Indigestione sintomi e rimedi naturali

INDICE

L’indigestione è un disturbo che si verifica quando si riempie lo stomaco troppo velocemente, prima che il cervello riceva il segnale della sazietà dagli ormoni.
L’indigestione alimentare si verifica quando si ingerisce più cibo di quanto può essere contenuto normalmente.

Quando si mangia, il corpo rilascia gli ormoni che arrivano al cervello per comunicare che la persona è sazia o “piena”.
I recettori nello stomaco segnalano al cervello anche di espandere lo stomaco quando si aggiunge cibo o acqua.
Queste sostanze chimiche hanno bisogno di tempo per raggiungere il cervello.

Spesso serve più tempo per la comunicazione rispetto a quello che si impiega per riempire lo stomaco.
Questo è il motivo per cui si può sentire di essere troppo pieni dopo aver finito il pasto invece che diventare gradualmente sazi mentre si mangia.

Oltre al cibo solido contenuto nello stomaco, anche il gas può espandere l’intestino (meteorismo), causando ulteriori problemi.

Indigestione o congestione
La congestione è il blocco completo della digestione causato dal freddo, mentre l’indigestione è un disturbo che provoca diversi sintomi e complicanze, ma la digestione non si interrompe.

Bambini
I lattanti e i neonati che si nutrono con il latte materno possono avere un indigestione se hanno una forte suzione o se non passa abbastanza tempo tra le poppate.
Il sintomo principale dell’indigestione nei lattanti è il vomito, in questo caso bisogna incoraggiare il bambino a espellere tutto il contenuto dello stomaco con un massaggio al pancino.
Tra gli altri sintomi c’è il tremore, la debolezza, il mal di pancia e il colorito pallido.

I bambini possono avere un indigestione se mangiano dei cibi molto buoni senza pensare alle conseguenze.

 

Indigestione da anguria

È stato scoperto che il consumo di almeno 30 mg di licopene contenuti nel cocomero possono causare effetti indesiderati.
Questi effetti secondari possono derivare da troppa anguria o da troppi pomodori.

Alcuni effetti collaterali dell’indigestione da cocomero e pomodoro sono:

Disturbi intestinali
Un consumo eccessivo di angurie può causare sintomi come nausea, vomito, diarrea, pancia gonfia, gas e indigestione.
Negli anziani, mangiare troppa anguria può aggravare il disturbo, dato che il loro sistema digerente è già indebolito dall’età. Gli anziani possono avere anoressia, diarrea e altri problemi intestinali.

Problemi cardiovascolari
L’anguria è un frutto che contiene una grande quantità di potassio.
Tre bicchieri di anguria contengono circa 560 mg di potassio. Avere alti livelli di potassio nel sangue può causare problemi cardiovascolari come battiti cardiaci irregolari, polso debole o assente e può condurre all’arresto cardiaco.
I livelli elevati di potassio possono colpire il sistema nervoso e il controllo motorio.
Questo è ancora più grave per le persone che soffrono di disfunzioni renali perché i reni non sono in grado di rimuovere il potassio in eccesso.
L’ipercaliemia (eccesso di potassio) è provocata da una disfunzione renale.

colon ascendente,trasverso,discendente,anatomiaReazioni allergiche
Alcune persone possono sviluppare reazioni allergiche al cocomero, come una lieve o una grave eruzione cutanea, gonfiore in viso o anafilassi.
Chi soffre di allergia al lattice, carote o cetrioli ha più probabilità di avere l’allergia all’anguria.

Al contrario, il consumo di cocomero ha alcuni vantaggi come:

  • Ha un effetto simile al Viagra negli uomini.
    La citrullina dell’anguria è convertita nell’amminoacido arginina.
    Questo aumenta i livelli di ossido nitrico. L’ossido nitrico ha un effetto rilassante sui vasi sanguigni.
    L’effetto rilassante è simile a quello provocato dal principio attivo Sildenalfil nel Viagra.
    In questo modo, il consumo di cocomero può aumentare la libido.
  • Riduce la pressione sanguigna.
    Nelle persone con ipertensione, il consumo di cocomero provoca l’abbassamento della pressione sanguigna.
    Migliora anche la salute delle arterie e la sua funzionalità.
  • Riduce la glicemia.
    Quando una persona è resistente all’insulina, il glucosio rimane nel sangue e non entra nelle cellule.
    Quando le cellule hanno poco glucosio, si produce più insulina, ma sia l’insulina sia il glucosio rimangono nel sangue.
    I livelli elevati di queste sostanze  hanno un impatto negativo sui reni e sui livelli di trigliceridi.
    L’arginina deriva dalla conversione della citrullina e riduce i livelli di zucchero nel sangue, il grasso in eccesso e i livelli di colesterolo.


 

Cause dell’indigestione

Di solito l’indigestione è causata da alterazioni nelle abitudini alimentari, per esempio:

  1. Mangiare troppo cibo;
  2. Mangiare troppi grassi;
  3. Bere bevande alcoliche, gassate (come la coca cola) o caffè;
  4. Mangiare troppo in fretta.

L’indigestione di solito si verifica dopo aver mangiato cibi piccanti o grassi oppure per un eccesso di cibo.

Stress.
L’ansia può provocare tachicardia dopo mangiato, se i battiti superano i 100 al minuto sono troppo alti.

Indigestione di notte
L’indigestione notturna può capita nei seguenti casi:

  • Se si cena tardi;
  • Se si cena poco prima di andare a letto;
  • Se si va in certi ristoranti che cucinano i cibi molto speziati;
  • Se si mangiano degli alimenti a cui si è intolleranti.


 

Sintomi dell’indigestione

Se l’indigestione avviene dopo pranzo causa sonnolenza, mentre se si verifica prima di andare a letto provoca l’insonnia.

Conseguenze per il fegato e il cuore
Un consumo eccessivo di proteine animali addensa i vasi sanguigni nel fegato e provoca i calcoli biliari.
Questo riduce la produzione di bile del fegato, interferendo con il metabolismo dei grassi e causando un aumento di peso.

Conseguenze per il cuore
Troppe proteine animali sono un fattore importante nelle malattie coronariche.
Danneggiando e infiammando le arterie, le proteine contribuiscono alla formazione di coaguli e attacchi di cuore.
A proposito di cuore, a volte un infarto cardiaco è scambiato per indigestione perché l’unico sintomo che provoca è una sensazione di pesantezza o dolore alla bocca dello stomaco.

 


 

Rimedi naturali per l’indigestione

 

Indigestione sintomi e rimedi naturali
Indigestione sintomi e rimedi naturali

In caso di bruciore di stomaco, bere un bicchiere d’acqua al primo segno di indigestione può dare molto sollievo.
L’acqua aiuta a diluire gli acidi dello stomaco, così si allevia il bruciore.
In particolare, l’acqua con il bicarbonato di sodio ha un effetto quasi immediato per alleviare l’acidità di stomaco.

Ci sono molti altri ingredienti che possono essere usati per trattare l’indigestione.
Ecco i rimedi casalinghi per indigestione.

1. Aceto di mele
L’aceto di sidro di mele si utilizza spesso per risolvere una digestione lenta e per recuperare dopo un’indigestione grazie alle sue proprietà antibiotiche.
Sorseggiare l’aceto di mele mescolato con acqua più volte al giorno per avere un sollievo immediato dall’indigestione.
Mescolare un cucchiaio aceto di mele e un cucchiaino di miele in una tazza d’acqua.
Bere questa soluzione due o tre volte al giorno per un rapido sollievo.

2. Semi di finocchio
I semi di finocchio possono essere veramente utili per l’indigestione causata da cibi molto speziati o grassi.
I semi di finocchio contengono l’olio che può aiutare a ridurre la nausea e controllare la flatulenza.
Si può semplicemente masticare un cucchiaio di semi di finocchio per avere sollievo dai sintomi dell’indigestione.
Si può bere anche il tè al finocchio, si prepara mettendo due cucchiaini di semi di finocchio in una tazza di acqua calda.

Arrostire, seccare, macinare e passare al setaccio i semi di finocchio.
Mettere mezzo cucchiaino di questa polvere in acqua, prendere questo rimedio due volte al giorno.

3. Ginger
Lo zenzero stimola i succhi gastrici e il flusso degli enzimi che aiutano a digerire il cibo. Questo è un rimedio efficace per l’indigestione da eccesso di cibo.
Prendere due cucchiaini di succo di zenzero, un cucchiaino di succo di limone, un pizzico di sale da cucina e il sale nero.
Mescolare accuratamente gli ingredienti e consumare con o senza acqua, in base alle preferenze personali.
Cospargere con il sale alcune fette di zenzero fresche e masticare accuratamente.
Si può bere il tè allo zenzero in casa per avere sollievo dal mal di stomaco, gonfiore, crampi allo stomaco e gas.
Per fare il tè allo zenzero, aggiungere mezzo cucchiaino di zenzero in una tazza di acqua calda e aspettare due o tre minuti.
L’aggiunta di zenzero alle ricette può aiutare se si soffre di indigestione.

4. Bicarbonato di sodio
L’indigestione spesso si verifica a causa di elevati livelli di acidi nello stomaco.
Il bicarbonato di sodio è uno dei trattamenti più semplici ed efficaci per l’indigestione perché agisce come un antiacido.

Mescolare mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio in mezzo bicchiere d’acqua.
Bere questa soluzione per neutralizzare l’acido nello stomaco e avere sollievo dal gonfiore.

5. Coriandolo
Il coriandolo è una spezia efficace per trattare l’indigestione.
Aggiungere alcuni semi di coriandolo arrostiti a mezzo bicchiere di latte con burro. Bere due volte al giorno.
È possibile anche combinare il coriandolo con i semi di cardamomo, i chiodi di garofano e lo zenzero per fare un impasto.

6. Tisana
Bere la tisana dopo un pasto pesante può ridurre notevolmente l’indigestione.
Immergere una bustina del thè alle erbe preferito in una tazza d’acqua bollente e coprirlo per cinque minuti.
Bere mentre è ancora caldo.
Si può provare il tè alle erbe che contiene menta, lampone e more per avere un sollievo immediato.
Il thè alla menta o la camomilla possono calmare lo stomaco, soprattutto dopo un’eccesso di cibo.


 

Quanto dura un indigestione?

I sintomi dell’indigestione possono durare 24-48 ore.

Cosa mangiare dopo aver avuto un indigestione?
Dopo un indigestione si consiglia di mangiare leggero per un giorno.
Si potrebbe mangiare in bianco oppure un piatto di riso alle verdure.