Candida vaginale

INDICE

La candida vaginale (chiamata anche candidasi o candidosi genitale) è un’infezione che si verifica quando c’è una crescita eccessiva di un lievito chiamato Candida.

Questo lievito è sempre presente nel corpo in piccole quantità, ma non è un virus, quindi la terapia è diversa.
ragazza,bella,mora,prato,fiori
In certe fasi della vita può avvenire uno squilibrio, per esempio quando si altera la normale acidità della vagina o se l’equilibrio ormonale cambia, la candida può moltiplicarsi.
Quando ciò accade, possono comparire i sintomi della candidosi.

Cause dell’infezione da candida

La maggior parte delle donne hanno un’infezione vaginale da lievito in qualche momento. La candida albicans è un comune tipo di fungo. Spesso si trova in piccole quantità nella vagina, in bocca, nell’apparato digerente e sulla pelle.
Di solito non causa sintomi o la candidosi.
La candida e gli altri germi che vivono normalmente nella vagina tengono l’ambiente in equilibrio.
Tuttavia, a volte aumenta il numero di Candida albicans, causando un’infezione da lievito.

Questo può accadere in caso di:

  • Assunzione di antibiotici per il trattamento di altri tipi di infezioni. Gli antibiotici cambiano il normale equilibrio tra i germi in vagina diminuendo il numero di batteri protettivi.
  • Gravidanza
  • Obesità
  • Diabete

Un’infezione da lievito non è una malattia sessualmente trasmessa, anche una ragazza vergine può averla.
Tuttavia, alcuni uomini sviluppano sintomi come prurito e un rash sul pene dopo aver avuto dei contatti sessuali con un partner infetto.
Avere molte infezioni vaginali da lievito può essere un segno di altri problemi di salute.
Altre infezioni vaginali e perdite possono essere scambiate per un’infezione vaginale da lievito.

Segni e sintomi di candidosi o candidasi

I segni e i sintomi di un’infezione da Candida possono variare a seconda della localizzazione dell’infezione.
Nelle donne, i segni e i sintomi di un’infezione vaginale da lievito sono:

  • Perdite bianche dense, spesso descritte con un aspetto di ricotta.
  • Prurito
  • Irritazione vaginale e dei tessuti circostanti esterni
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Bruciore durante la minzione.

Candidosi genitale negli uomini: gli uomini possono sviluppare i sintomi di una candidosi genitale dopo il rapporto sessuale con una donna che ha un’infezione vaginale lievito.
Tuttavia, l’infezione da Candida non è da considerare da una malattia a trasmissione sessuale perché le donne possono avere il lievito normalmente nel corpo e non acquisirlo da una fonte esterna.
La maggior parte degli esperti consiglia di non trattare i partner di genere maschile con infezione da candida se non si sviluppano i sintomi. I sintomi possono includere prurito e bruciore del pene così come un’eruzione cutanea sulla pelle del pene.

Anche gli uomini possono avere la candidasi.
Questo accade più probabilmente agli uomini che non sono circoncisi.

Diagnosi e test di candidiasi vulvo-vaginale

I sintomi dell’infezione da candida sono simili a quelli di molte altre infezioni genitali, quindi può essere difficile da diagnosticare un’infezione di lievito solo con un esame fisico.
Solitamente si arriva alla diagnosi con il prelievo di un campione delle secrezioni vaginali e guardando il campione al microscopio per vedere se è presente un numero abnorme di organismi da candida.
Una coltura fungina può non essere utile perché le specie di candida sono normali abitanti del corpo.

Diagnosi differenziale:


La terapia per la candida vaginale

Il trattamento appropriato per l’infezione da Candida albicans può essere fatto senza prescrizione medica. Se il trattamento è inefficace o i sintomi si ripresentano, consultare il medico per l’esame e per avere alcuni consigli.
Ci sono tanti trattamenti efficaci per la candidosi.
Le creme topiche antifungine o le compresse vaginali contenenti clotrimazolo, nistatina o miconazolo sono raccomandati di solito in casi di candidasi lieve, cioè se un singolo trattamento è tutto ciò che serve.

I farmaci antifungini per via orale contenenti fluconazolo o itraconazolo possono essere utilizzati se l’infezione da Candida albicans è grave o ricorrente.
Le creme possono essere utilizzate in modo sicuro anche in gravidanza, mentre è meglio evitare le compresse.

Non tutti i problemi genitali sono causati dalla candida, così se il trattamento è fallito, è possibile che i sintomi sono causati da un altro motivo.

Il trattamento in gravidanza
Le donne incinta potrebbero aver bisogno di una terapia topica più lunga di Clotrimazolo, miconazolo ed econazole. La nistatina è meno efficace.
NB: L’Itraconazolo e il fluconazolo orale non devono essere usati durante la gravidanza o l’allattamento.

I pazienti immunodepressi
Le persone con un sistema immunitario immunodepresso, soprattutto per l’infezione da HIV o per il diabete, dovrebbero estendere il periodo di trattamento di 7-14 giorni.

 


Candidosi ricorrenti
Occasionalmente, l’infezione da Candida albicans persiste nonostante l’adeguata terapia convenzionale, come una patologia cronica.
In alcune donne questo può essere il segno di carenza di ferro, diabete mellito o un problema del sistema immunitario, e bisogna fare i test appropriati.

Attualmente si pensa che le donne che accusano infezioni da Candida albicans vulvo-vaginale ricorrenti abbiano questo disturbo per un infezione persistente, piuttosto che una nuova infezione.
Lo scopo della cura in questa situazione è evitare la crescita eccessiva della candida che porta i sintomi, piuttosto che raggiungere la completa eradicazione.
Ci sono alcune prove che le seguenti misure possono essere utili:

  • Intimo di cotone o tessuto traspirante e abbigliamento non aderente, evitare mutande in tessuto sintetico molto aderenti.
  • Immersione in un bagno salato. Evitare il sapone, utilizzare un sapone non detergente o una crema acquosa per lavarsi.
  • Applicare crema di idrocortisone in modo intermittente per ridurre il prurito e curare dermatiti secondarie che interessano la vulva.
  • Trattare con una crema antimicotica prima di ogni periodo mestruale e seguire la terapia antibiotica per prevenire la ricaduta.

Occasionalmente è consigliato un trattamento prolungato con un prodotto topico antimicotico (ma anche questi possono causare dermatiti o provocare la proliferazione della candida non-albicans).
I farmaci antifungini per via orale (itraconazolo o fluconazolo) possono essere presi regolarmente e in modo discontinuo (ad esempio una volta al mese). La dose e la frequenza è abbastanza variabile a seconda della gravità dei sintomi. Gli agenti antifungini orali sono sconsigliati in gravidanza. Il fluclonazole dose singola è disponibile come farmaco da banco presso le farmacie.
L’Acido borico (boro) 600mg come supposta di notte può aiutare ad acidificare la vagina e a ridurre la presenza di lieviti (candida albicans e non-albicans).

La dieta e l’alimentazione per sconfiggere la candida vaginale

Candida vaginale
Candida vaginale

I principi basilari di qualsiasi dieta per debellare la candida prevedono la riduzione o l’eliminazione di zuccheri, alcolici e cibi ricchi di lieviti dalla dieta.
Per questo, bisogna evitare i dolci, la frutta (è permessa solo quella fresca), buona parte dei cereali, le bibite zuccherate, vino, birra, super alcolici e i cibi ricchi di conservanti.
I cibi fermentati come il pane ed i formaggi andrebbero eliminati dalla dieta per non nutrire la candida.

Dall’altro lato, la dieta per la candida prevede lo yogurt non zuccherato (perché contiene batteri utili alla salute dell’intestino), di sostanze probiotiche e prebiotiche, dell’aglio e della curcuma.

Cosa fare se la candida vaginale non passa?

Trattamenti alternativi per la candida vaginale

Noce nera
In un recente studio, la noce nera si è dimostrata più efficace contro la candida di qualsiasi altro farmaco anti-fungino. Contiene tannini naturali che uccidono i funghi, parassiti e lieviti.
Contiene inoltre Juglone, una sostanza chimica che ha proprietà anti-fungine e antibiotiche.

Crespino, questa bacca contiene berberina. La berberina è una sostanza basica che ha proprietà anti-infiammatorie e anti-microbiche. Serve anche come rinforzo per il sistema immunitario.

Radice di bardana
La bardana è un anti-fungino e si è dimostrato efficace contro la candida per molti anni secondo la fitoterapia medica.
Esso è anche utilizzato per purificare il sangue e gli organi interni dalle tossine.

L’artiglio del gatto
La candida cresce fuori controllo in un sistema immunitario indebolito e l’artiglio del gatto migliora le difese immunitarie del corpo perché rafforza le cellule bianche del sangue.

Echinacea è un erba tra i migliori stimolanti del sistema immunitario, ha proprietà antisettiche. Un sistema immunitario sano e forte è necessario per difendersi contro la candida. Tuttavia, andrebbe preso al bisogno (cioè per raffreddori, influenza ecc.), non come un integratore regolare.

L’aglio è uno dei più potenti antisettici naturali.
Si è dimostrato efficace contro i 24 di 26 ceppi di candida. Distrugge batteri ostili rafforzando i batteri buoni.

Il Goldenseal (Hydrastis canadensis), contiene berberina e idrastina, due potenti ingredienti anti-batterici e anti-fungini che limitano la crescita della candida. Goldenseal stimola anche il sistema immunitario.
Le donne incinte non devono assumere Goldenseal perché può causare contrazioni uterine.

Le foglie di ulivo sono un forte anti-fungino e anti-parassitaro che ha proprietà antivirali e antibiotiche pure. Ha il 400% di antiossidanti in più della vitamina C e due volte gli antiossidanti del tè verde con effetti simili all’aglio e alle cipolle. Le foglie di ulivo inoltre stimolano il sistema immunitario e aiutano a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue (livelli elevati di zucchero nel sangue alimentano la candida).

Il Pau d’arco è un’erba con un duplice effetto contro la candida. In primo luogo, aiuta a rilassare delicatamente l’intestino, agendo da mini lassativo (non fino al punto da causare una diarrea). Poi le sue proprietà anti-fungine, stimolanti del sistema immunitario e anti-tumorale aiutano a inibire e distruggere la candida. È più efficace in forma di tè.

Le donne incinte o in allattamento non devono usare Pau d’Arco.

Il timo è un anti-fungino senza controindicazioni. Stimola la ghiandola del timo che regola il sistema immunitario. Esso è spesso associato con il fieno greco, un’erba che aiuta a espellere le tossine attraverso il sistema linfatico.

Altri

L’olio dell’albero del tè (tea tree oil) è un olio potente, è anti-fungino e si è dimostrato efficace contro la candida.
Tuttavia, può causare reazioni di ipersensibilità e c’è un evidenza scientifica insufficiente per raccomandare l’utilizzo.

Il succo di Aloe Vera è un succo dolce anti-fungino, anti-virale, anti-batterico e anti-infiammatorio. Abbassa i livelli di pH (la candida prospera in ambienti acidi) e può contribuire ad alleviare la costipazione (il colon raccoglie i rifiuti tossici).
L’Aloe Vera è un grande disintossicante, soprattutto per il fegato (organo che pulisce i sottoprodotti della candida dal sangue).

La Propoli ha forti proprietà anti-fungine, anti-batteriche e anti-virali che possono essere utilizzate esternamente e internamente con grande successo contro tutti i tipi di virus, batteri, funghi e microbi, persino i ceppi che sono molto resistenti.

L’olio di cocco contiene diversi acidi per combattere la candida.

Complicazioni e prognosi per il paziente con candida vaginale

Il tasso di guarigione è l’80% per i casi senza complicazioni.
Circa il 20% avrà un trattamento senza successo (definito come sintomi persistenti a 7-14 giorni).
La candidosi ricorrente (definita come oltre 4 episodi all’anno) può interessare fino al 50% dei malati in un determinato periodo della vita.

Depressione e problemi psicosessuali possono verificarsi nelle donne che soffrono di episodi ricorrenti.
Il trattamento durante la gravidanza ha più probabilità di fallire.

Come posso gestire la mia candidiasi vulvovaginale?

  • Indossare biancheria intima di cotone.
  • Mantenere l’area vaginale asciutta e pulita.
  • Pulire da davanti a dietro dopo aver urinato e dopo la defecazione.
  • Non avere rapporti sessuali fino a quando i sintomi sono scomparsi.
  • Non usare profumi forti o saponi.
  • Non utilizzare spray igiene femminile, polveri o bagnoschiuma.

Come posso prevenire un’altra infezione da candida?

  • Fare docce invece di bagni
  • Mangiare yogurt
  • Non mangiare alimenti che contengono zucchero
  • Non bere alcool
  • Limitare il vostro tempo in vasche idromassaggio