Inappetenza o perdita di appetito nei bambini

L’inappetenza o diminuzione dell’appetito si verifica quando si ha una riduzione del desiderio di mangiare.

INDICE

In caso di perdita dell’appetito, si possono verificare anche i sintomi correlati, come:

Questi possono essere gravi se non curati, quindi è importante trovare la ragione che causa la diminuzione dell’appetito e trattarla.

La perdita di appetito di origine psicologica può essere pericolosa per la salute, in particolare nelle ragazze e nei ragazzi giovani.
Bisogna rivolgersi subito al medico se un adolescente rifiuta il cibo.

 

Perdita di appetito nei bambini

Ci sono momenti in cui i bambini possono perdere l’appetito o non vogliono mangiare al momento del pasto, soprattutto quello serale.
Questo può essere scoraggiante e preoccupante per i genitori.
Esistono dei modi semplici per rendere i pasti un momento piacevole per la madre, il figlio e tutta la famiglia.

Le cattive abitudini alimentari sono difficili da cambiare
Mangiare in un’atmosfera positiva aiuta i bambini a sviluppare un sano atteggiamento nei confronti:

  • Del cibo,
  • Di se stessi.

Mangiare insieme è un modo per aiutare il bambino a sviluppare un sano atteggiamento nei confronti del cibo.

Cause di inappetenza infantile

  • La malattia a volte provoca la perdita di appetito.
    Se il bambino ha mal di gola, eruzioni cutanee, febbre o altri sintomi, può perdere l’appetito
    Contattare o consultare un medico se il bambino sta male o non migliora.
  • C’è un altra causa di inappetenza nei bambini: il rientro dopo le vacanze.
    Dato che i bimbi sono abitudinari, è possibile che il ritorno a casa dopo un mese di ferie provochi sintomi come:

Nei due giorni che seguono l’iniezione, il bambino può avere una perdita di appetito.

Altre cause di inappetenza nei bambini

Se la malattia non è la causa della perdita di appetito, ci sono diverse ragioni per cui il bambino può non mangiare.
Le cause possono essere:

  • Il bambino mangia tra i pasti;
  • Il bimbo beve del succo di frutta o degli altri liquidi (diversi dall’acqua) durante i pasti;
  • Il bambino ha una minore energia rispetto al solito.

Per i bambini che hanno almeno 1 anno, l’appetito aumenta e diminuisce in base

  • L’età,
  • I livelli di energia,
  • I periodi di crescita,
  • Le stagioni.

Se il bambino appare sano e felice, probabilmente non c’è nessun motivo di preoccupazione per un temporaneo calo dell’appetito.

 

Come aumentare l’appetito del bambino

Bambino,bimbi,senza appetito,rimediCi sono alcuni modi per incoraggiare il bambino a mangiare:

  • Rendere il pasto un divertimento. I pasti sono dei momenti socievoli importanti per i bambini che stanno crescendo.
    Si deve cercare di rendere più piacevole per il bambino questo momento della giornata.
    Si possono offrire al bambino dei cibi diversi e permettere a lui di scegliere il cibo che preferisce.
    Non bisogna concentrarsi su quello che il bambino non sta mangiando, ma piuttosto su quello di cui si sta nutrendo.
    Si può mostrare con degli esempi che mangiare è divertente e piacevole.
  • Divisione della responsabilità. I dietisti incoraggiano i genitori ad adottare una teoria dell’alimentazione chiamata “divisione della responsabilità”. Secondo questa teoria, i genitori sono responsabili di fornire l’alimentazione e il bambino è responsabile di quanto mangia.
    I genitori si occupano di offrire il cibo al bambino e lo aiutano a diventare equilibrato durante l’alimentazione.
    Quando il bambino cresce, i genitori scelgono e preparano il cibo, offrono la merenda e dei pasti regolari, rendono piacevole il momento del pasto e creano un buon modello al bambino per godersi il cibo durante i pasti.
  • I genitori dovrebbero vietare al figlio di mangiare degli spuntini tra i pasti, incoraggiandolo a bere solo dell’acqua. Questa teoria assicura al bambino i nutrienti necessari dal cibo che sceglie.
  • Servire frequentemente delle piccole porzioni. I bambini hanno lo stomaco più piccolo rispetto agli adulti. Non mangiano molto durante i pasti.
    Cinque o sei piccoli pasti o spuntini possono soddisfare al meglio le esigenze caloriche del bambino. Questo può causare problemi minori durante i pasti.
  • Variare il menu del bambino. Quando si prepara il pasto per il bimbo, i dietologi consigliano di prendere i cibi da ciascuno dei quattro gruppi alimentari principali.
    • I prodotti integrali come pane, pasta, riso, cereali e altri prodotti del grano arricchiti con ferro, acido folico e altre vitamine del gruppo B, tra cui niacina, tiamina e riboflavina.
    • Si può offrire al bambino molta frutta e verdura tagliata a pezzi.
    • Il latte, lo yogurt, i formaggi e gli altri prodotti lattiero-caseari offrono un equilibrio di proteine, carboidrati e grassi, calcio e vitamina D.
      Non eccedere nel consumo di questi alimenti.
    • Le carni magre, il pollame e il pesce, così come il tofu (caglio di semi di soia), i fagioli e le lenticchie danno al corpo del bambino le proteine, i grassi, le vitamine e i minerali come il ferro.
  • Un bambino può avere dei cibi preferiti, ma degli alimenti nuovi possono essere introdotti poco a poco. Bisogna essere preparati al rifiuto del bambino ai cibi nuovi in un primo momento.
  • Non si deve obbligare il bambino a mangiare. I pasti dovrebbero essere un momento piacevole per tutta la famiglia.
    Non è una buona idea costringere il bambino a mangiare contro la sua volontà. Questo può scoraggiare il bambino a mangiare quel determinato cibo in futuro.
    Ordinare al bambino di finire tutto il cibo può avere lo stesso effetto.
    Rifiutare il cibo può essere un modo per il bambino di affermare la sua indipendenza. I dietisti dicono che la maggior parte dei bambini mangia quello di cui ha bisogno.
  • Evitare le distrazioni. Si deve evitare la televisione accesa durante i pasti. Altre distrazioni come giocattoli o libri non si dovrebbero portare al tavolo mentre si mangia.
  • Evitare di bere prima dei pasti, infatti se si riempie lo stomaco di acqua il bambino raggiunge prima il senso di sazietà.

Altri suggerimenti utili per rendere più piacevole il pasto

  • Preparare il bambino ai pasti. Bisogna fargli sapere che si mangia 10 o 15 minuti prima di servire il pasto.
  • Incoraggiare il bambino ad aiutare nella preparazione dei pasti. Egli può lavare le verdure o mescolare gli ingredienti.
  • Servire le bevande solo dopo il piatto principale in modo che il bambino non si riempia di liquidi.

Sane abitudini alimentari per il bambino:

  • Il bimbo dovrebbe mangiare dei cibi nutrienti lentamente.
  • Non utilizzare mai il cibo come un premio o punizione.

Solo nei casi di carenze vitaminiche o malnutrizione si possono prendere integratori vitaminici come Haliborange.

Tra i rimedi omeopatici utili si trova il Natrum muriaticum che è indicato in caso di:

  • Inappetenza,
  • Dimagrimento e disidratazione,
  • Nella fase di convalescenza dopo una malattia.

Punti chiave

  1. Se il bambino appare sano e e felice, non c’è probabilmente nessun motivo di essere preoccupati per l’inappetenza temporanea.
  2. Rendere i pasti dei momenti divertenti.
  3. Servire piccole porzioni frequentemente.
  4. Variare il menu del bambino.
  5. Non forzare l’alimentazione o utilizzare il cibo come un premio o una punizione.
  6. Evitare le distrazioni durante i pasti.

 

Cause di inappetenza nel neonato

La perdita di appetito nei lattanti mette sempre in ansia i genitori, ma spesso si aspettano che il neonato mangi più del dovuto.
Tra le cause di riduzione dell’appetito nel neonato ci sono:

Reflusso acido
Il reflusso acido è il ritorno degli acidi gastrici dallo stomaco all’esofago.
L’acidità dello stomaco può causare:

  • Irritabilità,
  • Dolore,
  • Calo dell’appetito.


Allergia al lattosio
L’Allergia alle proteine del latte vaccino (da non confondere con l’intolleranza al lattosio) è una malattia in cui il sistema immunitario di un neonato reagisce contro la caseina e il siero del latte, cioè le proteine presenti nel latte.
Questo può causare:

  • Mal di stomaco,
  • Gonfiore,
  • Prurito,
  • Difficoltà di respirazione ogni volta che il bambino ingerisce prodotti lattiero-caseari.

Infezioni
I neonati non hanno un sistema immunitario maturo, quindi sono più vulnerabili alle infezioni.
Le infezioni virali e batteriche possono causare la perdita di appetito in un lattante.

Dentizione
La maggioranza dei bambini vede i primi dentini tra i 4 e gli 8 mesi di età.
Tra i sintomi dei denti che spuntano ci sono:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code