Esaurimento nervoso

La definizione di “esaurimento nervoso” è una situazione stressante in cui una persona diventa temporaneamente incapace di comportarsi normalmente nella vita quotidiana.
Questo di solito accade quando la vita diventa troppo stressante, emotivamente e fisicamente.
L’esaurimento si può verificare a qualsiasi età, anche nei giovani di 20 anni, ma è più frequente negli adulti.
Il termine è stato usato frequentemente in passato per indicare diversi disturbi mentali, ma è meno utilizzato oggi.
“Esaurimento nervoso” non è n’è un termine medico né indica una precisa malattia mentale, tuttavia si tratta di una reazione non normale o sana allo stress.

Esaurimento nervoso,stress
L’esaurimento nervoso può indicare un problema di salute mentale da curare, come la depressione o l’ansia.

 

Possibili cause dell’esaurimento nervoso

L’esaurimento nervoso si può verificare a causa di situazioni stressanti anormali o livelli elevati di stress cronico. Possono essere causati anche da alcuni farmaci e sostanze. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è legato a un disturbo d’ansia.

I disturbi d’ansia più frequenti che possono provocare un esaurimento nervoso sono:

Altre cause dell’esaurimento nervoso:

  • Alcuni farmaci
  • Abuso di droga o alcol
  • Stress cronico
  • Mobbing
  • Ricordare momenti stressanti

 

Quali sono i fattori di rischio per l’esaurimento nervoso?

Esistono diversi fattori che possono aumentare il rischio di avere un esaurimento nervoso. Tuttavia, questo non significa che tutte le persone che presentano questi fattori di rischio avranno sicuramente un esaurimento nervoso. I fattori di rischio sono:

  • Disturbi d’ansia ereditari
  • Relax e sonno insufficienti
  • Stress continuo, per esempio quello da studio per l’università o lo stress lavoro correlato
  • Aver sofferto di disturbi d’ansia
  • Malattia o infortunio recente
  • Eventi stressanti che riguardano l’amore, per esempio un recente divorzio
  • Non avere abbastanza sostegno dagli altri
  • Gravi preoccupazioni finanziarie (fallimento, pignoramento, licenziamento ecc.)
  • Negli anziani l’esaurimento può essere causato dalla solitudine, isolamento sociale, un lutto e altri eventi tristi

 

Sintomi di un esaurimento nervoso

Questo tipo di disturbo si può manifestare nel tempo o completamente all’improvviso con i seguenti sintomi:

I 7 sintomi fisici più frequenti dell’esaurimento nervoso

1. Battito cardiaco irregolare (aritmia) – si può avere la sensazione del cuore in gola. Una persona potrebbe pensare di essere gravemente malata, anche se non ci sono prove certe.
2. Muscoli tesi e dolorosi
3. Formicolio e parestesie (perdita di sensibilità) alle mani
4. Mani umide, sudate
5. Sensazione di vertigini o testa leggera
6. Problemi all’occhio, per esempio la vista annebbiata
7. Tremore o agitazione – questi sintomi dell’esaurimento nervoso sono visti come i più imbarazzanti perché ci si preoccupa che la gente li possa notare
8. Mal di stomaco e problemi di intestino – il corpo e la mente reagiscono come se la vita fosse in pericolo e perciò la digestione è secondaria alla sopravvivenza
9. Perdita di peso
10. Perdita dei capelli
11. Esaurimento – tutta l’energia è usata per cercare di gestire e affrontare questa crisi
12. Giramento di testa o vertigini
13. Nausea e senso di vomito
14. Perdita della memoria

Sintomi mentali (panico, paure e fobie)

1. Incapacità di affrontare le cose senza riflettere
2. Problemi sessuali – perdita della libido – impulso sessuale – impotenza sia nella donna che nell’uomo
3. Disturbi del sonno – non essere in grado di addormentarsi, svegliarsi frequentemente e non riuscire a riaddormentarsi a causa di pensieri ricorrenti
4. Isolarsi dalle persone care – i miei clienti a volte descrivono questa sensazione come ‘vivere in una bolla’
5. Irritabilità e scoppi di rabbia – non si ha alcuna capacità di controllo, il paziente urla senza motivi gravi
6. Difficoltà di concentrazione – è probabile che non si riesca a focalizzare l’attenzione sulla pagina di un libro o di un quotidiano
7. Depressione
8. Crisi di pianto

Come riconoscere i primi sintomi (premonitori)? Diagnosi dell’esaurimento nervoso

Alcune persone hanno sintomi che possono sembrare quelli di una grave malattia mentale.
Essi possono diventare incapaci di distinguere ciò che è reale da ciò che è immaginario, cioè possono avere illusioni e allucinazioni.
Questi sintomi possono essere così forti che la persona che ne soffre riesce a svolgere le attività quotidiane.
È abbastanza facile identificare le persone che soffrono di questo tipo di esaurimento perché hanno problemi di relazione, quindi non si può nascondere.
Il medico a cui rivolgersi è lo psichiatra dopo aver visitato il medico di base, mentre il neurologo non è adatto per questo tipo di disturbi.

 

Quali sono le potenziali complicazioni di un esaurimento nervoso?

Un singolo esaurimento nervoso non può avere alcune complicazioni.
Si può affrontare l’esaurimento nervoso cambiando stile di vita e seguendo una terapia.
Tuttavia, nei casi gravi si può sviluppare un disturbo più grave.

Le complicazioni dell’esaurimento nervoso non trattato possono essere serie.
Si può ridurre al minimo il rischio di gravi complicazioni seguendo il trattamento adeguato.
Le complicazioni di un esaurimento nervoso non curato possono essere:

  • Assenteismo al lavoro o a scuola
  • Depressione
  • Sviluppo di un disturbo d’ansia come la fobia
  • Imbarazzo
  • Isolamento sociale

 

Cosa fare? Cura per l’esaurimento nervoso

Per uscire dall’esaurimento nervoso bisogna cambiare stile di vita, ad esempio imparare tecniche di respirazione e rilassamento da fare quando si sente che lo stress è in arrivo. In alcuni casi, soprattutto quando il paziente soffre anche di un disturbo d’ansia, potrebbe essere necessaria l’assunzione di un farmaco. Per molte persone è utile anche la terapia, come la terapia conversazionale.

 

Esaurimento nervosoTrattamento per lo stress

I trattamenti per lo stress e gli squilibri chimici che possono causare l’esaurimento nervoso sono:

  • Modifiche dello stile di vita, comprese le tecniche di rilassamento ed eliminazione di alcune sostanze (come la caffeina) dalla dieta.
  • Medicinali, come i farmaci ansiolitici o antidepressivi per affrontare gli squilibri chimici
  • Cura, come la terapia cognitivo comportamentale

Cosa si può fare per diminuire la gravità di un esaurimento nervoso?

Oltre a seguire il programma di trattamento sviluppato dai medici, per diminuire la frequenza e la gravità dell’esaurimento nervoso può essere utile:

  • Evitare caffeina, alcool e droghe
  • Fare una terapia per la gestione dello stress
  • Eseguire regolare attività fisica
  • Fare tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda e il rilassamento muscolare
  • Dormire regolarmente

 

Rimedi naturali per l’esaurimento nervoso

Esistono diversi trattamenti complementari che possono aiutare ad affrontare meglio l’esaurimento nervoso. Questi trattamenti (a volte chiamati terapie alternative), si utilizzano in combinazione con le terapie tradizionali.

Alcuni trattamenti complementari possono essere:

  • Agopuntura
  • Terapia del massaggio
  • Yoga
  • Fiori di bach, i più indicati sono Olive e Oak

Dieta e alimentazione
Uno stile di vita olistico unisce la dieta, all’attività fisica per ottenere i migliori risultati e prevenire l’esaurimento nervoso.
Gli alimenti non sono solo carburante per il nostro corpo ma combattono anche lo stress.
I carboidrati complessi aumentano i livelli di serotonina, una sostanza chimica cerebrale che ha un effetto calmante.
Mentre tutti i carboidrati aumentano effettivamente i livelli di serotonina, i carboidrati complessi sono i migliori perché sono digeriti più lentamente.
Buone fonti di carboidrati sono i cereali integrali per la colazione, pane, pasta e farina d’avena.
I carboidrati complessi sono utili anche per stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.
Evitare i carboidrati semplici come le caramelle e la soda che si digeriscono velocemente causando una forte diminuzione della serotonina.
È stato dimostrato che la Vitamina C riduce i livelli di ormoni dello stress e rafforza il sistema immunitario.
Il magnesio aiuta a regolare i livelli di cortisolo (stress). Gli spinaci, i fagioli di soia cotti, il tonno e il salmone sono tutti alimenti ad alto contenuto di magnesio.
Le mandorle contengono vitamina E e diverse vitamine del gruppo B che possono rendere il corpo più forte durante i periodi di stress.

Quanto dura? Si guarisce? La prognosi dell’esaurimento nervoso

Non si può stabilire la durata del disturbo, i tempi di recupero dipendono dalla terapia e dalla volontà della persona di cambiare stile.
Non è previsto il ricovero, ma può essere necessaria l’assistenza a domicilio di un familiare o di un altra persona nei casi più gravi.