Alimentazione nei bambini

Alimentazione nei bambini
© fotolia.com

Una sana alimentazione per i bambini aiuta a bilanciare l’energia, migliorare il loro ingegno e anche l’umore.
Mentre le influenze dei coetanei e degli spot televisivi sul cibo spazzatura possono rendere impossibile una dieta corretta per i bambini, i genitori possono seguire alcuni consigli per educare i propri figli a delle sane abitudini alimentari senza trasformare i pasti in campi di battaglia. In questo modo si può avere un forte influenza sul rapporto dei bambini con il cibo e si riesce a dare loro l’opportunità per diventare degli adulti sicuri di sé e in buona salute.

I primi alimenti

Il riso è spesso consigliato come primo alimento perché è ipoallergenico e facile da digerire.
Tuttavia, le nuove ricerche mostrano che la carne, la frutta e le verdure possono essere introdotte come primo alimento complementare (al latte materno e in polvere).
Le carni scure sono particolarmente importanti perché sono ricche di ferro (come la carne di manzo e il pollame a carne scura) e a quest’età le riserve di ferro del bambino sono basse.
Tuttavia, il ferro si può anche trovare in altri alimenti di origine vegetale, come: fagioli, broccoli, le patate e il tofu, anche se il ferro dei cibi di origine animale è assorbito più velocemente rispetto a quello dei cibi di origine vegetale.

Consigli per i primi alimenti dei bambini

Nutrire il bambino quando è spensierato e sveglio (non quando è stanco o troppo affamato).
Utilizzare un piccolo cucchiaio rivestito di plastica o un cucchiaio di metallo morbido (cioè, senza bordi taglienti).
Nutrire il neonato lentamente per non far andare di traverso il cibo
Alimentare il bambino solo quando è interessato.
Non nutrire il bimbo da sdraiato. Mettere il bambino in un seggiolone per avere una posizione corretta.
Sedersi direttamente davanti al bambino così non deve ruotare la testa.

Quando iniziare lo svezzamento?

Non esiste un periodo uguale per tutti per mangiare i primi alimenti solidi.
Introdurre un alimento alla volta per un periodo di 2-3 giorni, per assicurarsi che non ci siano delle reazioni allergiche (come un’eruzione cutanea) o dei problemi digestivi (ad esempio, gonfiore addominale, diarrea o vomito).
Scegliere la frutta e verdura intere e non lavorate che possono essere passate.
Sviluppare presto il loro palato usando piccole quantità di spezie, così accetta certi alimenti all’inizio.
Dopo il primo paio di mesi introdurre le uova, i latticini come lo yogurt (non latte di mucca fino a 1 anno) e il pesce (se non ci sono casi di allergia al pesce in famiglia). Bisogna stare attenti ai gamberi e molluschi che possono causare facilmente delle allergie.
Evitare di aggiungere dolcificanti o grassi non sani. Per dare sapore, usare degli alimenti dolci di natura e dei grassi naturali sani. L’aggiunta della banana schiacciata alla farina d’avena dà naturalmente un sapore dolce, mentre aggiungendo dell’olio d’oliva al puré/ passato di verdure, si crea un piatto più appetitoso e più sano.
L’acetone nei bambini è un disturbo che provoca vomito, stanchezza, mal di testa, nausea e febbre.
La causa è la glicemia bassa nel sangue, il corpo ricava l’energia dalla degradazione dei grassi, la conseguenza è la formazione di anidride carbonica e acqua in eccesso.
In questi casi, si consiglia di alimentare il bambino con frutta o succo di arancia.

Esempio di alimentazione corretta nei bambini di 6-8 mesi

  • Latte umano o in polvere, purea o frullato di frutta tenera (senza buccia). Evitare il latte vaccino che contiene poche vitamine e più proteine rispetto agli altri
  • Verdure morbide frullate o passate (senza pelle). 700-900 g al giorno, 2-3 porzioni al giorno (1-2 cucchiai sono una porzione) 2 cucchiai di verdura e/o frutta due volte al giorno
  • 1-3 cucchiai di legumi o altri alimenti ricchi di proteine una volta al giorno (es. tofu, uovo)

Si consiglia di aspettare 2-3 giorni prima dell’introduzione di un nuovo alimento.
Nei primi mesi di vita del bambino si consiglia di non unire diversi tipi di carne perché può essere allergico. Bisogna provare un tipo alla volta.
Dopo i 6 mesi si può dare al bambino la frutta secca, per esempio le noci, ma bisogna schiacciarle e tritarle fino a formare dei pezzi piccoli.
Il bambino può seguire una dieta paleo, ma se i genitori dovrebbero parlare con un nutrizionista o dietologo per evitare delle carenze nutrizionali.
Neonati allattati al seno: alcuni medici consigliano di introdurre prima la carne frullata, perché è un alimento ricco di ferro. Poi in un secondo tempo, le verdure frullate seguite dalla frutta. Non c’è un ordine fisso.
Neonati nutriti con latte in polvere: È possibile introdurre prima la frutta e le verdure frullate, seguite dalla carne frullata e dalle uova.
Neonati prematuri: quando il bambino nasce prima della trentesima settimana, ha bisogno di alimentarsi con una flebo, successivamente serve un sondino gastrico finché il bimbo non riesce a succhiare dal seno della mamma.

Esempio di alimentazione corretta nei bambini di 8-9-10 mesi

Latte umano o in polvere,
Verdure morbide cotte
Frutta morbida senza buccia 700-900g al giorno
¼ tazza di pesce al giorno
¼-½ tazza di verdura al giorno
¼-½ tazza di frutta al giorno
Alimenti da offrire al bambino:
Formaggio tenero,
Yogurt fatto con latte intero
Frutta fresca, meglio se biologica
Evitare gli alimenti con molto zucchero che fanno male e possono causare una dipendenza al bambino, soprattutto per i bimbi iperattivi

Esempio di alimentazione corretta nei bambini di 10-12 mesi

Latte umano
Yogurt, formaggio
Pesce, piselli, tofu, fagioli
Frutta e verdure morbide e senza buccia, 350-700g al giorno
15-30g di alimenti ricchi di proteine due volte al giorno
Frutta e verdura due volte al giorno
Si consiglia di non dare al bambino più di 100g di latte al giorno dopo l’anno. Questo è utile per aumentare la quantità di cibo solido.
Troppo latte materno e troppo poco cibo può causare anemia da carenza di ferro.
Cercare di non utilizzare il biberon dopo i 12-15 mesi di età e di introdurre la tazza per evitare la formazione di carie dentarie.

Bambino,12 mesi,1 anno
© fotolia.com

Alimentazione nei bambini di età: 12-24 mesi

Segni di prontezza
è in grado di iniziare a usare il cucchiaio (anche se ci vorrà un po’ per usarlo bene)
Che cosa mangiare?
Latte intero
Altri latticini (formaggio morbido di latte fresco pastorizzato, yogurt ricco di grassi e ricotta)
Lo stesso cibo che mangia il resto della famiglia ma passato o tagliato a pezzetti
Frutta: melone, papaia, albicocche, pompelmo
Verdure: broccoli e cavolfiore, cotti fino a diventare morbidi
Proteine (uova; pesce senza lische; fagioli; un velo di burro di arachidi)
Succo di agrumi
Miele

Quantità giornaliera

  • 2 tazze di latticini (1 tazza di latte o yogurt, 1 tazza = 45g di formaggio naturale o di 60g di formaggio lavorato)
  • 1 tazza di frutta (succhi freschi, surgelati, in scatola e/o al 100%). Preferire il frutto naturale rispetto al succo
  • 1 tazza di verdure (verdure tagliate in piccoli pezzi e ben cotte per evitare che il bambino soffochi)
  • 56g di proteine (28g = una fetta di carne da sandwich, circa 1/3 di un petto di pollo, 1/4 scatoletta di tonno, 1/4 di tazza di fagioli secchi cotti o 1 uovo)

Consigli per la nutrizione nei bambini

Gli esperti spesso dicono che non si dovrebbero dare uova, pesce o arachidi ai bambini piccoli perché il bambino potrebbe sviluppare un’allergia alimentare.
Tuttavia, le ultime ricerche dall’American Academy of Pediatrics hanno mostrato che non c’è alcuna prova del fatto che i bambini sviluppano le allergie a causa dell’introduzione precoce di questi alimenti.
Ovviamente, alcuni medici raccomandano cautela quando si tratta dell’introduzione di nuovi alimenti.
Se il bambino sembra allergico a certi alimenti, introdurli uno alla volta e controllare sempre se c’è una reazione allergica.

Schema per l’alimentazione nei bambini

Tabella
Da 2 a 3 anni: linee guida quotidiane per ragazze e ragazzi
Calorie 1, 000-1.400, a seconda dell’altezza, dell’attività fisica e della stagione (in estate si mangia un po’ meno)

Proteine 60-120g
Frutta 1-1,5 tazze
Verdura 1-1,5 tazze
Cereali 85-170g
Latticini 2-2.5 tazze


Da 4 a 8 anni (scuola materna e inizio dell’età scolare): linee guida per la dieta giornaliera nelle ragazze
Calorie 1, 200-1.800, a seconda del livello di crescita e attività

Proteine 85-140g
Frutta 1-2 tazze
Verdura 1.5-2.5 tazze
Cereali 120-240g
Latticini 2.5-3 tazze

Da 4 a 8 anni: linee guida per la dieta giornaliera nei ragazzi
Calorie 1200-2000, in base all’altezza e all’attività sportiva praticata

Proteine 85-155g
Frutta 1-2 tazze
Verdura 1.5-2.5 tazze
Cereali 120-240g
Latticini 2.5-3 tazze

Alimentazione per un bambino in sovrappeso e obesi

Di seguito sono riportati alcuni consigli dai quali si può iniziare:
Mantenere un atteggiamento positivo verso il cibo e non optare per una dieta restrittiva
I bambini hanno bisogno dei cibi di tutti i gruppi alimentari per uno sviluppo e una crescita corretti.
È importante per i ragazzi capire l’importanza del cibo sano, se sono golosi possono mangiare miele o mandorle.
Inserire sempre i cibi sani, per esempio frutta e verdura.
Concentrarsi sulla vita sana e attiva, non sul peso corporeo
Cercare di non discutere del peso corporeo. Si consiglia invece di parlare delle abitudini sane e di insegnare ai bambini ad essere dinamici.
Cucinare e comprare i cibi sani insieme.
Il bambino dovrebbe fare sport regolarmente oppure può passeggiare, ballare, giocare nel cortile, saltare, ecc.
Essere solidali e comprensivi verso i bambini
I bambini amano prendere parte alle decisioni. È importante lasciare che ogni membro della famiglia a rotazione scelga un’attività fisica da fare con tutta la famiglia.
Ruotare i giorni della settimana e le attività. In questo modo, se a un bambino non piace l’attività, il giorno successivo sarà il suo turno di scegliere.

Leggi anche:

Lascia un commento

Clicca sull'Area che ti Fa Male Mal di testa Dolore al petto Dolore al polso Dolore all'anca Dolore alla coscia Dolore alla caviglia Dolore cervicale Dolore alla spalla Dolore dorsale Dolore al gomito Dolore alla mano Mal di schiena Dolore al gluteo Dolore al ginocchio Dolore al polpaccio Dolore al tallone Dolore al piede
© bestdesign36 - bigstockphoto.com
Per maggiori informazioni o un appuntamento chiamare il 333-2699752 o mandare una mail a: defilippo.massimo@gmail.com
((__lxGc__=window.__lxGc__||{'s':{},'b':0})['s']['_203579']=__lxGc__['s']['_203579']||{'b':{}})['b']['_602807']={'i':__lxGc__.b++};
Chiudi Menu