Attacchi d’ansia

INDICE

Gli attacchi d’ansia sono una combinazione di sintomi fisici e mentali, intensi e travolgenti. Questo disturbo è molto più grave di un normale nervosismo.
L’ansia è una sensazione di pericolo imminente che può essere causata dalla paura di morire o dal pensiero che il mondo esterno stia crollando.

L’ansia può causare sintomi fisici così gravi che possono sembrare effettivamente gravi problemi di salute.

Ecco perché i sintomi degli attacchi d’ansia e degli attacchi di panico frequenti somigliano a malattie molto gravi, come:

Questo disturbo si può verificare a qualunque età, nell’infanzia, nell’adolescenza, nei giovani e negli anziani.

Tra le cause ci sono alterazioni genetiche, lo stress, le carenze di vitamine e sali minerali nell’alimentazione e alcuni eventi negativi (un lutto, la perdita del lavoro, essere lasciato dal partner, ecc.)


 

La differenza tra un attacco d’ansia ed un attacco di panico

L’attacco d’ansia è un termine usato per descrivere i periodi d’ansia più intensa rispetto ai normali episodi.
L’attacco d’ansia è diverso dall’attacco di panico.
Gli attacchi di panico sono gravi attacchi d’ansia spesso disabilitanti che hanno una durata da 10 minuti a mezz’ora circa.
Molte persone che soffrono di ansia e possono sviluppare il disturbo di panico, ipocondria e anche agorafobia.
Per tradizione, il termine “attacco d’ansia” indica un attacco di panico più debole.
Gli attacchi d’ansia possono colpire chiunque, anche chi non soffre di disturbo di panico o disturbo d’ansia. Il termine comprende tutti questi tipi di attacchi.

Il legame tra i sintomi dell’ansia e della depressione
Molte persone che hanno il disturbo d’ansia soffrono anche di depressione. Si pensa che l’ansia e la depressione derivano dalla stessa debolezza biologica.
Poiché la depressione peggiora l’ansia (e viceversa), è importante cercare un trattamento per entrambe le malattie.


 

Sintomi degli attacchi d’ansia

I sintomi improvvisi degli attacchi d’ansia sono:

Effetti a lungo termine:

  • La paura unita alla tensione e alla mancanza di sonno può indebolire il sistema immunitario, abbassando le difese alle infezioni
  • Cattiva digestione
  • Depressione

Questo elenco non è completo. Come si può notare, ci sono molti sintomi fisici, psicologici ed emotivi.
I sintomi degli attacchi d’ansia cambiano da persona a persona, nel tipo, intensità, durata e frequenza.
Se i sintomi non corrispondono a quelli elencati, non si può escludere l’attacco d’ansia, ma semplicemente il corpo reagisce in modo leggermente diverso.
Ad esempio, una persona può avere solo alcuni segni e sintomi lievi di un attacco d’ansia, mentre un’altra persona può provarli tutti e in modo grave.

 

Impatto sul lavoro, tempo libero e relazioni

Se l’ansia è grave, può essere difficile mantenere un lavoro, sviluppare o mantenere delle buone relazioni o semplicemente rilassarsi nel tempo libero.
I problemi di sonno possono peggiorare i sentimenti d’ansia.
Alcune persone possono sviluppare la paura di uscire di casa, di andare a scuola o all’università oppure possono rifiutare i rapporti con gli altri, anche amici e parenti.
Altri individui possono avere pensieri ossessivi o comportamenti compulsivi, come lavarsi continuamente le mani.


 

Il legame tra insonnia e ansia

Un individuo potrebbe non esserne consapevole, ma l’ansia può essere causata da un disturbo del sonno.
L’insonnia alimenta il ciclo dell’ansia. Essa provoca difficoltà ad addormentarsi, così la persona inizia a riflettere e nascono nuovi pensieri ansiosi.
Sto perdendo il lavoro? Cosa succederà alla nomina di quel dottore? Ho un esame all’università?
Gli insonni anticipano i problemi con il sonno.

 

Come prevenire l’ansia notturna

Per evitare l’ansia mentre si dorme, la cosa più importante da non fare è rimanere a letto per cercare di addormentarsi.
Bisogna alzarsi e fare qualcos’altro in un’altra stanza finché non si ha veramente sonno.
Alcuni modi per prevenire gli attacchi d’ansia notturni sono:

  1. Evitare farmaci che si possono acquistare solo con prescrizione medica
  2. Evitare caffeina, nicotina o vino la sera
  3. Bere la radice di valeriana o il tè St. John Wort
  4. Evitare cattive abitudini notturne – prima di tutto, non guardare l’orologio. Girare l’orologio verso il muro o nasconderlo in un cassetto o sotto al letto.
  5. Non tornare a letto troppo presto. Tornare a letto solo quando si sente sonno


 

Cause dell’ansia mattutina

  • Preoccupazioni – Tra i motivi più frequenti di ansia al mattino è a causa del pensiero di una giornata. Al risveglio, il corpo comincia a provare ansia per la giornata che deve affrontare. È molto frequente per coloro che hanno un lavoro stressante, ma può interessare anche chi soffre di attacchi di panico e altri stress quotidiani. Svegliarsi aumenta la tensione emotiva a causa delle aspettative di una giornata stressante.
  • Sonno non riposante – L’ansia e lo stress continui possono alterare anche il modo di dormire e possono causare un peggioramento della qualità del sonno. Le persone che non dormono si svegliano con più ansia perché il loro corpo sta cercando di recuperare lo stress dei giorni precedenti. Gli incubi e gli attacchi di panico possono aumentare questa sensazione di stress e ansia al risveglio.
  • Esperienze mattutine negative – La maggior parte delle persone sono in ansia a causa della giornata stressante che devono affrontare, ma altre hanno l’ansia al mattino perché hanno vissuto alcune situazioni molto stressanti nelle mattine precedenti. Ad esempio, se un individuo si è svegliato per parecchie mattine di fila e ha litigato con il proprio partner, può succedere che inizi a svegliarsi con l’ansia.
  • Caffè, dieta, ecc. – Alcune persone bevono caffè o mangiano cibi grassi di mattina. Questo può causare una sensazione d’ansia e nervosismo che può aumentare lo stress di giorno.
  • Gravidanza – una donna incinta può soffrire di attacchi d’ansia a causa delle variazioni degli ormoni, per le conseguenze delle alterazioni fisiche e per le preoccupazioni sulla nuova vita.
  • Problemi di tiroide – il medico deve prescrivere gli esami del sangue per controllare i valori degli ormoni tiroidei perché l’ipertiroidismo può provocare sintomi simili agli attacchi d’ansia.

Tra i fattori di rischio c’è anche la sindrome premestruale (il periodo compreso tra la fine dell’ovulazione e l’inizio del ciclo mestruale)

 

Ansia alla guida

Alcune persone non riescono a guidare la macchina perché hanno degli attacchi d’ansia troppo forti e hanno paura di perdere il controllo dell’auto, soprattutto in autostrada.
I sintomi possono essere: mal di testa, sudorazione, battito cardiaco accelerato, nausea e confusione mentale.


 

Ansia,donna impegnataDiagnosi degli attacchi d’ansia

Dato che esistono diverse malattie possono causare i sintomi dell’ansia, si raccomanda di consultare il medico.
Gli attacchi d’ansia sono relativamente facili da diagnosticare e non si dovrebbero confondere con altri disturbi.
Il medico a cui rivolgersi è lo psichiatra che prescrive la terapia più adatta.


 

Cosa fare? La cura per un attacco d’ansia

Respirare
La sensazione di avere il respiro affannoso (dispnea) è il sintomo tipico di un attacco d’ansia.
La situazione può peggiorare se la persona cerca di fare respiri brevi e poco profondi. Invece bisogna respirare con la pancia.
Per bloccare un attacco d’ansia, espirare profondamente, sciogliere le spalle e concentrarsi per fare inspirazioni ed espirazioni più lunghe e profonde. Lasciare che la pancia si alzi e si abbassi. In auto si consiglia di tenere basso il riscaldamento o aprire i finestrini per favorire la respirazione.

Rilassarsi
È facile dire “rilassati”. Durante un attacco di panico, si possono vedere alcune parti del corpo che si irrigidiscono. La persona può contrarre i muscoli volontariamente per irrigidire quelle parti e poi rilassare la muscolatura.
Mentre si guida, è utile ascoltare della musica rilassante.

Parlare con sé stessi
Quando una persona permette a sé stessa di avere un attacco, deve cercare di dirlo ad alta voce. Bisogna ricordarsi che l’attacco finirà e non può uccidere o far svenire.

Ritornare al presente
Anche se la reazione istintiva di una persona potrebbe essere quella di scappare immediatamente dalla situazione stressante, non farlo . “Bisogna aspettare che l’ansia si riduca”.
Fermarsi può essere utile per superare l’ansia.

Cercare aiuto
È importante trovare un terapeuta cognitivo comportamentale che abbia esperienza nel trattare gli attacchi d’ansia per aiutare il paziente a gestirli.
I farmaci ansiolitici e antidepressivi (per esempio il lexotan) possono ridurre i sintomi temporaneamente, ma creano dipendenza e non risolvono il disturbo.


 

Rimedi naturali per affrontare un’attacco d’ansia

Fitoterapia
Tra i rimedi di fitoterapia ci sono i fiori di biancospino che hanno un effetto calmante, si consiglia di versare un cucchiaio di fiori in una tazza d’acqua e scaldare 10 minuti. Dopo la cottura bisogna filtrare e bere.

Tra i fiori di bach, i più utili per combattere l’ansia ci sono:

  • Oak
  • Cherry Plum
  • Rescue remedy
  • Rock Rose

Omeopatia
Ci sono tanti rimedi omeopatici utili, è fondamentale la visita da un omeopata esperto che prescrive il prodotto più indicato.
Tra i più prescritti ci sono:

  • Argentum nitricum 15 CH
  • Ambra grisea 15 CH
  • Acotinum15 CH
  • Gelsemium sempervirens30 CH

Fare esercizio fisico
Camminare. Durante un attacco di panico, può sembrare che nulla al di fuori del pronto soccorso possa essere di aiuto. In realtà a volte una passeggiata in un parco tranquillo è la medicina migliore, lungo una strada tranquilla o in qualsiasi luogo che riesca a liberare la mente dall’ansia.

Dieta e alimentazione
Quali sono i cibi per guarire dagli attacchi d’ansia

  • Frutta fresca – il corpo ha bisogno di carboidrati e zuccheri, ma non zuccheri raffinati. La frutta fresca contiene le sostanze nutritive necessarie e il fruttosio che le cellule trasformano in energia.
  • Verdure – gli ortaggi sono ricchi di fibre e molte delle vitamine che servono alle persone che soffrono di attacchi d’ansia.
  • Acqua – bere tanta acqua
  • Alimenti ricchi di triptofano – gli alimenti ricchi di triptofano sono molto utili per ridurre l’ansia. Hanno una componente naturale rilassante e inoltre aiutano a migliorare il metabolismo. I semi di avena, soia, pollame e il sesamo hanno tutti una discreta quantità di triptofano.
  • Alimenti ricchi di magnesio – il magnesio è un sale minerale fondamentale per il corpo, quindi gli alimenti ricchi di magnesio come i fagioli neri e il tofu sono molto importanti.
  • Acidi grassi Omega-3 – la ricerca sugli Omega 3 è ancora in corso, ma ci sono alcune prove che dimostrano che gli Omega-3 sono importanti per la depressione e l’ansia. Gli Omega-3 si possono trovare nel pesce, semi di lino e nella zucca.