Emorragia interna

INDICE

L’emorragia interna è una perdita di sangue che si può accumulare all’interno dei tessuti, organi, o nelle cavità del corpo, tra cui la testa, torace e addome.
Il sanguinamento può capitare nell’occhio, membrana del cuore, muscoli e articolazioni.
Si verifica un’emorragia interna quando un’arteria o una vena permette al sangue di uscire dal sistema circolatorio e depositarsi all’interno del corpo.
Ci sono altri due tipi di emorragia:

  • L’emorragia esterna si verifica quando il sangue esce all’esterno del corpo, quindi c’è una lesione cutanea;
  • L’emorragia esteriorizzata avviene quando il sangue esce dal corpo attraverso gli orifizi naturali, per esempio il naso (epistassi), la bocca (ematemesi), la vagina (metrorragia), ecc.

La perdita di sangue può essere lieve, ma nei casi più gravi può causare la morte.

Che cosa provoca un’emorragia interna?

Trauma contusivo
La maggior parte delle persone sanno che una caduta dall’alto o oun incidente d’auto possono causare una contusione o trauma al corpo.
Questa è la causa più frequente nei bambini.
Il corpo può non essere danneggiato all’esterno, ma si può verificare una compressione negli organi interni che provoca lesioni e sanguinamento.
La milza o il fegato possono essere compressi durante il trauma e ci può essere un sanguinamento all’interno dell’organo.
Se l’infortunio si verifica nella schiena o sul fianco (dove si trova il rene) si può manifestare un’emorragia retroperitoneale.
Lo stesso meccanismo provoca un sanguinamento a causa di lesioni da schiacciamento.
L’occhio può essere compresso nell’orbita quando è colpito da un pugno o una palla.

Trauma di decelerazione
La decelerazione può causare lo spostamento degli organi all’interno corpo.

Fratture
Il sanguinamento può essere provocato da una frattura ossea.

Gravidanza
Il sanguinamento in gravidanza non è mai normale, anche se non è raro nel primo trimestre. Può essere un segno di aborto spontaneo.
Nelle prime settimane di gravidanza, il sanguinamento vaginale è un segno potenziale di gravidanza ectopica (quando l’ovulo fecondato si impianta nelle ovaie invece che nell’utero.

Sanguinamento spontaneo
L’emorragia interna può avvenire senza un motivo se il paziente prende alcuni farmaci anticoagulanti o ha alcune malattie, per esempio la leucemia.

Effetto collaterale di farmaci e alcool
Il sanguinamento interno può essere un effetto collaterale dei farmaci, soprattutto i farmaci antinfiammatori non steroidei (come ibuprofene), l’aspirina o l’alcool.

Postparto
Durante un parto si può verificare un emorragia, in caso di parto cesareo il rischio è maggiore, soprattutto se la donna ha già avuto un cesareo precedentemente.

 

parto cesareo

 

Cause di emorragia allo stomaco e all’intestino

1. Meccanica. — un trauma esterno o interno.
Il sanguinamento può essere causato da:

  1. Una botta,
  2. L’uso improprio di un endoscopio durante una lavanda gastrica,
  3. Ingestione di sostanze dure o ruvide,
  4. Bere sostanze corrosive, come gli acidi o alcali

2. Intervento chirurgico
L’emorragia nello stomaco si può verificare dopo una laparotomia in cui si lede l’omento.
Il sanguinamento può avvenire anche dopo un operazione chirurgica mini invasiva in laparoscopia.

3. Malattia
Il sanguinamento dall’esofago può essere causato da:

  • Esofagite e reflusso gastroesofageo.
    Il bruciore di stomaco che ritorna indietro verso l’esofago può causare un’infiammazione dell’esofago (esofagite) che può provocare un’emorragia.
  • Varici. Le vene troppo dilatate di solito si trovano all’estremità inferiore dell’esofago o dello stomaco superiore.
    Queste vene si chiamano varici, le vene si possono rompere e sanguinare notevolmente.
    La cirrosi epatica è la causa più frequente di varici esofagee.
  • La sindrome di Mallory-Weiss è una lacerazione nella parete dell’esofago, di solito è causata dal vomito prolungato, ma può derivare anche da altre cause di aumento della pressione addominale, per esempio:
  1. Tosse,
  2. Singhiozzo,
  3. Parto.

 

L’emorragia dello stomaco può essere causata da:

1. Gastrite. Le cause di ulcere allo stomaco o infiammazione sono:

  1. Alcol,
  2. Farmaci compresi i fans (farmaci antinfiammatori non steroidei), aspirina, ibuprofene (Brufen), o naprossene (Naprosyn),ecc.
  3. Problemi di ansia, stress e sensi di colpa.

2. Ulcera peptica e duodenale.
L’ulcera allo stomaco si può espandere e coinvolgere un vaso sanguigno, causando un emorragia.
Oltre ai farmaci, le altre cause di ulcera allo stomaco sono: un’infezione provocata da un batterio chiamato Helicobacter pylori oppure l’anoressia.
Inoltre, i pazienti che hanno avuto un’ustione, shock, lesione cerebrale, intervento chirurgico o tumore allo stomaco possono sviluppare un’ulcera gastrica causata dallo stress.

Ulcera duodenale,gastrica,stomaco,duodeno

 

3. Tumore allo stomaco.

Il sanguinamento dal tratto digestivo inferiore (colon, retto e ano) può essere causato da:

  • Emorroidi. Probabilmente, questa è la causa più frequente del sangue visibile nel tratto digestivo inferiore, soprattutto se è rosso brillante.
    Le emorroidi sono vene dilatate nella zona anale che si possono rompere.

    Il paziente vede del sangue rosso vivo nelle feci o sulla carta igienica.
  • Ragadi anali. Le lesioni cutanee nella mucosa dell’ano possono causare un emorragia. Queste ferite sono molto dolorose.
  • Polipi del colon. Sono delle protuberanze che si possono verificare nel colon. Possono essere il precursore del cancro e possono causare sanguinamento.
  • Tumore del colon-retto.
  • Infezioni intestinali. L’infiammazione e la diarrea con sangue possono essere la conseguenza di un’infezione intestinale.
  • Colite ulcerosa. Questa malattia può causare l’infiammazione e un forte sanguinamento da piccole ulcerazioni. È una causa di sangue nelle feci.
  • Malattia di Crohn. Questa malattia cronica è causata dall’infiammazione e può provocare sanguinamento rettale.
  • Diverticolite. Si tratta dell’infiammazione dei diverticoli – cioè invaginazioni della mucosa del colon.
  • Anomalie dei vasi sanguigni. Con l’età, si possono sviluppare delle anomalie nei vasi sanguigni dell’intestino crasso che possono provocare il sanguinamento.

 

Sintomi dell’emorragia interna dell’apparato digerente

I segni dell’emorragia nello stomaco e nell’intestino dipendono dalla zona e dalla gravità.

Tra i segni di sanguinamento nell’apparato digerente superiore ci sono:
1. Sangue rosso vivo nel vomito
2. Vomito catramoso simile ai chicchi di caffè
3. Feci nere,
4. Feci con sangue nero,

Segni di emorragia nell’apparato digestivo inferiore
1. Feci nere,
2. Sangue scuro o rosso nelle feci.

In caso di emorragia acuta o improvvisa, i sintomi possono essere:
1. Debolezza,
2. Vertigini o svenimento,
3. Mancanza di respiro,
4. Mal di pancia e crampi addominali,
5. Diarrea,
6. Pallore.

Come riconoscere l’emorragia nell’apparato digerente?

Se il sangue proviene dal retto o dalla parte inferiore del colon, il sangue rosso brillante è mescolato con le feci.
Le feci possono essere mescolate con sangue più scuro se il sanguinamento è nella parte superiore del colon o alla fine dell’intestino tenue.
Quando c’è un’emorragia nell’esofago, stomaco o duodeno, le feci diventano nere, catramose e maleodoranti.
Il vomito può essere rosso vivo o ha un aspetto simile ai “fondi di caffè” quando il sanguinamento è dall’esofago, stomaco o duodeno.
Se il sanguinamento è occulto o nascosto, è possibile non notare un alterazione nel colore delle feci.

Per la diagnosi, la cosa più importante è l’esame obiettivo e i dati relativi al colore delle feci, urine o vomito.
Il medico prescrive:
1. Gli esami del sangue per capire la causa del sanguinamento,
2. Una gastroscopia per valutare le condizioni di stomaco e duodeno,
3. La colonscopia per studiare l’intestino crasso e retto.
Colonscopia,intestino,colon,

In caso di improvvisa emorragia massiva, una persona può sentire:
1. Debolezza,
2. Stanchezza,
3. Affanno,
4. Vertigini,
5. Crampi addominali,
6. Mal di stomaco,
7. Shock (improvviso e rapido calo della pressione sanguigna),
8. Pallore in viso,
9. Diarrea.
Dopo quanto tempo di manifesta?
Un emorragia improvvisa provoca i primi sintomi dopo pochi minuti, mentre se è lenta e si verifica per un lungo periodo di tempo, i sintomi compaiono gradualmente con stanchezza, apatia, mancanza di respiro e anemia.
L’anemia è una malattia in cui c’è una riduzione dell’emoglobina.

Attenzione: il ferro, l’acido salicilico e alcuni alimenti, per esempio le barbabietole, possono causare le feci rosse o nere.

Emorragia internaEmorragia uterina

Un’emorragia uterina è una perdita di sangue dai vasi sanguigni all’interno dell’utero.
Questo sanguinamento solitamente non è legato al ciclo mestruale, tranne in caso di anovulazione in cui è considerato anormale e un’emergenza medica.
L’emorragia provoca un rapido sanguinamento che può causare uno shock.
Una neoplasia, la gravidanza, un trauma e l’anovulazione rappresentano la maggior parte dei casi di sanguinamento anormale nell’utero.
Le malattie infettive o croniche possono causare un’emorragia uterina.
Nella maggior parte dei casi, un’emorragia uterina può durare da due a sette giorni.
Questo disturbo interessa soprattutto le ragazze adolescenti e le donne adulte.
Una bambina può avere un’emorragia uterina a causa di un tumore.
Le emorragie legate alla gravidanza comprendono:
1. L’emorragia post-partum,
2. Il sanguinamento dopo un aborto spontaneo,
3. La gravidanza ectopica.
Durante l’emorragia post-parto, le contrazioni uterine non riescono a chiudere i vasi sanguigni dell’utero che si lacerano durante il distacco e l’espulsione della placenta.
Quando queste contrazioni sono troppo lente o insufficienti per arrestare il sanguinamento dei vasi, la femmina può perdere fino a 1 litro di sangue.
La gravidanza ectopica e l’aborto spontaneo possono causare un’emorragia, dolori al basso ventre e dei gravi crampi.

Il sangue nelle urine può essere causato da un’emorragia interna in qualsiasi zona all’interno del tratto urinario, dal rene alla vescica. Spesso l’infezione alla vescica è legata al sangue nelle urine ma altre cause devono essere considerate in base ai sintomi del paziente, età e storia clinica, soprattutto i maschi che possono aver fatto un intervento alla prostata.
Gli uomini e le donne che hanno subito la radioterapia possono sviluppare l’infiammazione nella mucosa della vescica che può causare un forte sanguinamento.
Tra le cause del sangue nelle urine da emorragia interna c’è la frattura del bacino.

 

 frattura,bacino,branca,ischio,pubica

Che cos’è un’emorragia cerebrale?

Emorragia cerebrale,carotidi,arteria vertebraleL’emorragia cerebrale è il sanguinamento all’interno o all’esterno del cervello.
Le cause di emorragia cerebrale comprendono:
1. Pressione alta,
2. Rottura dei capillari perché sono troppo fragili,
3. Farmaci,
4. Traumi.

Molte persone che hanno un’emorragia cerebrale sentono i sintomi dell’ictus e possono sviluppare:

  • Perdita di forza su un lato del corpo,
  • Difficoltà a parlare,
  • Senso di intorpidimento o perdita di sensibilità,
  • Difficoltà nello svolgimento delle attività abituali,
  • Problemi a camminare.

Circa il 10% degli ictus sono causati da un emorragia cerebrale.

 

Emorragia muscolare

Il sanguinamento si può verificare nella parte più profonda dei muscoli dopo un’infortunio.
La conseguenza è la formazione di un’ematoma che fa male.
In rari casi si può verificare la sindrome compartimentale.

Durante un’emorragia, il sanguinamento causa gonfiore e aumento della pressione all’interno del compartimento muscolare che diventa maggiore della pressione arteriosa del paziente.
La conseguenza è che il sangue non può essere pompato verso le cellule muscolari.
I sintomi comprendono dolore lancinante, difficoltà di movimento delle articolazioni e perdita di sensibilità.
Di solito si vede nelle lesioni della gamba e del braccio (soprattutto l’avambraccio), può essere causato da una frattura della tibia, del perone, del radio o dell’ulna.

L’emorragia si può verificare anche nelle articolazioni (emartro), causando dolore e riduzione dell’ampiezza di movimento.
Questo si vede frequentemente nei pazienti che prendono farmaci anticoagulanti.

Primo soccorso

Bisogna sdraiare il paziente lentamente e chiamare l’ambulanza.
In caso di sanguinamento dall’orecchio si deve mettere la persona sul lato che sanguina, mentre se l’emorragia esce dal naso si deve tenere la testa piegata in avanti.

Quanto dura? La prognosi del paziente con un’emorragia interna

Non si può stabilire la durata dell’emorragia senza conoscere la gravità della lesione dei vasi sanguigni e le condizioni del paziente.
Quando il sanguinamento si interrompe servono due o tre settimane per il riassorbimento dell’ematoma, ma nei casi più gravi può essere necessario un intervento chirurgico.