Leucemia linfatica

INDICE

La leucemia linfatica (ALL) è detta anche leucemia linfoide o linfoblastica, si verifica quando il corpo produce un gran numero di linfociti immaturi.

Queste cellule immature del sangue si moltiplicano continuamente e si accumulano nel midollo osseo (il tessuto molle al centro delle ossa che produce tutte le cellule del sangue).
Questa grave malattia provoca danni e morte delle cellule sane del midollo osseo.


 

Tipi di leucemia

Questo tumore è classificato in 4 tipi.
La classificazione si basa sul tipo di cellule del sangue colpite e sulla rapidità della progressione tumorale.

Leucemia linfatica,sangue,midollo
Quando la malattia progredisce molto rapidamente e provoca la produzione e l’accumulo di globuli bianchi immaturi anomali, è chiamata leucemia acuta o fulminante.
I globuli bianchi immaturi non possono funzionare correttamente.

La leucemia cronica progredisce lentamente e permette una maggior produzione di globuli maturi. Queste cellule possono funzionare correttamente per un periodo di tempo.
Un’altra classificazione si basa sul tipo di cellule colpite da questo tumore.
Quando il tumore colpisce i linfociti, si chiama leucemia linfocitica.
Quando sono colpite le cellule mieloidi, è noto come leucemia mieloide.
Esistono quattro tipi di leucemia:
1. Leucemia linfocitica acuta;
2. Leucemia mieloide acuta;
3. Leucemia linfocitica cronica;
4. Leucemia mieloide cronica.

Che cos’è il linfoma?
Il linfoma è il tumore delle cellule linfatiche del sistema immunitario.
Il linfoma è la terza neoplasia più frequente che si verifica nei bambini. Si sviluppa nel sistema linfatico e provoca i linfonodi ingrossati. Proprio come i globuli bianchi fanno parte del sistema immunitario, il sistema linfatico agisce contro le infezioni.
Le cellule tumorali del linfoma formano delle masse nella pelle, fegato e nei tessuti del midollo osseo.


 

Segni e sintomi della leucemia linfatica

Le principali indicazioni della leucemia sono vaghe o aspecifiche.
I segni e i sintomi di ogni tipo di leucemia sono diversi.
Tuttavia, alcuni segni generali della leucemia possono essere:

 

Leucemia linfocitica acuta nei bambini

La leucemia linfoblastica acuta infantile è il tumore del midollo osseo che provoca l’eccessiva produzione di linfociti.

Cause della leucemia linfocitica nei bambini
L’ALL è la conseguenza degli errori che avvengono durante la replicazione del DNA cellulare.
Gli errori determinano la crescita e la divisione continua delle cellule. Queste hanno una durata più lunga rispetto alle cellule normali e crescono in maniera incontrollata.
La conseguenza è l’alterazione dei valori normali dell’emocromo.
Le cellule immature diventano globuli bianchi leucemici.
Questi linfoblasti non funzionano normalmente e occupano lo spazio delle cellule sane.
La causa esatta della mutazione del DNA che provoca la leucemia linfocitica non è ancora nota.
Non si conoscono i fattori di rischio dell’ALL nei bambini.

Sintomi della leucemia linfocitica nei bambini
Come le altre cellule del sangue, quelle leucemiche possono viaggiare in tutto il corpo.
A seconda del numero di cellule leucemiche, i bambini mostrano dei sintomi differenti.
Generalmente il numero di globuli rossi, piastrine e globuli bianchi sani è molto minore delle cellule leucemiche.

Tra i sintomi ci sono:

  • Febbre;
  • Facile formazione d’ecchimosi;
  • Forte sanguinamento dalle gengive e dal naso;
  • Dolori articolari e alle ossa;
  • Formazione di masse indolori nel collo, ascelle, inguine e stomaco;
  • Debolezza;
  • Anemia;
  • Stanchezza e affaticamento;
  • Inappetenza;
  • Pallore;
  • Petecchie (piccole macchie rosse sotto la pelle a causa del sanguinamento);
  • Mancanza di respiro;
  • Infezioni ricorrenti, per esempio da Herpes Zoster.

Molte volte i sintomi sono simili all’influenza.
Tuttavia se il bambino presenta dei sintomi persistenti che non migliorano, bisogna andare dal medico per la diagnosi.


 

Esami diagnostici per la leucemia linfatica

Se il medico sospetta l’ALL può prescrivere l’esame dell’emocromo completo (CBC). Questo serve a monitorare i livelli di globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e cellule leucemiche anormali. Inoltre si può eseguire l’agoaspirato o la biopsia del midollo emopoietico per l’analisi citogenetica.

Nella diagnosi differenziale bisogna escludere la linfocitosi benigna causata da un’infezione.


 

Diagnosi precoce della leucemia

Se una persona manifesta questi sintomi, bisogna parlare con il medico. Poiché la leucemia è un tumore del sangue, le analisi del sangue hanno un ruolo fondamentale nella diagnosi di questa malattia.
Biopsia del midollo osseo,bacino,leucemiaI valori di globuli bianchi, globuli rossi e piastrine possono dare informazioni preziose ai medici.
Se il numero di globuli bianchi è anormalmente elevato e sono presenti anche altri sintomi, il medico può effettuare lo striscio di sangue o la biopsia del midollo osseo.
La biopsia prevede la raccolta di un campione di midollo osseo che dev’essere esaminato in laboratorio.
Se nella biopsia sono presenti delle cellule anomale, si possono eseguire degli altri test per verificare che il tumore non si sia diffuso ad altre parti del corpo.


 

Stadiazione della leucemia

La stadiazione serve a determinare la gravità e l’evoluzione del tumore.
Nella CLL, si utilizzano i sistemi RAI e Binet per la gestione temporanea del tumore.
La stadiazione dipende dal numero di linfociti anormali nel sangue.

Sistema RAI

Stadio 0: aumento della conta dei linfociti (5.000 o 10.000 linfociti/mm3 di sangue). RBC (globuli rossi) e conta delle piastrine normali. Nessun gonfiore a linfonodi, fegato o milza.
Primo stadio: aumento della conta dei linfociti e gonfiore dei linfonodi. RBC e conta delle piastrine normali.
Secondo stadio: aumento della conta dei linfociti, gonfiore dei linfonodi e della milza. Il fegato può essere gonfio. RBC e conta delle piastrine normali.
Terzo stadio: aumento della conta dei linfociti e riduzione di RBC (anemia). Fegato, milza o linfonodi ingrossati. Conta piastrinica normale.
Quarto stadio: tutte le osservazioni dalla fase 0 alla 3 e conta piastrinica ridotta.


 

Globuli rossi,piastrine,globuli bianchiTerapia per la leucemia

La terapia della leucemia è divisa in tre parti: la terapia d’induzione, d’intensificazione e di mantenimento.
Le opzioni di trattamento per questa malattia proliferativa sono scelte in base all’età del bambino e alla fase del tumore.

Chemioterapia
È una delle opzioni di trattamento più utilizzate.
I farmaci chemioterapici uccidono e limitano la divisione delle cellule tumorali.
Il dosaggio e la combinazione di questi farmaci dipende dall’età e dallo stato di salute del bambino.
Possono essere somministrati per via orale o endovenosa per la chemioterapia sistemica.

Terapia biologica
Le terapie contro il cancro sono intense e a volte possono causare danni ad altre parti del corpo.
Per proteggere gli altri organi, l’oncologo utilizza la terapia biologica. Consiste in alte dosi di proteine e ormoni che aiutano a proteggere gli organi interni durante la terapia oncologica.
Le proteine e gli ormoni somministrati durante la terapia biologica sono prodotti naturalmente dall’organismo, ma in basse quantità.

L’anticorpo monoclonale ofatumumab ha dato dei risultati migliori delle altre terapie farmacologiche.

Radioterapia
Si utilizza come parte delle cure palliative nel trattamento della leucemia.
La radioterapia sfrutta i raggi x ad alta energia o altri tipi di radiazioni per limitare la crescita e per uccidere le cellule tumorali.
Ci sono due tipi di radioterapia: la radiazione interna e la radioterapia esterna. Nella terapia interna una sostanza radioattiva è inserita nella regione tumorale con l’aiuto di aghi, cateteri, ecc.
Nella radioterapia esterna i fasci di radiazioni mirano alla regione tumorale con l’aiuto di apparecchiature medicali ad alta tecnologia.

 

Trasfusioni di sangueLeucemia linfatica
I pazienti non in grado di produrre le proteine che formano il coagulo di sangue traggono benefici dalle trasfusioni di sangue.
In questo modo ottengono il fluido del plasma in cui sono sospesi i globuli.
I pazienti che non rispondono agli antibiotici beneficiano delle trasfusioni di sangue per soddisfare le richieste di globuli bianchi.
Le trasfusioni sono utili anche per i bambini anemici siccome non sono in grado di produrre i globuli rossi.

Il trapianto del midollo osseo può essere consigliato per controllare la malattia nei pazienti più giovani.


 

Rimedi naturali per la leucemia linfatica

Non ci sono erbe o altri prodotti che possono guarire dalla Leucemia, ma la dieta per il tumore è utile contro le cellule tumorali e le metastasi.


 

Quanto si vive? Prognosi e aspettativa di vita del paziente con leucemia

La leucemia linfocitica acuta è la forma più curabile di tumore del sangue.
Colpisce soprattutto i bambini ed è frequente durante la vecchiaia (negli adulti oltre i 65 anni).
La prognosi di questa malattia è migliore nei bambini (il tasso di sopravvivenza è dell’85%) rispetto agli adulti (50%).

La leucemia linfocitica cronica colpisce soprattutto gli adulti.
Tuttavia, questo tumore rimane asintomatico per anni.

Raramente si verifica nei bambini.
Questo tipo di leucemia è incurabile, ma esistono metodi di trattamento che possono aumentare il tasso di sopravvivenza.

Nella leucemia mieloide acuta, gli uomini adulti sono più colpiti rispetto ai bambini e alle donne. Questa forma tumorale acuta è curabile, ma ci sono ancora diversi fattori che influenzano la prognosi.

La leucemia mieloide cronica è più frequente negli adulti rispetto ai bambini. Questa forma cronica di leucemia è incurabile.

Leucemia linfocitica acuta (ALL)
La leucemia linfocitica acuta è una forma tumorale acquisita molto frequente nei bambini. Questa malattia può colpire anche gli anziani sopra i 65 anni.
L’aspettativa di vita dell’ALL cambia in base all’età della persona.
L’85% dei bambini con ALL sopravvive rispetto al 50% degli adulti malati.
I progressi nel trapianto delle cellule staminali e nella chemioterapia stanno aumentando i tassi di sopravvivenza della leucemia linfocitica acuta.
Prima di scoprire la chemioterapia e gli altri metodi per curare il cancro, una persona con la leucemia linfocitica acuta sopravviveva al massimo 4 mesi.
Lle terapie moderne hanno ridotto molto la mortalità, infatti circa l’80% dei bambini colpiti guarisce completamente.

Gli adulti hanno il 40% di probabilità di remissione completa (guarigione).
La prognosi per questo tipo di leucemia varia a seconda dello stadio di progressione della malattia, ma i bambini di 3-7 anni sembrano avere una probabilità di recupero completo più alta.

Leucemia linfocitica cronica
La leucemia linfocitica cronica (CLL) è una malattia che colpisce frequentemente gli adulti sopra i 55 anni.
Può interessare gli adolescenti, ma non si verifica nei bambini piccoli.
Il tasso di sopravvivenza a 5 anni della CLL è del 75% circa.