Diabete mellito

INDICE

Il diabete mellito è una patologia in cui il corpo non riesce ad utilizzare correttamente il glucosio ingerito.

Esiste anche una malattia chiamata Diabete insipido caratterizzato dalla produzione di elevate quantità di urine.


diabete,glucosio,zuccheri
Dottoressa che cura il diabete

Il sangue trasporta il glucosio per dare ai tessuti del corpo l’energia necessaria per eseguire le attività quotidiane.


 

Perché ci si ammala di diabete mellito?

Il diabete si verifica perché il corpo non riesce a utilizzare il glucosio correttamente, può avvenire a causa di una mancanza di insulina o perché l’insulina disponibile non funziona come dovrebbe.
Il nome completo diabete deriva dal greco e significa “passare attraverso” per indicare la grossa quantità di urina che si produce, mentre mellito è un termine latino che vuol dire miele.
Secondo la Charity Diabetes UK, più di 2 milioni di persone nel Regno Unito hanno questa patologia e altri 750.000 non sanno di essere affetti da questa patologia.
Più di tre quarti delle persone con diabete mellito ha quello di tipo 2.
Questo è conosciuto come diabete mellito non insulino-dipendente o dell’adulto.
Il diabete si dice scompensato se i livelli di zuccheri nel sangue sono a dei livelli elevati per un lungo periodo di tempo, almeno due mesi.


Il numero di persone con diabete di tipo 2 sta aumentando rapidamente perché è frequente negli individui sovrappeso e obesi, ed è già un problema crescente.

I malati rimanenti hanno il diabete mellito di tipo 1 che è conosciuto come diabete mellito insulino-dipendente.

Diabete mellito di tipo 1
Nel diabete di tipo 1 o giovanile, l’organismo non è in grado di produrre qualsiasi tipo di insulina.
Di solito inizia nell’infanzia o in giovane età e si tratta con le iniezioni di insulina e il controllo della dieta.

I sintomi nei bambini sono:

Nei casi più gravi si può verificare uno stato confusionale e anche il coma chetoacidosico.

Diabete mellito di tipo 2
Nel diabete di tipo 2, non si produce abbastanza insulina oppure l’insulina che è creata dall’organismo non funziona correttamente.
Il diabete mellito di tipo 2 tende a colpire gli adulti e gli anziani e compare solitamente dopo i 40 anni, ma si ammalano sempre più giovani, principalmente le persone in sovrappeso.


 

Che cosa è il prediabete?

All’inizio, la stragrande maggioranza dei pazienti con diabete di tipo 2 è in questo stadio. Un individuo ha il prediabete o diabete latente se il glucosio nel sangue è a dei livelli superiori al normale, ma non sufficientemente elevati da giustificare una diagnosi di diabete.
Le cellule del corpo diventano resistenti all’insulina in modo graduale.

Gli studi hanno indicato che anche in fase di prediabete, si possono verificare alcuni danni al sistema circolatorio e al cuore.


 

Come si diagnostica il diabete mellito?

Il diabete si rileva durante un test delle urine di routine quando il livello di glucosio è in eccesso.
La concentrazione di glucosio nel sangue dev’essere inferiore a 126 mg/dl, oltre questa soglia il livello di zuccheri nel sangue è alto e il paziente diventa diabetico.
Se sono i sintomi ad attirare l’attenzione al problema, bisogna effettuare gli esami del sangue e la prova di tolleranza al glucosio per capire la risposta insulinica.
Il test HbA1c (detto anche A1C o emoglobina glicata) è un esame del sangue che misura la percentuale di emoglobina rivestita dallo zucchero (glicata) e serve per capire i valori medi della glicemia dei 2-3 mesi precedenti.
Lo screening prenatale non è possibile.


 

Sintomi del diabete mellito

diabete,typo,I,II,1,2,glucosio,sangue,zuccheri,dieta,insulina,pancreas
Spiegazioen del diabete
Alila/bigstockphoto.com

I sintomi del diabete variano in base al livello di glicemia.
Alcune persone, in particolare quelle con prediabete o diabete di tipo 2, inizialmente possono non avvertire alcun sintomo.
Nel diabete di tipo 1, i sintomi iniziano più rapidamente e sono più gravi.


 

Diabete mellito
Diabete mellito

Complicanze legate al diabete mellito mal controllato:
Complicazioni agli occhi: glaucoma, cataratta, retinopatia diabetica e altri.
Complicanze al piede: la neuropatia diabetica, l’ulcera e talvolta la cancrena che può portare all’amputazione del piede.
Complicanze della pelle: le persone con diabete sono più esposti alle infezioni della pelle e ai disturbi della pelle.
Problemi di cuore: ad esempio la cardiopatia ischemica, quando diminuisce l’afflusso di sangue al muscolo cardiaco.
Ipertensione: frequente nelle persone con diabete, può aumentare il rischio di malattie renali, problemi agli occhi, infarto e ictus.
Salute mentale: il diabete non controllato aumenta il rischio di soffrire di depressione, ansia e alcuni altri disturbi mentali.
Perdita dell’udito: i pazienti diabetici hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi di udito.
Malattie gengivali: la frequenza di infezioni batteriche gengivali è più alta tra i pazienti con diabete
Gastroparesi: i muscoli dello stomaco smettono di funzionare correttamente
Chetoacidosi: una combinazione di chetosi e acidosi; accumulo di corpi chetonici e acidità nel sangue.
Neuropatia: la neuropatia diabetica è un tipo di danni ai nervi che può provocare dolore e malfunzionamento dei nervi periferici.
Sindrome Iperglicemica Iperosmolare: i livelli di glucosio nel sangue diventano troppo alti, il sangue diventa molto denso e il paziente si disidrata. È una condizione di emergenza.
Nefropatia: la pressione sanguigna incontrollata può portare a disturbi renali
Arteriopatia da indurimento delle arterie (aterosclerosi): i sintomi possono essere il dolore alle gambe, formicolio e a volte difficoltà a camminare correttamente

 


Ictus: se la pressione sanguigna sale, i livelli di colesterolo e livelli di glucosio nel sangue non sono controllati, il rischio di infarto aumenta significativamente
Disfunzione erettile e impotenza maschile.
Infezioni, le persone con diabete mal controllato sono molto più esposte alle infezioni come la cistite, la vaginite ecc.
Guarigione delle ferite: tagli e lesioni muscolari o tendinee necessitano di molto più tempo per guarire, bisogna tenere conto di questo disturbo quando si prende in considerazione qualsiasi intervento chirurgico.
Il diabete in gravidanza può causare dei seri rischi per la mamma e per il bambino.
Chi soffre di diabete deve comunicarlo quando rinnova la patente perché la validità può avere una durata minore (2 o 5 anni).


 

Trattamento del diabete mellito

Il diabete di tipo 1 si tratta con insulina, esercizio fisico e un tipo di alimentazione specifica per i diabetici.
Il diabete di tipo 2 si tratta con la riduzione del peso, una dieta particolare e l’esercizio fisico.
In ogni caso bisogna cercare di prevenire e trattare i sintomi della malattia.
Se queste cure non riescono ad abbassare la concentrazione di zuccheri nel sangue, bisogna assumere farmaci per via orale.
Se anche questa terapia non è sufficiente, si prende in considerazione il trattamento con iniezioni di insulina.

Seguire una dieta per diabetici è probabilmente il rimedio più importante per controllare il livello di zucchero nel sangue.
L’American Diabetes Association (ADA) ha fornito le linee guida per una dieta rivolta ai diabetici.
La dieta dell’ADA è equilibrata e nutriente ed ha un basso contenuto di grassi, colesterolo e zuccheri semplici.
Il totale delle calorie giornaliere sono equamente divise in tre pasti. Negli ultimi due anni, l’ADA ha revocato il divieto assoluto di mangiare zuccheri semplici. Piccole quantità di zuccheri semplici (per esempio il fruttosio) sono ammessi se consumati in un pasto completo.

La riduzione di peso e l’esercizio fisico sono trattamenti importanti per il diabete. Il calo di peso corporeo e l’esercizio fisico aumentano la sensibilità del corpo all’insulina, contribuendo così al controllo dello zucchero nel sangue.

 

 

Leggi anche: Il diabete in gravidanza  –  Diabete e legumi  –  Diabete insipido  –  Terapia per il diabete