Nuova medicina germanica del dottor Hamer

INDICE

Il dottor Ryke Geerd Hamer ha effettuato uno studio sulla medicina che ha chiamato “Nuova medicina germanica”, non si tratta della medicina ufficiale, ma di una medicina alternativa basata su una statistica personale.
Uno degli studi più recenti sulla terapia del cancro psicosomatico proviene dalla Germania. Negli ultimi dieci anni, il medico chirurgo Ryke Geerd Hamer ha esaminato 20.000 pazienti affetti da cancro, tutti i tipi di cancro.

Il Dr Hamer si domandava perché il cancro non si diffonde mai sistematicamente da un organo direttamente al tessuto circostante.
Ad esempio, non ha mai diagnosticato ad una stessa donna il cancro al collo dell’utero e all’utero.
Egli notò anche che tutti i suoi pazienti malati di cancro avevano qualcosa in comune: tutti avevano vissuto un conflitto psico-emotivo pochi anni prima della comparsa della malattia, un trauma rimasto irrisolto.

Tutte le radiografie cerebrali fatte dal Dr Hamer hanno mostrato macchie scure in un’area del cervello.
Per ogni tipo di cancro, le macchie scure si trovano esattamente nello stesso punto del cervello.
Esse furono chiamate “focolai di Hamer”.
Questo dimostrò una relazione tra la macchia scura nel cervello, la posizione del cancro e il tipo di trauma irrisolto.
Sulla base di questi risultati, il Dr Hamer afferma che se un conflitto emotivo rimane irrisolto, il centro emotivo del cervello che corrisponde all’emozione vissuta (rabbia, frustrazione, dolore) crolla lentamente.
Ogni centro emotivo è collegato ad un organo specifico.
Quando un centro non funziona bene, inizia ad inviare informazioni sbagliate agli organi che controlla, provocando la nascita di cellule deformi: le cellule tumorali.
Il Dr Hamer ha una teoria sulle metastasi, secondo lui non corrispondono alla diffusione del cancro, ma sono la conseguenza di nuovi traumi, provocati ad esempio dallo stress, dal fatto di essere malati di cancro o dalle terapie invasive, dolorose e nauseanti.

Il Dr Hamer considerava la psicoterapia un’importante parte del processo di guarigione.
Egli notò che dopo la risoluzione del trauma, il cancro smette immediatamente di crescere a livello cellulare e la macchia scura nel cervello scompare. Infatti, la risonanza magnetica del cervello mostra un’edema di guarigione intorno al centro emotivo danneggiato, come se il tessuto cerebrale avesse iniziato a ripristinare il tessuto normale.
Così si ristabilisce la normale comunicazione tra cervello e corpo.
L’edema di guarigione è presente anche intorno al tessuto tumorale inattivo. Alla fine, il cancro diventa incapsulato, sconfitto e risolto dal corpo. Il tessuto malato scompare ed è sostituito nuovamente dal tessuto “sano”.
In conclusione, secondo il Dr Hamer, la vera causa del cancro e di altre malattie è un shock traumatico e inaspettato, per cui non siamo emotivamente pronti.


 

Cenni della biografia di Hamer

Il dottor Hamer è un medico tedesco a cui è stata tolta l’abilitazione alla professione.
È stato in carcere in diversi stati europei per omessa assistenza medica o per esercizio abusivo della professione.
Hamer è un antisemita che ha avuto un procedimento penale anche per istigamento all’odio tra i popoli dato che secondo lui gli ebrei hanno creato un complotto per eliminare i “non ebrei” con la medicina ufficiale.
Negli ultimi anni si è trasferito in Norvegia per non essere incarcerato.

Leggi anche: leggi biologiche 1 e 2  –  leggi biologiche 3, 4 e 5


 

Opinioni sulla medicina germanica del dottor Hamer

Ci sono diverse opinioni sul metodo Hamer e la nuova medicina germanica.
La difficoltà più grande rimane la risoluzione del conflitto dopo che è stato individuato.


 

Relazione tra organi e tipo di conflitto emotivo nella medicina germanica del dottor Hamer

Corteccia surrenale – direzione sbagliata, perdersi
Vescica – conflitto violento, brutti scherzi
Osso – mancanza di autostima, senso di inferiorità
Ghiandola mammaria – riguarda la cura (attenzione) o il disaccordo
Condotto galattifero – conflitto di separazione
Seno sinistro (persona destrimane) – conflitto legato al figlio, alla casa, alla madre
Seno destro (persona destrimane) – conflitto con partner o altri
Bronchi – conflitto territoriale
Cervice uterina– grande senso di frustrazione

Colon – grave conflitto indigesto
Esofago – non poter avere o non poter ingoiare
Cistifellea – conflitti di rivalità
Cuore – conflitto perpetuo
Intestino – conflitto del boccone indigeribile
Reni – rifiuto della vita, conflitto dell’acqua o dei fluidi
Laringe – conflitto della paura e dello spavento
Fegato – paura di morire di fame
Polmone – paura di morire o di soffocare, anche per la morte di qualcun altro
Ghiandole linfatiche – perdita di autostima associata alla propria posizione
Melanoma – sensazione dello sporco, del contagio
Orecchio medio – non essere in grado di avere alcune informazioni vitali
Bocca – non riuscire a masticare o a trattenere
Pancreas – ansia e rabbia per conflitto con i familiari
Prostata – conflitto legato alla sfera sessuale
Retto – paura di essere inutili
Pelle – perdita di integrità
Milza – essere ferito fisicamente o emotivamente
Stomaco – rabbia indigesta, aver ingoiato troppo
Testicoli e ovaie – conflitto di perdita
Tiroide – sentirsi impotente
Utero – conflitto sessuale


 

Nuova medicina germanica del dottor HamerEsempi di conflitti per alcune altre malattie

Diabete e ipoglicemia: una donna destrosa sviluppa l’ipoglicemia a causa dell’ansia e della repulsione, se é mancina sviluppa il diabete insulino dipendente. Un uomo destrimane sviluppa il diabete insulino dipendente a causa del conflitto di resistenza o lotta contro qualcosa, se mancino sviluppa l’ipoglicemia
Infarto cardiaco: lotta per il territorio o il suo contenuto
Emorroidi: una donna destrosa che soffre di conflitto d’identità e un uomo mancino con rabbia per il territorio sviluppano entrambi le emorroidi nella fase di guarigione
Sclerosi multipla e paralisi: incapacità di fuggire di continuare, di resistere o di non sapere cosa fare
Paralisi facciale: paura di essere presi in giro
Psoriasi riguarda il conflitto di separazione con la madre, padre, casa, famiglia, amici o animali domestici
Psicosi di tutti i generi hanno uno o più focolai attivi in entrambe le parti del cervello
Appendicite: conflitto per aver subito un ingiustizia in famiglia
Cistite: conflitto di non poter riconoscere il proprio territorio, le ulcere che si formano nella vescica permettono di marcare il territorio

Ernia iatale: conflitto di non poter vivere e respirare liberamente
Tosse costante è provocata da un conflitto di spavento-paura. Nella fase di guarigione, la parete interna dei bronchi può avere delle ulcere e il paziente può avere tosse, stanchezza e febbre.
Il mal di gola è causato dal conflitto di “non voler inghiottire o accettare “un boccone” (situazione o evento). Nella fase di guarigione si verifica l’ulcerazione della parte superiore dell’esofago che provoca mal di gola e gonfiore.
Vitiligine, Leukoderma: conflitto di separazione violenta

Per quanto riguarda l’AIDS, il Dr Hamer osserva che non è mai morto nessuno di AIDS senza che gli sia stato detto prima di essere HIV-positivo o abbia creduto di esserlo. Perciò così come con il cancro, è la sensazione negativa legata all’AIDS che provoca il suo effetto devastante.

Gli individui mancini sviluppano problemi sui lati opposti rispetto agli individui destrimani. Secondo il test dell’applauso, la mano che è in alto rivela se la persona è destrimane o mancini. Nei destrimani tutti i muscoli dal lato destro del corpo sono legati al partner e altri individui, mentre tutti i muscoli del lato sinistro con i figli o la madre. Questo può variare a causa di alterazioni ormonali, come con la pillola anticoncezionale o la menopausa.


 

Complicazioni 

Dottor HAMER: “Ci possono essere diverse complicazioni durante la fase di guarigione e di riparazione, sia a livello del cervello che dell’organo.
Molti pazienti che si sentono sani e attivi durante la fase di conflitto attivo del cancro (simpaticotonia), possono diventare molto stanchi durante la fase di guarigione (vagotonia) e non riescono ad alzarsi dal letto. Tuttavia, questo stato è un buon segno.

Durante questa fase, tutto sta guarendo. Quello che prima è stato omesso o trascurato ora si cura nel cervello e nel resto del corpo. Ad esempio, un ascesso mantenuto lieve ora passa alla fase acuta; un emorragia ridotta grazie al restringimento dei vasi (durante la fase di conflitto attivo), ora aumenta; il peso perso ora si riacquista e infine tutti i “tumori maligni” o le necrosi sono decomposte da funghi e batteri.

Nel cervello, la maggior parte delle complicazioni si verificano durante la fase di guarigione, cioè quando l’edema cerebrale localizzato provoca l’aumento della pressione cerebrale. Questo è il momento in cui bisogna impedire che il paziente cada in coma. Per far diminuire l’edema naturalmente, nei casi meno gravi è utile bere tè o un caffè forte, assumere la vitamina C, mettere una borsa del ghiaccio sulla testa o fare una doccia fredda. Si consiglia anche di applicare delle compresse fredde sui “punti caldi” del cervello, soprattutto di notte.
I pazienti in fase di guarigione soffrono di più durante la notte, cioè fino circa alle 3 o 4 del mattino, quando l’organismo passa al ritmo-diurno.
Se il medico inietta dei fluidi per endovena durante questa fase critica, il gonfiore nel cervello può aumentare, di conseguenza la situazione si può aggravare.”


 

Operazione chirurgica secondo la medicina germanica del dottor Hamer

Dottor HAMER: “L’intervento chirurgico su un tumore è raccomandato solo quando interessa nervi, arterie o i canali di alimentazione e eliminazione. Ad esempio, se una grande massa tumorale ostruisce il colon, i dotti biliari del fegato o la trachea.


 

Farmaci secondo la medicina germanica del dottor Hamer

Dottor HAMER: “L’assunzione di farmaci dev’essere valutata attentamente e limitata ai casi di emergenza. Il farmaco sicuramente può alleviare ed eliminare i sintomi o prevenire le complicazioni che si presentano durante la fase di guarigione. Purtroppo, nessun farmaco e nessuna terapia al mondo possono veramente curare una malattia.
Per essere utili a tutti, i farmaci (compresi farmaci naturali, naturopatici e integratori alimentari) dovrebbero essere divisi in base alle due fasi della SBS.

Farmaci durante la fase di conflitto attivo

Dottor HAMER: “Durante la fase di conflitto attivo, il paziente dovrebbe assumere solo farmaci vagotonici, che diminuiscono lo stress. Però, sedativi e tranquillanti presi per un lungo periodo di tempo possono provocare la trasformazione del conflitto attivo in una condanna a morte. Essi diminuiscono drasticamente anche la motivazione e l’energia necessaria per risolvere il conflitto.

Farmaci durante la fase di guarigione

Dottor HAMER: “Nel 90% dei casi non è necessaria l’assunzione di un farmaco durante la fase di guarigione”.
Gli antibiotici interrompono o arrestano definitivamente i “lavori” di guarigione dei microbi su un organo.
I seguenti farmaci: cortisone, antistaminici, farmaci antinfiammatori e antibiotici sono tutti farmaci simpaticotonici con effetto stimolante. Se somministrati durante la fase di guarigione, possono interferire e prolungare il naturale processo di guarigione e impedire un recupero completo.

Tuttavia i farmaci simpaticotonici sono consigliati in caso di un’intensa fase di guarigione con eventuali gravi complicazioni, in particolare durante una crisi epilettoide. Dato che il processo di guarigione è sempre controllato dalle connessioni cervello-organo, i farmaci simpaticotonici riducono l’edema cerebrale e di conseguenza i sintomi dell’organo.
Farmaci citostatici (“chemioterapia”) sono dei simpaticotonici velenosi. Essi accelerano la crescita dei tumori che si sviluppano durante la fase di conflitto attivo.
Anche i trattamenti radioterapici hanno effetti citotossici. La radioattività distrugge le cellule sane del corpo, compreso il midollo osseo dove si producono le cellule del sangue. Se l’organismo guarisce, durante la fase di guarigione si sviluppa la leucemia (proprio come con un biologico “conflitto di auto-svalutazione” che interessa le ossa).


 

Dieta sana,alimentazione,correttaL’importanza di una dieta sana per la medicina germanica del dottor Hamer

Secondo il metodo Hamer, un individuo che segue una dieta sana ha meno possibilità di soffrire di conflitti biologici. Prevenire il cancro (o qualsiasi altra malattia) attraverso la dieta è impossibile, perché mangiando bene non si possono evitare i conflitti. In natura, l’animale forte e sano ha meno probabilità di avere un tumore rispetto a quello debole o vecchio.
Durante il conflitto, il sistema digestivo funziona poco e per questo di solito l’appetito è basso (Dr Hamer: “un cervo non può riconquistare il suo territorio perso con la pancia piena”). Durante questa fase di stress, una sana alimentazione è di grande valore poiché aumenta l’energia e la forza necessarie ad affrontare il dolore e risolvere il conflitto.

All’inizio della fase di guarigione, l’appetito ritorna
L’energia che si ottiene con una dieta sana rende più semplice la guarigione. Al contrario, gli alimenti che contengono tossine (pesticidi, erbicidi, conservanti, additivi alimentari e simili) impoveriscono il corpo di energia.

È molto importante mangiare cibi ricchi di proteine durante la fase di guarigione dei tumori controllati dal vecchio-cervello, come il tumore ai polmoni, al fegato, al colon, al pancreas o al seno. Quando i batteri della TB decompongono il cancro, il corpo elimina elevate quantità di proteine insieme ai resti del tumore.
Integrare le proteine perse attraverso alimenti altamente proteici può salvare la vita. Le “diete dei succhi” o “dieta dei cibi crudi” durante quel periodo possono causare gravi complicazioni. Lo stesso vale per il digiuno.

La vitamina C ha una qualità “simpaticotonica” e come tale agisce da stimolante. Questo spiega perché la vitamina C è utile per il raffreddore o perché aiuta ad per alleviare il dolore (un sintomo di guarigione vagotonico), somministrata per via endovenosa. Tuttavia se un paziente la prende in quantità eccessive durante la fase di conflitto attivo, la vitaminaC può aumentare i sintomi, tra cui la crescita dei tumori.
Il caffè è uno stimolantecome la vitamina C. Ecco perché la caffeina allevia il mal di testa (un sintomo di vagotonico). Tuttavia, troppi caffè durante la fase di conflitto attivo amplificano i sintomi, ad esempio ritenzione idrica e aumento di peso.