Cause dei crampi addominali

Appendicite
La comparsa improvvisa di dolore e crampi addominali a destra nella parte inferiore dell’addome sono sintomi dell’appendicite.

L’appendicite è una delle principali cause dei crampi nei bambini insieme al blocco intestinale e all’intolleranza al lattosio.
Tra gli altri sintomi ci sono:

  • Nausea,
  • Vomito,
  • Stitichezza,
  • Gonfiore,
  • Perdita di appetito,
  • Febbre alta.

In caso di appendicite, la pancia è rigida ed estremamente dolorosa al tatto.
Se questa malattia non viene trattata, può causare una setticemia e la morte.

Diverticolite

Diverticolite
Nella diverticolosi, si formano delle piccole sacche lungo la parete del colon.
A volte questi sacchetti diventano infiammati e si sviluppa una malattia chiamata diverticolite.

I sintomi sono:

  • Crampi nella zona addominale,
  • Coliche,
  • Nausea,
  • Meteorismo,
  • Diarrea,
  • Stitichezza,
  • Febbre,
  • Malessere generale.


Endometriosi

Endometriosi

L’endometriosi è una malattia caratterizzata dalla crescita del tessuto che normalmente riveste l’utero (endometrio) nella cavità addominale.
Con il tempo, queste cellule fuori posto formano delle aderenze che possono causare dolore al basso ventre.

 

Gli altri sintomi sono:

  • Crampi, specialmente alla fine di un ciclo mestruale,
  • Cicli mestruali molto dolorosi,
  • Stanchezza fisica,
  • Sanguinamento eccessivo durante il ciclo,
  • Diarrea o stitichezza,
  • Dolore durante i rapporti sessuali.

 

Intossicazione alimentare
L’intossicazione alimentare da Salmonella è uno dei disturbi più frequenti legati al cibo negli Stati Uniti, con più di 30 milioni casi segnalati ogni anno.
L’intossicazione acuta provoca:

  • Crampi addominali,
  • Diarrea,
  • Nausea,
  • Vomito.

 

Sindrome dell’intestino irritabile
Gli episodi di crampi addominali, con diarrea (a volte alternate alla stitichezza) sono caratteristici della sindrome dell’intestino irritabile.
La malattia solitamente si sviluppa nella tarda adolescenza o da giovani ed è aggravata:

  • Dallo stress,
  • Dalle tensioni muscolari.

 

Crampi mestruali

Crampi mestruali

I crampi associati al ciclo mestruale sono tra i sintomi più frequenti che si verificano preciclo.
Il dolore può essere causato da un eccessiva produzione di prostaglandine, sostanze simili agli ormoni che provocano:

  • Infiammazione,
  • Dolore,
  • Gonfiore addominale.

Tuttavia, spesso il dolore è causato anche da tensioni muscolari e del tessuto connettivo nel basso ventre.

Per questo, il fisioterapista e l’osteopata possono aiutare sciogliendo queste tensioni posturali.

Il medico può prescrivere dei farmaci antinfiammatori che bloccano le prostaglandine e danno sollievo fino al 90% dei casi.

 

Infezioni parassitarie
La tenia, giardia e altri parassiti intestinali possono causare:

 

Diarrea del viaggiatore
La diarrea del viaggiatore è caratterizzata da:

  • Attacchi di diarrea,
  • Crampi addominali,
  • Nausea,
  • Vomito.

Di solito è legata ai viaggi e ai climi caldi.

 

Colite ulcerosa e Morbo di Crohn

Colite ulcerosa
L’infiammazione cronica dell’intestino si manifesta con:

 

La diarrea spesso contiene muco con tracce di sangue e può essere alternata alla stitichezza.
L’addome inferiore può essere doloroso e teso.


Celiachia o intolleranza al glutine

Celiachia o intolleranza al glutine

Il glutine è una proteina contenuta in molti cereali, tra cui:

  • Kamut,
  • Frumento,
  • Orzo,
  • Farro,
  • Avena.

Se le persone che soffrono di celiachia mangiano dei cibi o prodotti con glutine, l’intestino subisce dei danni (distruzione dei villi intestinali).
Tra i sintomi dell’intolleranza al glutine ci sono:

  • Pancia gonfia,
  • Mal di pancia e crampi,
  • Diarrea,
  • Vomito (a volte),
  • Stanchezza,
  • Anemia,
  • Ritardo nella crescita,
  • Osteopenia e osteoporosi,
  • Perdita di peso,
  • Dermatite erpetiforme.

 

Intolleranza al lattosio
Si tratta di un disturbo caratterizzato dalla mancanza dell’enzima lattasi che serve per digerire il lattosio.
I sintomi dell’intolleranza al lattosio sono:

  • Gonfiore,
  • Dolore,
  • Nausea e raramente vomito,
  • Diarrea,
  • Crampi addominali.

 

Disidratazione

La perdita di sali minerali e la disidratazione possono essere causati:

  1. Dalla sudorazione,
  2. Dal vomito,
  3. Dalla diarrea.

La perdita di liquidi può provocare spasmi muscolari in tutto il corpo, anche nell’addome.

Questo si verifica perché i muscoli hanno bisogno di sali minerali come calcio, potassio e magnesio per funzionare correttamente.

Altri sintomi di disidratazione includono:

  • Sete,
  • Mal di testa,
  • Vertigini,
  • Urina gialla scura.

 

Enterite e colite ischemica

A volte la colite è causata dalla mancanza di afflusso di sangue all’intestino tenue e al colon.

Gli spasmi possono verificarsi anche in questo tipo di colite.

 

Crampi addominali per gravi malattie

appendice,infiammata,appendicite

© alamy.com

In alcuni casi, i crampi addominali possono indicare un problema molto grave.
Alcuni tipi di cancro, tra cui il cancro  delle ovaie provocano dolore e crampi addominali.
Inoltre, l’infiammazione di un organo può indicare una causa grave di dolore addominale.
La forma più frequente di infiammazione nell’addome è l’appendicite.

Le cause più frequenti di dolore addominale non sono pericolose per la vita, ma è meglio consultare il medico.

 

Crampi addominali e gonfiore

Il gas nel sistema digestivo fa parte del normale processo di digestione.

Il dolore ai gas può verificarsi se il gas è intrappolato o non riesce a muoversi lungo il sistema digestivo.

Un aumento del dolore da aria nella pancia può derivare dal consumo di cibi che favoriscono la produzione di gas, per esempio i legumi.

Spesso, un cambio di alimentazione può risolvere il problema.

  • Anche alcuni disturbi possono causare il gonfiore addominale, per esempio:
    La celiachia,
  • La sindrome dell’intestino irritabile.

Sintomi

Tra i segni e i sintomi dei crampi da accumulo di gas ci sono:

  • Flatulenza,
  • Dolore o crampi nell’addome,
  • Una sensazione di pienezza o pressione nell’addome (gonfiore),
  • Un aumento osservabile delle dimensioni dell’addome (distensione).

Cause

Il gas si forma nell’intestino crasso (colon) quando i batteri fermentano i carboidrati (fibre, alcuni amidi e alcuni zuccheri) che non vengono digeriti nell’intestino tenue.

I batteri consumano parte di quel gas, ma una parte rimane.

Tra gli alimenti ricchi di fibre che provocano la formazione gas ci sono:

  1. Fagioli e piselli (legumi),
  2. Frutta,
  3. Verdure,
  4. Cereali integrali.

Altri alimenti che possono provocare il gonfiore addominale

  • Le bevande gassate (bibite e birra)
  • Gli integratori di fibre contenenti psillio,
  • I dolcificanti artificiali (sorbitolo, mannitolo e xilitolo) presenti in alcuni alimenti o bevande senza zucchero.

Crampi addominali causati dai muscoli

Il termine muscoli è riduttivo perché quando si parla di dolori di tipo muscolare bisogna considerare sempre il sistema connettivo.

Questo tessuto è fatto da un tessuto fibroso e plastico, è composto soprattutto da collagene ed elastina.

Le caratteristiche del sistema connettivo sono:

  1. È presente ovunque nel corpo,
  2. Connette ogni osso, organo e muscolo del corpo,
  3. Contiene il sistema nervoso e circolatorio, quindi se c’è un’aderenza o una retrazione del tessuto connettivo, può ostacolare e interferire con l’attività di nervi e vasi sanguigni.

Per queste proprietà, il tessuto connettivo può causare dolore e crampi.

Infatti, se riduce la circolazione verso una parte del muscolo, questo sviluppa dei trigger point attivi, cioè nodulini di muscolo contratto che possono causare dolore anche a distanza.

Questi nodulini si sentono bene alla palpazione, ma non ci sono esami strumentali (risonanza magnetica, ecografia, ecc.) che li mostrano.

Oltre ai crampi, possono causare anche altri sintomi come:

  • La stitichezza,
  • I sintomi classici della sindrome pre-mestruale.

 

Crampi addominali in gravidanza

Crampi addominali in gravidanza

Dei lievi crampi all’addome sono piuttosto normali in gravidanza, quindi non bisogna allarmarsi
Si verificano specialmente:

  • All’inizio della gestazione,
  • Durante il secondo trimestre, quando il peso del bambino aumenta.

A volte i crampi sono la conseguenza di un problema di digestione.
Raramente, i crampi lievi possono essere un emergenza medica ma se il dolore è forte e persistente bisogna chiamare il medico.

Gonfiore addominale

In gravidanza è molto probabile accumulare dei gas a causa:

  1. Degli ormoni che rallentano la digestione,
  2. Della pressione dell’utero in crescita su stomaco e intestino.

Stitichezza

Gli ormoni della gravidanza che rallentano la digestione e la pressione dell’utero in crescita sul retto possono provocare la costipazione.

Dolore al legamento rotondo

Il dolore al legamento rotondo si può sentire su uno o entrambi i lat:

  • Dell’addome inferiore,
  • Dell’inguine.

Di solito inizia nel secondo trimestre quando i legamenti del bacino che sostengono l’utero iniziano ad allungarsi e addensarsi per adattarsi alle sue dimensioni crescenti.

Contrazioni di Braxton Hicks

Contrazioni di Braxton Hicks

Dopo la metà della gravidanza, di tanto in tanto potresti provare una sensazione di contrattura a livello dell’utero.

Prima della trentasettesima settimana, queste contrazioni di Braxton Hicks dovrebbero essere:

  • Rare,
  • Irregolari,
  • Essenzialmente indolori.

Avvicinandosi al parto, questo tipo di crampi può essere un segno di travaglio.

Crampi all’inizio della gravidanza
L’ovulo si attacca alla parete dell’utero nei giorni successivi al concepimento (nella prima settimana di gravidanza).
Nel momento in cui l’ovulo attecchisce si possono sentire dei crampi “da impianto” che sono normali e non devono far preoccupare.

Attenzione
A volte i crampi sono un segnale di pericolo che non dovrebbe essere ignorato.
Ci sono tre situazioni che possono provocare dei crampi:

  • Aborto spontaneo. Circa il 20 per cento delle gravidanze terminano con un aborto entro i primi tre mesi di gravidanza. (l’aborto spontaneo si verifica quando l’embrione non si è sviluppato abbastanza per sopravvivere fuori dall’utero).
    I gravi crampi nel primo trimestre (spesso insieme alle perdite di sangue dalla vagina) possono indicare dei problemi.
  • Gravidanza ectopica. Se l’ovulo fecondato si deposita all’esterno dell’utero non può sopravvivere e causa un forte dolore al basso ventre e un’emorragia.
    I crampi si sentono nelle prime settimane di gravidanza.
  • Parto prematuro
    Ogni anno, centinaia di migliaia di bambini nascono prima del 9° mese.
    Il parto prematuro è caratterizzato da diversi segnali tra cui i crampi addominali.

È normale sentire i crampi nei giorni dopo il parto?
Sì.
Molte donne sentono dolori e crampi addominali che peggiorano durante l’allattamento.
Questi sono causati dalle contrazioni dell’utero quando recupera la dimensione che aveva prima della gravidanza.
Questi crampi possono durare anche una settimana dopo il parto.

 

Crampi durante la corsa

In certi casi, i crampi dolorosi all’addome fanno venire voglia di sdraiarsi in posizione fetale nel letto dopo ogni allenamento aerobico.
Tuttavia, non è necessario smettere di correre per paura del dolore.

Cibo e bevande
Evitare di mangiare da 2 a 4 ore prima degli allenamenti può aiutare a prevenire i crampi addominali.
Anche la disidratazione può causare i crampi, si consiglia di bere acqua prima, durante e dopo l’allenamento.

Leggi anche:

Dr. Defilippo Massimo

Massimo Defilippo Mi chiamo Massimo Defilippo, sono un Fisioterapista di Rubiera che effettua fisioterapia ed osteopatia dal 2008.
Mi sono laureato con votazione di 110/110 presso l’università degli studi Magna Graecia …. Biografia completa

RESTA AGGIORNATO

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news


shares
Fisioterapia Rubiera