Cosa fare quando le feci sono dure? Terapia e rimedi naturali

Il fecaloma è una massa di feci indurite che si forma nell’intestino (Aiyappan et al. – 2013).
Il fecaloma si verifica soprattutto nei pazienti che soffrono di:

  1. Malattia di Hirschsprung,
  2. Malattia di Chagas,
  3. Lesioni spinali,
  4. Anormalità comportamentali,
  5. Nei pazienti anziani con stitichezza cronica (Rajagopal et al. – 2002).

 

Terapia per le feci dure

Il medico e un infermiere specializzato devono controllare:

  1. La storia dettagliata del paziente,
  2. La dieta,
  3. Il tipo di feci,
  4. L’uso di lassativi o altri farmaci,
  5. Le altre malattie.

Il trattamento di un fecaloma consiste nella rimozione delle feci incastrate.
Successivamente, bisogna prevenire la formazione di feci dure in futuro.
Il trattamento più immediato per ammorbidire e lubrificare le feci consiste in un clistere caldo (Cid et al. – 1981) con olio minerale oppure olio d’oliva.
Tuttavia, un clistere da solo di solito non è sufficiente a rimuovere un fecaloma grosso.

Se le feci non escono, può essere necessaria la rimozione manuale.
Un operatore sanitario inserisce una o due dita nel retto e lentamente rompe la massa in pezzi più piccoli, così riescono ad uscire (Kim et al. – 2007).
Questo processo dev’essere fatto gradualmente per evitare di provocare delle lesioni al retto.
Di solito le feci sono ferme nel colon sigmoideo, nell’ampolla rettale o intestino retto.
Le supposte inserite nel retto possono essere somministrate per eliminare le feci che sono difficili da espellere.

Megacolon tossico,colite ulcerosaRaramente serve un operazione chirurgica per trattare un fecaloma (CURRÒ et al. – 2017).
È necessario un intervento di rimozione di emergenza in caso di:

  • Megacolon tossico, è una dilatazione eccessiva dell’intestino causata dall’accumulo di gas.
  • Ostruzione intestinale completa.

Quasi chiunque abbia avuto un fecaloma ha bisogno di un programma di riqualificazione dell’intestino.

 

Cosa fare quando le feci sono dure? Rimedi naturali

Trattare la costipazione
Se la causa delle feci dure è la stitichezza bisogna capire le cause.
Una diagnosi accurata è essenziale per sviluppare un programma di trattamento.

Aggiungere la fibra alla dieta
Una soluzione contro la stitichezza può essere la fibra solubile (Cheskin et al. – 1995).
Questa sostanza si scioglie nell’acqua, quindi ammorbidisce le feci.
La fibra solubile si trova in molti frutti, verdure, fagioli e cereali. Lo psillio (Plantago psyllium) e i semi di lino sono ottime fonti di fibra solubile.
Questi ingredienti possono ammorbidire significativamente le feci.

Regolare esercizio fisico
L’attività fisica può aiutare a stimolare l’attività intestinale.

Assunzione di liquidi
Bere molta acqua e altri fluidi aiuta ad ammorbidire le feci

Andare in bagno
Avere abbastanza tempo per le visite alla toilette.
Non ignorare lo stimolo ad evacuare.

 

Terapie alternative per le feci dure o il fecaloma

Ci sono diversi approcci alternativi che potrebbero dare sollievo, anche se non sono stati studiati.

Massaggio. La massoterapia nella direzione del colon con compressione, manipolazione e vibrazione favorisce la defecazione.
Il massaggio addominale può rilassare tutti i muscoli che supportano la vescica e l’intestino, quindi favorisce l’attività dell’intestino.
Tra le cure naturali ci sono anche l’agopuntura e lo shiatsu.

Agopuntura. Questa medicina tradizionale cinese prevede la manipolazione e l’inserimento di aghi molto sottili in diverse zone del corpo.
Questa terapia stimola il colon e può ridurre il dolore da costipazione, anche se non ci sono prove dell’efficacia dell’agopuntura per le feci dure.

Tisana. Tra i rimedi della nonna c’è la tisana per la stitichezza che può contenere:

  • Frangula,
  • Finocchio,
  • Liquirizia,
  • Camomilla,
  • Melissa.

Prendere un prodotto ammorbidente delle feci
Ci sono dei prodotti da banco che servono ad ammorbidire le feci e stimolano la muscolatura dell’intestino.
Gli emollienti delle feci riducono la quantità di fluido che assorbe l’intestino e lasciano più acqua nelle feci.
Questi prodotti sono diversi dalle supposte (che sono una forma di lassativo stimolante).
Generalmente gli emollienti sono considerati un’alternativa più sicura.
Controllare sempre con un medico prima di prendere un prodotto da banco.

 

Alimenti consigliati per le feci dure e fecaloma

  • Pane – Muesli, focaccine di crusca di frumento, pane di grano intero
  • Cereali e granaglie – Fiocchi di mais, fiocchi di crusca, frumento glassato, farina d’avena, bastoncini di crusca, All-Bran, crusca, crusca di mais, crusca di avena, riso integrale, pane di segale
  • Verdure – Carciofo, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolo, rucola, bietole, carote, piselli, fagiolini, mais dolce, spinaci, zucca, patate con la pelle, rapa
  • Legumi – Lenticchie cotte, fagioli, ceci, piselli, fagioli di lima, fagioli pinto, chili con fagioli
  • Frutti – Avocado, arancia, papaia, nettarine, kiwi, pera, more, lamponi, mango, fragole, prugne
  • Altri – Burro di arachidi croccante, mandorle, pistacchi, noci, anacardi, fichi secchi, semi di girasole, concentrato di pomodoro, salsa di mele, uvetta.
  • Yogurt (Rajala et al. – 1988).

 

Cibi da evitare per le feci dure

Alimenti a basso contenuto di fibre
La fibra è la parte indigeribile degli alimenti vegetali ed è importante per ammorbidire le feci perché assorbe grandi quantità di liquidi.

Alimenti grassi
Le feci che derivano da rifiuti alimentari grassi hanno più probabilità di essere dure.
I cibi grassi si muovono lentamente nell’intestino, questo provoca un maggior assorbimento del liquido delle feci.
Limitare il consumo di cibi grassi come:

  • Latte intero,
  • Gelati,
  • Patatine fritte,
  • Burro di arachidi cremoso,
  • Burro,
  • Margarina,
  • Condimenti per insalata.

Alimenti trasformati
Bisogna limitare il consumo di alimenti trasformati perché contengono pochissima fibra.
Esempi di alimenti trasformati:

  • Cracker,
  • Pasti precotti,
  • Torte,
  • Ciambelle.

 

Bibliografia :

  1. Senthil Kumar Aiyappan, Upasana Ranga, Anita Samraj, Seena C. Rajan,and Saveetha Veeraiyan. A Case of Fecaloma Indian J Surg. 2013 Aug; 75(4): 323–324. doi:  10.1007/s12262-012-0460-5
  2. Kim KH, Kim YS, Seo GS, Choi CS, Choi SC. A case of fecaloma resulting in the rectosigmoid megacolon. Korean Journal of Neurogastroenterology and Motility. 2007;13(1):81–5.
  3. G. CURRÒ, C. LAZZARA, S. LATTERI, M. BARTOLOTTA, and G. NAVARRA. Supergiant fecaloma as manifestation of chronic constipation. G Chir. 2017 Jan-Feb; 38(1): 53–54. doi:  10.11138/gchir/2017.38.1.053
  4. Yucel AF, Akdogan RA, Gucer H. A giant abdominal mass: fecaloma. Clin Gastroenterol Hepatol. 2012 Feb; 10(2):e9-e10.
  5. Ribas Y, Bargalló J, Lamas S, Aguilar F. Idiopathic sigmoid megacolon with fecal impaction and giant calcified fecaloma. Am Surg. 2013 Feb; 79(2):E96-7.
  6. Cheskin LJ1, Kamal N, Crowell MD, Schuster MM, Whitehead WE. Mechanisms of constipation in older persons and effects of fiber compared with placebo. J Am Geriatr Soc. 1995 Jun;43(6):666-9.
  7. Rajala SA, Salminen SJ, Seppänen JH, Vapaatalo H. Treatment of chronic constipation with lactitol sweetened yoghurt supplemented with guar gum and wheat bran in elderly hospital in-patients. Compr Gerontol A. 1988 Jun; 2(2):83-6.
Informazioni su

Il dottor Massimo Defilippo è un fisioterapista specializzato in terapia manuale e osteopatia. Appassionato di medicina convenzionale e naturale, ama scrivere e lo sport all'aria aperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Geographica  –  What City Do You See?