Farmaci cortisonici e cortisone, come funzionano e come si prendono

I cortisonici (detti anche corticosteroidi) sono farmaci che contengono il cortisone.

Farmaci cortisonici e cortisone
Farmaci cortisonici e cortisone

I cortisonici sono farmaci antinfiammatori steroidei che servono per ridurre le infiammazioni nel corpo.
I corticosteroidi servono per ridurre:

Essi sono spesso utilizzati come parte del trattamento per diverse malattie, come ad esempio le allergie, alcuni problemi della pelle, l’asma o l’artrite.
I corticosteroidi sono farmaci molto forti.
Oltre ai loro effetti utili nel trattare le patologie, hanno effetti collaterali che possono essere molto gravi.

Queste medicine sono disponibili solo su prescrizione del medico.
Anche se questo uso non è contenuto nelle indicazioni del farmaco, alcuni corticosteroidi sono prescritti ai pazienti con i seguenti disturbi:

  1. Paralisi di Bell (Prednisolone)
  2. Forte tosse nei bambini (Desametasone)

 

Questo prodotto è disponibile nelle seguenti forme di dosaggio:

  • Compressa
  • Compressa a rilascio ritardato
  • Capsula
  • Capsula a rilascio ritardato
  • Sciroppo
  • Soluzione iniettabile
  • Bustina (polvere)
  • Liquido

Il ruolo del cortisone

cortisolo,surrenali,reni,cortisone,ormone,adth,infiammazione,cortisonici,steroidi
Ghiandole Surrenali che producono cortisolo
pixologic/bigstockphoto.com

Il cortisone è un farmaco con le stesse funzioni del cortisolo, questo è un ormone prodotto naturalmente dalle ghiandole surrenali (che si trovano sopra ai reni).
Il cortisolo:

  • Svolge un ruolo importante nel controllo del bilancio del sale e dell’acqua nel corpo,
  • Regola il metabolismo di carboidrati, grassi e proteine.

Quando il corpo è stressato, invia delle sostanze chimiche alle ghiandole surrenali per produrre questo ormone.
Il cortisolo supplementare permette all’organismo di affrontare lo stress come le infezioni, i traumi, un intervento chirurgico o i problemi emotivi.

 

Come funzionano i farmaci cortisonici e il cortisone?

Gli steroidi agiscono riducendo:

  • L’infiammazione,
  • L’attività del sistema immunitario.

L’infiammazione è caratterizzata da:

  • Arrossamento,
  • Calore,
  • Gonfiore,
  • Dolore.

I cortisonici agiscono sul sistema immunitario bloccando la produzione di sostanze che attivano le reazioni allergiche e infiammatorie, come le prostaglandine.
L’infiammazione è un processo dell’organismo in cui i globuli bianchi del sangue proteggono contro le infezioni e gli organismi estranei come virus e batteri.
Tuttavia, in alcune malattie il sistema di difesa dell’organismo (sistema immunitario) non funziona correttamente.

In questo caso l’infiammazione lavora contro i tessuti del corpo e causa dei danni.

I cortisonici possono causare una leucocitosi, cioè un aumento del numero dei leucociti.
Rispetto agli antinfiammatori non steroidei (FANS) i cortisonici sono più potenti, ma hanno più effetti collaterali. I tempi di azione sono rapidi per entrambi i tipi di antinfiammatori.
Ci sono anche delle alternative naturali al cortisone, per esempio il ribes nigrum che agisce sulla corteccia surrenale come i cortisonici.

 

Come sono somministrati i farmaci cortisonici e il cortisone?

I farmaci steroidei sono disponibili in diverse forme che variano:

  • Nel tempo di rilascio,
  • Nel periodo di permanenza nell’organismo.

Gli steroidi possono essere somministrati:

  • Localmente nell’area in cui è presente l’infiammazione in forma di pomata o crema, per esempio per la dermatite atopica.
  • In maniera sistemica, che significa per tutto il “sistema” o il corpo.

Gli esempi di trattamenti locali con steroidi sono le iniezioni articolari, il collirio, le gocce per le orecchie e le creme per la pelle.
I trattamenti sistemici con gli steroidi comprendono:

  • I farmaci per via orale (somministrati per bocca),
  • Le medicine che sono iniettate direttamente in vena (per via endovenosa) o nei muscoli (per via intramuscolare).

Gli steroidi assunti per via sistemica circolano attraverso il flusso sanguigno nelle varie aree del corpo.

 

Modalità d’uso dei cortisonici e del cortisone

Assumere durante i pasti o immediatamente dopo il pasto per evitare l’infiammazione dello stomaco.
Se si assume questo farmaco una sola volta al giorno, dovrebbe essere preso al mattino prima delle nove.
Se si assume questo farmaco per molto tempo, non si può smettere improvvisamente senza l’approvazione del medico.
La dose dovrebbe essere ridotta gradualmente.

 

Alcuni esempi di cortisonici a confronto

Desametasone
Il Desametasone è utilizzato per trattare:

  • Artrite,
  • Asma,
  • Allergie gravi,
  • Malattie infiammatorie intestinali,
  • Disturbi della pelle.

Il collirio con questo principio attivo è usato per le congiuntiviti allergiche.
Secondo il National Institutes of Health, può essere utilizzato anche quando le ghiandole surrenali non funzionano correttamente.

Idrocortisone
L’idrocortisone è disponibile sotto forma di:

  1. Spray,
  2. Liquido,
  3. Lozione,
  4. Gel,
  5. Crema,
  6. Olio.

Dev’essere applicato sulla pelle.
Le supposte, i clisteri, gli unguenti e le creme sono disponibili per l’uso in caso di trattamento del prurito anale.
Questo farmaco può alleviare le eruzioni cutanee e il prurito.

I possibili effetti collaterali dell’idrocortisone sono:

Non ci sono prove che mostrano dei danni al feto in caso di assunzione di idrocortisone durante la gravidanza, ma bisogna prenderlo solo sotto la supervisione di un medico.

Betametasone
Il Betametasone (nome commerciale Bentelan®) deriva dall’idrocortisone, è utilizzato per trattare:

Alcune persone riferiscono che questo farmaco rende molto nervosi.

Metilprednisolone

psoriasi,corsitone,trattamento,irritazione,infiammazione,reazione,patologia,autoimmune,pelle
Psoriasi al piede

Il Metilprednisolone (Medrol®) è usato per trattare l’infiammazione causata da patologie come:

Prednisolone
Il Prednisolone è usato per trattare:

  • Disturbi endocrini,
  • Malattie del collagene,
  • Patologie della pelle,
  • Allergie,
  • Disturbi respiratori,
  • Patologie del sangue,
  • Malattie infiammatorie intestinali,
  • Malattie degli occhi.

Secondo il Medical Center dell’Università del Maryland, l’insonnia, l’aumento dell’appetito, il nervosismo e l’indigestione si sono verificati in più del 10 per cento dei soggetti nei trial clinici (test clinici).

Prednisone
Il Prednisone è utilizzato per trattare l’infiammazione data da:

  1. Asma,
  2. Colite ulcerosa,
  3. Artrite,
  4. Psoriasi,
  5. Lupus,
  6. Malattie della pelle,
  7. Allergie.

La Johns Hopkins University indica che questo farmaco può avere diversi effetti collaterali.
I possibili effetti collaterali del prednisone sono:

Leggi anche:

tecar

Tecarterapia

La Tecarterapia è una terapia che sfrutta il principio elettrico del condensatore per curare molti disturbi muscolo scheletrici. Il nome

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di Testa Dolore al petto Dolore all'Anca Dolore al Piede Dolore al Collo Dolore alla Spalla Dolore al Gomito Mal di Schiena Dolore al Ginocchio Dolore al Piede
© bestdesign36 - bigstockphoto.com
Chiudi Menu