Dipendenza da cocaina e fumo


INDICE


 
Cos’è la dipendenza da cocaina?
Dopo la metanfetamina, la sostanza che crea più dipendenza psicologica di qualsiasi altra droga è la cocaina.
A livello neurobiologico, essa stimola i centri principali del piacere che si trovano nel cervello (corteccia prefrontale, dorsolaterale, amigdala e cervelletto) e causa un forte stato di euforia.
L’uomo sviluppa molto rapidamente la resistenza (assuefazione) alla cocaina. Di conseguenza il cocainomane con la stessa quantità di cocaina non riesce a raggiungere lo stesso grado di euforia provato in precedenza.
Questo effetto inizia dopo un breve periodo di uso della cocaina.
Generalmente la tossicodipendenza è un disturbo dei giovani, ma ci sono anche molti adulti che soffrono di questo problema.


 

Combinazione mortale di farmaci
A volte, la cocaina  è assunta insieme ad altre droghe, come tranquillanti, anfetamine, marijuana ed eroina.
Queste combinazioni possono aumentare notevolmente la pericolosità della cocaina.
Oltre al rischio di sviluppare l’assuefazione a due droghe, si crea una miscela di sostanze stupefacenti che può essere fatale.


 

Come si manifesta la dipendenza da cocaina? I rischi per la salute

L’assunzione di cocaina può avere i seguenti segni e sintomi sull’uomo:

Nei casi gravi, la dipendenza da cocaina può provocare psicosi da cocaina (simile alla schizofrenia paranoide), convulsioni, ictus, infarto cardiaco, coma e morte.
I dipendenti da cocaina spesso perdono il lavoro, divorziano, hanno difficoltà finanziarie, sono arrestati o possono avere altri problemi prima di rendersi conto che hanno bisogno di essere curati.
Chi fuma la cocaina (un derivato di questa droga detto anche crack) sviluppa la dipendenza molto prima e ha degli effetti più gravi.
L’uso regolare di crack (o cocaina fumata) può causare dipendenza fisica e ha degli effetti molto negativi sulla salute, tra cui:

  • Effetti cardiovascolari, come attacchi di cuore e ritmo cardiaco irregolare (aritmia)
  • Problemi respiratori, come dolore al petto ed insufficienza respiratoria
  • Effetti neurologici, come ictus, convulsioni e mal di testa
  • Complicazioni gastrointestinali, come dolore addominale e nausea

Cocaetilene – Solitamente i tossicodipendenti assumono più droghe allo stesso tempo. Nelle persone che assumono cocaina e alcol (etanolo) contemporaneamente, il fegato produce cocaetilene, che intensifica gli effetti euforici della cocaina. Tuttavia, la produzione di cocaetilene è legata ad un alto rischio di morte improvvisa rispetto alla sola cocaina.


 

Effetti psicologici dell’abuso di cocaina

L’abuso di cocaina danneggia il corpo e anche la mente.
La droga provoca danni mentali, emotivi e psicologici che possono essere molto difficili da superare.
Gli effetti della cocaina interessano alcune parti del cervello, in particolare le aree che danno piacere e quelle legate al buon comportamento, al sesso, al cibo o ad altre attività sane.
Infatti, le persone che assumono la cocaina si sentono bene ed è una droga che provoca grave dipendenza, tolleranza e desiderio.
Una volta che un individuo è dipendente da cocaina, è molto difficile smettere.

La cura dalla dipendenza da cocaina è generalmente più efficace in una comunità. Mentre i sintomi fisici di astinenza da cocaina non sono pericolosi e in genere passano in una settimana o meno, il desiderio della droga è intenso e può provocare una ricaduta.

Dopo quanto tempo si sentono i sintomi dell’astinenza?
Dopo i primi 2/3 giorni (48-72ore) la persona sente i sintomi fisici più intensi, per esempio la voglia di sniffare.
Tuttavia i sintomi psicologici di dipendenza (sbalzi d’umore, disinteresse per tutto, ecc.) durano per molti mesi in cui è difficile non riprendere il vizio.


 

Cura per la dipendenza da cocaina

Farmaci per combattere la dipendenza da cocaina

Attualmente non ci sono dei farmaci convenzionali specifici per curare la dipendenza da cocaina, ma la ricerca continua per creare delle medicine che possono aiutare le persone che soffrono di questo problema.
I farmaci più prescritti per trattare la dipendenza da cocaina sono:

  • Baclofene – un miorilassante che frena la voglia di cocaina e riduce l’abuso della droga nei tossicodipendenti
  • Disulfiram – un agente anti-alcolico che rende l’assunzione di cocaina (o alcool) molto sgradevole
  • Gabapentin – un anti-convulsivo che controlla il desiderio di cocaina e aiuta anche a ridurre la gravità delle ricadute
  • Modafinil – riduce il desiderio di cocaina
  • NAC (o N-acetilcisteina) – un acido che riduce efficacemente il desiderio di cocaina; negli studi sugli animali, questo farmaco ha mostrato risultati promettenti nella riparazione di alcune lesioni cerebrali
  • Nocaine – un farmaco che dà ai dipendenti un tipo più debole di cocaina; esso agisce bloccando gli effetti stimolanti della cocaina
  • Vigabatrin – un farmaco anti-epilettico che aiuta a ridurre il desiderio di cocaina


 

Interventi comportamentali per la dipendenza da cocaina

Molti trattamenti comportamentali che si effettuano nelle comunità e anche in ambulatorio del medico per la dipendenza da cocaina hanno dimostrato di essere utili.
Infatti, le terapie comportamentali sono spesso gli unici trattamenti disponibili ed efficaci per molti problemi di droga, come le dipendenze da stimolanti.
Tuttavia, l’aggiunta di trattamenti farmacologici può aumentare l’efficacia.

Una forma di terapia comportamentale che sta dando risultati positivi tra i pazienti dipendenti da cocaina è la gestione del caso con incentivi motivazionali (MI).
La terapia motivazionale può essere particolarmente utile per aiutare i pazienti a raggiungere un’astinenza iniziale dalla cocaina e per aiutare i pazienti a continuare il trattamento. I programmi usano un sistema di voucher o a premi per dare ricompense ai pazienti che si astengono dalla cocaina e altre droghe. Sulla base dell’esame delle urine, i pazienti guadagnano punti o gettoni, che possono essere scambiati con oggetti che favoriscono una vita sana, ad esempio un abbonamento in palestra, biglietti del cinema o una cena presso un ristorante locale.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è un trattamento efficace per prevenire la ricaduta. In particolar modo la CBT aiuta gli individui dipendenti da cocaina ad astenersi e continuare ad astenersi da cocaina e altre sostanze. Si pensa che i processi di apprendimento svolgono un ruolo importante nello sviluppo e nella continuazione dell’abuso di cocaina e della dipendenza. Questi stessi processi di apprendimento possono essere sfruttati per aiutare le persone a prendere meno droga e impedire le ricadute.
Questo approccio cerca di aiutare i pazienti a riconoscere, evitare e reagire, cioè riconoscere le situazioni in cui tendono a fare uso di cocaina, evitare queste situazioni quando è possibile e reagire in modo più efficace a diversi problemi e comportamenti legati all’abuso di droga. Questa terapia è anche degna di nota grazie alla sua compatibilità con diverse cure che i pazienti possono ricevere.

Le comunità terapeutiche (TCs), o programmi residenziali sono un alternativa per i pazienti che necessitano di una cura per la dipendenza da cocaina. Le comunità terapeutiche richiedono solitamente un soggiorno di 6 o 12 mesi e utilizzano l’intera “comunità” nel programma che partecipa come componente attiva del trattamento.
Tra le attività ci sono la riabilitazione professionale in loco, altri servizi di appoggio e il reintegro dell’individuo nella società.

Dipendenza da cocaina e fumoGruppi di recupero basati sulla comunità (come i Cocainomani Anonimi) utilizzano un programma di 12 punti che può essere utile alle persone che cercano di sopportare l’astinenza. I partecipanti possono trarre beneficio dalla compagnia solidale e dalla condivisione con coloro che provano problemi uguali.
È importante che i pazienti ricevano servizi che soddisfano tutte le loro esigenze di trattamento. Ad esempio, se un paziente è disoccupato può essere utile la riabilitazione lavorativa o il counseling professionale insieme al trattamento della dipendenza.
Se un paziente ha problemi coniugali, può essere importante offrire la consulenza di coppia.

Ultime novità
Tra le ultime cure, una ricerca del 2013 sui topi ha mostrato che inviando un raggio laser sulla corteccia prefrontale del cervello si può eliminare la dipendenza da cocaina nei topi.
Sull’uomo la sperimentazione inizierà con uno stimolatore magnetico transcranico che ha lo stesso effetto del laser.


 

Dipendenza da nicotina

Il fumo provoca veramente dipendenza?
La dipendenza è caratterizzata dalla continua ricerca o dall’abuso di sostanze, nonostante gli effetti dannosi e le conseguenze indesiderate.
La nicotina è una droga che si trova naturalmente nel tabacco e che provoca dipendenza come l’eroina o la cocaina.
Il meccanismo d’azione della nicotina consiste nella liberazione di dopamina e altri neurotrasmettitori a livello cerebrale.


 

Quali effetti provoca la nicotina?

Se assunta in piccole quantità, la nicotina provoca piacevoli sensazioni che inducono il fumatore a voler fumare di più. La nicotina agisce sulla chimica del cervello e del sistema nervoso centrale, influenzando lo stato d’animo del fumatore. Essa funziona come le altre droghe che causano dipendenza, liberando una quantità esagerata di dopamina (un messaggero chimico) nei circuiti cerebrali.

La nicotina dà anche una piccola scarica di adrenalina, non sufficiente per causare effetti fisici, ma abbastanza per accelerare il battito cardiaco e aumentare la pressione sanguigna.
Con un tiro di sigaretta, la nicotina può arrivare al cervello in pochi secondi e i suoi effetti iniziano a svanire in pochi minuti. Se il fumatore non fuma subito dopo, i sintomi di astinenza iniziano e peggiorano nel tempo.
I fumatori di solito diventano dipendenti dalla nicotina e hanno sintomi fisici ed emotivi (mentali o psicologici) di astinenza quando cercano di smettere di fumare. Questi sintomi sono irritabilità, nervosismo, emicrania e disturbi del sonno.
Il fumo passivo può dare dipendenza. Se una persona si trova in auto o in un locale chiuso e vicino c’è un fumatore può sviluppare una dipendenza perché anche in questo caso la nicotina arriva al cervello.
La sigaretta elettronica e la pipa possono dare dipendenza, ma causano meno problemi di salute perché non si fumano le sostanze presenti nelle sigarette normali.


 

Come uscirne? Trattamento per la dipendenza da nicotina

Tenere in considerazione questi rimedi naturali per smettere di fumare

1. Fare una passeggiata. L’attività fisica rilascia una sostanza chimica nel corpo che migliora l’umore e allevia lo stress. Camminare per 30 minuti al giorno può essere una sana distrazione, permette di bruciare le calorie in eccesso e migliora la salute del cuore.

2. Chiamare un amico. Parlare degli alti e bassi con la famiglia o gli amici. Anche un gruppo di supporto può dare conforto e incoraggiamento.

3. Ridurre la caffeina. La caffeina è uno stimolante che aumenta la frequenza cardiaca e l’ansia. Quando si cerca di ridurre lo stress, la caffeina causa agitazione, tiene svegli durante la notte e può causare la voglia di fumare.

4. Prendersi cura del proprio corpo. Bere tanta acqua, mangiare sano e dormire molto. In questo modo si è più energici e pronti a gestire lo stress.

5. Fitoterapia. Tra i fiori di bach che possono aiutare contro la dipendenza da fumo ci sono: Agrimony: (contro l’assuefazione) e Walnut: (per favorire l’adattamento del corpo e della mente alla nuova situazione).