Dieta per le emorroidi – alimenti consigliati e da evitare

INDICE

La dieta consigliata a chi soffre di emorroidi è ricca di carboidrati complessi e fibra dietetica, in particolare di fibra insolubile.

Il principale problema della dieta si presenta quando ci sono diverse malattie che prevedono due tipi di alimentazione diversa.

Per esempio il diabete prevede una dieta con pochi zuccheri, la steatosi epatica si cura con un’alimentazione povera di grassi, mentre per la colite servono cibi con molta fibra.


Oltre alle fibre alimentari, gli alimenti ricchi di zinco, Vitamina C, antociani e flavonoidi, tra cui la quercetina, possono essere utili per la gestione delle emorroidi. Mangiare mele può migliorare le emorroidi perché alcuni studi recenti dimostrano che essi contengono la rutina, un tipo di flavonoide che tradizionalmente è stato utilizzato contro le emorroidi.

Cosa mangiare per le emorroidi infiammate e perché?

Antociani
Gli antociani o antocianine possono essere utili a chi soffre di emorroidi perché possono rafforzare le vene riducendo la permeabilità.
Le principali fonti alimentari di antocianine: ciliegie, mirtilli, cavolo, ravanelli, uva, lamponi, melograni, rabarbaro e fragole.

Mirtilli
I mirtilli sono uno dei cibi più salutari di tutti i tempi, e sono una manna per chi soffre di emorroidi. A causa della loro elevata concentrazione di antocianine, i mirtilli aiutano riparare le proteine danneggiate nelle pareti dei vasi sanguigni e promuovono la salute generale del sistema vascolare.
I mirtilli sono una buona fonte di fibre insolubili e solubili come la pectina. Inoltre, rispetto ad altri frutti di bosco, i mirtilli (soprattutto i mirtilli selvatici) sono una buona fonte di vitamina E.

Carboidrati complessi
Gli studi dimostrano che le emorroidi sono molto rare nelle aree del mondo in cui si mangiano molti carboidrati complessi, fibre e prodotti non raffinati.
Principali fonti alimentari di carboidrati complessi: Broccoli, patate, zucca, more, pasta, grano, riso integrale, castagne.

dieta,per,emorroidi,sanguinamento,stitichezza,stipsi
©-vgstudio-Fotolia.com

 

Quercetina
La quercetina può essere utile per chi soffre di emorroidi perché come i flavonoidi può rafforzare la struttura delle piccole vene e i capillari, diminuendo la loro permeabilità e fragilità.
Le principali fonti alimentari di quercetina: cavolo, pompelmo, mele, mirtilli, pere, uva, spinaci, cipolle, aglio.

Vitamina C
Gli alimenti ricchi di vitamina C sono utili per chi soffre di emorroidi perché la vitamina C può restringere le vene.
La vitamina C favorisce il processo di guarigione.
Le principali fonti alimentari di vitamina C sono: cavolo, arance, fragole, patate, mandarini peperoni, Kiwi.

Zinco
Lo zinco aiuta in caso di emorroidi perché può accelerare il processo di guarigione ed è utile per la guarigione delle ferite.
Le principali fonti alimentari di zinco sono: orzo, pollo, granchi, ostriche, agnello, manzo, grano e tacchino.

Gravidanza
Modificare la dieta e lo stile di vita sono rimedi naturali che si possono seguire anche in gravidanza.
Così si aiuta a disinfiammare le emorroidi sanguinanti e dolorose.
Bere tanta acqua aiuta il funzionamento dell’intestino.
La frutta e la verdura succosa aiutano molto.
L’acquisto di una centrifuga o un frullatore può ripagare l’investimento con un miglioramento della salute.
La fibra è la cosa più importante.
Un sacco di alimenti sono ricchi di fibre come uva passa, albicocche, arance, mele, lattuga, mais, cavoli e melanzane.

Fibra
Le fonti di cibo ad alto contenuto di fibra sono: grano intero, segale intera, avena, farina d’avena non trasformata, riso integrale, legumi, fagioli, cavolini di Bruxelles, carote, mais, cavoli, fagiolini, lattuga, melanzane, mele, albicocche, fichi, uvetta, arance e prugne.
Evitare gli alimenti trasformati, raffinati, i cibi grassi e oleosi e i carboidrati raffinati sotto forma di alimenti zuccherati perché non contengono fibra e neanche le altre sostanze nutrienti vitali necessarie per la salute.

 

Le diete più efficaci

Ci sono tante diete possibili, qui confrontiamo la dieta consigliata dai medici con 2 tipi di alimentazione naturale che hanno ottimi risultati in base alle testimonianze di tanti pazienti, senza prendere farmaci o effettuare interventi chirurgici.
In base alla medicina convenzionale, il nemico da combattere in caso di emorroidi e ragadi anali è la stitichezza.

Sono consigliati:

  • Avena (contiene fibre)
  • Castagne
  • Patate
  • Yogurt
  • Frutta e verdura in generale.

Secondo la medicina convenzionale, tra gli alimenti da evitare ci sono:

  • Alcolici
  • Caffè, tè e cioccolato
  • Bibite zuccherate e gassate
  • Formaggi
  • Salumi
  • Cibi piccanti e peperoncino
  • Alimenti grassi e fritti
  • Aceto e limone,
  • Noci e mandorle (non oltre 3 al giorno)
  • Crostacei.

Purtroppo molte persone non risolvono il problema e provano ad assumere dei farmaci.
Dato che spesso le medicine non riducono l’infiammazione delle emorroidi, il medico consiglia l’intervento chirurgico.

 

 

La dieta del gruppo sanguigno del Dr. Mozzi/D’Adamo studia la reazione del sistema immunitario in base agli alimenti che si mangiano.
Per le emorroidi, è stato scoperto che i cereali sono i principali responsabili.
Per risolvere il problema bisognerebbe sostituire tutti i cereali con:

  • Legumi,
  • Pesce (in particolare il merluzzo che è tollerato da tutti),
  • Verdure.

Naturalmente, sono da evitare anche:

  • Alcolici,
  • Dolci,
  • Fritti,
  • Salumi e la carne di maiale in generale.

Una persona di un gruppo sanguigno può mangiare alcuni alimenti, ma deve evitare altri cibi che possono causare una reazione del sistema immunitario.
I creatori e sviluppatori di questa dieta criticano la medicina convenzionale perché non indaga la causa delle malattie, però prescrive dei farmaci e interventi chirurgici contro i sintomi.
Per esempio una persona di gruppo A non può mangiare la carne rossa, ma tollera la frutta, viceversa gli individui di gruppo 0.

Secondo la dieta del gruppo sanguigno la causa non è la stitichezza, molte persone sono riuscite a risolvere il problema con questo tipo di dieta ed evitano l’intervento chirurgico anche senza prendere farmaci.

 

Dieta Vegana/crudista
L’igienismo
e la medicina naturale si basano su un alimentazione semplice e con alimenti possibilimente crudi.
In base alla dieta consigliata per le emorroidi, gli alimenti colpevoli sono i farinacei.
In questo caso è d’accordo con la dieta del gruppo sanguigno.
Nella maggior parte dei casi l’esclusione dei cereali è sufficiente per risolvere il problema.

La dieta degli igienisti è di tipo vegano/crudista, quindi consiglia di sostituire i farinacei con:

  • Legumi freschi,
  • Frutta,
  • Verdura,
  • Noci,
  • Semi,
  • Patate.

Meglio evitare la cottura oppure bollire, evitare: la cottura ad alte temperature:

  • Nel forno,
  • Nel microonde,
  • La frittura.

La dieta vegana ha permesso a molti pazienti di guarire o migliorare i valori delle analisi del sangue (glicemia, colesterolo, ormoni tiroidei, ecc.), la pressione e altri sintomi.
Spesso, le persone che modificano la dieta e smettono di mangiare alimenti “nocivi” come il latte e i latticini hanno dei sintomi nuovi come:

Si tratta di sintomi da “astinenza” normali, le persone che smettono di fumare sanno che per alcune settimane compare la tosse, finché non si eliminano le tossine.
Oltre alla dieta, è fondamentale vivere all’aria aperta più possibile, anche quando c’è freddo o piove e svolgere attività fisica regolare.
Non serve bere molto perché la frutta contiene molto liquido, mezzo litro d’acqua al giorno è sufficiente.

 

Alimenti specifici anti emorroidi

Dieta per le emorroidi - alimenti consigliati e da evitare
Dieta per le emorroidi – alimenti consigliati e da evitare

I succhi dei frutti di bosco come mirtilli e more, oltre alle ciliegie sono ottimi per le emorroidi.
Contengono delle sostanze chiamate proantocianidine e antocianine che riducono il gonfiore e il dolore da emorroidi oltre a rafforzare le vene delle emorroidi.
Si dovrebbe bere almeno un bicchiere di succo di frutta al giorno.

Centrifugati
Una mia paziente ha trovato un grande beneficio centrifugando le verdure.
A lei non piace il sapore delle verdure, ma da quando ha iniziato a utilizzare la centrifuga riesce a mangiarle quotidianamente.

Le bacche di ribes nero e rosso sono molto utili per le emorroidi anche nel post-operatorio.

Il ribes contiene molti minerali, rutina e vitamina c.
Il succo è estremamente importante per curare le emorroidi.

Questo succo contiene una piccola quantità di acido grasso GLA e produce una prostaglandina che controlla il dolore nel corpo.
Bere un paio di bicchieri di bacche di succo di ribes nero o rosso al giorno.

Mangiare cibi ricchi di ferro.
Ci sono alcuni cibi ad alto contenuto di ferro che è una parte fondamentale del sangue.
È molto raro, ma in caso di emorragia importante le riserve di ferro calano e può servire un integratore.
Gli alimenti come il fegato di pollo, prugne secche, anacardi, uvetta, e tonno sono ottimi.
I meloni di tipo cantalupo sono ottimi per le emorroidi perché hanno tantissima fibra e prevengono le feci dure.
Il melone cantalupo è anche un frutto molto buono.
È possibile migliorare passando ad una dieta a base di cibi crudi.
La frutta e la verdura fresca sono il modo migliore per iniziare, per esempio sono ottimi il melone, broccoli, pomodori ecc.

Ci sono altri alimenti che possono ridurre il sanguinamento delle emorroidi.
Tra questi ci sono:

  • Fagioli,
  • Semi di lino,
  • Melassa,
  • Verdure a foglia verde
  • Erba medica alfalfa (o Medicago sativa).

Bisogna avere un evacuazione fluida e regolare senza star seduti al gabinetto a spingere per aver esagerato a sgranocchiare ciambelle e pizza o a bere caffè.

In aggiunta, cipolla, zenzero e aglio sono buoni, anche se sono considerati condimenti.
Aggiungerli nella vostra dieta.
Essi aiutano la degradazione ed eliminazione della fibrina.
La fibrina è una sostanza che aiuta la riparazione dei tessuti.
Tuttavia, ci sono momenti in cui il corpo potrebbe avere un deposito eccessivo di fibrina che provoca l’infiammazione nelle arterie intorno alla zona dove sono le emorroidi.

Cibi da evitare per le emorroidi interne ed esterne.

Le emorroidi sono una malattia frequente che colpisce circa il 75% delle persone. I sintomi sono prurito, gonfiori e sangue nelle feci.
Qui ci sono gli errori fondamentali di chi soffre di emorroidi nella dieta quotidiana.

1. Consumo di caffeina e prodotti derivati.
La caffeina non si trova solo nel tè e nel caffè, ma anche

  • In alcune bevande analcoliche,
  • Cioccolata
  • Bevande energetiche.

L’eccessivo consumo di caffeina può avere effetti negativi sul corpo.
La caffeina dovrebbe essere evitata perché causa disidratazione.
C’è una maggior perdita d’acqua, la zona del colon si secca e provoca l’indurimento delle feci. Pertanto, quando si evacua, la stipsi è inevitabile e questo causa una maggior infiammazione e irritazione delle emorroidi.

2. Consumo di alcol
L’astensione dall’alcool è un modo efficace per curare le emorroidi, dato che può peggiorare i sintomi.
Proprio come la caffeina, il consumo eccessivo può causare disidratazione e indurimento delle feci per la perdita di acqua che si verifica durante la minzione.
Questo provoca irritazione e infiammazione delle emorroidi a causa della stipsi.
Inoltre, troppo alcool può causare la cirrosi del fegato che provoca la dilatazione dei vasi sanguigni nel retto.

3. Mangiare gli alimenti che provocano allergie
Ci sono alcuni alimenti che possono causare reazioni allergiche. Le allergie o intolleranze alimentari possono avere conseguenze negative. Le reazioni allergiche possono peggiorare i sintomi di infiammazione e irritazione delle emorroidi e il processo di guarigione non avviene correttamente. I latticini, il pesce e il grano sono alcuni alimenti che possono provocare allergie.

4. Evitare cibi speziati, piccanti, affumicati, fritti, aceto, nutella e miele.
Ridurri i dolci al minimo, meglio una sana crostata con la marmellata fatta in casa senza aggiunta di zuccheri.
Le persone che seguono una dieta vegetariana e vegana dovrebbero stare attenti a non mangiare troppa frutta secca, funghi e semi perché possono provocare l’infiammazione delle emorroidi.

Esempi di dieta per le emorroidi

Quale dieta è adatta per chi soffre di emorroidi?
Chi soffre di emorroidi e ragadi anali può seguire un menù campione come indicato qui sotto:

Per la prima colazione si può mangiare un frutto di stagione, 20/30gr di mandorle, 100gr di ceci o lenticchie, 2 cucchiai di uvetta, mezzo pompelmo, una tazza di tè verde, una limonata o un infuso di zenzero.

Per metà mattina lo spuntino può essere composto da un frutto di stagione e mezza tazza di succo d’arancia.

Il pranzo può prevedere una tazza di zuppa di verdure, un panino di quinoa, lattuga, ½ tazza di fagioli al forno, una mela di medie dimensioni.

Per cena si può mangiare un’insalata, 2 etti di patate con le verdure e i semi di sesamo, broccoli, 20/30gr di arachidi e una tisana al finocchio o una camomilla

.

    Articoli utili correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code