Anemia da carenza di ferro

INDICE

L’anemia da carenza di ferro (detta anche anemia ferropriva, anemia sideropenica o anemia da carenza marziale) si verifica quando i valori dell’emoglobina nel sangue sono inferiori a:

– 14 g/dl nell’uomo,
– 12 g/dl nella donna, ma il valore di riferimento è 11 per le donne in gravidanza.


 

Cause dell’anemia da carenza di ferro nel sangue

Il ferro è uno dei minerali più importanti per il corpo.
Ci possono essere molte cause della carenza di ferro, le più frequenti comprendono:

Esami del sangue,ferro

  • Perdita di sangue. Questo si verifica soprattutto nelle donne durante il ciclo mestruale. Inoltre le malattie come l’ulcera gastrica (spesso causata dal batterio helicobacter pylori), i polipi al colon e l’ernia iatale causano la perdita cronica ma lenta di sangue dal corpo e di conseguenza la carenza di ferro.
  • Dieta priva di ferro. Alcune persone non riescono ad assorbire una quantità sufficiente di ferro pur avendo una dieta ricca di questo nutriente. Questo può essere dovuto a malattie come la celiachia che impedisce all’intestino di assorbire i nutrienti dagli alimenti.
  • Bypass o rimozione dell’intestino tenue.
  • Tumori come la leucemia, HIV/AIDS e altri tipi di malattie infiammatorie croniche che sono responsabili della diminuzione dei globuli rossi.
  • In alcuni casi il midollo osseo diventa incapace di produrre i globuli rossi.
    Questa malattia pericolosa si chiama anemia aplastica.
  • I vermi intestinali e gli ossiuri possono provocare l’anemia perché assorbono le sostanze nutritive.
  • Altre cause sono l’anemia falciforme, la talassemia (difetto dell’emoglobina) e l’anemia emolitica (si verifica quando i globuli rossi sono distrutti più velocemente di quanto possono essere sostituiti).
  • Gravidanza e alcuni farmaci, per esempio le medicine per la chemioterapia.
  • Gli anziani soffrono di anemia più dei giovani a causa della malnutrizione o delle malattie.


 

Ci sono tre tipi principali di anemia:

1. Anemia macrocitica-normocromica (perniciosa e carenza di folati)

È nota anche come anemia megaloblastica e si verifica quando gli eritrociti assumono una forma anomala, ma la concentrazione dell’emoglobina rimane normale.
Nell’anemia macrocitica il volume corpuscolare medio (MCV) è superiore a 94 fl.
La carenza di vitamina B12 o folati altera la sintesi del DNA e causa la morte prematura delle cellule con un numero ridotto di eritrociti maturi.
C’è uno squilibrio nella distribuzione dell’RNA e del DNA.
Le funzioni nucleari e la divisione cellulare sono ostacolate.
Questo tipo d’anemia indebolisce il sistema immunitario e le difese corporee poiché riduce il numero dei linfociti (globuli bianchi) che producono gli anticorpi.
Chi ha subito la rimozione di una parte dello stomaco o dell’intestino tenue può avere dei problemi nell’assorbimento della vitamina B12.

2. Anemia microcitica-ipocromica (sideroblastica o microcitemia)

In questo tipo d’anemia si producono degli eritrociti troppo piccoli e diminuisce la concentrazione dell’emoglobina. L’ipocromia si può verificare anche se le cellule hanno delle dimensioni normali. Le cause principali possono essere le ulcere allo stomaco e il sanguinamento gastrointestinale dovuti all’angiodisplasia.
Nell’anemia ipocromica microcitica il volume corpuscolare medio (MCV) è minore di 80 fl.

Ulcera duodenale,stomaco,perforata

Le donne incinta o che hanno le mestruazioni rischiano di soffrire di questo tipo di anemia. In gravidanza e durante l’allattamento le richieste metaboliche riducono il ferro nel corpo.
Le malattie del metabolismo del ferro, della sintesi di porfirina ed eme o della sintesi della globina possono causare l’anemia ipocromica.
Per evitare o trattare questo disturbo, bisogna mangiare dei cibi ad alto contenuto di ferro, vitamina C e rame.
I livelli adeguati di rame nel sangue sono vitali per il trasporto del ferro in tutto il corpo e la vitamina C aiuta notevolmente l’assorbimento del ferro.
Si dovrebbero evitare tè, caffè e bevande contenenti caffeina, cereali integrali, troppo latte e latticini e gli antiacidi che ostacolano l’assorbimento corporeo del ferro.

3. Anemia normocromica-normocitica (malattia aplastica, post-emorragica, emolitica, cronica, falciforme)

In questo tipo d’anemia si verifica la distruzione/deplezione dei globuli rossi normali o maturi.
La dimensione di queste cellule e il contenuto di emoglobina è normale, ma sono solo in numero insufficiente.
Se non si diagnostica in tempo, può portare al collasso cardiovascolare (infarto dovuto alla pressione sanguigna).
Può peggiorare le malattie cardiache, polmonari o cerebrovascolari.


 

Sintomi della carenza di ferro nei bambini

I neonati hanno circa 500 mg di ferro nel corpo. Quando crescono e si avvicinano all’età adulta hanno bisogno di circa 5000 mg di ferro per il buon funzionamento degli organi.
I bambini hanno bisogno d’introdurre circa 10 mg di ferro al giorno attraverso la dieta. Nei bambini alcuni sintomi della carenza di ferro possono essere:

Questi sintomi indicano la mancanza di ferro che i genitori dovrebbero controllare nei bambini.
Dopo avere parlato con il medico, la terapia corretta dev’essere iniziata immediatamente per evitare dei danni permanenti.

 

Sintomi della carenza di ferro nelle donne

Nelle donne in gravidanza i sintomi devono essere monitorati accuratamente siccome hanno bisogno del triplo di ferro rispetto agli altri (l’assunzione alimentare raccomandata è di 27 mg al giorno).
Questi sono alcuni dei sintomi che indicano dei livelli bassi di ferro nelle donne:

 

Sintomi della carenza di ferro negli uomini

Negli uomini i sintomi della mancanza di ferro possono essere:

Anemia da carenza di ferroSe compare uno di questi sintomi, si consiglia di parlare con il medico.
Negli atleti i sintomi del ferro basso possono essere causati da una dieta stretta, dalla sudorazione eccessiva, dall’espulsione di ferro attraverso l’urina o dal sanguinamento gastrointestinale.


 

Diagnosi dell’anemia da carenza di ferro

Per la diagnosi bisogna fare gli esami del sangue che comprendono l’emocromo completo e la ferritina (una proteina che contiene una quantità notevole di ferro e indica la quantità di ferro nel corpo).

Anemia in gravidanza
L’anemia rappresenta un problema di salute frequente durante la gravidanza. Siccome è una malattia grave, può causare delle complicanze.

Cause dell’anemia da carenza di ferro in gravidanza
Si osserva l’anemia da carenza di ferro soprattutto durante gli ultimi tre mesi della gravidanza.
Durante questo periodo, il bambino ha bisogno dei globuli rossi dal sangue materno per lo sviluppo.
Diventano anemiche le donne che non consumano delle quantità adeguate di cibi contenenti ferro per bilanciare la distruzione dei globuli rossi.

Carenza di acido folico
L’acido folico (folati) è una vitamina necessaria per la salute del bambino.
I ricercatori hanno osservato che l’assunzione di alimenti contenenti acido folico durante la gravidanza può diminuire il rischio di difetti al cervello e al midollo spinale del bambino.

Mancanza di vitamina B12 nel corpo
Questa vitamina è essenziale per la formazione dei globuli rossi e la sintesi proteica.
La perdita di sangue può sviluppare l’anemia in gravidanza.
In alcune donne incinta si può verificare il sanguinamento gastrointestinale o delle emorroidi con la conseguente perdita eccessiva di sangue.
L’anemia può essere causata anche della perdita di sangue durante e dopo il parto.


 

Anemia,globuli rossi,emoglobinaCosa fare? Cura dell’anemia sideropenica

La terapia medica per l’anemia ferrropriva comprende gli integratori di ferro o i farmaci per le malattie che provocano l’anemia.

Curare le cause della carenza di ferro
Il medico può prescrivere alcuni farmaci o interventi per rimuovere la causa dell’anemia sideropenica, per esempio:

1. La pillola anticoncezionale per alleggerire le perdite di sangue mestruali;
2. Antibiotici e altri farmaci per trattare l’ulcera peptica;
3. Intervento chirurgico per rimuovere un polipo sanguinante, un tumore o un fibroma.


 

Rimedi naturali per l’anemia da carenza di ferro

Integratori di ferro

Il medico può consigliare degli integratori di ferro da banco sotto forma di pastiglie.
Il ferro è disponibile anche in forma liquida per neonati e bambini.

Non prendere il ferro con i farmaci antiacidi, queste medicine alleviano il bruciore di stomaco, ma possono interferire con l’assorbimento del ferro.
Assumere le compresse di ferro insieme vitamina C perché questa sostanza migliora l’assorbimento del ferro.
Gli integratori possono causare stitichezza, diarrea o le feci nere.


 

Alimentazione e dieta per l’anemia da carenza di ferro

Alimenti che inibiscono l’assorbimento del ferro
Ci sono diversi alimenti che possono influenzare negativamente l’assorbimento di ferro a causa della presenza di alcuni composti.

Alimenti ricchi di calcio
Il calcio può impedire l’assorbimento del ferro eme e non-eme.
Alcuni alimenti ricchi di calcio che possono influenzare l’assorbimento del ferro sono il latte, lo yogurt, il formaggio, il salmone, le sardine, il tofu, i fichi, il rabarbaro e la rapa.
È stato osservato che 50 mg di calcio hanno un effetto trascurabile sull’assorbimento del ferro.
L’assunzione di 300-600 mg di calcio può inibire significativamente l’assorbimento di ferro.
Tuttavia, alcuni alimenti ricchi di calcio come il pesce e i fichi rappresentano delle importanti fonti di ferro.

Alimenti ricchi di fosforo
Il fosforo è importante per la salute delle ossa.
Tuttavia può influenzare negativamente l’assorbimento del ferro non-eme.
Il fosforo si trova principalmente in carne, pollame, pesce, latticini, cereali integrali, noci e legumi.
La carne, il pesce e il pollame sono delle ottime fonti di ferro-eme, tuttavia, la cottura riduce la concentrazione di ferro nei cibi e la carne andrebbe evitata perché non è utile al corpo.

Caffè e tè
Il caffè e il tè possono compromettere la capacità di assorbire ferro, principalmente a causa della presenza di un composto chiamato tannino.
I tannini sono un tipo di polifenoli che possono avere un forte effetto inibitorio sull’assorbimento di ferro non-eme.
Oltre al caffè e al tè, altre bevande che contengono i tannini sono vino rosso, birra, succo di mela e frutti di bosco.

Cibi contenenti ossalati
L’ossalato è un sale o un estere dell’acido ossalico che riduce l’assorbimento del ferro nel corpo.
Gli spinaci sono una ricca fonte di ferro dietetico non-eme, ma contengono gli ossalati.
Per questo a volte il ferro presente negli spinaci non è assorbito facilmente dall’organismo.
Gli effetti degli ossalati possono essere contrastati mangiando gli spinaci con alimenti ricchi di vitamina C, come le arance e i broccoli.
Oltre agli spinaci, gli ossalati si possono trovare in barbabietole, cavoli, tè, cioccolatini, rabarbaro, basilico, prezzemolo e origano.

Verdure ricche di ferro
Le verdure verdi rappresentano una ricca fonte di ferro, anche se ci sono ortaggi diversi da questi che contengono delle buone quantità di ferro.
Alcune verdure contengono delle sostanze che inibiscono l’assorbimento di ferro come l’acido fitico, l’acido tannico, la fibra e alcuni minerali.
Alcune sostanze migliorano l’assorbimento del ferro, per esempio la vitamina C e l’acido citrico.

Vegetali con il ferro (mg/1 tazza)
Semi di soia maturi, bolliti, cotti, senza sale 8,84
Soia verde, bollita, scolata, cotta, senza sale 4,50
Spinaci in scatola, scolati 4,92
Spinaci crudi 0,81
Pomodori secchi 5,00
Zucca bollita, scolata, cotta, senza sale 1,4
Rapa bollita, scolata, cotta, senza sale 1,15
Bietole lessate, drenate, cotte, senza sale 2,2
Cavolo bollito, scolato, cotto, senza sale 1,17
Broccoli bolliti, scolati, cotti, senza sale 1,05
Broccoli crudi 0,64
Asparagi congelati, bolliti, scolati, cotti, senza sale 1,01