Utero retroverso

INDICE


L’utero retroverso (o retroflesso o retroversoflesso) è una variante della normale anatomia pelvica femminile, in cui il corpo dell’utero è girato verso l’indietro piuttosto che in avanti.

Può essere un po’ spostato verso destra o verso sinistra.

Cenni di Anatomia dell’utero e della vagina

Utero retroverso
Utero retroverso

La vagina non è posizionata verticalmente all’interno del bacino, ma è inclinata verso la parte bassa della schiena.

Nella maggior parte delle donne, l’utero è rivolto in avanti così si trova sopra la vescica, con la parte superiore (fundus) verso la parete addominale. Un’altra variazione normale che si trova in alcune donne è l’utero in posizione verticale, dove il fundus è sopra alla vagina in linea retta.
Circa un quarto delle donne ha un utero in retroflessione. Questo significa che l’utero è rivolto all’indietro, quindi il fundus è rivolto verso il retto. Mentre una retroflessione dell’utero non causa problemi nella maggior parte dei casi, alcune donne sentono diversi sintomi tra cui il dolore durante i rapporti sessuali.

Varianti nella forma dell’utero

Utero setto
Questo si verifica quando si forma una parete muscolare o fibrosa che divide in due parti l’utero.
Il setto può dividere solo una parte dell’utero (utero setto parziale) o può raggiungere il collo dell’utero (utero setto completo).

Utero bicorne
Invece di essere a forma di pera, questo tipo di utero sembra più un cuore, con una profonda rientranza nella parte superiore.
Si chiama un utero con due corna a causa della sua forma.

Quali altri termini si usano per descrivere un utero retroverso?

Ci sono molti modi alternativi di fare riferimento alla retroversione dell’utero.
I sinonimi che può utilizzare il medico per indicare questa malformazione sono:

  • Utero retroflesso,
  • Utero inclinato,
  • Retroflessione dell’utero,
  • Retroversione uterina,
  • Utero retroversoflesso.


Che cosa provoca un utero retroverso?

L’utero retroverso si può verificare per diversi motivi, tra cui:

A livello genetico, quando una femmina nasce l’utero può essere già rivolto indietro.

Tra le cause di utero retroverso acquisito ci sono:

  • Il parto può causare la retroflessione dell’utero.
  • Se i legamenti che tengono l’utero in posizione perdono la loro tensione durante la gravidanza, l’utero può diventare retroverso.

Nella maggior parte dei casi, l’utero ritorna nella posizione normale dopo il parto soprattutto se è lievemente in retroversione.

Le aderenze da cicatrici sono causate dall’endometriosi o da fibromi e possono anche portare l’utero in retroversione.
A volte si inseriscono alcuni dispositivi simili a delle pellicole tra gli organi e si pratica l’incisione chirurgica per prevenire la formazione di aderenze dopo l’intervento.


Gravidanza
Durante la gravidanza, l’utero si ingrossa e i legamenti che tengono l’utero in posizione si indeboliscono. Di conseguenza, molte donne notano che il loro utero diventa retroflesso dopo il parto.


Problemi di salute dell’apparato riproduttivo
Alcuni disturbi ginecologici, come la malattia infiammatoria pelvica e l’endometriosi possono causare la retroversione dell’utero. Questo avviene perché le malattie possono portare alla formazione di tessuto cicatriziale all’interno dell’addome, spingendo l’utero fuori dalla sua normale posizione.

I segni e i sintomi di una retroflessione uterina o di un utero retroflesso possono essere questi:

  • Dolori mestruali e dolore durante i rapporti sessuali
  • Mal di schiena prima e durante le mestruazioni
  • Feci sottili o stitichezza subito prima o durante la fase mestruale (l’utero può raddoppiare di dimensioni appena prima e durante le mestruazioni da 120 grammi fino a 300 grammi. Questo significa che si scarica molto più peso sull’intestino retto.
  • Odore disgustoso delle mestruazioni (le tossine dal retto possono penetrare nell’utero.
  • Non ci sono evidenze che l’utero retroverso causi infertilità, ma potrebbe essere più difficile rimanere incinta.
  • Cisti ovariche perché i follicoli ovarici non riescono a scoppiare e liberare l’uovo da fecondare
  • Dolore alle ovaie durante l’ovulazione.

Se una donna con una retroflessione dell’utero rimane incinta può soffrire di mal di schiena e stitichezza finché le aderenze che tengono l’utero retroverso si rompono sotto il crescente peso dell’utero.
Di solito questo accade dopo circa cinque mesi di gravidanza. La donna può avere mal di schiena in questo momento e può sentire lo spostamento dell’utero in avanti quando si rompono le aderenze.
Questo fenomeno è diverso per ogni donna a seconda di quanto tempo l’utero è stato inclinato indietro e della gravità, infatti se è leggermente retroverso i sintomi sono più lievi.
A proposito, l’utero si sposta naturalmente avanti e indietro leggermente come la vescica e il retto, ma quando l’utero rimane bloccato in una posizione influenza i vasi sanguigni circostanti e gli organi (vescica e retto), nonché la salute dell’utero e delle ovaie.
La Retroversione/retroflessinoe può rendere difficile lo scoppio per il follicolo attraverso la parete ovarica con conseguente formazione di una cisti ovarica.
Per quanto riguarda il dolore durante l’ovulazione, le ovaie possono raddoppiare le dimensioni durante l’ovulazione e si avvicinano molto al muscolo psoas.
Questo fenomeno avviene soprattutto quando l’utero è capovolto indietro e lo psoas è già retratto, questo può influenzare il nervo genitofemorale causando dolore nella parte anteriore della coscia fino al ginocchio.

Come influenza i rapporti sessuali e la fertilità un utero retroverso?

Utero retroverso,foto,anatomia,utero,normale,retroversoL’utero retroverso non è una malattia ma la torsione di un organo e non causa l’infertilità di una donna; può causare problemi quando si tenta di rimanere incinta naturalmente o con la fecondazione in vitro.

L’utero retroverso non causa un aborto.
Per il concepimento naturale il problema di fertilità potrebbe avvenire perché la donna sente troppo dolore durante il rapporto sessuale.
La fecondazione in vitro può essere difficile quando il medico va a inserire gli embrioni.
Si può avere un bambino anche con l’utero retroverso, inoltre non c’è un legame tra la posizione dell’utero e il parto podalico.
Alcune persone pensano che se l’utero è retroverso bisogna fare il cesareo, in realtà si può fare tranquillamente il parto naturale.

Utero retroverso e rapporti sessuali

Una donna con un utero retroverso può avere problemi nella sua vita quotidiana.
Per la donna è importante la visita ginecologica per capire come gestire l’utero retroverso e cosa si può fare fisicamente o chirurgicamente per alleviare questo problema.
Una delle principali lamentele è il dolore durante i rapporti sessuali.
Il Pessario è un inserto di silicone che serve per posizionare l’utero verso avanti, ma aumenta il rischio di infezioni e infiammazioni, oltre ad un maggior dolore durante i rapporti intimi.
È importante che la donna parli con il ginecologo delle eventuali opzioni a disposizione in caso di utero retroverso.

Utero retroverso,posizione,anatomiaCome si vede l’utero retroverso?

Qui sotto sono elencati i segni e i test.
Un esame pelvico rivela la posizione dell’utero, però un utero retroverso a volte può essere scambiato per una massa pelvica o un fibroma allargato.
Si può effettuare un esame retto-vaginale per distinguere tra una massa e la retroflessione dell’utero.
L’ecografia dell’utero transvaginale può essere fatta per determinare l’esatta posizione dell’utero, se necessario.

La cura per l’utero retroverso

Se un utero in retroflessione provoca dei disturbi, le possibilità sono:

Curare la causa
Il trattamento della patologia sottostante, per esempio la terapia ormonale per l’endometriosi.

Esercizi
Se il movimento dell’utero non è ostacolato dall’endometriosi o da fibromi e se il medico può riposizionare manualmente l’utero durante l’esame pelvico, gli esercizi possono essere utili.
Tuttavia i medici non sono tutti d’accordo sull’utilità degli esercizi pelvici come trattamento a lungo termine.
In molti casi l’utero si può spostare ancora indietro.

Terapia manuale e osteopatia
Dato che l’utero retroverso può essere provocato da aderenze nella parte posteriore dell’utero, si può agire manualmente per sciogliere alcune aderenze e spingere l’utero in posizione anteriore.
L’osteopata dovrebbe lavorare a livello addominale o dall’interno della vagina, quindi è più adatta una femmina.

Pessario
Un dispositivo di plastica o silicone piccolo può essere posizionato temporaneamente o in maniera permanente per aiutare l’utero a rimanere rivolto in avanti. Tuttavia, il pessario è stato associato ad un aumento del rischio di infezioni e infiammazioni.


Un altro svantaggio è che i rapporti sessuali fanno male alla donna e il pessario può causare disagio anche al compagno.


Chirurgia per risolvere l’utero retroverso
Utilizzando le tecniche di chirurgia laparoscopica meno invasive, l’utero può essere riposizionato sopra la vescica. Quest’operazione è relativamente semplice e di solito riesce bene.