Prostatite cronica o acuta

INDICE

La prostatite è l’infiammazione della ghiandola prostatica e può essere cronica o acuta.
Negli uomini la prostata si trova appena sotto la vescica.
Un’infezione della prostata è spesso chiamata prostatite perché causa l’infiammazione.
Quando la prostata si infiamma, provoca dolore durante la minzione e l’eiaculazione.
A causa della sua posizione, la prostatite si può verificare insieme all’uretrite, cioè l’infiammazione dell’uretra.

Prostatite,prostata ingrossata,ipertrofia benigna
Prostata ingrossata

Negli uomini, normalmente si vedono i sintomi dell’infezione alla prostata dopo i 50 anni.
Questa malattia può colpire anche i giovani (sotto i 40 anni).
L’infezione può essere scoperta dalla persona stessa o può essere diagnosticata dal medico durante un esame di routine.


 

Cause della prostatite in base al tipo

Ci sono quattro tipi di infezioni della prostata:

  • Prostatite batterica acuta
  • Prostatite batterica cronica
  • Prostatite abatterica cronica (o sindrome del dolore pelvico cronico)
  • Prostatite infiammatoria asintomatica.

Prostatite batterica acuta
Cause: ci possono essere molte cause di infezione alla prostata, a seconda del tipo specifico. Come dice il nome, la prostatite batterica acuta è dovuta a un’infezione batterica ed è caratterizzata da un’infiammazione della prostata.
Un’infezione nell’intestino crasso (colon), nella vescica urinaria e in altre parti del tratto urinario si può diffondere alla ghiandola prostatica e causare una prostatite.
Questo tipo riguarda quasi il 5-10% dei casi totali di prostatite.
Questa prostatite non curata può causare conseguenze gravi e non passa da sola.
La prostatite acuta può essere anche virale o micotica (da fungo).

Prostatite batterica cronica
Cause: non si conoscono esattamente le cause della prostatite batterica cronica, ma si sospetta che questa malattia sia dovuta a un caso precedente di infezione batterica della ghiandola prostatica e a una ricorrenza frequente di un’infezione delle vie urinarie (cistite).
Quindi si è ipotizzato che dopo questa infezione alcuni batteri rimangano nella ghiandola e la riattivazione di essi può causare questo disturbo.
Tra i batteri responsabili ci sono: Ureaplasma urealyticum, Chlamydia tracomatis, ecc.
Esiste una variante chiamata prostatite granulomatosa in cui ci sono dei granulomi formati da linfociti, istiociti, plasmacellule, ecc.

Prostatite abatterica cronica
Cause: non si conoscono le cause esatte della prostatite non batterica, ma si sospetta che la causa siano gli agenti infettivi come i virus e i parassiti, oltre ai batteri.
Ci sono due tipi di prostatite non batterica cronica – infiammatoria e non infiammatoria.
Gli studi ipotizzano che questa infiammazione possa essere dovuta al flusso inverso dell’urina dalla vescica alla ghiandola prostatica.
Questo può essere provocato da alcune attività come equitazione, ciclismo e sollevamento di oggetti molto pesanti, soprattutto quando la vescica è piena.
Secondo le ricerche, circa il 90% dei casi di prostatite è dovuto a fattori sconosciuti.
A volte, le infezioni e le anomalie nella struttura dell’apparato urinario possono essere la causa, specialmente della prostatite non batterica.
Questo tipo specifico di prostatite è spesso confuso con la cistite interstiziale (infiammazione cronica della vescica).
La prostatite può essere causata anche da disturbi del colon, per esempio il colon irritabile, emorroidi e stitichezza.

Prostatite infiammatoria asintomatica
La prostatite infiammatoria asintomatica è caratterizzata da un’infiammazione della ghiandola prostatica e non produce sintomi specifici.
Questa malattia non ha una causa infettiva identificata e i pazienti affetti non sentono dolore cronico, a differenza dei tipi di infezione citati sopra.
Solo quando si fa una biopsia alla prostata per altre malattie (possibilità di cancro, sterilità o antigene prostatico specifico elevato), si trovano dei globuli bianchi nell’urina.


 

Sintomi dell’infezione alla prostata

L’infezione alla prostata si diffonde dal tratto urinario.
In questo caso, i batteri si spostano dall’uretra alla prostata causando l’infezione. Si è visto che l’infezione può essere dovuta a determinate procedure mediche.
Si classifica la prostatite in quattro tipi:

1. Prostatite batterica acuta

Questa infezione è la più facile da diagnosticare. In generale si osserva che in questo caso il tratto urinario ha un’infezione.
Si esamina l’urina per la presenza di batteri e globuli bianchi.
Nella prostatite batterica acuta in fase avanzata, la difficoltà nella minzione è il sintomo principale.
Generalmente, si cura la prostatite batterica acuta con degli antibiotici. In questa infezione della prostata i sintomi più frequenti sono:

2. Prostatite batterica cronica

La prostatite batterica cronica è rara.
Questo tipo è caratterizzato da infezioni o infiammazioni ricorrenti.
L’infezione ricorrente indica qualche problema nel funzionamento della prostata.
L’infezione della prostatite batterica cronica si può diffondere anche alla vescica.
È importante diagnosticare la malattia correttamente prima di intraprendere qualsiasi cura.
Di solito, il medico prescrive degli antibiotici per questa patologia e dei farmaci antinfiammatori non-steroidei.
I sintomi sono simili a quelli della prostatite batterica acuta.
Essi sono:

3. Prostatite non batterica cronica

Questa è la forma più frequente di prostatite.
Si verifica quasi otto volte in più della prostatite batterica.

In questo tipo di infezione della prostata, gli esami danno esiti negativi.
L’infezione non batterica e cronica della prostata può colpire gli uomini di tutte le età.
Normalmente, si individua questo tipo di infezione della prostata nei casi di infertilità.
Tuttavia i sintomi scompaiono, però poi si ripresentano.
I sintomi notati in questa infezione sono elencati di seguito:

  • Sensazione di bruciore durante e dopo la minzione
  • Dolore nella zona genitale
  • Problemi nella defecazione
  • Dolore durante l’eiaculazione

4. Prostatodinia

La prostatodinia è anche chiamata sindrome del dolore pelvico cronico. Nella prostata o nelle vie urinarie non c’è nessuna infezione batterica visibile. Normalmente si curano i sintomi con degli antibiotici. Però gli antibiotici non sono in grado di eliminare davvero la causa principale del problema. I sintomi sono:

  • Impotenza e difficoltà a mantenere l’erezione nei rapporti sessuali
  • Dolore nella regione pelvica
  • Sangue nelle urine e/o nello sperma
  • Dolore durante l’eiaculazione
  • Bisogno urgente di urinare
  • Febbre
  • Dolore lombare

L’ingrossamento della prostata va a sovraccaricare l’uretere e la vescica che non si svuota completamente.
In questo modo si sovraccarica la vescica e il rene che non riescono a funzionare correttamente.


 

Prostatite cronica o acutaDiagnosi della prostatite

Di solito si diagnosticano le infezioni della prostata tramite un esame fisico dell’organo, poiché una prostata ingrossata e compatta può indicare un caso possibile di infezione.
Per confermare la diagnosi, si svolgono:

A volte la prostatite può essere confusa con la pubalgia (o sindrome pubo-retto-adduttoria) che provoca dolore intorno all’osso pubico.


 

Cura per la prostatite

Quale antibiotico bisogna prendere per l’infezione alla prostata

L’infezione della prostata (che colpisce gli uomini compresi nella fascia d’età tra i 30 e i 50 anni) è fondamentalmente di natura batterica. Quindi ha senso utilizzare dei medicinali per eliminare l’infezione alla prostata.

 

Antibiotici per l’infezione della prostata

Bactrim
Bactrim è il nome dell’antibiotico e contiene una miscela di due farmaci potenti, noti come Sulfametoxazolo e Trimetoprim. Entrambi sono degli antibiotici e la combinazione serve per eliminare l’infezione della prostata.

Ciprofloxacina Teva, Tavanic e Levoxacin
Un altro modo efficace per combattere le infezioni della prostata è quello di prendere la Ciprofloxacina Teva, Tavanic o levoxacin (Levofloxacina).
Gli studi mostrano che questo agente antimicrobico ha molto successo nel curare i pazienti con un’infezione della prostata.
La Ciprofloxacina Teva e il Tavanic appartengono alla classe dei farmaci fluorochinoloni e sono molto utili per distruggere e impedire il peggioramento dei sintomi.

Ampicillina
L’ampicillina rientra nel gruppo delle penicilline e si utilizza dal 1961 per curare efficacemente molte infezioni batteriche, tra cui la prostatite.

Ceporex
Questo farmaco appartiene al gruppo degli antibiotici noti come cefalosporine. Per essere più specifici, spesso si cura la prostatite dovuta all’Escherichia Coli con il Ceporex.

Miraclin
Si usa spesso il Miraclin (che appartiene al gruppo delle tetracicline) per eliminare la prostatite.

 

Infezione ricorrente della prostata

L’infezione alla prostata che si ripresenta a intervalli regolari indica che l’antibiotico non ha avuto successo nell’eliminare i batteri.
Questo si può verificare perché si è bruscamente interrotto il dosaggio o perché l’antibiotico stesso era inefficace.
In tali circostanze, per prevenire la ricaduta dell’infezione si potrebbe aumentare la durata del corso di antibiotici fino a 6-8 settimane o prendere un altro antibiotico (come il Miraclin) in grado di penetrare nella prostata e uccidere la crescita batterica totalmente e non parzialmente.
In alcuni casi, il paziente potrebbe essere sottoposto ad un trattamento antibiotico per molti mesi prima che l’infezione finalmente scompaia.
Si possono curare i casi gravi di prostatite che causano un fastidio insopportabile con la somministrazione endovenosa di antibiotici.

Nel sistema urinario, la presenza di corpi estranei (come calcoli alla vescica e renali) può essere uno dei motivi per l’infezione ricorrente della prostata. Quindi scoprire la causa sottostante può aiutare a risolvere il problema. Nel complesso, determinare il ceppo batterico e prendere gli antibiotici corrispondenti è fondamentale per impedire che l’infezione si ripresenti.

Si è osservato che gli antibiotici non sono molto efficaci contro la prostatite cronica. Pertanto, per curare questo tipo di prostatite è meglio considerare altri farmaci.

Alcuni farmaci (viagra, cialis, ecc.) possono permettere l’erezione alle persone con prostatite, ma hanno gravi effetti collaterali, quindi bisogna prenderli sotto la supervisione del medico.


 

Bicicletta,sellino per la prostataRimedi naturali per la prostatite

Oltre alla terapia, per prevenire la ricorrenza di questa malattia è molto importante bere tanta acqua, evitare alcune attività faticose come equitazione, ciclismo e jogging e anche mantenere la salute della prostata.
Alcune persone riescono ad andare in bicicletta con il buco per la prostata.


 

Dieta e alimentazione per la prostatite

Benefici del vino rosso per la salute della prostata
Il vino rosso è una delle poche bevande che hanno dei benefici per la prostata.
Consumare almeno 4 bicchieri di vino rosso ogni settimana può dimezzare il rischio di avere un cancro alla prostata.

Uno studio ha evidenziato il tipo di alcol consumato da due gruppi (ciascun gruppo contava più di 700 uomini). Un gruppo era composto da uomini affetti dal cancro alla prostata, mentre il secondo gruppo consisteva di individui sani.

Lo studio ha mostrato una diminuzione notevole del rischio di avere un cancro alla prostata nelle persone che consumavano vino rosso. I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che bevono da quattro a sette bicchieri di vino rosso a settimana riducono il rischio del cancro del 48%. Gli uomini che consumano solo 1 bicchiere di vino rosso ogni settimana hanno un rischio ridotto del 6% di sviluppare un cancro alla prostata.

Lo studio ha anche rivelato che aumentare l’assunzione di vino rosso (fino a 8 bicchieri ogni settimana) riduce del 61% le probabilità di contrarre un cancro aggressivo.

Quali cibi evitare
La prostata e tutti gli organi del corpo funzionano male nelle persone obese che mangiano molti grassi trans e grassi saturi, dolci, latticini, carne e cibi fritti.


 

Massaggio della prostata

Benefici di un massaggio alla prostata

➤ Il massaggio alla prostata è utile nella diagnosi e nella terapia di molte malattie legate alla salute sessuale.
➤ Si utilizza come una terapia alternativa per curare la prostatite.
➤ Il massaggio alla prostata può aiutare a curare l’impotenza e la disfunzione erettile, migliorando il flusso del liquido seminale e la circolazione sanguigna.
➤ Questo massaggio può aiutare a prevenire o curare l’ingrossamento della prostata dovuto ad un accumulo di pressione del liquido seminale nella ghiandola prostatica.
➤ Può migliorare il flusso di urina ostacolato dall’ingrossamento della prostata.
➤ Il massaggio alla prostata allenta la congestione nella ghiandola prostatica, riducendo così le probabilità di infezione.
➤ Il massaggio alla prostata aumenta i livelli di testosterone e può causare un miglioramento dell’esperienza sessuale.


 

Quanto tempo dura la prostatite? I tempi di guarigione

I tempi di guarigione dipendono dalla causa della prostatite.
In caso di infezione batterica, in pochi giorni di antibiotici si può guarire, mentre se la prostatite diventa cronica o recidivante può persistere per anni.