Sclerosi multipla – sintomi iniziali e cause

La sclerosi multipla (o sclerosi a placche) è una malattia degenerativa che colpisce la guaina mielinica delle cellule nervose.

INDICE

La mielina si può paragonare allo strato in plastica che isola i fili elettrici.
Le lesioni cerebrali e midollari della mielina rallentano o bloccano i segnali dei nervi.
Generalmente è una patologia giovanile perché colpisce soprattutto le persone tra i 20 e i 40 anni.
La trasmissione da una persona a un’altra non è possibile, non è una malattia contagiosa.

 

Tipi di sclerosi multipla

Sclerosi multipla

SM recidivante-remittente (SM-RR)
È il più tipo più frequente, è caratterizzata da attacchi o fasi di peggioramento della funzionalità neurologica.
Questi attacchi (ricadute) sono seguiti da periodi di recupero parziale o completo (remissione o malattia asintomatica) in cui i sintomi migliorano parzialmente o completamente e non c’è un apparente progressione della malattia.
In questo stadio la SM non è invalidante.

SM secondariamente progressiva
Questo tipo è successivo al tipo remittente-recidivante.
La maggior parte delle persone ha una progressione costante (anche se non necessariamente più rapida), con o senza ricadute.

SM primariamente progressiva
È caratterizzata dal costante peggioramento neurologico fin dall’inizio.
La velocità di progressione può variare con il tempo e si possono presentare delle lievi ricadute o remissioni.

SM recidivante-progressiva (PMR)
È il più raro ed è caratterizzato da una costante progressione della malattia dall’inizio e alcuni peggioramenti durante la vita.
Le persone con questa forma di SM possono non avere un recupero dopo gli attacchi; la malattia continua a progredire senza remissioni.

Non bisogna confondere questa malattia con la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) che provoca la paralisi degli arti, dei muscoli della deglutizione e della fonazione (che servono per parlare).
La SLA causa anche le fascicolazioni, mentre la SM di solito non le provoca.

 


Cause della Sclerosi multipla

La causa della sclerosi multipla è sconosciuta. Gli esperti pensano che sia una malattia autoimmune: il sistema immunitario attacca i tessuti del corpo. Nella SM gli anticorpi distruggono la mielina. La mielina è una sostanza grassa che riveste e protegge le fibre nervose nel cervello e nel midollo spinale.

Fattori di rischio
Questi fattori possono aumentare il rischio di sviluppare la sclerosi multipla:

  • Età: La SM si può verificare a qualsiasi età, ma è più frequente tra i 15 e 60 anni.
  • Genere: Le donne hanno il doppio delle possibilità di avere la SM degli uomini.
  • Ereditarietà: Se un genitore o un fratello ha avuto la SM il rischio di sviluppare la malattia è maggiore.
  • Infezioni. Molti virus si collegano alla SM. Gli agenti patogeni sono i seguenti: Epstein-Barr, il virus che causa la mononucleosi infettiva.
  • Razza: i bianchi, in particolare i caucasici hanno un rischio più alto di sviluppare la SM.
  • Clima. La sclerosi multipla è molto più frequente nei paesi con climi temperati (incluso il Canada meridionale) negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda, in Australia ed in Europa.
  • Malattie autoimmuni: Le persone con malattie autoimmuni hanno un rischio maggiore di sviluppare la SM. Anche le malattie della tiroide, il diabete di tipo 1 o le malattie infiammatorie intestinali  (morbo di Crohn e colite ulcerosa) possono aumentare il rischio di contrarre la sclerosi multipla.
  • Fumatori: I fumatori hanno più possibilità di sviluppare la SM rispetto ai non fumatori.

 

Quando preoccuparsi? Primi sintomi della sclerosi multipla

Tra i primi sintomi ci sono:

Problemi di vista.
Neurite ottica, l’infiammazione dei nervi nell’occhio è un frequente sintomo iniziale.
Inizialmente, i pazienti possono avere la vista doppia o annebbiata, di solito perché hanno problemi con un occhio solo.
Con la progressione della malattia, la vista si riduce, anche se la cecità totale è rara.

Sensazioni di intorpidimento e formicolio.
Si può verificare pizzicore, sensazione di bruciore ai piedi e perdita di sensibilità.
I sintomi di solito cominciano alle estremità delle gambe o delle braccia e continuano lungo tutto l’arto.
Il segno di Lhermitte è causato da lesioni della colonna cervicale nel collo, è una sensazione elettrica di punture che corre sulla schiena e nelle gambe. Succede quando si piega il collo in avanti.


Debolezza muscolare e spasmi.
I pazienti possono avvertire debolezza muscolare, gambe pesanti e stanche.
Le persone con sclerosi multipla potrebbero zoppicare e avere difficoltà nel movimento delle dita.
Gli spasmi muscolari e la rigidità si verificano soprattutto nelle gambe, ma i pazienti hanno problemi di linguaggio perché i muscoli della lingua sono deboli e hanno una minor coordinazione.

Problemi di equilibrio e coordinazione.
I pazienti hanno un’andatura instabile, con difficoltà a camminare e a mantenere l’equilibrio.
I malati di sclerosi multipla potrebbero avere problemi ad afferrare piccoli oggetti.
Questi problemi possono essere aggravati da altri sintomi  come le vertigini e i tremori. L’atassia (mancanza di coordinazione muscolare) e i tremori colpiscono più della metà dei pazienti.

Fatica.
La stanchezza è il sintomo più frequente e debilitante di SM e spesso si verifica molto presto. L’affaticamento spesso peggiora nel tardo pomeriggio e migliora di sera, può essere provocato dalla febbre.
La fatica si verifica in circa il 20% dei pazienti, soprattutto nelle fasi avanzate.

Altri sintomi frequenti che peggiorano con il tempo sono:

Problemi alla vescica e all’intestino.
Alcuni pazienti hanno problemi a svuotare la vescica (ritenzione urinaria) e l’intestino (costipazione) o ritengono di non poterli controllare.
I pazienti con grave incontinenza devono urinare spesso o non sono in grado di raggiungere il bagno prima della perdita.
I problemi di vescica e l’uso del catetere per la ritenzione urinaria possono provocare delle infezioni urinarie (per esempio la cistite).

Dolore
Molti pazienti hanno dolore in alcuni punti che può essere continuo o intermittente.
Tra i disturbi legati alla SM ci sono il dolore al trigemino (facciale), spasmi e crampi potenti, sensazione di pressione, prurito, bruciore e dolore lancinante.

Disfunzione sessuale
La disfunzione erettile è un problema comune.
Gli uomini possono avere problemi di erezione e le donne spesso soffrono di secchezza vaginale (poca lubrificazione). La disfunzione sessuale sembra sia altamente associata con la disfunzione urinaria.

Problemi a parlare e deglutire
Più della metà dei pazienti hanno problemi a masticare o deglutire.

Problemi di concentrazione e memoria
Problemi di concentrazione e ragionamento colpiscono circa metà dei pazienti.
Più del 75% dei pazienti hanno problemi di memoria.

Cambiamenti d’umore
La depressione è molto comune e a volte è molto grave.
Può essere causata sia da cambiamenti fisici nel cervello sia dalla risposta emotiva allo stress di vivere con la malattia.
Più rara è invece la psicosi (depressione e paranoia).

 

Come si manifesta la SM nei bambini?

 

Decorso della sclerosi multipla

Il decorso della malattia è molto variabile, alcune persone hanno un primo attacco e poi i sintomi non si presentano per molti anni, mentre in altri casi c’è un peggioramento costante con delle fasi di remissione o stabilizzazione brevi.

 

Fattori che provocano un attacco

Alcuni pazienti ritengono che il ripresentarsi dell’SM (ricadute) sono scatenate da certi fattori.
I sintomi scatenanti includono:

  • Infezioni.
    L’infezione virale e batterica può provocare sintomi di SM.
  • Caldo e freddo.
    I cambiamenti improvvisi di temperatura o umidità possono scatenare i sintomi.
    Molti pazienti con SM hanno intolleranza al calore e notano che il calore peggiora i sintomi.
  • Stress.
    Molti pazienti dicono che lo stress aggrava i sintomi.

 

Complicazioni e conseguenze della sclerosi multipla

Le persone con sclerosi multipla possono sviluppare le seguenti complicazioni:

  • Rigidità muscolare,
  • Spasmi muscolari,
  • Paralisi alle gambe,
  • Problemi sessuali,
  • Problemi di intestino,
  • Problemi alla vescica,
  • Perdita dell’udito (raro),
  • Sbalzi dell’umore,
  • Perdita della memoria,
  • Depressione,
  • Insufficienza venosa cerebrale causata dagli accumuli di ferro nelle vene e dal diametro ridotto delle vene giugulari,
  • Epilessia.

Effetti della gravidanza sulla SM
Prima del 1950, a molte donne con SM si consigliava di evitare la gravidanza perché si pensava che avrebbe peggiorato la SM.
Nei successivi 40 anni, molti studi sono stati fatti su centinaia di donne con SM e hanno tutti raggiunto la stessa conclusione: che la gravidanza riduce la probabilità di avere attacchi di SM, specialmente nel secondo e terzo trimestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code