali controlla che esso sia sicuro per una donna in gravidanza.

Antibiotici per l’otite media in gravidanza 

Amoxicillina
L’amoxicillina è un antibiotico che il medico prescrive frequentemente per la terapia delle infezioni dell’orecchio anche nelle donne incinta.
L’amoxicillina (Augmentin) è un tipo di penicillina ed è spesso associata all’acido clavulanico.

I medici possono prescrivere altri antibiotici in caso di:

Tra gli antibiotici indicati per l’otite media negli adulti e nei bambini ci sono anche:

  • Macrolidi: l’azitromicina (Zitromax).
  • Cefalosporine, es. cefuroxima (Curoxim).

Altri medicinali
Per il dolore alle orecchie, il medico può prescrivere delle gocce di antinfiammatori, per esempio il fenazone (Otalgan).

Rimedi naturali per l’otite media

Questi rimedi sono abbastanza efficaci e aiutano a curare le otiti più lievi.
Ecco alcune di queste cure casalinghe:

Lavaggio del naso
Questo rimedio casalingo è fondamentale per liberare il naso dal catarro. In questo modo si prevenire lo spostamento del muco dal naso all’orecchio.

Per i bambini sono necessari:

  • Una siringa senza ago,
  • Una tazza d’acqua tiepida o riscaldata,
  • Un cucchiaino di sale grosso.

Istruzioni:

  • Sciogliere il sale nell’acqua.
  • Riempire la siringa con questa soluzione.
  • Piegare la testa del bambino da una parte.
  • Versare l’acqua salata nella narice superiore con la siringa.
  • Aspettare che l’acqua esca dalla narice inferiore.

 

Calore
Premere una bottiglia di acqua calda o un sacchetto caldo di sale contro l’orecchio.

Tea tree oil
Il tea tree oil ha proprietà anti-batteriche, anche se potrebbe irritare la pelle.
Per questo motivo si consiglia di mischiare:

  • 3 cucchiaini di tea tree oil,
  • 2 cucchiaini di olio di oliva,
  • 1 cucchiaino di aceto di mele,

Come si applica?

  • Appoggiare la testa su un telo con l’orecchio malato verso l’alto,
  • Aggiungere alcune gocce della miscela nell’orecchio,
  • Lasciare agire per 5 minuti,
  • Girare la testa per far uscire la miscela,
  • Ripetere 2-3 volte al giorno per 2 giorni.

Questo olio essenziale serve per curare le lievi infezioni batteriche dell’orecchio.

Aglio
Il succo di aglio è un rimedio che aiuta a curare le infezioni microbiche dell’orecchio.
Basta:

  • Bollire 2-3 spicchi di aglio in acqua per 5 minuti,
  • Schiacciare l’aglio e aggiungere un pizzico di sale,
  • Filtrare il composto in un panno, si strizza bene il panno per ottenere il succo,
  • Mettere 2 o 3 gocce di succo di aglio nell’orecchio infiammato,
  • Poi bisogna sdraiarsi su un fianco per un po’ per favorire il drenaggio del succo d’aglio giù nell’orecchio e per raggiungere più facilmente il punto d’infezione

 

Quanto tempo dura l’otite media? La prognosi

Oggi, la morte per le complicanze di un’otite media acuta è rara.
Con una terapia antibiotica efficace, i tempi di miglioramento sono di circa 48 ore.
In genere, i pazienti  recuperano l’ipoacusia causata dall’otite media acuta.

Le secrezioni dell’orecchio medio e la perdita della capacità uditiva possono persistere ben oltre la durata della terapia, indipendentemente dal tipo di trattamento:

  • Fino al 70 % dei bambini potrebbe avere alcune secrezioni dall’orecchio medio dopo 14 giorni dal termine della terapia,
  • Il 50 % dei bambini può presentare un’otorrea a 1 mese dalla fine della terapia,
  • Il 20 % a 2 mesi
  • Il 10 % dopo 3 mesi.

I bambini hanno una probabilità 3 volte maggiore di risolvere l’otite con un singolo ciclo di antibiotici se:

  • Hanno avuto meno di 3 episodi di otite media,
  • Sviluppano un’otite media acuta nei mesi non invernali.