Ossiuri o vermi dei bambini

INDICE

L’infezione da ossiuri (o vermi dei bambini) è causata da minuscoli vermi parassiti che colpiscono:

  • L’intestino crasso,
  • Il retto.

Gli ossiuri vivono per circa 7-8 settimane nell’intestino.
L’infestazione avviene quando si ingoiano le uova degli ossiuri.
Le uova si schiudono all’interno dell’intestino.

 

Chi rischia l’infezione da ossiuri?

L’infezione da ossiuri si verifica in tutto il mondo e colpisce le persone di ogni età e livello socio-economico.

Il rischio di contagio aumenta nei bambini che:

  • Vivono in comunità,
  • Frequentare scuole e palestre affollate.

Issiuri,ragazza,prurito

Gli ossiuri infestano più spesso i bambini in età prescolare e scolare.

Ossiuri negli adulti
L’infezione da ossiuri spesso si verifica in più di un membro della famiglia.
Gli adulti hanno meno probabilità di infettarsi, ad eccezione delle madri dei bambini infetti.
Tuttavia, i partner sessuali degli adulti possono trasferire le uova a vicenda.

Gravidanza e allattamento al seno
Un attenzione particolare all’igiene è la terapia consigliata in:

  • Gravidanza,
  • Allattamento.

Non si possono assumere durante le prime 13 settimane di gravidanza:

  • Mebendazolo (Vermox®),
  •  l’Albendazolo (Zentel).

Durante il 2 ° e il 3° trimestre di gravidanza e durante l’allattamento al seno il farmaco può essere assunto, se necessario.
Questa decisione dovrebbe essere presa da un medico.

Si consiglia di ricorrere ai rimedi casalinghi fino al parto, è molto probabile che sia sufficiente.

 

Cause degli ossiuri

Un’infezione da ossiuri si verifica quando si ingoiano accidentalmente le uova di ossiuri.
Le uova microscopiche possono essere portate alla bocca da:

  • Alimenti contaminati,
  • Bevande,
  • Contatto con le dita.

Una volta ingerite, le uova si schiudono nell’intestino e diventano vermi adulti entro poche settimane.
Le uova di ossiuri possono sopravvivere per due o tre settimane all’aria aperta.

Diversamente da altri parassiti, le uova degli ossiuri possono infestare l’ospite poco dopo la loro deposizione.

 

 Quanto vivono gli ossiuri e le uova?

Circa quattro settimane dopo l’ingestione, la femmina adulta si sposta verso l’ano ed esce dal corpo per deporre le uova sulla pelle circostante (zona perianale).
Questo processo si verifica di notte.
Dopo la deposizione, il verme muore.

Le uova si schiudono nell’intestino due settimane dopo averle inghiottite.
Due settimane più tardi la femmina di ossiuro è in grado di riprodurre, questo è il periodo di incubazione.

Gli ossiuri che colpiscono l’uomo non possono infettare gli animali domestici.

 


Sintomi degli ossiuri

Molte persone non hanno sintomi.
Alcuni sentono prurito intorno all’ano o alla vagina.
Il prurito può diventare intenso e può disturbare il sonno.

  • Il prurito anale e alla vagina, è uno dei sintomi più frequenti negli adulti e nei bambini.
    Di solito la femmina di ossiuro depone le uova durante la notte mentre l’ospite (persona) dorme.
    Il prurito si verifica a causa della reazione infiammatoria provocata dal verme e dalle uova nel tessuto perianale.
    La persona con gli ossiuri si gratta e quindi la pelle in quella zona si potrebbe rompere, provocando un’ulteriore infezione.
  • L’insonnia è un altro sintomo. Questo problema si verifica a causa del prurito costante nella regione anale.
  • Un altro sintomo è il dolore al basso ventre, ma questo accade se l’infezione diventa grave.
  • A volte, la persona infetta potrebbe sentire dolore durante la minzione, gli ossiuri possono causare problemi uro-genitali
  • La perdita di peso è un altro sintomo, anche se questo è comune a molte altre infezioni
  • Digrignamento dei denti o bruxismo (questo si verifica soprattutto nei bambini affetti da ossiuri)
  • Letto bagnato
  • Il lattante mostra anche segni di eruzione cutanea o orticaria
  • Nausea
  • Vomito
  • Stitichezza o diarrea
  • Fatica a causa della mancanza di sonno
  • Dimagrimento, il verme mangia il cibo che si trova nell’intestino dell’ospite.

 

Come si trasmettono gli ossiuri?

Il contagio degli ossiuri si verifica principamente per la scarsa igiene.
Le uova sono trasferite dall’ano di una persona infetta a:

  • Bocca (re-infettare sé stessi),
  • Un’altra superficie.

Se un altro tocca la superficie contaminata e poi tocca la bocca, si possono ingerire le uova.
Un ossiuro può deporre migliaia di uova microscopiche.

Le uova possono essere trasferite dall’ano della persona a:

1. Lenzuola del letto;
2. Tappeti;
3. Mani;
4. Asciugamani;
5. Biancheria intima e vestiti.

Durante la deposizione delle uova, la femmina di ossiuro rilascia un muco pruriginoso che provoca la voglia di grattare la zona interessata (ano/vagina).

Se si graffia la pelle interno all’ano, le uova si trasferiscono alle mani del paziente.
Dalle mani, le uova possono essere trasferite a tutto ciò che si tocca, ad esempio:

  • Utensili del bagno (spazzolino da denti, pettini, ecc.);
  • Direttamente alle mani di altre persone (se le mani di una persona infetta toccano le mani di un altro);
  • Mobili;
  • Superfici della cucina e del bagno;
  • Utensili da cucina;
  • Giocattoli;
  • Bocca, le uova possono sopravvivere fino a tre settimane sulle superfici. Se si toccano e poi la mano entra in contatto con la bocca della persona c’è il rischio di ingestione delle uova.

Respirare le uova – le uova microscopiche si possono disperdere nell’aria, possono essere respirate e poi ingoiate.
Questo può accadere se si agita un asciugamano o un lenzuolo.

Scarsa igiene. I bambini piccoli hanno più probabilità di infettarsi perché non lavano bene le mani rispetto agli altri.

I bambini possono avere anche delle infezioni di lunga durata perché deglutiscono uova continuamente.
Di solito, i bambini sono a stretto contatto tra loro, condividono i giocattoli e si tengono le mani quando giocano.
In questo modo è più facile la re-infezione.

Il parassita può essere trasmesso durante il contatto sessuale.

 

Complicazioni degli ossiuri

L’infezione da ossiuri non causa gravi problemi.
In rare circostanze, le conseguenze di una grave infestazione possono essere:
1. Infezione dei genitali femminili. Nelle donne o ragazze, il parassita può viaggiare dalla zona anale a:

  • Vulva,
  • Utero,
  • Tube di Falloppio
  • Zona circostante gli organi pelvici.

Questo può causare problemi come l’infiammazione:

  • Della vagina (vaginite),
  • Della parete interna dell’utero (endometrite),
  • Delle tube di Falloppio (salpingite).

2. Perdita di peso.
Quando tanti ossiuri adulti entrano nell’intestino, questi vermi possono:

  • Causare dolori addominali,
  • Mangiare le sostanze nutrienti che si stanno digerendo.

La conseguenza è una perdita di peso.

 

Diagnosi dell’infezione da ossiuri

Il prurito durante la notte nella zona perianale di un bambino è un forte sospetto di infezione da ossiuri.
La diagnosi si effettua identificando il parassita o le sue uova.
Gli ossiuri a volte possono essere visti:

  • Sulla pelle vicino all’ano,
  • Nella biancheria intima, pigiami o lenzuola,
  • Nelle feci.

Nelle feci i vermi sembrano piccoli pezzi di filo di cotone bianco.
Gli ossiuri sono difficili da vedere a causa della loro dimensione e del colore bianco.

Esami e test per gli ossiuri
Se una persona sospetta di avere gli ossiuri ma non li vede, si può effettuare il test dello scotch.
È meglio effettuarlo:

  • Di notte durante il caratteristico prurito intenso,
  • La mattina presto prima di andare in bagno a lavarsi.

Attaccare un pezzo di scotch sull’orifizio anale e lasciarlo per una decina di minuti: le femmine e le uova si appiccicano al nastro..
Poi bisogna premere sulla pelle intorno all’ano per raccogliere tutte le uova.
Finito il procedimento di raccolta, bisogna consegnare il nastro a un medico che lo mette sotto un microscopio per cercare le uova di ossiuri.
Il medico può chiedere alla persona di utilizzare diversi pezzi di nastro per aumentare la probabilità di vedere le uova.
Un singolo test è in grado di rilevare gli ossiuri circa nel 50% dei casi; se si ripete il test tre volte, si rileverà il 90% dei casi di infezione.

Le analisi del sangue non sono necessarie per confermare la diagnosi di infezione da ossiuri.

 

Diagnosi differenziale
Il medico deve escludere le seguenti patologie che possono causare prurito anale e macchie bianche nella zona perianale:
1. Candida;
2. Dermatite

 

Qual è la terapia per l’infezione da ossiuri?

Ossiuri o vermi dei bambini
Ossiuri o vermi dei bambini

La cura per gli ossiuri prevede dei farmaci con prescrizione o da banco.
Il medico dovrebbe essere consultato prima di iniziare la terapia se si sospettano gli ossiuri.
Tra i farmaci disponibili, ci sono i seguenti antiparassitari:

1. Vermox® (Mebendazolo);
2. Combantrin ® (Pirantel Pamoato).

Il trattamento prevede due dosi del farmaco in cui la seconda dose si dà dopo 2 settimane dalla prima.
Tutte le superfici e gli oggetti che tocca la persona infetta devono essere trattati allo stesso tempo.
Gli ossiuri recidivi sono un problema frequente, quindi è fondamentale una stretta osservanza delle norme igieniche, ad esempio:

  • Lavarsi le mani correttamente,
  • Mantenere le unghie pulite e corte,
  • Evitare di mordere le unghie,
  • Non graffiare la zona perianale.

 


Rimedi naturali per l’infezione da ossiuri

A parte i farmaci di cui sopra, si possono provare alcuni rimedi casalinghi e una modifica dell’alimentazione per curare gli ossiuri.

  • Si consiglia di mangiare quotidianemente un piccolo spicchio di aglio, meglio se crudo.
    Si può mescolare l’aglio con il miele.
  • Un altro alimento utile è la buccia del limone, anche se non è facile che i bambini accettino di mangiarlo.
  • Dato che gli ossiuri si nutrono di zuccheri e carboidrati, è meglio limitare al massimo questi alimenti nella dieta.
  • È possibile preparare una pasta con uno spicchio di aglio e circa ½ cucchiaino di miele.
    Questa miscela dovrebbe essere applicata alla regione anale perché aiuta ad uccidere le uova e a ridurre il prurito.
  • L’olio di origano è efficace contro gli ossiuri, attenzione alla confezione perché dev’essere scritto che si può ingerire.
  • Cambiare frequentemente le lenzuola e lavarle ad almeno 60 gradi.

I famigliari di una persona infetta dovrebbero effettuare la terapia?
Sì. La persona infetta e tutte le persone che vivono nella stessa casa dovrebbero fare il trattamento contemporaneamente.

 


Dieta e alimentazione contro l’infezione da ossiuri

Le persone che soffrono di infezioni parassitarie ricorrenti (come la candidasi) sanno che i farmaci non risolvono il problema definitivamente, mentre la modifica dell’alimentazione può evitare che l’infezione si ripeta.
Si consiglia di mangiare cibi naturali, evitando:

  • Zucchero, alimenti e bevande zuccherati,
  • Latte, latticini,
  • Carboidrati raffinati come il riso bianco,
  • Dolci cremosi,
  • Pizza,
  • Caffè.

In base alla dieta vegana/crudista, si può mangiare:

  • Frutta,
  • Verdura,
  • Frutta con guscio e semi, in particolare i semi di zucca che hanno un effetto vermicida.
  • Patate,
  • Legumi, possibilmente freschi.

 

Prevenzione degli ossiuri

  • Lavarsi tutte le mattine e il cambio giornaliero della biancheria intima aiuta a rimuovere gran parte delle uova.
  • La doccia può essere preferita per evitare la possibile contaminazione dell’acqua del bagno.
  • Bisogna cambiare frequentemente la biancheria intima, l’abbigliamento notturno, gli asciugamani e le lenzuola.
    Questi tessuti dovrebbero essere lavati in acqua calda, specialmente dopo ogni trattamento della persona infetta finché non si elimina l’infezione.
  • Cuocere bene la carne e il pesce.
  • La verdura deve rimanere in ammollo in una bacinella con acqua e bicarbonato di sodio per 5 minuti.

 

Quanto durano gli ossiuri (Prognosi)

È possibile sconfiggere l’infezione da ossiuri con i farmaci e una corretta igiene.
Gli ossiuri possono passare da soli seguendo attentamente le norme igieniche.
Tuttavia, poiché le uova di ossiuri sono invisibili ad occhio nudo e sono altamente contagiose, è probabile una reinfezione.
Una persona si può infettare:

  • Da sola,
  • Con le uova di un’altra persona.

Se si verificano diverse infezioni ricorrenti dopo il trattamento della famiglia, gli individui e i luoghi all’esterno della propria casa possono essere la fonte primaria delle uova di ossiuri.

I farmaci uccidono i vermi, ma le uova rimangono, quando queste si schiudono nascono nuovi vermi.
Non tutte le uova si schiudono nello stesso momento, quindi è importante completare le cure.
Il tempo di guarigione totale può essere di due settimane.
Nel frattempo è importante il lavaggio della biancheria almeno una volta al giorno e di tutte le superifci che possono entrare in contatto con le uova degli ossiuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code